Leggimi

Scritto da , il 2017-01-24, genere masturbazione

Era sul divano,aveva un vestito nero pieno di brillantini con delle maniche lunghe,aveva le guance rosse e mi guardava. Sono andato da lei,le ho dato la mano e quando l'ha presa l'ho portata di sopra. Si è seduta sul mio letto e io ho acceso una sigaretta,ma nel frattempo la guardavo. Mi ha chiesto "Vale,perché sono qui?" Le ho detto "Perché non so cosa fare con te." Ho spento la sigaretta e sono andato verso di lei,le ho detto "alzati." E quando si è alzata l'ho fatta girare,le ho abbassato la cerniera e quando si è girata verso di me ha detto "Mi sento troppo nuda difronte a te." Mi sono tolto la maglietta,e lei mi guardava. Ha messo una mano sul mio petto e l'ho fatta stendere a letto. Mi sono messo sopra di lei e ho toccato con un dito le sue labbra. Mi aveva detto "Non vuoi baciarle?" Non ci ho più visto,le ho infilato il dito in bocca. Ha iniziato a succhiarlo,e teneva gli occhi chiusi. Ci ha passato sopra la lingua e con il dito bagnato ho toccato i suoi capezzoli,l'ho guardata e aveva la bocca socchiusa. Le ho detto "Dimmi cosa vuoi." L'ho sentita ansimare e ha detto "Succhia i miei capezzoli,ti prego." Ho succhiato e morso talmente forte e tanto i suoi capezzoli che ci ho creato dei segni violacei,l'ho sentita urlare e ho toccato con un dito il suo clitoride attraverso le mutande. Le ho tolte e l'ho guardata,era ancora rossa. Mi disse "Ti imploro." E ho accarezzato con il pollice il suo clitoride,ha alzato i fianchi e ho infilato quattro dita in lei. Dio,la sua reazione mi ha fatto godere così tanto. Ha urlato a squarciagola e ha alzato i fianchi,mi ha toccato e ha detto "Non mi tocco da mesi." Ho infilato cinque dita in lei e cazzo,il suo petto andava in su e in giù,tremava,aveva la bocca socchiusa,ho fatto entrare le dita così in fondo che ho notato i suoi occhi lucidi per il dolore,urlava e urlava. Mi disse "Non ce la faccio." Alzava i fianchi e stringeva le lenzuola con le mani. Ho sentito le mie dita bagnate e ho esagerato. L'ho presa in braccio e le ho sussurrato all'orecchio "Perdonami,clarissa. " Ha annuito e mi ha dato un bacio sulla mandibola. Doveva ancora regolare il suo respiro,e mentre lo stava facendo ripeteva in sussurri il mio nome. Ho esagerato,cazzo ho fatto allargare quelle labbra troppo. Ma era così stretta,lo era troppo. Si è addormentata fra le mie braccia e ho dormito con lei. Lei era tutta nuda e probabilmente sentiva freddo,cercava in ogni modo di aggrapparsi a me per sentire il calore del mio corpo. Avevo i suoi capelli sul viso,dio lei non stava ferma. Cercava di stringermi ancora e ancora e per sbaglio le sue labbra del clìtiride si sono strusciate sul mio addome,si era messa in una posizione assurda ma va bene. Ha fatto di nuovo strusciare quelle labbra e mi ha stretto i capelli,ha ansimato e le ho tirato uno schiaffo sul culo. L'ho sentita sussultare e si stava premendo ancora di più su di me. Le ho tirato due ciocche e ho detto "Non ti ho dato il permesso di schiacciare le tue tette sul mio petto." Ma da stronza che è le stava premendo di più. Disse "Ti piace. " le ho stretto con due mani il culò e ho detto "da morire,ma ora smettila e dormi. " le ho sentite di nuovo su di me quelle labbra,e le ho tirato un altro schiaffo ma più forte. Mugolava e si stringeva a me,dopo l'ultimo schiaffo ha iniziato a strusciarsi ancora di più. Io le sentivo sulla pelle quelle sue labbra,e le ho stretto forte i fianchi per dirle "Basta clary." Lei ha detto "Fa ancora male,lo sai ?" Le ho circondato il bacino con le mani e le ho detto all'orecchio "Eri troppo stretta,e lo sei tutt'ora. " si è strusciata di nuovo,ma premendosi di più su di me. Si è ritrovata sotto di me,solo che io ero più lontano. Ha alzato la gamba e ha toccato il mio addome ed è scesa in giù. Quello era troppo,l'ho sentita gemere e mugolare. Mi sono messo in mezzo alle sue gambe,le ho detto "Vuoi essere scòpata brutalmente?" Un "mh." prolungato è uscito da quelle labbra. Il suo respiro stava accelerando e alla fine mi ha detto "Scòpami. " Le ho tirato uno schiaffo sulla coscia e ha alzato i fianchi,ha sbattuto contro di me e ha ansimato dicendo "Mi fai sentire quanto sei duro?" Le ho tirato i capezzoli e ho detto "Vuoi sentirmi? Bene." Ho premuto la mia erezione su di lei e un piccolo urlo è uscito da quella bocca sporca. Disse "Oddio,ti prego ancora." Ho spinto contro di lei e disse "Ti prego." L'ho fatta subito girare,si è messa a carponi e ho spinto la mia erezione sul suo culo. Ha aperto quella bocca e ho detto "Smettila,clarissa. Ho anch'io dei limiti. " ha spinto il suo culo contro di me e ha detto "E se non la smetto? " le ho tirato uno schiaffo sul culo e un'altro ancora.
Ha urlato. Un altro schiaffo e ancora un'altro. Le ho colpito il clitoride e ha urlato il mio nome. L'ho fatta girare,l'ho spinta a letto,le ho preso i polsi e li ho stretti forte sopra la sua testa. Stava cercando di dimenarsi sotto di me,e ho premuto il mio corpo sul suo. Le ho detto "Ora mi senti." Si mordeva le labbra. Le ho tirato un'altro schiaffo sul clìtoride e ho sentito un urlo strozzato. Ho detto "Non ti mordere le labbra." Le ha leccate e le ho detto "Senti,sei la prima ragazza che non mi scopo nonostante tutte queste cose,come ho detto prima ho dei limiti. Tu li hai quasi superati e dannazione clarissa,tu lo sai cosa sono in grado di fare. Mi urta non poterti fottere letteralmente fino allo svenimento. Quindi basta,ora la smettiamo entrambi e dormiamo. D'accordo,dolcezza? "

Questo racconto di è stato letto 4 6 4 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.