Un paziente delle dottoressa Angela - Finale di Champion's; i piedi della moglie del mio migliore amico

Scritto da , il 2017-11-02, genere feticismo

Antonio mi invitò da lui quella sera perché, essendo entrambi tifosi sfegatati dell’Inter, non potevamo non guardare assieme la finalissima di Champion’s. Inter – Bayer di Monaco. Era una calda serata di Maggio di ormai più di 7 anni fa. Eravamo emozionati prima dell’inizio della partita. Dopo esserci accomodati sul suo divano, Antonio accese la tv. Birre sul tavolino da caffè e una bella ciotola di pop-corn. Lo spettacolo stava per avere inizio!
Anna, sua moglie, ciondolava per il salotto. Continuava a lamentarsi. E Antonio si stava un po’ arrabbiando. Voleva solo godersi quella che sarebbe stata la partita più emozionante degli ultimi anni, senza che sua moglie gli rompesse le scatole.
“Dai amore fammi sedere sul divano!” disse lei, mentre in tv i nostri eroi stavano facendo il riscaldamento. Io feci come per alzarmi, per lasciarle il posto, ma Antonio mi bloccò.
“ma che scherzi? No no, stai seduto… Dai viene qui!” disse Antonio, stizzito, ad Anna. Lei si sedette alla mia sinistra, mentre Antonio fu costretto ad alzarsi per lasciarle il posto, e per andare a sedersi sulla bella poltrona di pelle sul fianco sinistro, decisamente più vicina alla televisione rispetto al divano. “Scusa se ti do le spalle!” mi disse. Io ridacchiai, facendogli capire scherzosamente che non era un grande problema non averlo al mio fianco. Anna, dal canto suo, non mostrava alcun segno di rimorso per aver fatto spostare il marito. Non che stesse facendo nulla di male, in realtà. Solo che di solito eravamo abituati a seguire l’Inter solo io e lui, mentre lei, che di calcio non ne capiva un bel niente, se ne stava sempre per i fatti suoi, per lo più al computer.
“Mi fanno male i piedi, amore!” disse lei. Lui nemmeno la ascoltò, sintonizzato sulle parole dei telecronisti. Anna continuava nervosamente a calzare e poi tirare fuori dalle pantofole pelose i suoi bei piedini taglia 37, che parevano curati e anche molto belli. Antonio si alzò nervosamente dalla poltrona, si girò verso di me e mi disse: “manca poco!”. La moglie gli ricordò che le facevano male i piedi, e lui le fece capire che non ci poteva fare niente, anche perché lo aveva di fatto scacciato dal divano! Raggiunse l’interruttore della luce e lo spense, facendo calare il salotto nel buio, illuminato solo dal chiarore del verde prato dello stadio di Madrid, in cui sventolavano un mucchio di bandiere nerazzurre. Si lanciò sulla poltrona e dopo pochi istanti, la partita cominciò.
L’unica cosa a cui pensavo in quei primi minuti di partita era che quei tedeschi stavano giocando meglio di noi, e la cosa mi infastidiva, fin quando non sentii qualcosa di freddo sfiorarmi la coscia. Era Anna. La osservai. La luce della tv illuminava il suo bel viso. Pareva annoiata, ma non staccava gli occhi dalla tv. In pochi istanti mi ritrovai i suoi bellissimi e morbidi piedi sulle cosce. E adesso? Era una cosa normale per lei appoggiare i piedi sulle gambe delle persone che non erano suo marito? E cosa avrebbe pensato di questo Antonio? Se si fosse girato e l’avesse vista?
Anna si era coricata sul divano, con lo sguardo sempre rivolto al televisore, come se nulla fosse. Io invece ero nel panico più totale. Voleva semplicemente distendere le gambe, o si aspettava che le facessi un massaggio? Dopo tutto mi pareva fosse quello che si sarebbe aspettata da suo marito. Cercando di restare calmo, appoggiai una mano sui suoi piedi. Erano freddi ma anche morbidi. La tv li illuminava di un colore azzurro. Iniziai dolcemente ad accarezzarli, come se nulla fosse, poi con più convinzione, fin quando mi convinsi a prendere il destro far le mani, e a fare pressione con il mio pollice sulla sua pianta. Pensai: “e che cavolo! È appena tornata dal lavoro, chissà quanto le fanno male i piedi!”. Notai che, nonostante avesse dovuto tenere addosso per 8 ore le scarpe anti-infortunistiche (Anna lavorava in fabbrica), di quelle che ti spaccano i piedi, i suoi sembrano per nulla stressati, o sciupati, ma freschi come una rosa. Piedi così avrei potuto massaggiarli ore ed ore, senza mai stancarmi.
