Le solite storie

Scritto da , il 2011-01-27, genere etero

Prima di sposarci, quando eravamo ancora fidanzati, io ed Elena passavamo interi pomeriggi domenicali a letto.
Lei lavorava in un’agenzia di viaggi anche di domenica mattina ed io in una ditta di manutenzione e viaggiavo molto. Il tempo per stare insieme era poco, e dopo un semplice pranzo domenicale preparato da me, ci mettevamo a letto, guardavamo la Tv o un film e se non crollavamo dal sonno ci scappava una sana e terapeutica scopata.
Alle volte ad accendere la nostra passione erano i racconti che ci facevamo reciprocamente sulle nostre esperienze, o su fatti capitati per caso: di quando lei entrando nella stanzetta della fotocopiatrice sorprese la collega inginocchiata davanti al fattorino del pony express, o quando io, da ragazzino con gli amici ci scopavamo a turno le figlie dei clienti nel magazzino del baretto in spiaggia.
Capitò così che Elena, forse per uno slancio di generosa porcaggine, mi raccontò della visita medica che fece dal medico sportivo quando a 16 anni militava nella squadra di pallavolo.
Forse approfittando del fatto che è sempre stata introversa e poco incline a ribattere immediatamente alle persone, questo medico, un giovane a suo dire simpatico, ma non bello, la fece spogliare completamente e dopo averla pesata e misurata le fece fare delle flessioni. Dal suo imbarazzo a chinarsi davanti a lui, risultò che Elena non si era ancora mai spogliata davanti ad un uomo.
Il paraculo le chiese se si masturbava e al suo diniego affermò (!!!) - come faccio a visitarti e tastare le ovaie se sei vergine? -
A questo punto la credibilità del racconto mi parve fortemente incrinata, ma pensai, lasciamola raccontare.
- Che scema che sono stata, avrei dovuto chiamare l’allenatrice, oppure dire che non volevo farlo, ma lui diceva che non poteva firmare la visita se non controllava tutto -
- e allora ? - faccio io eccitato.
- mi fa mettere a pancia sotto e si mette i guanti e la crema e mi mette un dito dentro, di dietro e poi con l’altra mano mi tasta sotto la pancia e fa “sì, sì, tutto bene” però continuava a muovere il dito, ma dico che bisogno c’era se andava tutto bene ? -
Io intanto mi scappello e la abbraccio premuroso,
- che porco! E poi? -
- ma niente, finisce la visita, ma poi chiedo alle altre come è andata la loro visita, ma nessuna mi conferma il controllo ginecologico -
- mi sa che ti sei fatta fregare -
- bèh, non ci crederai, alla fine dell’anno, dopo più di 6 mesi, lo rivedo in discoteca con la fidanzata, allora mi avvicino e gli faccio un cenno, prima sembra che non mi riconosce, poi si avvicina e mi fa “tutto bene?” “no, dico, mi sa che hai combinato un guaio, dovrò andare da un dottore vero a raccontare tutto” - gli faccio
- ma no, ma no, ti spiego, aspetta vieni fuori che parliamo -
Così lo seguo fuori, in macchina, mentre la fidanzata lo aspetta che balla in pista e mi sa che non si accorge che lui esce.
Gli dico - sai che ho da poco 17 anni? Mi sa chi mi hai rovinato, adesso ho un blocco coi ragazzi, ho paura che sono tutti stronzi come te. -
- ma guarda, dice, che è tutto nella tua testa, dovresti essere contenta, la consapevolezza di se, del proprio corpo, passa per la scoperta, l’esplorazione e la sperimentazione ecc ecc …e tutte ste cazzate che non mi facevano mica effetto, però ero un po’ confusa. Oh mi ascolti ? -
Io strusciavo la cappella umida sulle sue cosce e cercavo di restare serio e preoccupato; un po’ preoccupato lo ero, però.
- no, dico, così quello mi dice, guarda, con la mia ragazza abbiamo affrontato la cosa con la fiducia e il dialogo, lei mi racconta le sue paure, le sue sensazioni, i suoi desideri e io cerco di assecondarla e di affrontare con lei le cose nuove che scopriamo, questo ci arricchisce -  
- bèh, non è che mi ricordo tuttotutto quello che dice, però era simpatico -
- E ti ha toccata ? -
- che palle, ma c’hai una fissa? È che era così carino. Apre il cruscotto per farmi vedere delle foto con la ragazza, non quella là, un’altra. E vedo che c’ha i guanti e la crema nel cassetto, allora lo blocco “e questi?”….. dovevi vedere la faccia, “sì, tu mi sa che sei un porco, un pervertito” -
- e sei andata via…-
- perché ? non facevamo niente di male, ma aspetta, quello...tranquillo !!! mi mette sotto il naso una foto con lui che mette tre dita nel buco, sì, nel sedere di una, forse quella di qui, o non so se era la stessa… e mi sorride e dice “vedi, che ti credi, se si è affiatati ed eccitati si può fare, con delicatezza” -
- accidenti, ma scherzi ? ma non è che poi ci ha provato ? -
- senti perché non dormiamo? Mi sa che ti sei messo in testa idee sbagliate. dai, avevo 17 anni, che credi?? E poi è strano che ti ecciti con ‘ste storie, non so se mi và di raccontartele più -
Io chiudo gli occhi e faccio per  dormire, ma lei si avvicina e mi pare che si struscia contro di me. I suoi capelli sono profumati e la pelle sa di sale e canfora, e rosmarino, o forse sono le candele sul davanzale.
Le accarezzo le spalle, i fianchi ed i glutei, respira piano, ma non può essersi addormentata così presto, le sfioro la pelle con le labbra e scendo lungo la linea della schiena fino al solco del sedere. Con la mano le tocco la fica ed è eccitata, l’accarezzo e le apro le labbra, è bagnata, la mia bocca bacia la pelle, sempre più vicino al buchetto, si appoggiano sopra e la lingua lo aprono piano.
Com’è morbido, elastico, liscio e accogliente, guizzo dentro e lo lecco, lecco ancora e la spingo più giù. Lei geme, le infilo due dita nella fica e tocco il grilletto. È in estasi, ho il tempo di guardare il suo ano, rosso, insolitamente elastico e grosso, tumefatto, sembra ferito, le infilo due dita nel culo e le apro, le muovo e scopro che si apre di più.
Non ho più remore, con due mani le allargo le chiappe, sputo dentro, prendo saliva e sputo ancora in quel culo invitante, mi metto sopra di lei e la penetro con un’unica spinta. La inculo, e sono così eccitato che godo quasi subito, lei mi asseconda, eccitata, grida da matti - dai, dai - e gode con un urlo mentre le sborro dentro.
Mentre crollo su di lei, sudato e appagato, non sono più tanto sicuro che quella storia sia successa tanti anni fa.

Questo racconto di è stato letto 4 1 6 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.