Erotici Racconti

Argo, il mastino del guardicaccia (parte prima: il primo incontro)

Scritto da , il 2018-05-15, genere zoofilia

Era veramente prestissimo, ma papà non si era fidato a lasciarmi a casa da sola, così mi aveva praticamente obbligata ad andare con lui.
Però poi, impietosito dalla mia faccina assonnata, aveva ceduto e mi aveva lasciata a dormicchiare nella capanna da caccia.
Lui, due amici un paio di cani da ferma e il guardiacaccia avevano proseguito in macchina addentrandosi nella riserva, mentre io me ne stavo spararanzata su una vecchia poltrona di pelle davanti al fuoco che scoppiettava allegro nel caminetto.
Con me a godersi il calduccio era rimasto anche Argo, un cagnone enorme, non era un cane da caccia ma un grosso mastino dal pelo corto che il guardiacaccia lasciava a custodire la baracca.
Era veramente un bestione, aveva un testone enorme e avrebbe potuto incutere un certo terrore.
Non ha me che sono sempre andata d'accordo con i cani e che avevo capito subito che di questo esemplare non dovevo avere nessuna paura.
Il suo padrone mi aveva avvertita, l'unica cosa che dovevo temere era di essere sporcata dalla sua bava, che da bravo mastino perdeva in modo più che abbondante e che mi aveva subito sbrodolato sulle mani quando avevamo fatto conoscenza al nostro arrivo.
Ora era lì, sdraiato a due metri da me che con la sua enorme lingua si faceva un po' di toeletta, una gamba sollevata sopra la testa, si leccava pacificamente le grandi palle e il pene.
Il suo ritmico leccare mi stava quasi ipnotizzando, non riuscivo a distogliere gli occhi da quella lingua e dal rosso pisello che cominciava ad uscire dalla guaina di pelliccia.
Quasi senza rendermene conto una mano abbandonò il libro che stavo facendo finta di leggere e scese lentamente verso la cintura che teneva stretti i miei pantaloni.
La slacciai e sbottonai i jeans in modo da riuscire ad infilare le dita sotto le mie mutandine.
Le mie dita cominciarono ad accarezzarmi la passera, mentre guardavo il cane che continuava sereno la sua toeletta.
Ero sempre più eccitata, qualche mugolio mi scappava dalle labbra e cominciavo a bagnarmi come una fontana.
Evidentemente i miei umori dovevano essere profumati, perchè ad un certo punto il mastino smise di leccarsi l'uccello e alzò il testone dilatando le umide narici per annusare meglio gli effluvi che la mia figa bagnata stava diffondendo nella stanza.
Dovevano essere odori molto interessanti, almeno dal punto di vista di un cane, perché con un'agilità che non gli avrei mai attribuito si rizzò in piedi e si avvicinò a me.
Mi ficcò il muso tra le cosce e diede una bella annusata al mio sesso.
Io avevo la mano infilata sotto le mutandine, come a proteggere la mia virtù, ma nonostante questo l'odore della mia vagina dovette piacergli assai, perché cominciò a darmi delle spinte col naso, come a voler spostare la mia mano in modo da poter annusare meglio.
Lo accontentai subito, levai la mano da sotto le mutande e gliela ofrii affinché potesse annusarla e leccarla a piacere.
Questo fece, la annusò per bene e cominciò a leccarla di gusto, come se fosse cosparsa di miele o di burro.
Poi una volta che ebbe rimosso ogni traccia di umori vaginali dalle mie dita, tornò alla carica infilando nuovamente il naso tra le mie cosce.
Ricominciò a dare quei colpi col grosso naso umido e caldo, ero sempre più eccitata...
Lo spinsi via con un piede in modo da potermi sfilare i pantaloni, lui immediatamente rirese la sua posizione con il testone tra le mie gambe, allora con due dita spostai di lato l'orlo delle mutandine in modo che la sua bocca potesse avere accesso alla mia figa.
Non aspettava altro, cominciò a leccarmela come se fosse la fregna di una cagna in calore.
Madonna mia, non ero mai stata leccata in quel modo.
Cominciai a mugolare e per non urlare troppo forte, mi misi una mano in bocca.
Madonna santissima era troppo bello, in pochi minuti mi portò all'orgasmo.
Sentendomi venire il mastino invece di fermarsi si infoiò ancora di più e riprese a leccarmi con ancora più foga...
Rischiavo di avere un orgasmo dietro l'altro, Mi girai in modo da appoggiarmi col petto sul sedile della poltrona, le ginocchia sul tappeto e il sederino rivolto verso di lui.
Abbassai le mutandine ormai fradice e le sfilai completamente dalle gambe.
Lui aveva ripreso a leccarmela con gusto, solo che ora con un solo colpo di lingua riusciva a stimolarmi anche l'ano!
Con le mani mi allargai i glutei in modo che le leccate potessero andare più a fondo.
Mi diede ancora tre leccate fantastiche e poi decise che me l'aveva lubrificata a sufficienza e che era giunto il momento di passare al clou della questione.
Con un mezzo balzo mi montò in groppa, stringendomi ai fianchi con le possenti zampe anteriori.
Mi teneva immobilizzata con una forza incredibile, un po' dovuta al peso enorme, almeno tre volte il mio, un po' dovuta alla muscolatura da vero lottatore.
Era bellissimo sentirsi completamente alla sua mercede.
Mentre sbavava sulla mia schiena, cominciò a dare dei colpi di reni cercando di penetrarmi.
Schizzi di un liquido caldo mi colpivano le natiche, l'ano, la figa, colandomi lungo le cosce in rivoli trasparenti, lubrificando tutto per bene, anche se in realtà ero già molto bagnata di mio.
Sentivo la punta del suo cazzo che mi dava dei colpi alla cieca, a volte mi faceva addirittura male, quando l'osso penico che si trova all'interno del cazzo dei cani mi colpiva in malo modo la vagina.
Era così eccitato che non riusciva ad imbroccare la giusta via, ogni tanto disperato mollava la presa e saltava giù, riprendendo a leccare alternativamente sia la mia figa che il suo cazzo, ormai rosso e pulsante.
All'ennesimo tentativo di montarmi mi decisi ad aiutarlo, feci in modo che una delle mia braccia non venisse imprigionarta dalla morsa dele sue zampe e con una mano presi la punta del pene e tra una spinta e l'altra cercai di indirizzarla verso la fessura tra le mie piccole labbra.
Niente da fare era troppo agitato.
Come se non bastasse mi sembrò di sentire il rumore di una macchina che si avvicinava al capanno.
Terrorizzata mi girai di scatto, lo allontanai con violenza e col cuore che batteva a mille per la paura di essere beccata da mio padre e dai suoi amici mi rivestii in fretta e furia.
Mentre Argo si leccava sconsolato il cazzo rosso fuoco, spalacai la finestra sperando che l'odore della sua eccitazione non fosse troppo forte.
Passaraono alcuni minuti in cui mille preghiere e scongiuri mi passavano per la testa ma non successe nulla.
Per la paura di essere scoperta mi dovevo essere sognata il rumore o doveva essere una macchina di passaggio...
Dio che paura... (continua)

Questo racconto di è stato letto 5 6 5 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.