Erotici Racconti

Quelle unghie laccate di rosa (cap.2 di 2)

Scritto da , il 2011-01-12, genere trio

Arrivai ad avere la certezza che le mie supposizioni fossero corrette, e che lei non sapesse della mia presenza, quando si sdraiò nuovamente e si unse di olio il ventre ed i seni.
Si cosparse abbondantemente del liquido, appoggiò la bottiglietta su un basso tavolino di bambù lì vicino, e continuò a massaggiarsi, sempre più languidamente, sempre più deliziosamente, riempiendo la mia vista del suo corpo che lei stessa stava eccitando, come i turgidi capezzoli, che vedevo ergersi maliziosi dalle tette, stavano a testimoniare.

Le mani, dalle dita affusolate e cariche d’anelli, si chiudevano a coppa sui seni, spingendoli verso l’alto, accostandoli l’uno all’altro, pizzicando i capezzoli eretti.
Poi una mano scendeva lungo la pelle della pancia e pigramente si avventurava sulle cosce, risaliva a sfiorare i curatissimi peli del pube, e tornava ad impossessarsi della tetta che aveva lasciato.
Quando si spinse un seno verso la bocca, e la lingua guizzò rapida a leccare il capezzolo, avevo già il cazzo duro come il marmo e che mi premeva nei pantaloni della tuta da lavoro che indossavo.

Questo suo lento carezzarsi andò avanti per un tempo che mi parve infinito.
La ragazza si esplorò ogni centimetro del corpo, eccitandosi sempre di più al contatto delle sue mani con la pelle surriscaldata, pelle che immaginavo liscia e morbida come la seta.
Il seno, i fianchi, l’interno delle cosce, le gambe: nessuna parte del corpo sfuggì alle sue esperte carezze.
Ero eccitato come non mai e aspettavo, ormai impaziente, che quelle mani si dedicassero alla fica, penetrandola, che le dita giocassero con il clitoride, e che strappassero gemiti di piacere alla bocca di quella splendida creatura.
Ed infatti, dopo ancora qualche minuto, la ragazza si mise ancora più comoda sul lettino, allargò le gambe e si portò una mano alla fica.

Potete immaginare lo stato in cui mi trovavo.
Mai, nemmeno nelle più rosee fantasie adolescenziali, mi era successo di pensare ad una situazione simile.
Avevo sognato grandi scopate, improbabili storie d’amore con donne bellissime ed affascinanti… insomma, tutto il campionario che, in tema di sesso, un ragazzo di paese, neanche particolarmente bello, era solito fare.
Ed ora, una donna favolosa si masturbava davanti ai miei occhi, offrendo ogni dettaglio, ogni particolare del suo corpo al mio sguardo vorace.
Quella sera avrei fatto morire tutti al bar del paese...

Stando sempre attento a non farmi scoprire, con una mano mi abbassai i pantaloni e i boxer, e con l’altra impugnai il cazzo: sarei venuto insieme a lei, spiandola eccitato mentre si masturbava.
Nelle fantasie erotiche in cui ci si crogiolava con gli amici, una tra le più gettonate era proprio quella di vedere una donna che si masturbava, che si penetrava, che si tormentava il clitoride, mentre gli umori che fuoriuscivano dalla fica le bagnavano la mano…
Era incredibile, ma il sogno, per me, stava per realizzarsi veramente.

Strinsi la mano sul cazzo congestionato, iniziando a masturbarmi, anche se con molta attenzione perché sentivo che non sarei riuscito a controllarmi a lungo, e un’eiaculazione troppo ravvicinata avrebbe irreparabilmente rovinato quella fantastica tensione erotica che mi pervadeva.
Ma un movimento, che colsi con la coda dell’occhio, mi riportò bruscamente alla realtà, costringendomi a rivestirmi in tutta fretta,

Proprio nel momento in cui la ragazza si era infilata due dita nella fica, proiettandosi verso l’orgasmo, le gambe completamente divaricate, i piedi puntati sul materassino azzurro, ormai pronta a perdersi nel suo mondo di libidine, da una delle portefinestre del salone della villa erano usciti due uomini che, lentamente, si stavano dirigendo verso di lei.

I due, entrambi in costume, si avvicinarono al lettino, gli occhi fissi sulla bionda che si stava masturbando.
Uno era sui ventisei, ventisette anni; anche se non altissimo, aveva un fisico asciutto e discretamente muscoloso. Chiaro di pelle, portava lunghi capelli neri sciolti sulle spalle. Un bel ragazzo, senza alcuna ombra di dubbio.
L’altro, di una decina di anni più grande, un uomo alto e dal corpo scolpito da lunghe ore di palestra, era un nero, completamente rasato, con un orecchino d’oro che spiccava sulla sua pelle scurissima.

