Erotici Racconti

Jotaro, il mio amore giapponese - Capitolo 4

Scritto da , il 2017-04-20, genere gay

Capitolo 4 Diventiamo amanti fissi

Non c'era dubbio alcuno che ci amassimo veramente. Ogni volta che facevamo l’amore ci avvicinavamo ulteriormente uno all’altro. In privato ci comportavamo come dei romanticoni. In pubblico agivamo come ragazzi normali. Come tutti gli innamorati avevamo delle discussioni. Ma non erano mai abbastanza violente da separarci. Erano parte della nostra relazione, i dolori della relazione se volete. I genitori di Jotaro ci dissero che era molto normale che accadesse. La prima volta che litigammo ebbi paura che stessimo per separarci. Io non volevo perderlo. Avevamo litigato su uno stupido compito di scuola. Più tardi risultò che ci eravamo sbagliati tutti e due, ma quello non era importante. Il fatto era che avevamo avuto il nostro primo vero litigio ed io mi sentivo molto infelice. Non ci parlammo per una settimana. Alla fine suo padre ci diede una lavata di capo. Ci eravamo veramente meritati quella sgridata.
“Voi due dovete smetterla di comportarvi come bambinetti e risolvere questo sciocco piccolo litigio!” Disse: “Voi due non dovete troncare una grande amicizia per un piccolo disaccordo su di un compito di scuola.”
Capii che aveva ragione ed anche Jotaro. Restammo seduti nella sua stanza per un po’, senza parlare. Io fui il primo a rompere il silenzio: “Jotaro, mi spiace per le cose che ho detto. Io non volevo. Per favore perdonami. Io ho... io ho paura di perdere la tua amicizia e il tuo amore.”
Lui mi guardò e poi si alzò: “Davide, è stata mia la colpa, ho iniziato io, e ti sto chiedendo di perdonarmi. Ti ho detto cose spiacevoli. Mi dispiace.”
Ci guardammo a lungo, poi io mi alzai e lo abbracciai. Cominciammo a piangere mentre ci stringevamo l’uno all’altro. Capii che ora andava tutto bene. Vorrei poter dire che fu l’unico litigio nei cinque anni che restammo insieme, ma ce ne fu qualcun altro. Ma ritornammo sempre a baciarci ed a recuperare il nostro accordo. Capimmo che le discussioni erano una parte sana della nostra relazione e che ci portavano a comprendere meglio come l'altro vedeva le cose. Litigammo su cose banali, la scuola, i fatti del giorno e cose che ci avevano colpiti personalmente. Parlavamo anche delle nostre paure, specialmente io. Jotaro non aveva niente da temere dai suoi genitori che sapevano. I miei invece non sapevano e quella era la vera paura, cosa sarebbe successo se l’avessero scoperto? Mia mamma era così omofoba! Mio papà, beh non sapevo quello che pensava dei gay finché alla fine mi rivelai quattro anni fa. La sua reazione fu che aveva avuto dei sospetti, ma che aveva scelto di non dire niente a causa della mamma.
Ritornando a noi avevo paura che la mamma mi avrebbe portato in una clinica e ciò mi provocava degli incubi. Li raccontai a Jotaro che mi confortò meglio che poteva. Avevo incontrato Jotaro nel 1979, quando avevo sedici anni. Allora non c'era alcuno supporto per i giovani gay. Ora hanno eccellenti gruppi di appoggio dove andare per avere aiuto, ora specialmente ci sono siti web da consultare e la comunità gay adulta finalmente si è resa conto che esiste una gioventù gay. Ma nei tardi anni settanta e primi ottanta non c'era alcun genere di appoggio. Dovevi soffrire in silenzio e mentire era la tragedia.
Triste ma vero.

