Erotici Racconti

Italia Brasile 3 a 2

Scritto da , il 2018-05-15, genere incesti

Nel luglio del 1982 avevo sedici anni, quasi diciassette, in verità.
L’anno scolastico si era concluso bene, ero stato ammesso a pieni voti alla prima liceo, terzo anno del classico. Finita la scuola il resto del mese di giugno era trascorso stancamente tra grandi dormite e letture accanite.
Di vacanze non se ne parlava, mio fratello, più grande di me, si preparava alla maturità e ne avrebbe avuto fino a luglio inoltrato.
La noia, il caldo, la spossatezza pervadeva ogni ora.
Per fortuna il 13 giugno iniziò in Spagna il campionato del mondo di calcio. E, da vero appassionato, non me ne perdevo una sola partita.
Verso fine mese mia mamma tornò da una passeggiata in centro con la sorella mi chiamò e mi disse che zia Lory, che si preparava a trascorrere il mese di luglio all’isola d’Elba, le aveva proposto di mandarmi con lei e il marito.
Senza figli, mia zia e il marito, zio Franco, conducevano una vita alquanto agiata. Zio Franco aveva qualche anno più della moglie. No. Molti anni più della moglie. Andava per i cinquanta mentre zia Lory al tempo ne aveva 32.
Zia Lory mi aveva praticamente visto nascere, perché ai tempi venne a essere ospite dei miei per studiare all’università. Quando arrivò avevo tre anni di vita e si legò profondamente a me. Dopo la laurea era rimasta nella nostra città, aveva trovato lavoro, conosciuto zio Franco. Per cui spesso e volentieri ero a casa loro. Era anche grazie a lei e alle ripetizioni che mi dava che i miei successi scolastici erano stati così straordinari.
Ecco perché quell’invito mi sembrò una benedizione: un mese intero al mare con gli zii, mare, sole, la cucina eccezionale di zia Lory.
, concluse mia madre.
Mio padre naturalmente disse di sì e così, il giovedì 1° luglio del 1982 mi ritrovai seduto sul sedile posteriore della macchina degli zii pronto al mio mese di vacanza.
Ci volle poco però per capire che qualcosa non andava per il verso giusto: zia Lory era una donna solare, piccola di statura, esile ma vivacissima. Mi ricordava un grillo, sempre in movimento e soprattutto era una chiacchierona straordinaria.
Zio Franco era più pacato ma comunque anche lui amava chiacchierare e infatti i soggiorni a casa loro erano sempre piacevolissimi.
E invece, ora, la zia se ne stava con la testa appoggiata al finestrino, sembrava appisolata. Lo zio guidava concentrato sulla strada. Provai a dire qualcosa per rompere quel silenzio che mi turbava ma non ebbi risposte se non poche parole, più per educazione che per altro. Mi rassegnai al silenzio mi appoggiai a mia volta al finestrino e mi addormentai.
Mi svegliai in un bagno di sudore: eravamo fermi sul porto di Piombino, pronti all’imbarco, il sole picchiava forte. Scesi dalla macchina ma degli zii nessuna traccia. Poi li vidi, sul bordo del molo che discutevano in modo animato, gesticolando. Erano troppo distanti e le parole non mi arrivavano, ma zia Lory sembrava davvero molto arrabbiata. Zio Franco provava a difendersi, a parlare a sua volta, ma sembrava in difficoltà. Poi…successe una cosa che mi sconvolse: vidi lo zio alzare una mano come per dare uno schiaffo alla moglie.
Zia Lory, che prima aveva alzato le braccia a proteggersi, scoppiò in lacrime e si allontanò di corsa. A quel punto, il marito fece per tornare verso la macchina e io preferii tornare a sedermi e fingermi ancora addormentato.
Ma cosa stava succedendo?
Finalmente ci imbarcarono. Mia zia, che intanto era tornata e aveva gli occhi rossi e gonfi, mi svegliò: .
Così ce ne andammo sul ponte. Non nascondo che ero piuttosto confuso, ero convinto di andare incontro a un mese di vacanza bellissimo e mi trovavo dentro una tensione familiare che non avrei neppure lontanamente immaginato. Poi, un pensiero mi attraversò la mente: vuoi vedere, pensai, che mia madre conosceva la questione e che lei e la sorella hanno concordato di mandarmi qui per evitare che i due si potessero fare del male? Che la mia presenza doveva servire a garantire un periodo di pace tra gli zii?
Questo pensiero mi diede fastidio, mi sentii tradito dai miei genitori. Dovevo scoprire se le cose stavano davvero così.
Intanto, lontana dal marito mia zia parve riprendersi. Quando fummo in un posto tranquillo si voltò e mi sorrise:.
La fissai serio:.
Avreste dovuto vedere la reazione di mia zia: prima sbiancò, poi divenne tutta rossa e strinse i pugni. Poi mi guardò i faccia e scoppiò a ridere forte. In modo irrefrenabile, non riusciva a smettere. Purtroppo, quella sua risata, probabilmente isterica, contagiò anche me e ci trovammo come due stupidi a ridere quasi con le convulsioni mentre gli altri passeggeri del traghetto ci guardavano sorpresi.
Quando poté calmarsi, mi zia mi fece segno di abbassarmi e mi abbracciò stretto.
, mi sussurrò all’orecchio.

