Erotici Racconti

Mi sono fatta pagare per godere

Scritto da , il 2018-06-12, genere tradimenti

VENTICINQUE.

Nell’incontrare parecchi porci e troie conobbi anche Carmen. Io all’epoca ero senza lavoro quindi avevo parecchio tempo libero. Carmen era simpatica e fraternizzammo subito. Aveva da poco rilevato un club privè a Milano e doveva risollevarne le sorti. Mi chiese se potevo aiutarla. Io le dissi che secondo me è un ambiente dove i veri tori si contano sulle dita di una mano. Troppi sfigati e tanti vecchi per farmi venire voglia di frequentarlo. Lei rilanciò chiarendo che si sarebbe accontentata della mia presenza. Se qualcuno mi piaceva mi appartavo, viceversa non avevo obblighi.
Due pomeriggi alla settimana. Mi portai il cambio in quanto non potevo certo uscire avvinghiata da troia e andai per un paio di mesi. Il cornuto era a lavoro. Se mi chiamava e rispondevo era inteso che non ero impegnata ma se la telefonata andava a vuoto significava che ero in monta!
Uno dei bodyguard mi tampinava e dopo qualche tentativo riuscì pure lui nell’intento.
Ma il clou lo raggiungemmo durante due gang. La principale attrazione doveva essere una pornostar dell’est appositamente pagata. Ci conoscemmo e mi chiese se avrei voluto aggregarmi. La cosa mi eccitava. Inoltre essendo entrambe bisex mi intrigava ancora di più.. Carmen mi disse che se avessi accettato mi avrebbe pagato .
Le feci entrambe!
Dopo un paio di mesi Carmen mollò il colpo e quindi sospesi.
Per tutto quel periodo, per le mie amiche e per i miei parenti, io andai a fare la baby sitter.
Dovetti stare attenta a non farmi sgamare quando mi chiesero dettagli su quel bambino!





VENTISEI.
Inevitabilmente ora nell’ambiente ero molto conosciuta e come tutti gli ambienti non è certo meno pettegolo di altri. Durante le pause l’argomento sesso aveva sempre la meglio e io e Riccardo notammo che certi nomi dello spettacolo ricorrevano con troppa frequenza per non essere veri.
In una circostanza Riccardo mi fa notare che il tipo che mi ospiterebbe volentieri in una suite di albergo con molta probabilità era un noto dirigente sportivo nell’ambito calcistico. Anche lui con il suo bel profilo aperto e non faceva molto per nascondere il suo status.
Devo ammettere che anch’io cedetti alle lusinghe di andare con un personaggio che di tanto in tanto compariva alla tv. Fu solo per quello che andai da lui. Una volta iniziato a scopare era un cazzo come tanti altri e nemmeno tra i migliori che avevo provato.
Divenni sempre più selettiva anche perché oramai avevo i miei tori di fiducia con i quali mi incontravo periodicamente. Detto questo alternavo nuove conoscenze a certezze.
Non avevo ancora provato un black. Premesso che non sono razzista ma semplicemente uomini con tratti somatici diversi dagli occidentali non mi attirano. Tutto qui.
Ci pensò Riccardo a farmi cambiare idea. Devo dire che in quel periodo anche lui era nella fase di fare qualcosa di nuovo. Si vede che la routine un poco lo annoiava. Oramai erano a decine e decine i porci che avevamo ospitato. Io ero uscita da sola con almeno una quarantina di tori diversi e le gang (sia in casa sia fuori) non si contavano.
Ci voleva qualcosa di nuovo.
Una sera come tante ero in camera bendata nell’aspettare ennesimo toro. Mi resi conto da subito che i passi erano troppi per essere uno solo. Entrarono in camera in quattro. Uno di questi era un nero. Nel video si capisce che seppur bendata non disdegnavo il suo cazzo di dimensioni ben diverse dagli altri e nonostante anche questi fossero superiori alla media. Quando mi tolsi la benda no ebbi particolari problemi. Orami ero lanciata e mi feci riempire in contemporanea da tutti.
Iniziammo intorno alle 21 e finimmo dopo quattro ore. Fu una delle gang più lunghe che feci.
Oramai il ghiaccio era rotto e il sabato successivo invitammo di nuovo il gruppo.
Solo uno diede forfait. Fatto sta che arrivarono sfalsati. Il primo fu il nero. Un simpatico ragazzo oltre che un discreto toro. Mentre eravamo in sala in attesa degli altri due Riccardo andò in camera per una telefonata. Quando rientrò il black era sopra di me sul divano con i pantaloni abbassati. Io avevo la gonna alzata e mi stavo gustando il suo cazzo in figa. Al che reputai meglio fiondarci in camera e continuare li la monta.
Gli altri due ci raggiunsero mentre ero in piena opera con il nero.
Da lì a poco sarebbe arrivato uno dei periodi più eccitanti.
Quello delle sorprese.

Per chi è stato veramente intrigato dai miei racconti. Ogni racconto ha il suo corrispettivo in foto e video.
Le foto e i video sono indicati con lo stesso numero del racconto. Esempio al racconto numero SEI del racconto corrisponde la foto del video in questione. Se vi ha intrigato questo racconto avete l’occasione di vedermi e di verificare con i propri occhi quanto sono zoccola. Certo non è per tutti ma solo per chi mi dimostra vero interesse. Gli altri alla larga!!!
Mail: fantasticzoccola@virgilio.it.

Questo racconto di è stato letto 3 1 2 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.