Mi voltai verso di lei, e rimasi di stucco quando notai che lei aveva fatto la stessa cosa. Mi guardava e sorrideva. Era pazzesco. Le sorrisi, e lei si voltò verso la tv, sempre con il sorrisetto beffardo sulle labbra. Mentre le massaggiavo il piede destro, lei strusciava il sinistro sulle mie cosce, facendomi perdere completamente interesse verso la partita che aspettavo da una vita. Antonio borbottava cose tipo: “Ma l’arbitro cosa è lì a fare?”. “Certo che Sneijder è troppo forte, è da pallone d’oro!”. “Ma cosa avevano in mente quelli del Barcellona quando hanno venduto Eto’o?”. Io facevo delle risatine, per fargli capire che approvavo quello che diceva, mentre la moglie si sdraiava sempre più sul divano, mettendosi in posizione quasi orizzontale. Le mie mani erano passate dal suo piede destro al suo polpaccio sodo (la ragazza aveva giocato a tennis per un breve periodo qualche anno prima) mentre ora il piede sinistro spingeva sulla mia coscia con forza, per aiutarla a trovare la posizione più comoda. Mentre con entrambe le mani le massaggiavo la gamba, il suo piedino si alzò e iniziò a toccare la mia guancia. Lo baciai, d’istinto, e la cosa la fece sorridere. Il sottile rumore dei miei baci era fortunatamente coperto dai cori da stadio e dal volume decisamente troppo alto della tv.
Il suo piede era morbido, bellissimo, leggermente profumato ma non sudato, nonostante fino a pochi minuti prima calzasse pantofole di pelo (e prima ancora quegli scarponi). Sembrava di velluto. Ora le dita del suo piede sinistro erano piantate non più sulla mia coscia, ma proprio sul mio pene. Me lo stava stritolando, ma la cosa non mi dispiaceva. Proprio mentre il suo alluce perfettamente ovale lisciava la mia lingua, notai che si era infilata la mano nei pantaloni. Aveva la bocca aperta e mi fissava, poi sorrise.
Se solo Antonio non fosse stato presente! Lui e quella dannata partita di calcio, di cui ormai non mi importava più niente. Mi sarei spogliato, nudo come un verme, e avrei fatto qualsiasi cosa avesse voluto lei. Se mi avesse ordinato di continuare a massaggiarle e leccarle i piedi, lo avrei fatto per ore ed ore. Se mi avesse chiesto di scoparla, io avrei obbedito. Invece, purtroppo, dovevamo stare attenti a fare silenzio, perché Antonio era a pochi passi da noi. Mentre lei tentava dolcemente di far entrare tutte le dita del suo piede sinistro nella mia bocca, nella mia mente io mi immaginavo come potrebbe essere stata la nostra vita, se lei non fosse stata già sposata con il mio migliore amico…
32 anni, di 2 anni più vecchia di me. Lunghi capelli castani raccolti in una coda di cavallo, occhi scuri come la notte. Avevamo due stipendi (il mio e il suo) non eccezionali ma che ci avrebbero permesso di vivere una vita dignitosa. Avremmo affittato una casetta proprio come quella di Antonio, né troppo grande né troppo piccola. Probabilmente lei avrebbe voluto un gatto! E ogni volta che lei sarebbe tornata stanca dal lavoro in fabbrica, io sarei stato lì, ad aspettarla come un cagnolino, in attesa di prendermi cura dei suoi meravigliosi piedi. In effetti, a pensarci bene, Antonio non se la meritava…
“MA HAI VISTO?”. Antonio si girò di scatto. E di scatto, Anna tolse il piede dalla mia bocca, gettandolo sulle mie gambe. La speranza era che, nell’oscurità, Antonio non notasse i suoi piedi sul mio grembo, e che la luce della tv illuminasse solo il mio volto e niente di più.
“C-cosa?”
“Come cosa? Il calcio di punizione!” disse lui. La telecamera inquadrava il fantasista olandese dell’Inter, mentre dal tono di Antonio capii che di certo non c’era stato un goal, ma solo una bella occasione. “Che sfiga!” dissi. Speravo di averlo convinto che stavo guardando la partita. Lui disse un semplice “Già!” stizzito e si girò verso la tv. Non ebbe quasi tempo di farlo che il piedino sinistro di Anna era già sulla mia faccia, con il suo alluce ed il secondo dito che strizzavano il mio povero (fortunato) naso. Alla mia lingua aspettava un lavoro per nulla ingrato! La pianta del suo piede era morbida e liscia. Ero come ubriacato dalla bellezza dei suoi piedi, e non sapevo per quanto avrei resistito.
Fine primo tempo. L’inter vinceva 1 a 0 e, per quanto non avessi seguito la partita, non potevo non esserne felice. Io e Anna eravamo seduti perfettamente composti uno fianco all’altro quando Antonio si alzò e accese la luce, facendo illuminare il salotto da una graziosa lampada in stile vittoriano. Mi sorrise e chiese alla moglie se non si stesse annoiando. “Prima o poi finirà sta partita!” disse lei. Poi mi disse che, durante l’intervallo, avrebbe fatto una capatina al bagno, per motivi fisiologici. Io annuii. “La birra fa questo effetto!” dissi, e Antonio si allontanò. Quando io e Anna sentimmo il rumore della chiave del bagno alla fine del corridoio, lei mi saltò addosso, feroce. Con la mano, mi tastò in mezzo ai pantaloni.