Li si staccò da me e seria seria mi fece segno di no col dito. , mi disse prima di andarsi a sedere in attesa dello zio.
Come potete immaginare il viaggio non fu particolarmente allegro, i due non si guardavano, io ero taciturno, molto seccato per quanto avevo scoperto. Finalmente verso tardo pomeriggio arrivammo nel piccolo paese dove gli zii avevano affittato un appartamento, tre posti letto, vista mare.
E qui avemmo la sorpresa: la vista mare era straordinaria, il terrazzo a disposizione bellissimo ma…la casa aveva una sola camera da letto. Ampia, ma una. Avremmo dovuto dormire in tre lì dentro. Io in un lettino, gli zii nel letto matrimoniale.
.
, disse il responsabile.
Ecco forse furono queste parole a convincere la zia…suo figlio…
Mi guardò, sorrise e disse:, ma gli occhi le brillavano come quando la vedevo ottenere qualcosa che desiderava da tempo.
Devo ammettere che l’assenza dello zio non ci pesò. Io e la zia stavamo bene insieme e sinceramente l’eliminazione della fonte di discussione mi aveva fatto piacere. Per quanto bene volessi allo zio, non avrei potuto sopportare ancora a lungo quella situazione.
Il sabato lo passammo tutto il giorno in spiaggia, mangiammo qualcosa al bar dello stabilimento. Poi a casa, una doccia, riposino, cena e passeggiata serale in piazza.
Gelato, telefonata ai miei genitori. Mia mamma mi chiese se andava tutto bene. Perfettamente le risposi, facendo le linguacce a mia zia che mi fissava preoccupata. Lei telefonò a zio Franco, ma non lo trovò in casa. Provò altre due volte prima di arrendersi e dirmi:.
Ma non aggiunse altro
La domenica mattina facemmo riposare la nostra pelle e lo passammo a leggere, a cucinare (la zia, io facevo solo finta di aiutarla…), a riposare.
Andammo al mare nel pomeriggio. Mentre me ne stavo sulla riva a godermi il riflesso del sole sull’acqua, mia zia mi passò accanto di corsa: , mi urlò prima di tuffarsi.
La seguii a ruota e alla boa arrivai prima io.
, mi disse la zia. Effettivamente, quasi in punta di piedi ma riuscivo a toccare.
, le risposi spruzzandole acqua in faccia.
, mi gridava ma si divertiva e si vedeva.
.
.
Pensavo si sarebbe appoggiata a una spalla come faceva spesso. Ma stavolta mi si mise davanti, mi gettò le braccia al collo e mi strinse.
Sentivo i suoi seni sul mio petto, i capelli bagnati sulla mia guancia, le sue gambe che mi avvolgevano e…l’erezione arrivò inattesa e violenta facendomi imbarazzare.
Temevo se ne accorgesse, che figura avrei fatto!
Allora la presi per i fianchi e la sollevai un po’ di più, così che la mia parte dura non fosse proprio contro di lei. Per reggerla le passai poi le braccia sotto il sedere, a mo’ di sedia.
.
Sempre tenendola in braccio camminai verso riva ma quando l’acqua stava per arrivare alla cintola, la feci scendere.
.
Io ero rosso in faccia, terrorizzato che si accorgesse di cosa mi era successo. Inventai che avevo voglia di nuotare ancora e mi allontanai. Tornai a riva solo quando l’erezione mi abbandonò del tutto.