La certezza che la ragazza avrebbe smesso di masturbarsi, infastidita dall’arrivo dei due, e che non accadesse più nulla di interessante, privandomi di quello a cui avevo fatto la bocca, si dissolse come neve al sole in pochissimi istanti.
A gambe spalancate, una mano a stringersi un seno, l’altra ancora sulla fica, la ragazza guardava insistentemente i nuovi arrivati, offrendosi a loro invitante, e sollecitando in modo esplicito le attenzioni dei due uomini.
Il quadro era completamente cambiato.
Non avrei più assistito a lei che si dava il piacere, che si masturbava fino a raggiungere l’orgasmo, facendo godere, inconsapevolmente, anche me:  ora stava per iniziare tutta un’altra storia, e la punta di delusione che avevo provato un attimo prima scomparve al solo pensiero di quello che i due le avrebbero fatto.
E infatti i due uomini, con rapidi movimenti, si sfilarono i costumi, mostrando alla ragazza, e a me che li stavo osservando, due cazzi superbi e già in completa erezione.
Quello del ragazzo di colore, poi, era un qualcosa di veramente fuori del comune: sicuramente più lungo della media, lievemente arcuato verso l’alto, era un palo nero duro e svettante, un richiamo assolutamente irresistibile per le donne che avevano la fortuna di riuscire a fare una conoscenza ravvicinata con quel cazzo.

La bionda sirena (per me era una sirena, tanto la vedevo bella) continuò a masturbarsi ancora per un po’, ma più lentamente, quasi più per eccitare i due uomini che non se stessa, gli occhi fissi, però, sui due cazzi che aveva davanti.
Quindi, con un unico e fluido movimento, si mise a sedere sul lettino, li impugnò uno per mano, ed iniziò ad accarezzarli.
Dall’angolo buio in cui mi ero rintanato, vidi le sue splendide mani scivolare su quelle due aste turgide; sul cazzo del ragazzo di colore, le unghie laccate di rosa della ragazza risaltavano in modo eccezionale.
Mi abbassai nuovamente i pantaloni ed i boxer e presi a far scorrere la mano sul cazzo, duro e teso come non mai.
La situazione si stava facendo sempre più eccitante, e la sega che mi sarei fatto sarebbe rimasta negli annali dei miei ricordi.
Certo, avrei preferito, e anche di molto, essere al posto di uno di quei due, e di ricevere io le attenzioni della ragazza; ma, vista la situazione, non è che potessi pretendere la luna.
Mi sarei accontentato di quello che il destino mi aveva riservato.
In definitiva, meglio fare il guardone che nulla.
Insomma, avrei appagato la mia libidine con una sega, e sentivo che sarei venuto come poche volte mi era capitato nella vita.

Osservavo quelle mani diaboliche scappellare, stringere, scivolare, palpare: di sicuro io non avrei resistito a lungo, come invece vedevo i due uomini riuscivano a fare.
Mi vennero in mente tutte quelle chiacchiere e quelle dicerie che si facevano al bar, e mi convinsi che i due, essendo con ogni probabilità attori di film hard, fossero ben allenati a ritardare l’orgasmo, e a trattenere l’eiaculazione oltre il tempo che normalmente un uomo riesce a trattenerla.

La bionda continuò a masturbarli a lungo, con carezze esperte e consumate.
Le cappelle dei due cazzi apparivano e scomparivano al ritmo delle seghe che le mani della ragazza stavano facendo: quella del ragazzo più basso appariva violacea, mentre quella dell’uomo di colore era marrone chiaro, e contrastava con il nero del cazzo in piena erezione.
Fermai la mano, ormai prossimo all’esplosione; volevo che anche il mio piacere durasse il più a lungo possibile.
Temevo di venire troppo presto, e di non godermi fino in fondo tutto quello che sicuramente sarebbe accaduto fra i tre.

Ed infatti, dopo nemmeno un minuto, la ragazza, inginocchiatasi di fronte ai due, prese a passare la lingua sulle due aste frementi, alternandosi tra l’una e l’altra.
Tormentava le cappelle con rapide leccate, scivolava con le labbra sull’intera lunghezza dei due membri spasmodicamente protesi verso di lei, succhiava abilmente le palle gonfie e dure; di tanto in tanto mi giungevano le voci dei due uomini, ma, vista la distanza, non riuscivo ad interpretare esattamente le parole.
Immaginai fossero apprezzamenti per le capacità orali della bionda, o anche insulti, sicuramente per rendere ancora più torrida l’atmosfera che si era andata creando tra i tre.

