Voleva qualcosa di enorme dentro

Scritto da , il 2017-02-06, genere masturbazione

Era difronte allo specchio,stava cercando di ammirare ciò che le apparteneva. Alta un metro e settanta,con gambe così lunghe e con una vita così stretta. Aveva capelli scuri e lunghi,le arrivavano un po' più in giù della schiena. Aveva sopracciglia folte,ma ben definite. Aveva gli occhi del peccato,neri,grandi e con ciglia lunghissime. Aveva un nasino piccolo,anche se lei lo trovava strano. E aveva labbra carnose al punto che le persone le chiedevano se erano rifatte. Aveva guance un po' scavate e una mandibola definita. Aveva un piccolissimo puntino nero accanto alle labbra a destra e alcune poche lentiggini che le stavano facendo da contorno sulle guance,sul collo e sul petto. Ha sempre avuto un seno piccolo,e ha sempre portato una prima o una seconda. Sapeva che il suo seno era piccolo ma ne andava fiera perché sapeva che era piccolo ma pieno,le piacevano i suoi capezzoli. Quando la sua pelle veniva al contatto con qualcosa di freddo,i suoi capezzoli sembravano puntini affilati. Era ripiena di nei,ne aveva tanti anche sulla pancia e sulle braccia. Subito si notavano le costole,e subito si notava la sua pelle lattea. Aveva un sedere piccolo,tondo e tutto da mordere. E aveva delle gambe chilometriche. Amava guardarsi allo specchio e toccarsi contemporaneamente,non ne aveva mai abbastanza,finiva sempre per allargare quelle labbra ancora di più. Aveva un piccolo dilatatore rosa e con quella lingua calda non smetteva di leccare,sentiva quel dilatatore che le toccava la gola e tremava dalla voglia di un cazzo grosso che potesse possibilmente perforare quella entrata che le sembrava ancora stretta. Ha iniziato a indietreggiare,continuando a tenere gli occhi sullo specchio,finché non si è distesa sul letto completamente nuda. Ha aperto le gambe e si è penetrata con tre dita senza aspettare nemmeno.
Ha iniziato a palparsi le tette con l'altra mano,ha iniziato ad alzare i fianchi e a gemere senza nessun controllo. Ma non le bastavano tre dita,non erano sufficienti. Ne ha aggiunto un altro ed era già terribilmente bagnata,ne ha aggiunto un altro ancora e cercando di far ruotare quelle dita in lei è venuta urlando a squarciagola. Ha continuato a far entrare e uscire quelle dita,ma quando ha alzato la testa e rimasta immobile,paralizzata a fissare il suo corpo in quello specchio. Aveva la pelle d'oca,quello specchio le stava scavando nelle ossa fino a farla venire di nuovo,i suoi capezzoli induriti e le goccioline che uscivano fuori da quelle labbra. Guardava la sua figura dipinta nello specchio e con le dita cercava di assaggiarsi. Dopo aver tirato quelle piccole labbra con le dita,dopo aver urlato,si è addormentata con le bocca socchiusa,ancora con le labbra bagnate e ancora tutta nuda su un semplice letto.

Questo racconto di è stato letto 7 3 8 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.