Erotici Racconti

Le tre piccole porcelline e il lupo cattivo: 1 Jenny

Scritto da , il 2018-05-17, genere zoofilia

La mamma diede loro un bacio sulla testa e disse: “papà ed io vogliamo riprenderci la nostra vita, è ora che andiate per la vostra strada e vi costruiate le vostre casette, andate in pace figlie mie”
Fu così che Jenny, Sarah e Costanza, le tre piccole porcelline se ne andarono per il mondo.
Cammina, cammina, arrivarono in una grande campo di frumento, i contadini avevano da poco raccolto le messi, ma sul terreno giacevano abbandonati un sacco di steli ormai secchi.
Jenny, la porcellina più piccola decise di fermarsi e costruire lì la propria casetta.
Era una bella porcellina dai capelli rossi, lentiggini sulle guance e sulle braccia, il naso un po’ a patata, forme generose, forse la più in carne delle tre sorelline.
Salutò le due sorelle che si rimisero in marcia e si diede da fare raccogliendo le spighe in mazzi per costruirsi una bella capanna di paglia.
Arrivata la sera la casetta era pronta e Jenny vi si rifugiò prontamente, un po’ preoccupata per la prima notte che avrebbe dovuto passare da sola.
Si era addormentata a fatica quando sentì qualcuno raspare alla porta.
“Chi è?” domandò terrorizzata.
“Sono il lupo cattivo” rispose da fuori una voce tenebrosa.
“Fammi entrare, ti prego, non ho cattive intenzioni” continuò la voce dall’esterno…
“Ma neanche morta” rispose Jenny, “Come fai a non avere cattive intenzioni se ti chiami il lupo cattivo?”
“Fammi entrare ho detto!” rispose il lupo, “Oppure sarò costretto a soffiare con tutto il fiato che ho nei polmoni e buttare giù la tua casetta di paglia”
“Neanche morta” ribadì la piccola porcellina con la voce tremante.
Allora il lupo si riempì i polmoni e si mise a soffiare.
La capanna di paglia cominciò a tremare e in pochi secondi crollò come un mazzo di carte, con le spighe che si disperdevano nell’aria.
Jenny terrorizzata giaceva rannicchiata in posizione fetale sul pavimento di erba.
Il lupo con un balzo le fu addosso.
Era un lupo enorme, il pelo lungo e scuro,, due occhi di brace scintillanti, una enorme bocca irta di denti acuminati.
Si mise sopra di lei con le quattro zampe ben allargate e piantate nel terreno e le disse minaccioso: “girati a pancia in su e allarga bene le gambe”.
Jenny come se fosse ipnotizzata ubbidì e si girò sotto di lui con le gambe spalancate pensando che lui l’avrebbe divorata.
Il lupo invece aveva tutt’altre intenzioni.
Avvicinò il muso alla sua pancia e cominciò ad annusarla intensamente.
Dischiuse le fauci e le diede una prima laccata all’addome, risalì sempre con la lingua fino ai seni della porcellina terrorizzata e diede altre leccate esplorative ai suoi bottoncini rosei.
Nonostante la paura che la attanagliava, i capezzoli della porcellina si indurirono prontamente.
Jenny lasciò involontariamente andare un sospiro.
Il muso del lupo si spostò verso il basso ventre, il naso umido premeva sulla pelle pallida di Jenny e arrivò presto al suo inguine, si tuffò tra i delicati ricci rossicci che formavano un grazioso triangolo di peluria attorno alla sua passerina e diedero tre belle annusate.
Un altro sospiro sfuggì dalla labbra della maialina.
La lingua ruvida del lupo diede un delicato colpo alle piccole labbra di Jenny che si schiusero come un bocciolo di rosa a primavera.
Jenny si aggrappò ai fili d’erba che la circondavano
La lingua si mosse nuovamente tra le sue labbra dischiudendole meglio e poi cominciò a leccarla più in profondità.
“Dio che bello” esclamò la povera porcellina.
“Vedrai dopo” le sussurrò il lupo, come se parlasse alla sua fichetta.
Le leccate continuarono senza sosta, per un tempo che a Jenny parve interminabile, la saliva calda del lupo si mischiava ai suoi umori ma lui prontamente la leccava, gustandone il dolce sapore di miele.
Jenny ormai rasserenata aprì un occhio per sbirciare la scena, in controluce, nella penombra della notte vide un enorme bestia muscolosa, ma lo sguardo le andò subito sotto la pancia della creatura selvaggia che stava sopra di lei, un grosso astuccio penico peloso da cui faceva capolino una cappella appuntita, rossa e lucida.
