Erotici Racconti

Orgia bisex di compleanno: i cazzi dei miei amici e i piedi delle mie amiche - 1 di 2

Scritto da , il 2018-05-15, genere bisex

Salve a tutti, per chi non mi conoscesse, sono NDJ, un ragazzo feticista dei piedi femminili con tendenze bisex, un'accoppiata piuttosto rara, purtroppo. Non è la prima volta che la mia mente viaggia... Quella che sto per raccontarvi è la prima parte di una storia di come un gruppo di amici scopre un lato di sé che nessuno avrebbe immaginato. Se siete curiosi di leggere altri racconti che accomunino feticismo per piedi femminili e bisessualità maschile, date pure un'occhiata al mio profilo autore, cerco di scrivere nel migliore dei modi questa mia fantasia stranamente così rara, sperando ogni giorni di non essere il solo.

Era il compleanno del mio migliore amico F., il quale decise di invitare un po' di amici a casa sua, approfittando dell'assenza dei genitori (partono spesso per viaggi di lavoro, a quanto ci dice). Date le dimensioni modeste della casa, decise di invitare solo gli amici più stretti: io, la nostra amica M., assieme alla sua migliore amica A., e G. e R., due ragazzi, amici in comune. F. è un ragazzo alto, dal fisico non scolpito, ma piacente; G. era ben piazzato, nella media, ma di gran carattere; R. è il più allenato del gruppo, con una muscolatura definita, ma non esagerata. Quel giorno la nostra amica M. indossava delle bellissime zeppe aperte, jeans stretti ed una blusa azzurra, ricordo ancora le sue unghie tinte di rosso, i suoi capelli dorati sulle spalle... Mi faceva impazzire. S., l'altra nostra amica, una canotta bianca, jeans neri stretti e scarpe da skate, la sua bellezza rendeva difficile la scelta fra le due.
La serata va avanti, ma rimaniamo alquanto provati da alcool e qualche sigaretta di troppo, decidendo così di metterci tranquilli in salotto a parlare per farci passare tutto. Sapete com'è, da ragazzi gli ormoni sono a mille, quindi non ci vuole molto che iniziamo a parlare del fatidico argomento a luci rosse... Io ed F. ci conosciamo da anni, abbiamo già avuto esperienze fra noi, ci intendiamo alla perfezione, tanto che è bastato uno sguardo per capire esattamente dove volesse andare a parare. Si siede accanto a me e parliamo in silenzio fra noi, mentre S. racconta qualche aneddoto di cui non ci interessiamo. Parlando, arriviamo alla conclusione che G. ed R. sono costantemente arrapati, quindi non sarebbe stato un problema, e che le due nostre amiche sicuramente non erano due santarelline, date anche le storie che poco prima han raccontato. Ad F. non piace perder tempo quindi, annebbiato forse un po' troppo dall'alcool, senza troppi "se" e "ma", inizia a toccarmi il pacco davanti a tutti. Il volto stranito dei nostri amici, specie di G. ed R. era impagabile, sicuramente mi sarei vergognato tantissimo, ma l'alcool aveva fatto effetto anche su di me. F. esce il cazzo dai pantaloni, era già duro, e me lo offre; quindi senza troppi problemi e con pochi pensieri in testa inizio a piegarmi verso di lui e leccarglielo. Il silenzio tombale si innalzava nella stanza, ma nessuno che distoglieva lo sguardo. Io non facevo altro che assaporare quella lunga mazza mentre lanciavo occhiate ad M. ed ai suoi bellissimi piedi, che da lì in un lampo iniziai ad accarezzare. In un primo momento li volle retrarre, ma dopo poco cedette. sentire il dorso delle sue bellissime estremità mentre prendo in bocca il cazzo del mio amico non aveva eguali, o almeno così credevo in quel momento. M. quindi alzo le gambe e mi offrì in volto quei suoi bellissimi piedi, che iniziarono ad accarezzarmi. Dapprima smisi di lavorare su F. ed iniziai a leccarli, quand'ecco che si poggiarono sul mio amico, come ad avvolgere il suo cazzo in un footjob. Non passò un secondo che io mi ritrovai a leccare il pene di F. e i piedi di M., quasi nello stesso momento, era un tripudio di piacere. M. quindi guarda R. fisso negli occhi, con uno sguardo che lasciava davvero poco all'immaginazione e subito lui si alzò e le offrì il cazzo già in tiro, mentre S. e G. rimangono ancora basiti, per quanto più calmi, quasi a loro agio, quindi li guardo mentre continuo coi miei colpi di lingua, mi sbottono i pantaloni e mi poggio con un piede sul bracciolo del divano, aprendo così le gambe e mostrando il cazzo in tiro nelle mutande. Poco ci volle per loro per decidere di alzarsi ed inginocchiarsi verso il mio bacino. S. prende l'iniziativa e mi libera dalla prigionia, iniziando, dopo averci smanettato un po', a prenderlo in bocca. G., voglioso ma indeciso, si limita a guardare e a toccarsi un po'.

Se vi è piaciuta questa prima parte, commentate pure, ogni critica è ben accetta.
...Mi piacerebbe avere un amico o amica "di penna" con cui parlare di queste cose più spesso.
Continuate a seguirmi, scriverò il resto del racconto ed altri racconti del genere man mano che la fantasia è dalla mia parte.

A presto,
NDJ

Questo racconto di è stato letto 1 3 4 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.