Il giorno dopo, lunedì 5 luglio, era un giorno importantissimo: si sarebbe giocata nel pomeriggio Italia Brasile. L’Italia doveva vincere per proseguire l’avventura ai mondiali, doveva battere quella che era la squadra data per favorita, piena di campioni straordinari.
Al mattino andammo al mare ma zia Lory sapeva che dovevamo tornare a casa a mangiare perché poi nel pomeriggio sarei andato in piazza, al bar, a vedere la partita, non avendo noi televisione in casa.
Al fischio di inizio ero lì, tra tanti tifosi, con una bibita davanti, a godermi lo spettacolo.
E spettacolo fu! Al fischio finale, che sancì la vittoria dell’Italia per 3 a 2 il bar esplose di gioia, furono stappate bottiglie. Eravamo incontenibili!
Io bevvi, uno, due, tre, quattro bicchieri. Mi trovai ubriaco all’improvviso. Tornai a casa che non mi reggevo. La zia si preoccupò, mi fece mettere sul letto, ma tutto girava intorno a me. E vomitai anche l’anima.
Un disastro di proporzioni epiche. Tutto rimase imbrattato. La zia dovette spogliarmi completamente, si erano salvati solo gli slip e rimasi con quelli. Dovette togliere le lenzuola e portare fuori il materasso.
Mi fece lavare e mi mise sul letto matrimoniale, assicurandosi prima che non sentissi più il bisogno di vomitare.
La rassicurai e mi addormentai.
Mi svegliai che fuori oramai era buio. Guardai l’orologio: le ventitré. Chiamai la zia che arrivò dalla cucina.
, mi disse.
Fu in quel momento che mi resi conto di cosa era successo e cominciai a piangere. Lo so, fu una reazione stupida, ma mi sentivo così idiota, un vero e proprio bambino che non sa controllarsi!
Piangevo in modo irrefrenabile. La zia provava a dirmi di smetterla, che non era il caso, che erano cose che potevano succedere, ma niente.
Allora si sdraiò accanto a me, mi tirò sul suo petto e mi coccolò accarezzandomi i capelli. Fu così che mi riaddormentai.
Al risveglio sentii la zia che russava lievemente al mio fianco. Mi girai verso di lei: mi dava la schiena ed era bellissima. Come sempre dormiva in maglietta ampia e slip. Per il gran caldo aveva scalciato via anche il lenzuolo.
Il profumo dei suoi capelli mi arrivò fortissimo e improvviso. Era un profumo che amavo da sempre, un misto di lavanda e gelsomino.
L’erezione fu inevitabile, violenta come il giorno prima al mare.
Solo che questa volta non potei trattenermi. Mi avvicinai alla zia, che continuava a dormire, e la cinsi con un braccio. La mia mano era sopra il suo seno, potevo seguirne i contorni, l’ispessimento del capezzolo, la morbidezza compatta. Il mio pene premeva da dentro gli slip verso il suo sedere.
All’improvviso la mano di mia zia afferrò la mia. Mi sentii morire. Ecco, pensai, adesso si gira e mi tira un pugno e me lo merito anche, pensai…
Invece mia zia con la mano libera aveva sollevato la maglietta e adesso stava portando la mia mano sul suo seno nudo.
Strinsi forte la mano godendomi quel contatto, il tepore della pelle che mi parve fatta di seta. Poi mia zia portò la sua mano tra noi due, la infilò sotto i miei slip e fece uscire lateralmente il mio pene.
Mi sembrava di sognare, sentivi la sua mano stringermi e fare piccoli movimenti su e giù. Quando lo lasciò mi disperai.
Non sapevo come fare a chiederle di continuare.
Ma lei aveva altre intenzioni che scoprii subito.
Lasciato il mio pene scostò completamente i suoi slip, poi mi riprese in mano e mi guidò dentro di lei…
Improvvisamente e per la prima volta ero dentro una donna!
Mi venne naturale cominciare a muovermi e spinsi forte. La sentii gemere. Temetti di averle fatto male e stavo per ritrarmi quando la sua mano mi sospinse contro di lei e prese a muoversi rapidamente.
Come era inevitabile venni subito, affondato dentro di lei mentre dalla sua gola usciva un suono prolungato, una vocale ripetuta all’infinito. Era venuta anche lei come potei constatare dalla quantità di liquido che c’era tra noi.
“E ora che faccio?”, pensai mentre il mio pene oramai tornato piccolo usciva da mia zia.
Fu lei a risolvere il problema: si girò verso di me e mi baciò. Un bacio lungo, morbido, sensuale, bello. Giocava con la mia lingua, mi leccava le labbra, mi riempiva di baci il volto, mi dava piccoli morsi.
Poi si alzò a sedere e si sfilò maglietta e slip, si sdraiò su di me e ricominciò a baciarmi.
In brevissimo fui di nuovo pronto. La zia se ne accorse, mi spogliò del tutto e si sedette su di me. Mi guidò dentro di lei e cominciò una cavalcata lenta e favolosa, gli occhi socchiusi, il volto estasiato.
Si muoveva con dolcezza, eleganza, passione. Sentivo il mio pene scorrere dentro di lei come nel suo habitat naturale. Mi venne spontaneo prenderle i seni, stringere entrambi i capezzoli. Non avevo mai fatto caso che mia zia avesse dei seni così belli, rotondi, perfetti, sodi. E i capezzoli, poi, erano due chiodi sparati verso di me. Alzai il collo, li strinsi a turno tra le mie labbra. Non appena lo feci i gemiti furono più intensi, aumentò il ritmo e all’improvviso venne, con quel suono particolare e intrigante, che annunciava il piacere raggiunto.
Io ero ancora duro e lei ne approfittò. Scoprii in quel momento cosa sono gli orgasmi multipli in una donna: zia Lory venne molte volte di seguito, ogni volta rilasciando quel suono che cominciavo ad adorare.
Finalmente, esausta, decise di scendere.
Guardai verso il mio pene: era rosso, congestionato, traslucido. La zia seguì il mio sguardo e sdraiata quasi completamente su di me cominciò ad accarezzarmi con la mano. Fissavo incantato quel movimento della mano che si muoveva dolcemente. Fu troppo: venni gridando mentre vedevo lo sperma salire verso il cielo e poi ricadere su di noi andando a colpire la zia sulla guancia.
Rise divertita e fece una cosa che mi piacque enormemente: raccolse con un dito lo sperma e fissandomi negli occhi se lo portò alle labbra assaporandolo come se fosse la cosa più buona al mondo.
E cademmo esausti nel sonno.