Comunque noi eravamo come qualsiasi coppia. Facevamo tutto insieme. Andavamo in bicicletta insieme, andavamo a giocare a bowling insieme, facevamo raccolta di fumetti, giocavamo col suo computer e ci amavamo. Facevamo piani per il nostro futuro.
“Dove pensi che saremo tra dieci anni?” Gli chiesi un pomeriggio.
“Saremo ancora insieme, questo è sicuro. Tu sei l'unica cosa che desidero nella mia vita”
“È figo. Mi piace questo pensiero!” Dissi.
“Anche a me. Sto pensando di andata all'università per studiare computer seriamente. Ho sentito dire che è l’attività del futuro.” Disse lui.
“Mi hai fatto interessare a quel tema. Tu ne sai più di me.” Dissi accoccolandomi più vicino a lui nel letto.
Jotaro mi baciò sulla guancia. “Mi hai fatto molte domande su come funzionano e su quello che possono fare. Forse dovresti andare all'università e frequentare gli stessi miei corsi. Poi potremmo metterci in affari e lavorare insieme in quel campo.”
Sorrisi: “È un'idea magnifica!”
“Anch’io lo penso. Ci sto pensando da tanto e finalmente ho decise cosa voglio fare per il resto della mia vita oltre ad amarti.” Disse lui.
L'abbracciai. Jotaro sapeva sempre cosa dire per farmi sentire bene; probabilmente era l'unica persona che realmente mi capiva, anche se altre persone dicevano di farlo.
Gli chiesi: “Perché la gente dice continuamente che mi capiscono quando invece non è così?”
“È perché loro non sono intimi con te come lo sono io. Per capire veramente qualcuno devi essere molto intimo con lui. Ecco perché tu ed io andiamo così d'accordo. Ecco perché i miei genitori vanno così d'accordo. Noi siamo così intimi che qualche volta io so precisamente quello che tu stai pensando o stai per dire. Io so quello che tu sei capace di fare. Io so quelli che sono i tuoi limiti e voglio aiutarti a superarli sempre di più. Io voglio aiutarti a superare le tue paure e le tue disabilità (Lui sapeva della mia incapacità di sentire e dei miei problemi a scuola, e continuamente mi incoraggiava a fare meglio.) ed aiutarti a superare i tuoi dubbi. Io voglio aiutarti a trovare la tua identità ed anche la tua identità sessuale. Io voglio aiutarti a superare il dolore che senti profondamente dentro di te perché la tua madre biologica ti ha abbandonato (Lui sapeva che ero un bambino adottato) ed a superare la tua paura che la tua famiglia scopra di te.”
Io accennai col capo: “Io capisco molte cose di te, amore. Sto imparando come pensi, perché fai le cose in un certo modo, perché sei diverso da me, i tuoi tic, perché mi ami nel modo in cui lo fai.”
“Questo è perché siamo una così grande coppia!” Disse sorridendo.
Aveva ragione. L’ho imparato allora ed in altre relazioni che ho avuto, anche quando non funzionavano, anche quando l’altro mi ha sfruttato finanziariamente ed abusato di me, quando l’altro era troppo lontano e voleva solo giocare. Qualche volta l’amore è una cosa così complicata da immaginare. Ma tra Jotaro e me non fu mai complicato. Sapevamo di amarci l'un l'altro e di prenderci cura uno dell'altro.

Jotaro toccò il mio torace nudo in quel suo modo unico e capii subito che voleva fare l'amore con me. Misi da parte le mie preoccupazioni e mi concentrai su quello che lui stava facendo. Sentii le sue dita muoversi sul mio torace e giocare coi miei capezzoli che si stavano indurendo. Io mi lamentai piano, era bello! La sua mano destra graffiò leggermente il mio uccello che divenne immediatamente duro ed eretto. Fece il solletico alle mie palle mentre succhiava e leccava i miei capezzoli.

