Erotici Racconti

Io, Lui e quella volta al mare (sognando la prima volta) 2

Scritto da , il 2017-11-11, genere gay

Rimasi travolto dal suo carattere esuberante per tutta la mattinata tra sole e bagni di mare. Verso ora di pranzo mi invitò ad una doccia per scrollarci tutto il sale e la sabbia accumulata sul nostro corpo. Accettai di buon grado anche se venni manipolato dall' organo sessuale malefico che mi ritrovo tra le gambe. Non so perché, quando Luca mi propose la doccia ebbi un sussulto tra le cosce portando il mio pensiero, nonché lo sguardo a quel meraviglioso corpo che stavo ammirando da un' intera mattinata, ed anche alla possibilità certa di poter entrare in contatto ravvicinato con lo stesso.

Sotto le docce era accanto a me di spalle ed osservavo estasiato le sue lunghe mani passeggiare sulla schiena fino ad arrivare, e poi entrare nel costume, forse per ripulire il sale e la sabbia che si infiltra e deposita sul corpo e soprattutto tra le natiche. Non riuscii ad evitare il pensiero trasmessomi dagli occhi di quel meraviglioso fondoschiena muscoloso che caratterizzava la bellezza di Luca. Improvvisamente si girò quasi ad un palmo di naso dalla mia persona, le mani si spostarono sempre all' interno del costume portandosi sulla parte anteriore, scivolarono dal ventre piatto e tonico fino al pube tutto depilato, spostò il costume verso il basso mostrando un pene lungo e roseo non ancora del tutto turgido. Ebbi quasi un mancamento, ed allo stesso tempo anche una erezione. Quel bastardo fece quasi uscire la sua testa di cazzo fuori dal costume, come ad avvertire che gradiva tutta quella visione. Alzai immediatamente il mio viso arrossito rivolgendo lo sguardo a Luca. Sorrideva, manifestava la lusinga della mia attenzione positiva ai suoi gesti sexy.

Anche il mio buco manifestava con spasmi erotici di aver gradito quella scena. Avevo dentro un'agitazione che era un misto di eccitazione e turbamento, ma provavo anche un forte imbarazzo. Arrossii di più, e quel calore dal viso si propago per l'intero corpo, desideravo averlo dentro? Lo pensai intensamente. Ero alla mercé di quel ragazzo che si divertiva a stuzzicare un giovane ragazzo inesperto e, beh, diciamolo, anche un po frocetto.

Questo turbinio di pensieri trasformò il mio viso da voglioso di cazzo, ad incazzato con il mio Lui. Luca dovette accorgersi del cambiamento di umore, trasformò il suo sguardo dal divertito al serio e si avvicinò di più al mio viso, eravamo quasi entrati in contatto fisico, quando con un sussurro disse:" Sorrido perché sono felice che ti interessi a me in quel senso, e sono grato al fato di averti conosciuto. Sei così bello e tenero che vorrei tenerti tra le braccia per riempirti tutto di baci".

Subito dopo mi stampò un bacio sulla bocca, che prolungò, cercando di entrare in contatto con la mia lingua, allo stesso tempo eliminò ogni distanza fino a permettere al suo sesso di entrare in contatto con il mio. Ero totalmente succube di quel giovane maschio, e schiavo di Lui. Oramai il mio grado di raziocinio era pari a zero ed ogni più flebile fiato di personalità scompariva per lasciar posto al desiderio ed alla pura eccitazione erotica.

Non solo risposi al bacio, ma lo strinsi di più a me tenendolo per il girovita, incurante che qualche estraneo potesse entrare e notare i nostri atteggiamenti intimi. Volevo avvertire il suo corpo aderire al mio, ed il suo sesso entrare in contatto con il mio bastardo, avvertire come si induriva mentre palpeggiava il mio sesso. Mi dava emozione anche dovermi alzare quasi in punta di piedi per raggiungere le sua bocca. Cercai le sue fantastiche mani lunghe e le portai in direzione del mio culo, affinché potesse palpeggiarmi, per sentirmi più suo. Fu quasi un messaggio, per offrirgli la mia intimità ancora inviolata.

Stavamo andando troppo oltre, eravamo in un luogo pubblico, quindi ci staccammo, ma con difficoltà, e lui mi invitò immediatamente a casa sua. Naturalmente accettai, o dovrei dire accettammo? Orami il ragazzo e Lui (si avete capito parlo del bastardo che mi ritrovo tra le cosce) avevano preso possesso della mia mente.

La sua casa era un meraviglioso gioco di colori resi accesi dalla luce del sole che filtrava attraverso le ampie finestre

Mi accomodai su un divano posto di fronte alla zona cucina e fissavo estasiato quel ragazzo in pantaloncini destreggiarsi tra i fornelli. Osservavo di spalle le sue cosce muscolose che si armonizzavano con dei glutei sodi e tondi. Dal girovita alle spalle era un crescendo di muscolatura resa tonica dalle ore continue in qualche palestra. Avrei desiderato essere il suo personal trainer per avere la possibilità di palpeggiarne la schiena, magari con la lingua mi suggeriva Lui, sopratutto nell'incavo.