“Ma a te viene davvero così duro a leccarmi i piedi?”
“Non posso farci niente…” furono le uniche cose sensate che uscirono dalla mia bocca.
“Ma guarda che mi è piaciuto! Ad Antonio dei miei piedi non gliene frega un cazzo, ma a me piace quando me li toccano, me li massaggiano, me li baciano… Prima di Antonio avevo un fidanzato che… Va beh…”
La sua storia sarebbe stata un po’ troppo lunga da raccontare, quindi si fermò. Immagino che prima di Antonio avesse un fidanzato feticista dei piedi. Chissà perché quell’idiota se l’era lasciata scappare!
Mi abbassò la zip dei jeans e mi abbassò i pantaloni, poi fece uscire il mio pene eretto, duro come l’acciaio, dalle mutande. Lo brancò con la mano destra.
“Senti, io amo Antonio; questo tu lo sai!”. Annuii; ero stato il testimone di nozze! “Non c’è nulla di male in quello che sto facendo. Tu sei un amico, lui si fida di te. Ci divertiamo e basta, che male c’è?”. Mi venne da ridere. Il suo essere così libertina non poteva essergli additato come una colpa; di certo dubito che Antonio ne sarebbe stato felice, specialmente dopo una giustificazione del genere: “Che male c’è?”.
“Ascoltami, so che probabilmente preferiresti che ti facessi una sega coi piedi, ma non mi pare il caso! Innanzitutto perché ti sporcheresti i pantaloni (e non solo) e la cosa sarebbe imbarazzante! Non voglio la tua sborra sul pavimento”. Aveva perfettamente ragione. “Conosco un modo veloce e rapido per ringraziarti del tuo massaggio ai miei piedi!”. In un istante, inghiottì tutto il mio lungo cazzo, fin su per la gola, e iniziò a succhiare con una tale foga che sentii aria fredda sulla cappella, come se il mio cazzo fosse finito in mezzo ad un tornado. Con il mio pisello in gola, alzò lo sguardo e mi fissò. Non era una sega coi piedi ma non era certamente una cattiva soluzione! Mentre se ne stava al mio fianco con la testa appoggiata in mezzo alle mie gambe, notai che dietro il suo bel culetto si alzavano due meravigliosi piedi, che arricciavano le dita dalla contentezza. Quella visione fu la ciliegina sulla torta e di colpo, sentii il mio cazzo svuotarsi, come una bottiglia di champagne aperta con largo anticipo, ben prima che l’Inter alzasse al cielo la coppa. Fece una strana smorfia, e capii che lo sperma le era andato di traverso. Ciò nonostante, tirò fuori il mio pisello dalla sua bocca con estrema calma, inghiottì, tossì, e con la maglietta si asciugò la bocca coperta di saliva. Poi mi sorrise.
Facile, veloce e pulito. Nessuna prova, nessuna traccia.
Sentimmo il rumore della serratura del bagno, e ci spaventammo. Lei mi diede una leggera sberla sul pisello, ancora piuttosto voluminoso, per dirmi di nasconderlo nelle mutande. In un batter di ciglio mi alzai sia le mutande che i pantaloni, e l’unica cosa da fare ora era cercare di mascherare il fiatone per la performance precedente. Presi la birra e ne bevvi quasi metà bottiglia. Lei fece lo stesso con la bottiglia di Antonio.
“Hey hey! Mi bevi la birra?”
“se proprio devo rimanere qui a vedere questa stupida partita!”
“Te ne puoi anche andare se vuoi…” Disse lui con poco garbo. Ma lei non voleva andarsene. Non appena Antonio posò il culo sulla poltrona, immersi nell’oscurità e con i tifosi dell’Inter nello stadio a gridare a squarciagola, un piedino malizioso mi solleticò la coscia. La guardai. Il suo sorriso era qualcosa di indescrivibile. Il suo sguardo era dolce ma sensuale allo stesso tempo. Con quell’espressione sul volto, era chiaro cosa volesse dirmi: “Non siamo pari… Sei decisamente in debito con me quindi… Perché ora non ti concentri sull’altro piede?”.
Sorrisi e presi tra le mani quel meraviglioso piedino, che avrei massaggiato con gioia per i prossimi 45 minuti, non curandomi minimamente di Inter-Bayer. Mi ero appena perso la partita più importante dai tempi della finale dei mondiali in Germania, e tutto per colpa di Anna. Ne era valsa la pena? Avvicinai il suo stupendo piede alla mia bocca e lo baciai con tutta la dolcezza del mondo, poi la osservai sorridere. Ne era DECISAMENTE valsa la pena!

Questo racconto di è stato letto 6 6 3 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.