Mi svegliai per due sensazioni diverse: il caldo del sole che batteva sul mio piede e qualcosa di umido intorno al mio pene.
Aprii gli occhi e vidi uno spettacolo straordinario: mia zia era inginocchiata accanto a me e succhiava il mio pene con avidità, lo leccava come fosse un ghiacciolo se lo portava tra i seni, tornava a metterselo in bocca.
, provai a dirle quando mi resi conto che stavo per eiaculare. Lei mi fissò per un secondo poi strinse forte le labbra intorno al mio pene e accelerò il movimento.
Le venni in bocca, una sensazione meravigliosa moltiplicata dal suo sguardo e dal modo come mi mostrò per un attimo la lingua imbrattata di bianco prima di ingoiare tutto.
Poi venne a sdraiarsi su di me in quel suo modo unico. Mi accarezzava, mi dava baci ovunque. Ero in estasi.
, mi disse infine.
Feci segno di sì e mi condusse in bagno. Si sedette a fare pipì. La guardavo incantato.
Si alzò, si pulì, tiro l’acqua. Mi guardò divertita: , mi chiese.
Effettivamente avevo la vescica gonfia ma fare pipì davanti a lei…
Ridendo mi tirò davanti alla tazza me lo prese in mano, lo scappellò e gli diede un bacio sonoro.
, mi disse tenendolo ben stretto.
Mi lasciai andare e urinai, con mia zia che si divertiva a indirizzare il getto. Poi, finito, aprì la doccia e mi spinse sotto.
Ci lavammo a vicenda baciandoci continuamente. Presto fui di nuovo pronto, pensai di farla girare e di prenderla da dietro. L’idea le piacque, mi assecondò.
, mi disse ridendo ma non capii cosa intendesse. Ero duro, durissimo, la volevo, mi abbassai un po’ e spinsi.
Non so come successe, perché non era mia intenzione farlo, lo giuro. Credo che fu dovuto al bagnoschiuma che avevamo utilizzato e che era si era infilato tra le sue natiche creando un invito scivoloso. O forse non mi abbassai a sufficienza.
So solo che quando entrai, lei emise un gridolino:, disse tentando di spostarsi ma io ero troppo infoiato e non capivo perché si agitasse. Spinsi ancora di più e in quel momento mi accorsi che qualcosa non andava: dov’ero ora, era più stretto, stringente, non sentivo l’umido che avevo sentito nella notte. Ma avevo troppa voglia, quella nuova sensazione mi piaceva e continuai a muovermi. La zia ora aveva smesso di agitarsi se ne stava tranquilla sotto i miei colpi chiedendomi di fare piano.
Finalmente venni con un’ultima spinta e l’abbracciai stretta.
Quando uscì da lei la feci girare e la baciai. , le dissi un po’ mortificato. Mi ero abituato bene in quelle ore.
, mi disse lei con un’aria quasi di rimprovero.
Allibii: .
.
.
Zia Lory adesso mi guardava divertita: .
.
.
.
.

