Un nipote un po' curioso

Scritto da , il 2017-08-28, genere incesti

Jonathan non poteva credere ai propri occhi: si trovava lì, fuori da quella finestra a sbirciare tra le fessure della persiana mentre sua zia Jennifer veniva scopata dal proprio marito. Quei gemiti, il rumore dei corpi che sbattevano l'uno contro l'altro, le parole volgari sussurrate durante l'atto lo inebriavano, gli procuravano un brivido alle parti intime che da poco aveva cominciato a capire. Nonostante i 18 anni, era un ragazzo tardivo, non aveva avuto esperienze con le donne perché apparentemente non gli interessavano. Ma il filo di gambe della zia, una bellissima quarantaseienne in forma, dalla corporatura soda e una pelle abbronzata magnifica, tutto questo gli mandava gli ormoni in subbuglio. Di fronte a quella scena sentì l'esigenza di strusciare il pacco nella tuta contro il muro sottostante la finestra; sentiva la naturale esigenza di infilarlo in qualche cosa, quella esigenza che prende normalmente i ragazzi nella prima adolescenza. Se lo tirò fuori e cominciò a masturbarsi: la sua mente era concentrata su quel corpo armonico e sensuale, non poteva staccarsene, sentiva i ritmi e il respiro della zia aumentare d'intensità, fino a che con un urlo liberatorio furono tutti e tre soddisfatti.
Jonathan si recò in cucina per il pranzo; la zia indossava un vestitino nero di pizzo lungo fino a poco sopra le ginocchia, mentre i ricami lasciavano intravedere pezzi di pelle a fiore. Jennifer si accorse di essere guardata e che negli occhi del nipote l'innocenza era scomparsa. Gli disse:
"Cosa c'è, bello di zia? Mi sembri stanco. Non hai dormito?"
"È proprio così. Una nottataccia!"
"Vieni dalla zia ché ti coccolo un po'."
Jonathan si fiondò ad abbracciare la zia e immerse la guancia sul suo petto prorompente. Rimasero così per qualche secondo finché il rumore del sugo di pomodoro che bolliva li fece trasalire. Jennifer lo provocò:
"Lasciami ché una brava mogliettina non fa solo coccole. Un marito vuole anche essere servito e riverito. Vero, maritino mio?".
A queste parole Jonathan perse la testa. L'aveva chiamato 'maritino' e questo appellativo lo faceva sentire l'uomo di casa, quello che comanda, ha potere e scopa la propria donna quando vuole, che scopa Jennifer! La donna si avvicinò alla pentola e spense il fuoco, girando con un mestolo. Era di spalle e lo informò:
"Dovrò mettere da parte un po' di sugo per tuo zio. È dovuto correre via per un turno improvviso di lavoro. Tornerà molto tardi e mi dispiace non possa essere con noi".
Nella sua mente, il giovane aveva già mille fantasie e il sudore per l'eccitazione iniziò a colargli; si tolse la maglietta e la strinse in una mano, si avvicinò alla zia e a pochi centimetri dal suo collo lasciò che l'indumento le cadesse sui piedi. Zia Jennifer fu molto sorpresa e il nipote aggiunse:
"Gli conservi anche il sugo a quello stronzo? Vuoi che lo ammazzo?"
Jennifer si voltò di scatto con un finto sguardo di terrore:
"Jonathan, così mi spaventi. Perché sei così geloso?"
"Perché qui comando io adesso, sono io il tuo maritino."
"Un maritino un po' disordinato. Sei come tutti gli altri. Raccogli subito la maglia!"
Jonathan si chinò e la scostò dai piedi della zia, le cui dita venivano fatte muovere di proposito per attirare l'attenzione del ragazzo.
"Leccali", disse Jennifer.
Jonathan, a quella richiesta, rimase interdetto. La zietta, per provocarlo:
"Hai paura? Tuo zio sarà anche stronzo ma come lecca lui i piedi..."
Jonathan, sentendo ciò, si imbestialì e afferrò con una mano il piccolo e leggero piedino di sua zia, adornato di un sottile strato di smalto rosso con una cavigliera di swarowski. Glielo leccò con la punta della lingua partendo dal tallone fino all'alluce. Mai avrebbe pensato che di una donna lo avrebbe eccitato anche il piede. Con l'altra mano prese a segarsi e la zia si burlò di lui:
"Ma come? Ancora stai a farti le seghe? Un uomo vero le donne le scopa se ne ha l'occasione. Vergognati! Tuo zio sarà anche stronzo ma mi scopa a dovere!".
Per vendetta, Jonathan si alzò e le rispose così:
"Beh, tanto tempo a cucinare e stiamo sprecando l'ora di pranzo per fare ben altro. Infila il dito nel sugo e spargitelo sui capezzoli, sulle tette, sul collo, ovunque!"
"Ma Jonathan, sarà ancora caldo!"
"Ti ho detto di farlo. Hai capito, zoccoletta?"
, mentre le stringeva forte le guance.
Jennifer annuì e fece come gli era stato comandato. Si cosparse di pomodoro mentre il ragazzo la osservava ridacchiando. Appena abbassò la mano, Jonathan cominciò a leccare tutto via, concentrandosi sui capezzoli turgidi e pulsanti di quel magnifico seno che amava stringere. Le ordinò di farlo ancora due volte e ancora due volte leccò tutto via. Con forza le spinse le spalle verso il basso e la fece inginocchiare. Tirò fuori il membro e Jennifer iniziò a leccargli le palle lentamente, per poi risalire lungo l'asta fino al glande scappellato. In un attimo le fu tutto in gola. Gli affondi erano lunghi, intensi ed estremamente piacevoli. La pressione esercitata dalla bocca tiepida della zia, gli procurarono un senso di estasi. A un certo punto Jennifer tirò lentamente fuori il pene e vi soffiò sopra. Il contrasto tra il caldo lasciato dalla bocca e il freddo del fiato, fecero sì che Jonathan si perdesse nel godimento, tirando indietro gli occhi per qualche secondo. Quando fu ben lubrificato, lei lo implorò:
"Scopami qui, sul piano cucina".
Ridendo, Jonathan:
"Qui sono io che decido. Ti scopo sul letto dello stronzo. Corri e mettiti a pecora sul materasso".
Jennifer corse subito e il giovane la seguì a distanza. La trovò in posizione sul letto con un dito in bocca, con la testa voltata verso lui e con la vagina già visibilmente bagnata per gli umori. Jonathan si avvicinò e le mise le braccia sotto le gambe e le riportò indietro per stringerle le chiappe con le mani. La sollevò e le divaricò le cosce fiondandosi con la lingua sulla 'figa' di zia Jennifer. Dopo poco la adagiò sul letto e si stese su di lei baciandole la parte alta della schiena e strusciandole il 'cazzo' tra le gambe. Con forza gliele allargò e fu dentro. Mantenne gli occhi chiusi per tutto il tempo della penetrazione. Era alle prime armi ma il suo ritmo risultava deciso e lento, profondo e assestato. Si lasciò allietare e abbracciare dal caldo umido della vagina di Jennifer, gustando con diritto ogni volta che la pelle del suo pene sfregava le pareti del paradiso di sua zia. A un certo punto il ritmo aumentò e il respiro si fece insistente. Con un urlo liberatorio, prolungato e decrescente fece esplodere il proprio picco di piacere. Aprì gli occhi e sua zia era lì distesa, con suo marito che ancora la copriva sudato e ansimante. Guardò il muro sotto la finestra ed era inondato di colante sperma. L'immaginazione fervida gli aveva donato bei momenti di piacere.

Questo racconto di è stato letto 1 6 5 8 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.