“Jo, oh Jo questo.....” Io sospirai.
Lui sapeva quello che stavo tentando di dire. Mi baciò sulla bocca ed io risposi al bacio il più appassionatamente possibile. La sua mano prese il mio cazzo e lo accarezzò. Sentii che mi stavo avvicinando alla liberazione. Jotaro rallentò le carezze.
“Non ancora, amore. Ti voglio dentro di me. Voglio sentirti venire dentro di me, amore.”
Io sospirai, volevo essere dentro di lui. Scese baciandomi il torace, aumentando in me le sensazioni. Fece scivolare il mio pene rigido nella sua bocca e lo succhiò dolcemente. Lo sentii aprire il cassetto del comodino e mettermi in mano il tubo di lubrificante. L’aprii e ne spremetti un po’ sulle mie dita. Lubrificai la sua rosa spingendo due dita contro l'apertura e sentendole scivolare dentro. Lo sentii lamentarsi piano quando mossi le dita profondamente dentro di lui.
“Ora sono pronto per te, amore. Io ti voglio dentro di me” Bisbigliò.
Si mise sulla schiena ed io mi spostai tra le sue gambe. Lentamente pigiai il mio cazzo contro la sua rosa e lo sentii scivolare dentro. Dio, era così bello essere dentro di lui. Quasi eiaculai immediatamente. Lottai per resistere e spinsi dentro il resto dei miei quindici centimetri. Finalmente fui completamente all’interno. Lo guardai negli occhi e vi vidi un amore profondo. Cominciai a muovere il mio uccello dentro e fuori, facendogli l’amore più dolce che potevo. Mi sentii come se fossi in un altro luogo. Le sensazioni erano così intense! Mi lamentai e gemetti facendogli l’amore, volendo dargli piacere. Jotaro dava piacere al mio cazzo spremendolo con forza col suo muscolo anale ad ogni colpo dentro di lui. Alla fine fu troppo!
“Jo.... sto per venire.... sborro.... sborro.... oh, amore!” Gridai mentre sentivo lo sperma viaggiare rapidamente attraverso il mio pene e riempirlo.
Lo inculai duramente e velocemente mentre sentivo la sua rosa stringere la mia verga. Quella fu una delle eiaculazioni più intense che avessi mai avuto. Dopo che ebbi finito di sborrare, Jotaro mi tenne nelle sue braccia e mi strofinò la schiena mentre io rimanevo fermo. Non riuscivo a parlare. Non ce n'era bisogno. Io ero così felice di essere con lui e di fare l'amore con lui. Lui sapeva che l'amavo moltissimo. Ambedue sapevamo che il sesso non era necessario per provare che realmente ci amavamo. Lo facevamo per celebrare il nostro amore uno per l'altro. Non ci può essere più grande gioia che fare l'amore con qualcuno molto speciale per la tua vita!

Rimasi con lui quella notte. I miei genitori erano fuori di città e così le mie sorelle. Mio fratello era in collegio, così potevo stare con Jotaro. La mattina seguente ci mettemmo sotto il portico a guardare sorgere il sole. Jotaro si alzò e cominciò il suo Tai Chi. Era una vera esperienza guardarlo fare nudo. Mi piaceva guardarlo mentre lo faceva nudo. Era come guardare un lento balletto. Anch’io lo stavo imparando, Jotaro me lo insegnava. Mi sentivo sempre veramente bene dopo averlo fatto. Penso che mi migliorasse la giornata. Facemmo colazione e poi andammo a fare una doccia insieme. Erano le vacanze estive e avevamo progettato di andare in bicicletta ad un piccolo lago vicino alla città dove era possibile pescare. La giornata era brillante e chiara. Trovammo una radura tranquilla dove c’era dell’ombra. Ci mettemmo i costumi da bagno e strofinammo l’olio solare sul corpo dell’altro. Era bello sentire le sue mani su di me.
“A cosa stai pensando, Dave?” Mi chiese dopo un po’.
“Ho dei pensieri interessanti. Uno è quello di mamma e papà che mi scoprono e mi buttano fuori di casa. I tuoi genitori mi portano in Giappone quando tu ci ritorni. Io vivo con te per il resto della nostra vita. Un altro è che loro mi fanno rinchiudere, tu vieni arrestato mentre cerchi di liberarmi e vieni rispedito in Giappone. Io riesco a scappare ed intrufolarmi su un aereo che va in Giappone, in qualche modo riesco a trovarti. I tuoi genitori mi accolgono e mi aiutano a restare lì. Un altro è che i miei genitori mi danno ai tuoi genitori, dicendo di portarmi lontano e di non permettermi di tornare mai più.”
“Se tu venissi a vivere con me in Giappone, saremmo molto felici insieme. La società giapponese è molto tollerante con i gay. Penso che la comunità gay è un po’ più accettata là che non qui. Inoltre la nostra storia è molto ricca di cose come amore gay ed amore pedo. Scommetto che non lo sai.” Disse Jotaro.
“No, non lo sapevo! Che cosa magnifica! Ho sentito di pedo ma li chiamano molestatori di bambini. Come mai li conosci così bene?” Chiesi
“Mio zio è uno di loro, è stato lui, come ti ho detto, quello che mi ha mi insegnato tutto sul sesso.”
“I tuoi genitori lo sanno?”
“Sì, gliel’avevano chiesto loro di insegnarmi.”
“Davvero?” Chiesi sorpreso.
“Sì. Anch’io fui sorpreso. Non pensavo che sapessero di me. Era così, ma non mi caricarono di dolore. Io ho altri tre fratelli sposati, così il Clan continuerà.”
“Sono veramente fighi, Jotaro. Sei stato troppo fortunato!”
“Lo so. Davide, non ti dovresti preoccupare che i tuoi genitori lo scoprano. Se faranno qualche cosa interverremo, per ora goditi la tua vita. Sii felice. Tuttavia non sarebbe male organizzare uno o due piani di intervento che spero non si debbano mai attuare.” Disse seriamente.
Discutemmo alcuni progetti e ne concordammo due buoni. Ringraziando Dio, non furono mai necessari. Ambedue i piani includevano l’assistenza della sua famiglia. Era bello sapere che loro stavano alle mie spalle.

