Erotici Racconti

Amore Proibito: nuovi giochi

Scritto da , il 2011-02-19, genere incesti


Amore Proibito: nuovi giochi

CAPITOLO 3

Sara lavorò tutto il giorno come in trance, lo sguardo perduto e un’aria talmente rilassata che una sua collega le chiese cosa avesse. Lei sorrise appena.
- Niente, perché?
- Sembra che tu stia galleggiando su una nuvola rosa! Ti sei innamorata, per caso?
Sara rise, divertita.
- Innamorata? Mah, chissà!
- E lui, chi è? Non è Chris di nuovo, vero?
Lei disse, decisa.
- Non è Chris, puoi giurarci!
- Allora? Lo conosco?
- No, non credo, non è di qui.
- Me lo farai conoscere?
Sara rise ancora di più.
- Nemmeno per sogno! Già ne ho perso uno per avergli fatto conoscere una mia amica!
Risero assieme e finalmente la giornata finì e lei potè tornare a casa, non vedeva l’ora di ritrovare il suo fratellino, di risentire le sue mani su di lei, di baciare la sua bocca avida.
A casa trovò la cena pronta e quando andò in camera a cambiarsi vide che Federico aveva cambiato le lenzuola e ne aveva messe di raso rosa, non le aveva mai vista in casa. C’era anche un vassoio pieno di candele e sorrise, aveva preparato la scenografia per la prossima scena del film che stavano girando! Per un attimo pensò che avrebbero davvero potuto piazzare la telecamera di suo padre, ma poi scartò l’idea, guai se i genitori si fossero accorti di quel loro amore incestuoso e proibito. Dalla camera gridò.
- Sono a casa!
Federico uscì dalla sua stanza e le andò vicino, gli occhi liquidi e la bocca atteggiata al sorriso.
- Mi sei mancata da morire! Non potresti prenderti il resto della settimana di ferie?
Lei gli lanciò un bacio, mentre si chiudeva in bagno.
- No, amore mio, perché c’è in ballo quel viaggio alle Maldive, ricordi? Quindi le ferie me le prenderò dopo, quando mamma e papà saranno tornati.
Lui le disse da dietro la porta, scherzoso.
- Non mi sembra che tu mi abbia convinto a venire con te!
Sara sorrise e si fece la doccia, poi si avvolse i capelli in un asciugamano, si infilò un paio di pantaloni e la giacca della tuta, senza biancheria intima, tanto sapeva che avrebbe dovuto toglierla presto!
Cenarono seduti fianco a fianco, la mano di lui che continuava a toccarla, a sfiorarla, appassionato, fremente.
- Vorrei continuare a toccarti, per sempre! Mi piace la tua pelle, il tuo odore, la consistenza, come se fosse seta e velluto assieme!
Anche lei provava la medesima sensazione e godeva nel contatto continuo. Federico aveva preparato la pastasciutta e poi mangiarono formaggio e dei dolcetti che lui aveva comprato, glieli mise in bocca una ad uno, facendole poi succhiare le sue dita, gli occhi nei suoi. Bevvero del vino rosso frizzante, aromatico e lei cominciò a sentirsi avvolgere da quella strana atmosfera che le aveva fatto aprire i lembi dell’accappatoio e mettere in mostra i suoi seni, più di un mese prima. Federico prese dalla sedia vicina un pacchetto e lo posò davanti a lei.
- E’ un regalo per te.
Lei sorrise, aprendolo velocemente. C’era una scatola di cartone rosso e dentro una collana di grosse perle di vetro, blu intenso, molto lunga. La rigirò, incerta, non era il genere di gioiello che lei usava abitualmente e si chiese come mai Federico non lo sapesse. Lui sorrise.
- Non ti piace?
- Beh…. Sì, grazie, molto bella…..
Federico scoppiò a ridere divertito.
- Ma non te la metterai mai, vero? Lo so benissimo, sorellina, ma non serve a quello che pensi tu! E’ un regalo….. per noi!
- Per noi?
Lo guardava senza capire, rigirando tra le mani la collana.
- Ora sparecchiamo la tavola, mettiamo tutto in ordine e poi ci ritiriamo nella tua stanza, ho già preparato il letto.
- Ho visto, lenzuola di raso! Dove le hai trovate?
- Comprate con i miei risparmi. Le volevo rosse ma non le avevano, ho dovuto accontentarmi di quelle rosa. Su, coraggio, non vedo l’ora di mostrarti a cosa serve la collana!
