Erotici Racconti

Il mio primo fidanzatino 5: la prima monta.

Scritto da , il 2018-05-15, genere zoofilia

Erano passati quasi due mesi e mezzo da quando mi ero resa conto di quanto mi piacesse Bleck, il pastore tedesco dei miei vicini.
Erano passati quasi due mesi e mezzo da quando lo avevo accarezzato per la prima volta, da quella prima notte in cui gli avevo toccato il pene e ne avevo assaggiato il liquido pre-seminale.
Sempre separati dalla recinzione che divideva il nostro giardino da quello dei nostri vicini, nei nostri brevi e segreti incontri notturni ero dovuta limitarmi a qualche un accenno di sega, attraverso le odiate sbarre.
Ma finalmente successe quello che attendevo con ansia e che non osavo nemmeno sperare.
I nostri vicini, con i quali per fortuna, avevamo un ottimo rapporto, avevano capito che tra me e il loro bellissimo cane c'era un buon feeling, per cui, un venerdì si presentarono a casa nostra chiedendo ai miei genitori se potessi occuparmi di Bleck per un week-end, visto che loro sarebbero andati via fino al lunedì successivo e non volevano portare il cane in un pensionato per animali.
Per fortuna i miei non fecero problemi, ed io cercai di non mostrare un eccessivo entusiasmo, anche se in realtà ero lì lì per svenire...
Diedero ai miei la chiave del cancello del loro giardino e mi spiegarono che avrei dovuto andare da loro una o due volte al giorno per dar da mangiare al cane.
Ovviamente quella notte fu molto dura addormentarsi, mi rotolavo tra le lenzuola del mio lettino, agitatissima ed eccitata.
Le mie dita continuavano a scendere verso la mia fichetta sempre più bagnata, anche se cercavo di non esagerare nel masturbarmi, non volendo irritarla troppo, in previsione di quello che, speravo, sarebbe accaduto l'indomani.
E finalmente il giorno che ormai attendevo da più di due mesi arrivò.
Tornata a casa da scuola passai a salutare Bleck mentre rientravo in casa, mi fece le solite feste e ci facemmo due coccole attraverso le sbarre.
Lui era festoso ed eccitato come al solito, ma io ovviamente lo ero assai di più.
Corsi in casa a posare lo zaino e prendere le chiavi e mi precipitai di corsa al cancello della proprietà dei vicini.
Le mani mi tremavano così tanto dall'agitazione che quasi non riuscivo ad infilare la chiave nella serratura.
Bleck nel frattempo sembrava impazzito, abbaiava e saltava come un forsennato, facendo addirittura dei giri su se stesso per la felicità di vedermi in procinto di arrivare alla sua portata.
Alla fine ce la feci, e con il cuore in gola varcai il cancello ed entrai nel giardino dei vicini.
Bleck si fiondò con il naso ad annusarmi l'inguine, probabilmente già eccitato da odori che solo lui poteva percepire.
Per Fortuna i miei sarebbero arrivati solo prima di cena, per cui non rischiavamo di essere visti.
Ad ogni buon conto, per evitare di essere scorta da qualche vicino ficcanaso, mi spostai sul retro della proprietà, con Bleck che mi seguiva saltellando e correndo avanti e indietro come un pazzo.
Arrivati nel cortiletto retrostante, per prima cosa mi preoccupai di dargli da mangiare, ma il cane non sembrava per niente interessato al sacchetto di croccantini che avevo tra le braccia.
Una sola cosa pareva gli importasse... annusare la mia passerina.
Non facevo a tempo ad allontanargli la testa che immediatamente me la ritrovavo di nuovo con la testa in mezzo alle cosce.
Non che mi desse fastidio ovviamente, ma avrei voluto ritrovare un attimo di lucidità per godermi meglio quel momento desiderato così a lungo.
I miei gesti per allontanarlo non facevano che sortire l'effetto contrario.
Più mi negavo, spingendolo via o girandomi per non avere il suo naso in mezzo alle gambe e più il cane si eccitava.
Il suo pisello rosso e lucido spuntava dalla guaina, lanciando dei deboli schizzi di liquido trasparente e odoroso che ogni tanto mi colpivano le gambe nude.
E Bleck non era certo il solo ad eccitarsi.
Anche la mia pancia era in subbuglio per l'agitazione, del resto ve lo avevo detto nella prima puntata del mio racconto, non avevo mai avuto un rapporto completo con un ragazzo, figuriamoci con un cane.
Oltre alla pancia che gorgogliava, anche la mia passerina era sempre più eccitata e si bagnava sempre di più.
Le mie mutandine ormai erano fradice, un po' per i miei umori, sempre più abbondanti e un po' per la saliva di Bleck.
Ad un certo punto, in uno dei vari balzi che il mio amore faceva per l'eccitazione, mi mise le zampe sulle spalle e mi fece perdere l'equilibrio.
Mi ritrovai seduta per terra in mezzo all'erba del cortiletto retrostante la villa dei vicini.
Bleck veloce come un lampo tuffò la testa in mezzo alle mie gambe e si mise a spingere col muso e col naso contro il mio inguine fremente!
Oh cazzo! che libidine, che voglia mi prese.
Invece di cercare di rialzarmi allargai le gambe e lo lasciai fare.
Bleck spingeva il naso con foga contro le mie mutandine bagnate, cercando di arrivare alla mia passera, dava dei colpi col muso verso l'alto, ed ogni colpo era un sussulto, un godimento.