Ci godemmo il resto della giornata pescando e nuotando. Nuotammo nudi nel lago, poi ci facemmo audaci e facemmo l'amore sulla riva, rotolando anche nell'acqua mentre Jotaro mi inculava.
Fu un'esperienza selvaggia per tutti e due! Portammo a casa il pesce che avevamo pescato e ci facemmo una frittura. Era una sera estiva veramente calda, così dormimmo all’aperto sotto le stelle. La visione delle innumerevoli stelle ci fece sentire piccoli, ma sapevamo che noi avevamo uno spazio in questo grande disegno chiamato vita. Forse noi non potevamo cambiare il mondo, ma di sicuro avremmo cambiato la vita l’uno dell'altro. L’amore fatto sotto le stelle fu un'esperienza unica per noi. Sentire la brezza serale e fresca sui nostri corpi nudi mentre lo facevamo era un'esperienza che non dimenticherò mai. Lo facemmo più volte che non nei cinque anni che fummo insieme, era fantastico. Fortunatamente i vicini non ci sorpresero mai.

Passammo molto tempo insieme durante quell'estate. Questo aiutò a cementare ulteriormente la nostra relazione. Chiacchieravamo, facevamo molte cose insieme. I suoi genitori mi invitarono sempre ad andare con loro quando facevano del turismo. I miei genitori sapevano che eravamo amici di scuola, ma non sapevano che eravamo innamorati. Per fortuna! Mi chiedo come avrebbero reagito se gli avessi detto che ci amavamo.
A loro piaceva Jotaro, e mi avevano detto che avevo trovato un buon amico. Per loro era assolutamente corretto, Jotaro era solo un amico. Lui invece era il mio amore, il mio partner, il mio tutto. Lui mi completava.

La nostra vita di sesso fu buona fino a circa la metà di luglio di quell’anno. All'improvviso Jotaro cambiò.
“Davide, guarda cosa ho trovato!” Mi disse emozionato.
“Cosa?” Chiesi.
Mi mostrò un pezzo di gomma che aveva la forma di un cazzo. Vibrò nella mia mano quando l'accese.
“Cosa diavolo è?” Esclamai.
“Si chiama vibratore, un dildo vibrante.” Spiegò. “Ci metti su preservativo e te lo metti dentro, poi l'accendi.”
“La gente usa queste cose?” Domandai.
“Sì. Magnifico, huh?”
“Non so.” Dissi incerto.
“Provalo, Davide. Se non ti piace non te lo farò usare più. Prometto!”
“Ok.” Dissi d'accordo.
Mi sdraiai sulla schiena e ci srotolai sopra un preservativo. Dopo avere strofinato il lubrificante su di me, lui lo spinse lentamente dentro di me e l'affondò sino all'elsa. Era della stessa taglia del cazzo di Jotaro, quindi non ci fu dolore. Lo girò. Dapprima ci fu come un piccolo ronzio, poi aumentò la velocità e cominciò veramente a vibrare. Dio, era strano, ma bello! Jotaro lo muoveva lentamente dentro e fuori del mio sedere e lo torceva. Ragazzi, com’era bello! Tuttavia io preferivo il suo uccello e lui lo sapeva. Jotaro si piegò sul mio cazzo eretto e cominciò a succhiarmi. Era troppo ed io venni rivestendo le sue tonsille col mio sperma caldo. Poi crollai sospirando in estasi.
“Ti è Piaciuto?” Lui bisbigliò.
“Sì. Ma io preferisco il tuo cazzo eretto e vivo, amore. Quello è molto più piacevole” Dissi.
“Lo so. Ma ho pensato che sarebbe stata un'esperienza interessante per te. E per me!” Disse ridendo.
“A che altro di selvaggio hai pensato?” Volli sapere.
Il suo ghigno era sufficiente per avvertirmi.
“Bene, dato che hai chiesto......” E rise ancora.
“Ho paura di chiedere!” Gemetti.
Lui rise ancora di più. “C'è molto tempo per scoprirlo, amore.”
Per il momento ci divertimmo con quello!

Che ne dite? Val la pena di continuare?

Questo racconto di è stato letto 9 1 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.