Erotici Racconti

Le mie estati nella cascina dei nonni. 1: premesse

Scritto da , il 2018-05-17, genere zoofilia

Eravamo nella metà circa degli anni settanta, al tempo frequentavo il penultimo anno di liceo.
Ero una tipica ragazza di città, bionda, assai carina di viso e di corpo, almeno questo era quello che dicevano di me, allora ero abbastanza minuta ma proporzionata, gambe snelle e culetto sodo, un paio di piccole tettine da adolescente che dovevano ancora svilupparsi completamente.
Però, nonostante fossi abbastanza belloccia non avevo ancora avuto una storia seria con un ragazzo, e solo qualche breve avventura con alcuni compagni di scuola, incapaci e imbranati come me.
Tutte limitate a qualche pomiciata e qualche reciproca palpatina.
La vita era probabilmente più semplice di ora, eravamo più ingenui dei ragazzi di oggi e fare sesso era ancora abbastanza complicato.
Ogni anno in estate, alla chiusura delle scuole, in attesa di essere anche loro in ferie, i miei mi portavano i campagna dai nonni, che vivevano fuori Torino in una specie di cascina, con diversi animali, principalmente galline, oche e conigli.
E naturalmente un cane, un grosso cane, uno incrocio con chissà quali ascendenze.
In campagna nessuno mai si sarebbe sognato di comprare un cane di razza e di certo non i miei nonni, che badavano al sodo e non all'apparenza.
Faust, questo era il suo nome, ora aveva quattro anni, ma mi ricordo benissimo la prima estate in cui arrivando dai nonni alla fine della terza media,mi ritrovai quel buffo batuffolo di pelo scodinzolante che mi accolse saltellando festoso sulle sue zampone sproporzionate, leccandomi la faccia entusiasta.
Si capiva da quelle zampe lunghissime che sarebbe diventato un bel cagnone, e così fu infatti.
Ora era un vero e proprio bestione, pelo di media lunghezza ispido e ruvido, tipo quello degli spinoni, muso squadrato, ben piantato su un collo massiccio e su un tronco spesso ma bello tonico, con la muscolatura che si poteva immaginare guizzante sotto la pelliccia.
Sguardo sveglio, dotato di un paio di occhi intelligenti color nocciola, bocca enorme, leggermente bavosa, non come quella dei mastini ma quasi.
Era un cane assai pacifico, ma incuteva un certo timore e nessuno doveva avvicinarsi a me o ai nonni con fare aggressivo, quando capitava Faust si piantava sulle quattro zampe tra noi e quello che poteva sembrare un aggressore, e con un ringhio basso e gutturale gli faceva subito capire che era meglio stare alla larga.
Eravamo molto amici e non mi dava nessun fastidio quando capitava che mi leccasse la faccia o la bocca, anzi spesso ero io a dargli dei bacini sulle labbra.
Devo confessare che ero sempre stata morbosamente attratta dagli animali, ma non avevo mai guardato Faust con occhi concupiscenti, lo avevo sempre visto più come un amico che come un possibile "amante".
Al contrario, vedere due animali copulare mi eccitava tantissimo.
Purtroppo come dicevo, la cascina dei nonni era abitata solo da animali di piccole dimensioni, e non mi dava particolare soddisfazione vedere due conigli scopare o un gallo che montava una delle tante galline che razzolavano libere per l'aia.
Per fortuna le cascine dei dintorni erano abitate anche da animali di grossa taglia.
In particolare, nei mie giretti pomeridiani passavo da due o tre cascine lì vicino, da cui potevo andare e venire liberamente senza nessun problema, visto che ero conosciuta fin da bambina.
Bastava l'odore della stalla, degli animali e dei loro escrementi perché mi eccitassi e sentissi le farfalle agitarsi nella pancia.
Nella cascina più vicina erano stallate una cinquantina di mucche, e soprattutto un magnifico toro, dal pelo lucido e nero come la notte, dotato di un paio di enormi corna bianche e appuntite.
Era un animale assai docile e io passavo spesso a trovarlo, accarezzandolo e imboccandolo con dell'erba fresca che raccoglievo lungo il tragitto.
Non avevo nessuna paura di lui, e ogni tanto, quando ero assolutamente certa che non ci fosse nessuno in giro, le mie carezze si erano spinte fino a toccargli delicatamente le enormi palle nere. morbide, calde e gommose, grosse come due meloni maturi.
Non osavo spingermi oltre, non sapendo bene come avrebbe reagito se avessi osato toccargli il lungo astuccio penico, che finiva al centro della sua pancia con un ricco ciuffo di peli neri, spesso umidi e gocciolanti.
Purtroppo non avevo mai assistito alla monta di una delle tante vacche del suo harem, avevo visto nascere due vitellini, ma niente di più.
Nella stalla di un altra cascina invece erano presenti una decina di scrofe e ben due verri.
Anche i maschi dei maiali sono dotati di palle enormi, ma se devo essere sincera, trovavo le palle del toro assai più eccitanti.
La cosa che invece mi eccitava di più di questi animali è il pene, fatto a forma di cavatappi, mi ero sempre chiesta che effetto avrebbe potuto fare farsi penetrare da un attrezzo simile, ma ovviamente non ne avevo la pur minima idea.
Parlando di sesso vero e proprio, in realtà gli unici grossi animali che avevo visto scopare erano due cani di una cascina un po' più distante.
Un pomeriggio della scorsa estate ero entrata nella loro aia per rendere una cosa che mia nonna si era fatta prestare e avevo beccato la cagna di quei contadini che si faceva montare da un cane mai visto prima.
Era stata un'esperienza strana, soprattutto vederli alla fine della copula, stare allacciati culo a culo a causa del grosso noto che si era formato alla base del cazzo del cane e che gli impediva di staccarsi dalla cagna.
Mi sembrava assurdo che il pene del maschio potesse girarsi in quel modo e puntare in direzione contraria a come di solito si trovava.
E mi ricordo ancora lo schiocco che aveva fatto il pene quando finalmente il maschio era riuscito, non senza una certa fatica a staccarsi da lei.
Ero tornata a casa assai eccitata, ero salita nel bagno che si trovava al piano di sopra, di fianco alle camere da letto e mi ero fatta un bel ditalino, immaginando di essere io la cagna che veniva scopata da quel cane infoiato.
Ma nemmeno dopo questa esperienza avevo guardato Faust con altri occhi, lui continuava ad essere uno di famiglia.
Le cose dovevano presto cambiare, ma ve lo racconterò nel prossimo post...

Questo racconto di è stato letto 8 9 3 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.