Erotici Racconti

Che bella sorpresa al mio cornuto

Scritto da , il 2018-06-13, genere tradimenti

GUARDA IL VIDEO CORNUTO. TU A CASA E IO IN MOTEL!


VENTINOVE.
In quel periodo ero particolarmente affamata di sesso. Non che gli altri fossero tanto da meno ma in quello raggiunsi l’apice. Oltretutto non lavoravo e si può immaginare che voglia di cazzo tenessi. Ero spesso sui siti porci (ancora oggi siamo iscritti a tre) a visionare possibili incontri. Talvolta riguardavo le ore e ore di filmati e le migliaia di foto scattate da Riccardo.
Quando andavo da sola in motel mi auto filmavo appoggiando la videocamera sul comò. Come con “Intrigante”. La accesi immediatamente appena entrata in camera. Praticamente dopo qualche minuto che lo vedevo per la prima volta.
Quel video è significativo perché la videocamera si spegne sul più bello!
Devo chiarire che la nostra ha solo una ventina di minuti di autonomia. In quella circostanza si vede tutto. Dai baci iniziali, allo spogliarsi, all’iniziare a scopare alla telefonata di Riccardo proprio un istante dopo che mi ero messa alla pecorina e il porco mi stava inculando.
Come di consueto il porco di turno si eccita all’idea che Riccardo ci stia ascoltando.
Oltretutto “Intrigante” mi piaceva particolarmente tanto che con lui ci fu un seguito. Per farla breve aveva intuito che bramavo per scopare come animali e lui (volutamente!) esitava nel darmelo. Ad esempio si attardava nel mettersi il profilattico oppure mi fissava chiedendomi se volessi il suo cazzo. Io stavo impazzendo dalla voglia e lo inviato a scoparmi.
Esplicitamente e ad alta voce lo invitavo. Anzi più che un invito era una supplica: ripetevo scopami scopami scopami e lui che fingeva di non capire. Come? Come? E scopami ripetevo io e scopami che ho la figa gonfia. Finché non mi venne sopra e mi infilò il cazzo. Io cacciai un urlo di godimento che penso si sarà sentito in tutto il motel. Poco dopo la videocamera si spense e Riccardo (appena vide il video) rimase con un palmo di naso. Dovetti spiegargli io tutto il resto.
Uno dei giorni successivi andai a casa di Steve mentre il cornuto rimase a casa nostra. Decisi allora (per evitare gli inconvenienti di cui ho parlato prima) di accendere la videocamera solo dopo i preliminari. Steve ha una tecnica particolare ne farmi godere.
Immancabilmente con lui inizio andando a cavallo. Ma non mi permette di muovermi. Mi attira a se viso con viso ed è lui a prendere iniziativa spingendo il suo cazzone nella mia figa vogliosa.
Seppur io sia a cavallo è lui a muoversi. E certe volte per farlo meglio appoggia i piedi fuori dal letto.
Io impazzisco dal piacere! In quel video dopo cinquanta secondi dall’ accensione ho il primo orgasmo mentre il porco con voce suadente (come se fosse un maestro con alunno) mi dice dai brava puttana godi tutta godi tutta troia. Solo dopo la prima venuta mi lascia libera di cavalcare e di godere ancora.
Lo conosco troppo bene per non capire quando arriva il suo momento. La sua giusta ricompensa cioè quando mi vuole inculare! Anche qui lo fa in modo particolare. Lo infila piano e me lo fa gustare stando fermo qualche istante. Poi prende il suo ritmo da toro da monta e non lo ferma più nessuno.
Se dovessi parlare dei video potrei scrivere un romanzo solo su questi. Ma in quel periodo pensavo che dovevo rendere pan per focaccia a Riccardo. Dovevo ricambiare in qualche modo alle sue sorprese.
Riflettei sul fatto che il cornuto (almeno fino a quel momento) era sempre stato consapevole di dove fossi.. Che fosse presente o meno. Sia che lui fosse al bar o a lavoro o a casa sapeva perfettamente dove fossi io. Ne era quindi preparato. Anche nel periodo che andai da sola al privè lo era in un certo senso. Certo non era a conoscenza se in quel momento stessi scopando o meno ma per appurarlo era sufficiente fare una telefonata.
E se avessi organizzato io a sua insaputa un incontro? E lo avessi chiamato senza preavviso? Magari documentato con un bel video. In aggiunta non gli avrei detto con chi ero. Almeno finché non lo avesse visto con i suoi occhi una volta giunto a casa.
Farò così, mi dissi!
Lo chiamo mentre godo e lui sente e non capirà con chi sono. Una vera sorpresa!
Pensai che non potevo certo arrischiare con degli sconosciuti. Inoltre avrei fatto il tutto a casa nostra. Nel nostro letto con tutto il tempo a disposizione.
Un lampo: mi venne una grande idea su chi poteva essere il primo porco!
Vedrai caro cornutone di cosa sono capace!