Un’ora dopo erano sul letto, nudi ed eccitati, le candele accese che davano una luce intima alla stanza. Federico la baciò dolcemente e poi la fece distendere, il raso le procurava sulla pelle dei piacevoli brividi, così liscio e freddo. Il ragazzo prese la collana e gliela fece dondolare davanti agli occhi.
- Vedi? Perle, grosse e fredde. Cosa proveresti se te le passassi, per esempio, qui?
Le fece scendere e fece scorrere i grossi grani duri e freddi lungo il collo, sui seni, avvolgendogliela sopra ai capezzoli, giocherellando sulle sue labbra.
Sara sentì i brividi salirle dal fondo e gemette.
- Una sensazione…. strana!
- Ma piacevole, vero?
Continuò a passargliele voluttuosamente lungo il corpo, fino a che gliele fece dondolare sopra il pube, passare sulle grandi labbra, sfiorare il clitoride e lei gridò, allargando le gambe e arcuando il corpo. Federico tolse la collana e gliela mise sulle labbra, forzandola a metterne in bocca dei grani e poi, così bagnati di saliva, ripercorse tutto il suo corpo, tornando a sfiorare la vagina. Fece e rifece quel percorso fino a che Sara si contorse, gemendo.
- Ti prego, ti prego, sto bruciando!
Lui sorrise appena e le infilò un paio di grani dentro la vagina, spingendo dolcemente; lei sentiva quel corpo estraneo che saliva dentro di lei e sentiva che le pareti le si restringevano, dandole dei sensuali brividi di piacere. Federico glieli sfilò ad uno ad uno e lei gemette di nuovo, allargando al massimo le gambe, cercando sollievo a quel bruciore che sentiva dentro e che non riusciva a sfogare.
- Vieni dentro di me, Federico, vieni subito!
Lui salì su di lei, la collana che continuava a passare sul suo corpo, poi la arrotolò intorno al membro eretto ed entrò in lei, piano piano, assaporando quella vagina fremente che si alzava ad accoglierlo. Quando fu del tutto dentro sciolse la collana e gliela passò sui seni e poi scese ancora, accarezzandole il clitoride, mentre lei dondolava e gemeva, la testa che si muoveva sul cuscino, le mani strette al lenzuolo.
Con gesti lenti Federico le sollevò i glutei e passò la collana tra le natiche, facendola aderire all’ano, facendola scivolare fino a che lei sentì delle scariche elettriche che la trapassavano e allora gridò, alzandosi per accoglierlo il più possibile dentro di sé, quelle perle fredde che la eccitavano e sembravano nascerle in ogni parte del corpo.
Vennero assieme e poi lui rotolò al suo fianco, ansante.
- Allora, piaciuta la collana?
Sara gemette appena.
- Mi hai fatto morire! Sai che una donna può morire di orgasmi?
Lui rise, la collana che dondolava nelle sue mani.
- Davvero?
- Ti giuro! L’ho letto in Internet, se continui a provocare orgasmi in una donna senza mai soddisfarli, la fai morire!
Federico la prese in giro.
- Vuoi dire che io non ti so soddisfare? Che rischi di morire?
Sara gli salì sopra, ridendo.
- Sto dicendo che mi farai morire in ogni modo! Dammi quella collana, voglio proprio vedere cosa si può fare, oltre che farmi morire di orgasmi!
- Mi piacerebbe molto vederti passare da un orgasmo all’altro, senza mai soddisfarti! Deve essere bellissimo stare a guardarti!
Lei divenne seria e gli dondolò la collana sul petto.
- Vuoi davvero provare?
Altrettanto serio lui disse, guardandola dritto negli occhi.
- Sì, voglio provare. Ma ti farò godere prima di farti morire!
Lei sorrise, la collana intrecciata sopra di lui.
- Un giorno o l’altro ti lascerò provare!
Con gesti lenti lasciò scendere le grosse perle sul viso del ragazzo che aprì la bocca e le accolse, sorridendo. Lei le bagnò nella saliva di lui e poi gliele passò sul petto, se le passò sul suo, gli occhi persi, la voce un sussurro.
- Sai, ho letto un libro, tempo fa. Di una prostituta cinese dell’epoca dei Mandarini. Erano rapite da piccole, portate in case apposite dove insegnavano loro a fare all’amore e poi messe in un quartiere dove fuori di ogni porta c’era una lanterna rossa.
Federico seguiva i lenti movimenti di Sara, come ipnotizzato dalla sua voce.
- Il loro unico desiderio era di trovare un uomo potente che le portasse nella sua casa come concubine e per questo dovevano essere brave, molto, molto brave. Solo allora un uomo, uscendo , avrebbe spento la lanterna rossa, indicando che quella donna non sarebbe stata più di tutti ma solo sua.
