Erotici Racconti

Ho delle fottute domande per te...

Scritto da , il 2018-05-04, genere gay

Ho delle fottute domande per te? Chi credi di essere, per poter entrare cosi nella mia vita? Tutto è cominciato da lui, da quel ragazzo che la vita me la cambiò per sempre.

Dublino 2015,
avevo solo 20 anni quando quel pomeriggio di pioggia tu mi hai regalato il tuo sguardo. Perso tra le vie della città, tra me, mestesso ed io, tu mi hai fatto conoscere la tua vita. Era pieno il sentimento per te, non immaginavo che tu da un momento all'altro potevi rovinare la fede che avevo creato in te. Abbiamo corso tra i marciapiedi, mano per la mano, a prenderci quella pioggia che noi amavamo tanto, perchè si noi odiavamo il sole, la pioggia ci faceva sentire vivi e uniti. Mangiavamo i panini da 1 euro del MCDONALDS, perchè solo quelli ci potevamo permettere, con i pochi soldi in tasca che avevamo. Poi ci siamo ritrovati in un vicolo cieco, tu mi sbattesti al muro gelito e bagnato di quel maledetto giorno in cui ti ho incontrato...in cui credevo di aver incontrato la pace e la gioia, ho incontrato l'inferno mascherato da paradiso. Mi hai baciato, quelle labbra bagnate non le dimenticherò mai, hai messo la tua mano dentro le mie mutande e poi? Credevo che non potessi piacere cosi tanto ad un ragazzo, mi stavo sbagliando, stavo piacendo a qualcuno, quel qualcuno che mi avrebbe rovinato l'esistenza. Mi hai lasciato, sei scappato, ero troppo giovane per essere ferito, ero condannato nella mia stanza di hotel a pensare e ripensare al tuo bacio, perchè sei fuggito? Non ti è importato di noi in quel momento? Ho delle fottute domande per te...Cerchi di farmi passare per uno come tanti? Io mi fidavo di te, ho delle domande che mi perseguitano ti prego ascoltale, rispondi, ti sto aspettando, perchè il mio cuore è qui che ancora sanguina, credevo nel tuo respiro, mi hai fatto passare per stupido, ma ti è davvero importato di me???? Perchè sei fuggito con tutta la voglia di rivederti il giorno dopo? Ero li, ad aspettare quella pioggia che non arrivava mai, poi è arrivata ma non era lo stesso, mi hai abbandonato quando non lo meritavo...Non posso fare altro che aspettare un altro sguardo, di qualcuno che mi porti fino al precipizio, perchè è li che risorgerò

Questo racconto di è stato letto 1 2 0 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.