TRENTA..
Non posso pretendere che vi ricordiate i precedenti. Allora vi do un’ indicazione: capitolo SEDICI.
Mi ricollego a quella gang a casa di Steve dove diedi il meglio di me come troia e misi in imbarazzo Riccardo quando mi vide limonare (inoltre dopo aver finito ) con GianRiccardo alias “Amicodicoppia”.
Mi piaceva quel maschio. Tutto mi piaceva. Il suo odore, il suo cazzo perfetto per la mia bocca, la mia figa e il mio culo. Un superdotato non esageratamente superdotato. A mio avviso è inutile avere un cazzo difficile da gestire e che non mi sta nemmeno in bocca. Il suo invece me la riempiva il giusto.
Non molto alto ma palestrato e con un bel viso.
Insomma non lo avevo mai dimenticato. Lui di tanto in tanto si era proposto ma mi ero accorta che il cornuto con qualche scusa glissava. Era evidente ai miei occhi che non voleva che lo incontrassi.
Avevo avuto pure il dubbio che avesse cancellato qualche suo messaggio di disponibilità a riscoparmi. Insomma faceva di tutto per evitare che me lo gustassi.
E ora che occasione! Vedrai che corna ti spunteranno in testa!
Non è facile descrivere un video. Dirò solo che io ho il viso sempre rivolto verso la telecamera pur essendo messa di fianco. La distanza è perfetta per una visione eccellente. Inoltre in questo modo la voce risulta chiara e limpida.
Nel video avviene quasi tutto alla pecorina. Pochi istanti di figa e immediatamente dopo in culo. E’ pazzesco come mi prende facendomi vibrare i capelli in aria.
Un animale. Un vero porco, come piace a me!
Ma sono le parole a rendere unica questa ripresa. Le parole insieme al mio viso che dice tutto della mia vaccaggine!
Il porco mi insulta chiaramente scandendo bene il sei una troia sei una puttana ti piace il mio cazzo vero?! Ma il bello è che io rispondo rilanciando alla grande con dei tutto nel culo si tutto nel culo. Oppure come mi piace il cazzo in culo anzi mi piace dappertutto. E poi la mia chicca.
Senza essere sollecitata dico: non ricordo più il sapore della tua sborra!!!
Quando viene il momento della sua prima sborrata il porco è fuori campo e non si vede. Ma si sente la sua voce che dice guarda che bel cazzo che c’è ora tutto per te. E io cosa faccio? Mi passo la lingua tra le labbra come una bambina golosa di gelato e ci aggiungo un bel mmmmmm !!!
Inoltre l’unico istante in cui lui si apparta per cambiarsi il profilattico io mi tengo calda la figa masturbandomi, davanti a lui che commenta con un dai masturbati. Ti sei masturbata tre volte prima che io arrivassi!
Che porco! Che necessità aveva di dirlo se non (sapendo che era ripreso) nel farlo sapere al cornuto?
Ora parto dall’inizio. Io contatto GianLuca e gli dico il mio piano. Scopare a casa mia all’insaputa di Riccardo. Lo avremmo chiamato durante la monta nel fargli sentire come godevo. Insomma gli spiegai i dettagli. Lui accettò con entusiasmo. Era libero solo di pomeriggio e non era mai stato a casa nostra quindi (per evitare di entrare con lui) lo indirizzai telefonicamente.
Ero talmente eccitata che mi masturbai tre volte poco prima del suo arrivo.
E appena fummo in camera glielo dissi. Pensate con che orgoglio il toro mi aveva tutta per se!
Mi disse infatti ora sei la mia puttana! E volevo esserlo!
Quando chiamai Riccardo (senza preavviso) lui aveva vicino un suo collega e ignaro mi rispose ciao amore!
Ciao amore un beato cazzo! Io stavo godendo e urlavo dal piacere. Lui non poté richiamarmi subito e quando lo fece ero ancora impegnata a scopare. Finalmente ci sentimmo dopo la partenza di GianLuca cioè a fine pomeriggio.