Appunto, il futuro: quel mese passò in fretta, troppo in fretta. Zio Franco tornò il sabato successivo a mezzogiorno. Lory mi chiese di lasciarli da soli quando fosse arrivato e così feci. Assistetti da lontano alla scena.
Lo zio parcheggiò la macchina, scese, salì in casa. Dopo mezz’ora era di nuovo in macchina. Non si fermò neppure a salutarmi.
, chiesi a Lory.
.

Poi ci fu il rientro e non fu facile.
Per lunghi mesi, anni, tenemmo nascosto il nostro amore. Una volta separata, Lory si trasferì in un piccolo monolocale scelto con oculatezza vicino alla mia scuola. Finite le lezioni passavo di lì, e stavamo insieme.
Dopo la maturità, d’accordo con Lory chiesi di potermi iscrivermi a una università in un’altra città.
Presi un appartamento in affitto insieme ad altri studenti.
Lory mi raggiungeva nei fine settimana e stavamo insieme tutto il tempo possibile.
Fummo molto abili a non far mai sospettare niente a nessuno. Mia mamma credette a quello che la sorella le diceva, di un misterioso fidanzato che stava lontano. Io raccontai che mi ero messo con una ragazza del posto e per questo spesso non rientravo nei week end.
Alcune volte rinunciammo a stare insieme in modo che uno o l’altro fosse presente dai miei.
Dopo la laurea cercai e trovai lavoro all’estero.
Lory mi raggiunse e da allora viviamo insieme.
Quando poi, inevitabilmente, i miei seppero del nostro amore andarono su tutte le furie e tagliarono i ponti con entrambi. Non li abbiamo mai più rivisti.
Siamo coscienti, Lory e io, che il nostro amore ci ha costretti a rinunciare alle nostre vite precedenti, ai rapporti con la famiglia di origine e a nasconderci in una parte del mondo dove non siamo altro che Lory e Marco.
Ne è valsa la pena?
Quando Lory mi guarda, con lo stesso sorriso di quel lontano 1982, quando guardo i nostri figli oramai grandi e sani malgrado le nostre preoccupazioni, non ho dubbi a rispondere di sì.
Forse per questo a una parete della nostra casa ho voluto appendere la foto delle due squadre, Italia e Brasile, pronte a sfidarsi il 5 luglio del 1982: serve a ricordarmi che nella vita occorre osare per poter essere felici.



Questo racconto di è stato letto 6 4 2 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.