La ragazza continuò a succhiarli e a leccarli, anche se mi era evidente la sua predilezione per lo splendido cazzo dell’uomo di colore: vedevo chiaramente tutto il piacere che l’ingoiarlo quasi per intero le dava, e l’eccitazione che lo stringerlo tra le labbra le provocava.

Mentre la mia mano andava piano in su e in giù, gli occhi fissi sui tre, il nero si andò a sedere sul lettino, le gambe divaricate, il cazzo svettante.
La ragazza si voltò e, sempre stando in ginocchio, si chinò con il viso sul palo turgido e gonfio, leccando in punta di lingua la larga cappella.
L’altro, il ragazzo più giovane, anche lui si mise in ginocchio, si posizionò dietro di lei, le afferrò le natiche con le mani, accostò il suo cazzo alla carne della bionda, e la penetrò con un solo e deciso colpo di reni: udii chiaramente un intenso gemito di piacere uscire dalla bocca della donna, malgrado le sue labbra fossero impegnate a scorrere lungo l’asta enorme dell’uomo di colore.
Accelerai il ritmo della mia sega, per poi nuovamente rallentarlo, ormai vicinissimo a scoppiare.

Mentre il ragazzo con i capelli lunghi la scopava vigorosamente da dietro, la donna continuò a rivolgere le sue attenzioni al cazzo dell’uomo sdraiato sul lettino: dalla mia posizione vedevo perfettamente la scena e non mi persi neppure un attimo di quello che accadde.

La mano della ragazza impugnò la scura asta, le sue unghie rosa meravigliosamente a contrasto con la pelle nera di lui: lo scappellò fino in fondo, leccò nuovamente, ma solo per un attimo, la lucida cappella marrone, se la fece scivolare tra le labbra dischiuse, e quindi lo ingoiò per più di metà della sua lunghezza.
La testa prese ad andare avanti ed indietro, mentre le mani dell’uomo, strette tra i suoi corti e biondi capelli, le dettavano il ritmo del pompino.
Non mi era più possibile controllare le mie reazioni: mi sentivo il cazzo pulsare nella mano ed i testicoli dolere per il bisogno di scaricare la tensione dello sperma accumulato.

Poi accadde tutto quasi contemporaneamente.
Il ragazzo, con un ultimo affondo nella fica della bionda, uscì da lei, le appoggiò il cazzo tra le natiche, all’attaccatura della schiena, e venne abbondantemente, inondandole la pelle lucida ed abbronzata.
Subito dopo fu la ragazza a godere: sollevò il viso dall’asta nera che stava succhiando, stringendola nuovamente nella sua erotica mano, e, gemendo e sospirando, si abbandonò all’orgasmo che dilagava impetuoso in ogni cellula del suo corpo.

Gli occhi fissi sulla sua mano, sulle quelle favolose sue unghie rosa, sulle dita che avevano ripreso a masturbare quella meraviglia turgida e scura, esplosi tutto il mio seme sul pavimento del locale delle macchine della piscina.
Con le gambe tremanti per l’eccitazione, lo sguardo ancora fisso sui tre, il cuore che mi batteva furiosamente, vidi uno schizzo bianco fuoriuscire dalla punta del cazzo del nero e colpire la ragazza in pieno viso: un secondo getto le inondò la pelle della gola ed i seni, mentre altro sperma, bianco e denso, colava lungo l’asta e sulle dita della mano che ancora, sia pur lentamente, continuava a masturbarlo...

Stravolto da quello che era accaduto, attesi che i tre, ripresisi dalle loro evoluzioni erotiche, si alzassero e si dirigessero, completamente nudi, ridendo e scherzando, verso la villa, e scomparendo quindi al suo interno.

Rimasto solo, con le mani ancora malferme, portai rapidamente a termine il mio lavoro, aggiustando la pompa e ripulendo i filtri: l’acqua della piscina sarebbe tornata limpida in poche ore.
Misi via gli attrezzi e feci il numero dell’amministratore per comunicargli che avevo terminato.
Mi sarei fatto pagare profumatamente per il lavoro svolto, ma, onestamente, vista la situazione in cui mi ero venuto a trovare, lavori come quello li avrei fatti anche gratis.
E molto volentieri, per giunta.

Fine

diagorasrodos@libero.it

Questo racconto di è stato letto 3 2 0 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.