Dissi a Riccardo che avrebbe scoperto con chi ero solo una volta giunto a casa e visionato il video.
Dovevate vedere l’espressione che aveva quando lo vide e riconobbe il porco.
Avevo intenzione di battere il ferro finché era caldo.
Dopo pochi giorni richiamai il cornutone ripetendo il medesimo copione.
Stavolta con “Uomosuper”. Lo avevo già provato in motel e anche lui era un toro da cinque stelle. Non faceva mai la seconda scopata anche perché la prima poteva durare anche un ora senza interruzioni.
E’ un porco vario. Fa di tutto e lo fa bene. Il sessantanove , la mano in figa, da sopra, di fianc, si fa cavalcare e non disdegna l’inculata finale.
Ma è anche molto cerebrale. Considera realmente Riccardo un gran cornuto.
Raramente ho visto un porco imbestialirsi al momento in cui si accorge cheil re dei cornuti è al telefono.
Nel video è memorabile il momento in cui mi si sente dire: dai che glielo facciamo sentire!
E poi il porco che urla a pochi centimetri dal telefono : senti come gode la tua donna, come le piace il mio cazzo
Ma non mi accontentai di due sorprese.
Ne feci una terza.
Ricordate quando mia madre si assentò qualche giorno (capitolo DICIASSETTE) e incontrai tre porci diversi in tre sere?
Sto parlando del terzo. Quello che aveva un viso da Charlie Brow.
Mi era rimasto impresso sia il suo cazzo, sia come inculava.
E quel giorno avevo una particolare voglia di prenderlo in culo.
Organizzai anche con lui. Il cornuto mi disse che durante tutta la telefonata si chiuse in uno sgabuzzino e non resistette dal masturbarsi, da quanto urlavo dal piacere.
In quel video non si contano i siiii che ho detto: a centinaia.
Venendo ripresa solo di spalle il telefonino si intravede a mala pena ma un occhio attento non può non notarlo.
Io sono sul bordo del letto e il porco è in piedi. Il tempo di schiaffarmelo in culo e di sentire il mio ooooohhhh e il maiale inizia. Non è il classico toro tutta foga con colpi decisi per poi rallentare.
No. Questo ha un suo ritmo. Un metronomo. Risultato:centinaia di colpi in culo!
Io impazzisco dal piacere. Non ho nemmeno necessità di toccarmi la figa per godere. E non mi capita spesso.
Dopo circa trecento colpi lui rallenta leggermente e io con un spingiiii lo invito a riprendere.
Poi gli do soddisfazione dicendo era tanto che non lo prendevo in culo! Lui non capisce e me lo fa ripetere e io lo ripeto: era tanto che non lo prendevo in culo!
In realtà era solo pochi giorni ma intendevo dire era tanto che non lo prendevo i culo in questo modo molto piacevole!
Alla terza sorpresa mi resi conto che correvo troppi rischi nell’ospitare maschi nei pomeriggi con Riccardo assente.
Sospesi le sorprese ma stavolta fu Riccardo a farmene un’ultima.
E devo dire che non me l’aspettavo. Fu molto bravo.
Per chi è stato veramente intrigato dai miei racconti. Ogni racconto ha il suo corrispettivo in foto e video.
Le foto e i video sono indicati con lo stesso numero del racconto. Esempio al racconto numero SEI del racconto corrisponde la foto del video in questione. Se vi ha intrigato questo racconto avete l’occasione di vedermi e di verificare con i propri occhi quanto sono zoccola. Certo non è per tutti ma solo per chi mi dimostra vero interesse. Gli altri alla larga!!!
Mail: fantasticzoccola@virgilio.it.


Questo racconto di è stato letto 4 5 0 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.