Allontanai un attimo la sua testa fremente e con un movimento rapido mi sfilai le mutandine ormai fradice da una gamba.
La sua testa ritornò come un fulmine alla mia passera, le sue spinte col naso ripresero, ma adesso non c'era più il tessuto delle mie mutandine a separare la sua lingua dalla mia figa ormai fradicia.
Oh mio dio!
La lingua di Bleck saettava su e giù per la mia figa, separandone le labbra e introducendosi sempre più a fondo.
Sembrava volesse mangiarmela!
Nessuno dei ragazzi con cui ero stata mi aveva mai leccata così.
Mi appoggiai con la schiena sull'erba, gli presi la testa con le mani e lo strinsi abbandonandomi al piacere mentre mi leccava come un indemoniato.
In pochi secondi arrivai all'orgasmo.
Gli strinsi la testa tra le gambe, inarcai la schiena e venni singhiozzando.
Lui ovviamente non era appagato per niente, anzi, era sempre più eccitato e continuava a leccarmi, ma ora ogni tanto allontanava la testa e mi girava intorno, come uno squalo, senza riuscire a trovare un modo per attaccarmi, o meglio, per montarmi.
Il pene era mezzo fuoriuscito, e gli schizzi di liquido erano sempre più frequenti e abbondanti.
La mia pancia, le mie cosce, il mio pube erano fradici del liquido odoroso che Bleck continuava a schizzarmi addosso e la mia passera era abbondantemente bagnata di suo e pronta a ricevere il suo primo pene.
Anche se avevo un po' di paura mi girai e mi misi a quattro zampe, Bleck non aspettava altro e come un lampo mi saltò addosso, mi bloccò stringendomi ai fianchi con le zampe anteriori e cominciò a dare dei gran colpi di reni cercando di fare in modo che la punta del suo pene trovasse la fessura tra le mie gambe.
Pensavo fosse più facile, ma evidentemente non era così, forse perché eravamo alle prime armi, forse perché eravamo entrambi troppo agitati, fatto sta che il pene mi colpiva facendomi quasi male, ma non riusciva a trovare il modo di penetrarmi.
Bleck sempre più disperato mollava la presa e scendeva dalla mia groppa, leccandosi il pene che era sempre più rosso e fremente.
Riprovò a montarmi per l'ennesima volta, ma questa volta fu più fortunato e trovò immediatamente la strada giusta.
La punta entrò senza nessun problema tra le mie piccole labbra fremente e in un secondo con pochi colpi violenti mi deflorò.
Lanciai un urlo per il dolore e lo spavento, ma non feci a tempo a lanciarne un altro che lui, una volta compreso che era riuscito a penetrarmi cominciò a montarmi come un forsennato.
I colpi dei suoi reni erano sempre più forti ed intensi, il pene ormai completamente dentro la mia fica cresceva a dismisura arrivando a colpirmi la cervice.
I testicoli mi sbattevano contro le grandi e piccole labbra.
Le sue zampe anteriori mi serravano in una morsa d'acciaio.
Tutto fu intenso ma assai breve.
In poche decine di secondi i colpi cessarono e Bleck si fermò ansimante.
Il suo cazzo era cresciuto dentro di me a dismisura, lo sentivo aderire alle pareti della mia vagina come se fosse grosso come un braccio, il nodo ormai formato gli impediva di muoversi oltre, lo sentii pulsare sempre più intensamente ed ad un tratto cominciò a eiaculare.
Fiotti di sborra bollente mi riempirono la pancia.
Era stata una cosa cosi rapida e violenta che non avevo quasi avuto modo di rendermi conto, ma ora che le spinte erano cessate e che sentivo il suo cazzo pulsare e la sua sborra riempirmi il piacere mi invase violentemente, e sentii arrivare un orgasmo potente, che risalendo dai piedi arrivò a scuotermi tutta e venni, dio come venni.
Rimanemmo immobili, ansanti e un po' spaesati, era stata la prima volta per entrambi, ed eravamo stati sopraffatti dalla cosa.
Piano piano il battito dei nostri cuori tornò normale e così il ritmo dei nostri respiri.
Il nodo lentamente si sgonfiò e Bleck riuscì ad estrarlo dalla mia vagina e a smontare dalla mia schiena.
Io appoggiai la testa sull'erba esausta, lasciando il sedere in alto e lui si affrettò a leccare i miei umori e il suo sperma man a mano che uscivano dalla mia vagina e che mi colavano lungo cosce.
Mi girai a pancia in su, ero distrutta, distrutta ma appagata, ancora non avevo capito bene tutto quello che era successo, era stata una cosa troppo rapida e breve.
Ci sarebbe voluto un po' di tempo perché riuscissi a metabolizzare gli eventi dell'ultima mezzora, ma al momento ero felice.
Anche il mio amore era felice, mi saltellava intorno, con il cazzo e il nodo ancora mezzo fuori e mi dava delle gran leccate alla faccia.
Mi rialzai a fatica, con la passera dolorante.
Mi infilai le mutandine fradice e maleodoranti, lo baciai e gli feci i miei complimenti, perché tutto sommato si era comportato molto bene, gli riempii le ciotole di croccantini e di acqua fresca e mentre lui mangiava guadagnai il cancello e tornai a casa.
Finalmente avevo fatto l'amore con il mio amante ed era stato bellissimo (continua).



Questo racconto di è stato letto 4 9 8 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.