Il lupo si accorse dello sguardo e si spostò in avanti, in modo che il suo uccello si trovasse sopra la pancia della porcellina.
Caldi schizzi di liquido trasparente e vischioso uscivano ritmicamente da quella punta rossa e ora la colpivano sulla pancia, colando poi lungo i fianchi e facendole un leggero solletico.
Il lupo sogghignò mentre Jenny, più incuriosita che spaventata, allungò una mano o con le bianche dita affusolate gli toccò delicatamente la cappella.
Uno schizzo più intenso le colpì la mano, Jenny la ritrasse e si portò le dita alla bocca per capire che sapore potesse avere quel liquido che il lupo continuava a spararle addosso.
Era un sapore mai sentito, un po’ salato, un po’ acido.
“E’ ora” dille lui. “Girati a pancia in giù e mettiti a quattro zampe come una cagna”
Jenny ubbidì e senza avere la forza di dire una parola si girò come lui le aveva intimato.
La bestia le diede ancora due leccate alla figa per prepararla al meglio e le montò in groppa.
Era pesante e odoroso di selvatico, le cinse i fianchi in una morsa d’acciaio e cominciò a dare delle spinte pelviche avvicinando sempre di più il suo pene al sesso di Jenny, gli schizzi di quel liquido vischioso la colpirono proprio lì, lubrificandola per bene e preparandola alla penetrazione.
Appena capì che la punta del suo cazzo aveva trovato la giusta posizione tra le labbra della vulva, il lupo aumentò le spinte stringendola ancora più forte.
Il cazzo umido e duro entrò prima di pochi centimetri, facendole sfuggire un urletto di sorpresa mista a paura, ma con un vago sconcerto lo sentì presto entrare di più e di più e di più.
La sua verginità se ne andò in quattro secondi e presto la sua vagina fu completamente riempita dal cazzo del lupo che nel frattempo era cresciuto a dismisura.
Il bestione pompava ad un ritmo forsennato e Jenny sentì che qualcosa alla base del cazzo si era gonfiato e premeva fortemente per entrare dentro di lei.
“No, ti prego!” si lasciò sfuggire in un rantolo di dolore misto a piacere, ma era troppo tardi, il grosso nodo del lupo si era fatto strada tra le labbra lubrificatissime della sua passera e ora era tutto dentro di lei.
Tra nodo e cazzo, la sua vagina era ormai ripiena e farcita come un uovo.
Il lupo aumentò ancora l’intensità della copula ma in pochi secondi fu pronto ad eiaculare.
Jenny percepì il cazzo della bestia pulsare dentro di lei e in un attimo sentì il primo fiotto di sborra bollente schizzarle dentro.
Le contrazioni e i fiotti si susseguirono violenti per alcuni attimi, poi cominciarono a affievolirsi, finché cessarono del tutto.
La maialina esausta pensava che fosse tutto finito e che il lupo sarebbe subito smontato, liberandola da quella presa bestiale. Invece lui rimaneva sopra di lei, ansimando come un mantice e sbavandole sulle spalle.
Il suo nodo ancora gonfio e turgido non poteva ancora fuoriuscire e le tappava la vagina per impedire che lo sperma se ne uscisse prima del tempo.
Passarono una quindicina di minuti, in cui i respiri e i battiti dei loro cuori rallentarono lentamente fino a tornare normali.
Il nodo piano piano si sgonfiò e finalmente la fiera smontò agilmente dalle sue spalle liberandola dal peso. Il grosso cazzo ancora parzialmente turgido uscì con un sonoro schiocco e lo sperma bianco e denso cominciò a colarle tra le cosce.
Il lupo si mise a leccare tutto quel ben di dio delle sue gambe ancora tremanti e con alcune lappate fece in modo che la vagina tornasse a chiudersi assicurandosi che tutto lo sperma rimasto evitasse di colare fuori.
Jenny finalmente si girò per guardarlo, ma non fece praticamente in tempo, perché veloce come un lampo, con quattro balzi il lupo si dileguò nella foresta che circondava il campo di frumento.
La maialina dispiaciuta ma esausta si accasciò sull’erba e passò quella prima notte all’addiaccio, pensando e rivivendo mille volte quella incredibile avventura in cui aveva perduto la sua verginità con una bestia selvaggia. (continua)

Questo racconto di è stato letto 5 0 4 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.