Notai la pulizia di quel corpo da qualunque peluria ed il colore ambrato della pelle, la mente navigò verso la beatitudine dei raggi solari che avevano accarezzato quella pelle per rendergli onore donandole quel colore luminoso. La mia attenzione si rivolse poi alla nuca ed al collo lungo, pulito dalle forbici di qualche maestro barbiere. I capelli corti creavano la giusta sfumatura con il collo abbronzato.
Pensavo a tutto questo cercando di sopprimere l'erezione in atto di Lui

Ma non c'era verso, non voleva assolutamente essere dominato. Palpitava nei miei boxer attillati premendo come un forsennato. Avvertito la cappella fuoriuscita dal glande ed un senso di umidità sul ventre.

E così i miei pensieri cambiarono direzione, inoltrandosi in un terreno di sensi da appagare consumando la carne del sesso. Iniziai a riflettere di palpeggiare quel corpo, di prenderlo per le spalle, appoggiando il mio sesso contro il suo culo ed abbracciarlo da dietro facendo scorrere le mie mani nei suoi pantaloncini fino ad afferrare il suo membro. La mia lingua che passeggiava lungo tutto il suo collo strofinando poi il viso sulle guance maschili e virili come supplica per entrare nella sua bocca. Immaginavo di avvertire con il senso del gusto gli umori della sua bocca e gustarmi l'odore della sua eccitazione che fuorisciva dai pori della pelle. Ero cosciente di piacergli molto, forse per lui quello era un periodo di astinenza dal sesso, o magari era semplicemente sempre affamato. Con gli occhi chiusi e Lui che voleva esplodere dal suo guscio sognavo un tempo indecifrato in cui io e Luca iniziavamo nei preliminari eccitanti del sesso, per culminare nella ...

Cazzo, ho gli occhi aperti e sono nel mio letto, a casa mia, fuori è giorno. Mi giro verso la sveglia e sono le sette. Devo sbrigarmi. Alle nove iniziano i corsi. Maledetto, mi fa un male ... è sempre così duro di mattina ... tutte le volte che mi sveglio è la stessa storia ... stamattina sembra più grande del solito e le mie mutandine sono tutte sporche di liquido denso e biancastro. Nonostante abbia sborrato durante il sonno non è ancora appagato. Mi alzo, corro nel bagno, apro l'acqua della doccia e mi ficco sotto.
L'acqua scivola copiosa sul mio corpo, chiudo gli occhi ed appoggio la mia schiena al muro piastrellato della doccia, ho un brivido a causa delle mie natiche che toccano il freddo delle piastrelle, abbasso il viso per osservare il mio cazzo, è sempre duro, così con entrambe le mani lo avvolgo ed inizio a masturbarlo in un frenetico sali scendi. Una delle mani raccoglie la radice cercando di accarezzare i testicoli sodi e gonfi, l'altra scivola in verticale tutta l'asta, gemo al posto suo, divento la sua voce. Abbandono la radice ed inizio a palpeggiare prima il mio ventre piatto e depilato, quindi mi sposto sul culo a cercare il buco che inizio ad accarezzare con le dita. Non sono appagato, voglio dentro le mie dita, prima uno poi faccio spazio ad un secondo dito, tendo di allargare l ano, il cazzo vibra, il buco ha degli spasmi di godimento, mi irrigidisco proiettando i muscoli delle braccia e del petto in un rigonfiamento da allenamento. Irrigidisco la schiena e stringo le natiche per assaporare meglio le dita che scorrono nel buchetto, Lui freme, sento le vene piene di sangue che vibrano all'abbraccio in movimento della mia mano. Ecco ci sono, sta arrivando. Cristo santo è bollente, esce violenta. Estraggo la mano dal buco e la Porto sulla cappella per avvertire la sborra che fuoriesce, ma anche perché voglio assaggiare il mio seme. Ora è nella mia bocca,né ho raccolta tanta ed è densa come una crema, ha un sapore quasi dolce. Sono momenti interminabili di goduria. Mi rilasso finalmente, quasi sfinito per la violenza con cui ho dovuto masturbarlo. Lui non demorde, rimane in uno stato di apparente sonnolenza, pretende di più. Vuole un maschio da amare, desidera una bocca, e tanto altro. Mi dice: devi decidere. Non possiamo a ventuno anni essere ancora vergini. Ed io non gli resisterò ancora a lungo. Sto cedendo. Il pensiero è fisso, puntato al centro del cervello. Mi siedo sul pavimento della doccia, la testa tra le mani e penso :oggi esco ed il primo carino che mi piace me lo scopo. Apro gli occhi e lo osservo, a voce alta dico: va bene, hai vinto. Da oggi si fa a modo tuo.

Questo racconto di è stato letto 1 1 2 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.