Languidamente Sara si era girata, il pube setoso che dondolava sopra al viso di Federico che poteva vedere la fessura rosea della vagina e le natiche tonde e invitanti. Lui alzò le mani e le massaggiò l’ano, avrebbe voluto entrare, farsi strada magari a forza, ma si trattenne, accontentandosi di passare le dita sulla vagina, spandendo il suo umore, entrando appena e uscendo, con un dito, con due, con tre, allargandola, rendendola viva e vibrante. Lei intanto si era chinata ancora di più, passandogli la collana intorno al pene eretto, leccandola e poi facendola sfilare, perla dopo perla, dandogli una eccitazione che lo faceva tremare. Sara abbassò ancora di più il bacino e lui potè passare la lingua sulla fessura bagnata, infilarla, succhiarla, mordendole leggermente le grandi labbra, il clitoride.
Sara gli fece sollevare la gambe e con la mano gli raggiunse l’ano, massaggiandolo, umettandosi le dita e poi passandogliele con cura, mentre lui si beava gustando la sua vagina, profumata e saporosa come un frutto maturo.
All’improvviso lei gli infilò le perle della collana nell’ano e lui sobbalzò appena. Sara gli agitò il sedere sul viso, invitante.
- Non ti piace più leccarmi?
- Da morire! Ma cosa stai facendo?
- La puttana cinese. Spero che, dopo, spegnerai la mia lanterna rossa e mi porterai via con te come la tua concubina, per sempre!
Federico rise e la attirò a sé, la lingua che la bagnava, la succhiava, le labbra che la gustavano e la sentivano vivere sotto alle sue papille, sapeva che stava per venire e anche lui si sentiva eccitato, anche se non ancora al massimo. Lasciò che lei gli infilasse le perle nell’ano, una ad una, era come avere delle supposte, pensò divertito.
Poi lei cominciò a succhiargli il pene e Federico si sentì tremare. La lingua di Sara saettava intorno al membro, lo prendeva in bocca, lo succhiava, lo mordicchiava e lui gemette, non gli bastava più leccare quella vagina morbida, doveva trovare uno sfogo. Le allargò le natiche e le infilò la lingua nell’ano e lei gemette di piacere, le ultime perle che si infilavano in quello di lui. Poi si dondolò lentamente, facendogli muovere la testa per seguire il suo corpo e sussurrò.
- Sei pronto a spegnere la mia lanterna?
Lui mugolò una risposta, non capiva cos’altro avrebbe potuto fare più di così, già si sentiva eccitato e teso come una corda di violino. Il primo piccolo movimento gli fece scoppiare delle scintille dietro gli occhi e rimase immobile, le mani artigliate sulle natiche rosate di Sara.
- Cosa…. cosa accidenti stai facendo?
Lei succhiò avidamente il suo pene e di nuovo quel piccolo movimento che lo fece quasi gridare, l’orgasmo che lo percorreva come una scarica. Poi capì, Sara stava facendo uscire le perle dal suo ano, una ad una, come sturando una bottiglia di champagne. Il piccolo flop delle perle gli dava una tale eccitazione che si sentì quasi svenire, le lacrime agli occhi, la bocca asciutta. Mormorò.
- Sto morendo!
Lei rise, togliendo un’altra perla e facendolo gemere, il corpo in fiamme, il membro che sembrava scoppiare. Gli dondolò davanti la fessura rosea e lui la prese e la morse, la rabbia che si mischiava al piacere, il non poter accelerare quella fuoruscita torturante che lo faceva quasi piangere. Sara ignorò i suoi gesti e continuò, lenta, una perla dietro l’altra, mentre Federico gridava, le mani ad artiglio su di lei, le gambe allargate che cercavano sollievo, il pene che gli diventava rovente, infuocato. Quando lo vide pronto come desiderava, cambiò posizione e salì sopra di lui, il viso arrossato e ridente che lo guardava, divertita.
- Pronto al gran finale? Mille fuochi d’artificio?
