Erotici Racconti

Mamma Infedele Parte Due

Scritto da , il 2017-05-17, genere incesti

Appena arrivato davanti alla porta del Bagno per cercare di capire cosa stava succedendo, provai una sensazione mista tra paura ed eccitazione.
Un grande calore mi colpì al volto e mi fece tremare anche le gambe, in fondo stavo per irrompere nel bagno, mentre mamma si stava per spogliare.... come poteva prenderla? forse mi avbrebbe punito,sgridato e tenuto muso e silenzio per giorni.
Ma dopo aver pensato qualche secondo a tutto questo, mi resi conto di avere il cazzo più pulsante che mai, quasi a farmi male mi stava esplodendo nei pantaloni, cos' l'istinto da maschio è stato più forte della paura e finalmente spalancai la porta con un calcio.
Entrando in bagno lei subito cacciò un urlo dopo aver capito che ero io mi disse " Erik ma che cazzo fai?!?!?! sei impazzito?!?!? esci subito!" nel frattempo cercava di coprirsi il seno nudo con il gomito, ma riuscì a coprirsi solo il capezzolo, la maggior parte della sua tettona mi era chiaramente visibile, così sono rimasto qualche secondo senza rispondere, e contemplavo quel seno, su cui tante volte avevo immaginato di sborrare, una volta mi ricordo di aver preso addirittura il suo reggiseno, e averci ficcato il cazzo in mezzo, dopo poche spinte inondai il pavimento di sperma, ma era inevitabile, avere quella sensazione di strofinare il cazzo su qualcosa che prima contenteneva quelle tettone.
Comunque vendendomi come stordito da quella vista, stizzita stava per buttarmi fuori spingendomi con un solo braccio, io impassibile come uno zombie stavo per farmi trascinare fuori.
Ma ecco che proprio sul mobiletto del bagno, vedo il display del suo cellulare illuminarsi, perchè era appena arrivato un messaggio, < Mauro> era lui il destinatario della nota vocale! ma lo lui, è zio Mauro nonchè fratello di papà, dunque era a lui che mandava selfie del suo seno, non appena era tornata dagli allenamenti.
Allora dopo aver letto quel nome, altro che farmi trascinare fuori, la prendo dal polso,levo con foga la sua mano dalla mia spalla, mi dirigo verso il telefono come una furia, e gli piazzo in faccia il telefono dicendogli " è questo cos'è brutta zoccola? " lei chiaramente impacciata prova a sgridarmi, poi ovviamente nega tutto, dicendo che sta solo parlando con lo zio mauro e che in questo non c'è nulla di male,
Ma io so cosa fa con lo zio mauro, e ho sentito anche la nota vocale che gli ha mandato attraverso i microfoni delle telecamere che ho piazzato in bagno, e allora decido di ripetergli, le sue stesse parole,mentre stava mandando la nota vocale allo zio Mauro.
Mi avvicino al seno scoperto ovviamente, lei non sa cosa fare, è completamente nelle mie mani,chiudo la porta rimasta aperta durante la mia invasione, mi giro di nuovo verso di lei e sussuro al suo orecchio dicendogli " Tesoro ti ricordi come me le hai ciucciate l'altra sera?" a quelle parole si sente morire, e quasi cade sulle ginocchia è presa dalla vergogna resta in silenzio non sa più che fare.
Mi chiedo solo come ho fatto a sentire e vedere tutto, gli racconto del mio piano, le telecamere, il computer, tutto, lei rimane meravigliata ovviamente, e dopo mi dice " ok io non dirò nulla a tuo padre del fatto che mi volevi spiare in bagno e tu non dici niente dello zio mauro ok?" risposta mia " Eh no troia! troppo facile così! facciamo un patto tu farai delle cose per me, e io tengo la bocca chiusa, andiamo se dici a papà delle telecamere cosa mi può succedere? posso sempre nascondermi nel vittimismo, e magari mi manda da uno psicologo, e mi punisce per qualche mese, ma se racconto, che tu mostri il seno allo zio mauro, e ci scopi pure da quello che ho capito, papà ti distrugge, forse ti fa schifo dopo tutti questi anni visto per quanto è grasso, ma i suoi soldi non ti fanno schifo vero? vuoi rischiare di perdere la tua bella vita? ti conviene accontentare le mie richieste" Lei ci pensa un pò. Poi accetta ma ogni mia richiesta, deve essere trattata prima, ok le dico, troverò sempre il modo di farla piegare ai miei voleri. Così per prima cosa gli chiedo di mettersi a pecorina,appoggiandosi sul lavandino, così da mostrarmi quel bel culo, stretto nei pantaloncini da Jogging, che tante volte facendo la manina morta,mentre mi passava accanto, avevo l'occasione di sfiorare soltanto, ora invece potevo dargli delle pacche a mano aperta, e sentire ogni muscolo del suo bellissimo culo sodo sotto le mie mani. Ma lei mi dice subito, " ok mi metto a pecorina, però non puoi abbassarmi i pantaloncini!" rispondo io " ok ok non ti tiro giù nulla promesso, adesso piegati!" E finalmente quel culo è lì davanti a me, a mia disponsizione, e subito mi ci fiondo sopra, quasi abbrancciandolo, non voglio perdermi un centimentro nel suo corpo, culo, fica, cosce, tocco proprio tutto, e finalmente sto predendo tutto quello, per cui mi sono ammazzato di seghe per anni.
Dopo minuti abbondanti di Palpeggio estremo, inzio a leccare attraverso i pantaloni, ed ecco che la sento stizzita, ma lei non può dire nulla, i pantaloncini sono ancora su giusto? e questo fa parte del patto! Inizio così a sentire i primi umori della sua fighetta, ma devo spostarmi in diversi punti, poichè il pantaloncini fa un pò di resistenza nel farli uscire tutti.
Ed eccomi lì inginocchiato, a testa in su, e naso completamente conficcato nei pantoloncini, allora esco fuori il cazzo che da tanto stava pulsando mi sego un pò, ma decido che voglio sentire e fare di più, così vado verso il cassetto, e lei pensa che sia tutto finito, e si rialza dalla pecorina, io rovisto prendo una forbice, e non gli do il tempo di vedere cosa ho preso, subito gli intimo " torna subito già troia!" lei obbedisce. Allora con la punta delle forbici, subito il pantaloncino di sfilaccia in un colpo solo,lei non ha il tempo di capire cosa sto facendo, e allora si volta di scatto, e sconvolta mi chiede " ma cosa cazzo stai facendo Erik?!?!? è il mio pantaloncini preferito! perchè lo stai tagliando poi?!?!? " risposta " hai detto che non potevo abbassarti i pantaloncini, ma ho trovato lo stesso il modo per vedere tutto quello che voglio, sta ferma adesso lasciami finire!" Ed ecco adesso sono lì con una donna a pecorina a mia disposizone.... cosa ne sarà di lei? metterà fine al patto e si rovinerà la vita? me la scoperò a sangue? la punirò nel culo? oppure Papà riuscirà a " salvarla" salendo per pure caso al piano di sopra? Come al solito fatemi sapere nei commenti se volete che continui.
Un saluto.
Il Vostro Caro Dexter

Questo racconto di è stato letto 1 3 9 5 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.