Lui gemette, era senza fiato, il corpo tremante. Sara si infilò su di lui, accomodandosi con calma, sedendosi quasi su di lui e poi tolse con estrema lentezza gli ultimi grani della collana e lui sentì che tutto girava intorno, che il suo pene scoppiava e il sangue gli schizzava fuori dalle orbite; gridò e gridò, la bocca spalancata, le mani che cercavano di prendere la ragazza che danzava sopra di lui, il fuoco che gli ardeva dentro e che sembrava non spegnersi mai. Sentì il suo fluido uscire a getto violento, bruciante e lei continuò ad entrare ed uscire su di lui, la collana che ora gli penzolava davanti agli occhi come una presa in giro. Federico rantolò quasi, il respiro che gli usciva in un sibilo, la forza che gli si spegneva tra le gambe, il bruciore che si calmava e finalmente si lasciò andare all’indietro, le braccia spalancate, Sara ancora su di lui che si muoveva dolcemente spandendo il suo seme e l’umore della sua vagina su di lui, come un brodo primordiale da cui sarebbe nata la vita futura.
Quando si distese di fianco a lui e gli baciò leggera le labbra, lui mormorò, tenendo gli occhi chiusi.
- Spegnerò la tua lanterna rossa e sarai la mia concubina, per sempre!
Lei rise, passandogli la collana sul collo, sul petto.
- Allora è proprio vero che è così forte!
- Di più. Molto, molto di più di quello che immagini!
Rimasero distesi l’uno accanto all’altra, i corpi che riprendevano forze, i respiri affiatati e poi Federico si sollevò con un gemito e rotolò su di lei, coprendola come una coperta, aderendo a lei completamente, il viso a pochi centimetri dal suo.
- Tu non farai una cosa simile con nessun altro, chiaro?
Lei annuì, seria.
- Con nessun altro, mai.
- Giuralo!
- Te lo giuro.
Lui sospirò e posò il viso sulla sua guancia, sentiva i suoi seni che lo premevano, i peli del pube che lo solleticavano ma era talmente esausto che non sarebbe riuscito a ridare forza al suo membro nemmeno se fosse stato questione di vita o di morte! Disse, accarezzandola teneramente.
- Questa tua performance merita un dieci e lode! E per premio ti farò morire di orgasmi, senza darti soddisfazione!
Lei sorrise e lo baciò sugli occhi, sulle labbra, sfiorandolo con la lingua rosea.
- Provaci!
Federico gemette e si rotolò giù dal letto.
- Davvero lo vuoi? Guarda che davvero sarà senza soddisfazione per te, il mio cazzo non è capace di risollevarsi nemmeno se avessi Amanda Lear nuda qui davanti!
Sara si accomodò sul letto con un mezzo sospiro.
- Va bene, vediamo di cosa sei capace! Vorrà dire che se mi sento morire, ti dirò di fermarti, OK?
- Va bene, basta solo che tu sappia che non potrò farti niente.
Lei chiese, sorniona.
- Nemmeno con le dita?
Federico sorrise a sua volta, acido.
- Me ne guarderò bene, viziosa! Starò a guardarti passare da un orgasmo all’altro senza mai farti raggiungere la soddisfazione completa, fino a che chiederai pietà!
Si alzò e disse, perentorio.
- Vieni con me.
Sara lo seguì in cucina, dove il ragazzo liberò il tavolo e poi glielo indicò.
- Distenditi lì sopra e piega le gambe, allargandole il più possibile. Con le mani ti terrai dietro la testa, sul bordo del tavolo, chiaro?
Lei ubbidì, ridendo.
- Cosa vuoi fare, cucinarmi?
- Vedremo, vedremo.
Quando Sara fu in posizione con le gambe piegate ed allargate come per una visita ginecologica, come disse ridendo e le braccia sopra la testa a tenere il bordo del tavolo, Federico si chinò su di lei e cominciò a passarle un dito sulle grandi labbra, sfiorando appena la vagina.
- Eccoti qui, bel buchino roseo. Che però ha bisogno di qualcosa di grande e duro per godere, dico bene?
Le infilò un dito e lo girò, mentre lei faceva un gridolino.
- Ma non basta un dito, vero? Forse ci vuole qualcosa di più….
Con una mano il ragazzo prese una matita che si era portato dalla camera e cominciò a girargliela dentro, sinuoso, un po’ più a fondo, un po’ più fuori, la punta che la solleticava.
La voce era bassa, morbida, si era seduto davanti a lei e la solleticava, scherzava con lei.
. Neanche questa ti basta, vero?
Lei fece di no con la testa, i seni che cominciavano ad alzarsi ed abbassarsi nel respiro che si faceva teso.
Federico prese un mestolo di legno e giocherellò con quello dentro e fuori la sua vagina, spingendo a fondo ma non troppo.
- Ti basta questo per raggiungere il punto più fondo del piacere?
Lei fece di no con la testa e allora il ragazzo aprì il frigo e prese una bottiglietta d’acqua gelata e gliela spinse dentro fin quasi a metà, mentre lei boccheggiava e si agitava.
- Comincia ad essere la cosa giusta?
Lei mormorò.
- Non lo so, è fredda!
- Oh, lo so che è fredda! Ma la misura è quella giusta? Senti, la spingo, arriva dove vuoi tu?
Lei fece di no con la testa, gli occhi pieni di lacrime.
- No, no, non arriva!
- Vediamo cos’altro possiamo trovare!
Sara lo sentì armeggiare e poi qualcosa di ruvido e grosso si insinuò in lei, si spinse a fondo, la vagina che si chiudeva intorno, lo risucchiava. Federico girò con calma l’impugnatura della racchetta da tennis e chiese.
- Forse questa è la misura giusta?
Sara annuì, ondate di orgasmi le stavano nascendo dal profondo e quell’oggetto ruvido e duro le dava una eccitazione fantastica.
- Sì, questo va bene! Ancora, ancora, non ti fermare!
Lui proseguì alcuni minuti, fino a che la vide arcuare il corpo e allora uscì di scatto, lasciandola tremante.
- Non sei venuta, vero?
Lei negò, il corpo in fiamme.
- No, non ne ho avuto il tempo!
- Allora ricominciamo, che ne dici?
Mentre lei gemeva, Federico riprese ad infilarle la matita e poi il mestolo, fino ad arrivare alla racchetta e a farla di nuovo arrivare al culmine per poi uscire e lasciarla esausta, il corpo in fiamme.
- Basta, Federico, sto impazzendo! Fai qualcosa o lo farò da sola!
Lui rise, baciandola dolcemente sulla vagina rovente.
- Oh no, non è permesso! Ancora un volta, bellissima concubina! Ora cambiamo tattica!
Aveva portato il grosso pennello da trucco e con quello cominciò a passarle sul corpo, soffermandosi sui seni, sulle labbra, sul viso, scendendo lungo il ventre e raggiungendo la vagina, solleticandola fino a farla gridare. Si infilò di colpo col pennello, ruotandolo dentro di lei, mentre Sara gridava, le anche che si sollevavano, le gambe che si allargavano e di colpo lui uscì di nuovo, guardandola tremare con un sorriso.
- Come va?
Lei sussurrò.
- Sto per morire!
- Non è vero, ma è delizioso guardarti! Andiamo avanti?
- No, no, ti prego!
Ma già lui non l’ascoltava più. Le infilò di nuovo il pennello nella vagina, lo mosse su e giù, lo ruotò e lei gridò, le mani che tiravano sul tavolo, le gambe che fremevano. Quando Federico si accorse che era sul punto dell’orgasmo uscì, lasciandola calmarsi un poco e poi riprese con la collana e continuò così, alternando la collana al pennello all’impugnatura della racchetta da tennis, fino a che lei divenne un ammasso gemente e tremante, le gambe che oscillavano, le lacrime che le scendevano sulle guance e allora lasciò che l’orgasmo le venisse, agitando dentro di lei la racchetta da tennis e all’ultimo minuto sostituendola con le sue dita, premendo a fondo, il più a fondo che poteva entrare e godendo di quel calore che gli scendeva lungo la mano e il polso, su per il braccio, mentre lei gemeva e si contorceva, finalmente appagata, finalmente liberata da quel dolore-piacere che albergava dentro di lei e che non aveva potuto uscire fino a quel momento. Federico rimase con quasi tutta la mano dentro di lei fino a che la sentì raffreddarsi lentamente e allora uscì e le massaggiò le grandi labbra, il clitoride, le passò il suo umore sui seni e glieli baciò, facendole fare dei piccoli gemiti di piacere. Poi la baciò profondamente, la lingua che esplorava la sua bocca, sembrava volerle succhiare l’anima.
- Come è andata?
Lei mormorò.
- Puoi spegnere la tua lanterna rossa, sarai il mio concubino per sempre!
Lui rise, la prese tra le braccia e la portò a letto, adagiandola teneramente. Lei sussurrò, senza aprire gli occhi.
- Sarà meglio che metti a posto la cucina, e senza lasciare tracce!
- Non preoccuparti. Dormi ora, devi riposare.
Lei annuì e si rannicchiò tra le lenzuola di raso, la mente svuotata, il corpo bruciante che a poco a poco si rilassava. Federico rimise a posto la cucina e poi si distese accanto a lei, prendendola tra le braccia e tenendola stretta dolcemente, non si sarebbero lasciati mai più, giurò a sé stesso. Non aveva ancora chiaro il come avrebbero potuto fare, ma ne era certo, si sarebbero amati per sempre.


Questo racconto di è stato letto 9 2 2 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.