Leggimi 2

Scritto da , il 2017-01-24, genere sentimentali

Era appena tornato a casa e lei lo stava aspettando sul divano. Non aveva il pigiama,aveva i suoi amati skinny jeans e un top bianco fino al l'ombelico.lui la salutò con un noioso ciao, ma lei non rispose. Spense la televisione e andò da lei,le tolse alcune ciocche dal viso e la prese in braccio. La portò in camera sua e quando voleva poggiarla lei strinse le braccia al su collo e sollevò le gambe fino alla sua schiena,e lo strinse. Lui sorrise e disse "Monella,non dormi ?" Lei lo strinse ancora e fece no con la testa. "Dovresti,è tardi." Lei disse "Dammi un po' di attenzione,stai sempre fuori con le tue amichette barbie. " lui le strinse i fianchi e disse "Lo sai benissimo che me ne sbatto delle mie amiche,ah io non ti do attenzioni? " lei lascio un leggero bacio sul suo collo e lui le pizzico il fianco per avere la sua attenzione,lei disse "Se te ne sbatti perché torni così tardi ? Per carità,sono fatti tuoi e non voglio sapere nulla. Sì,stai sempre per le tue e se mi dedichi un bacio e la fine del mondo perché non succede mai." Lui la guardò e disse "Non sono stato con le mie amiche,quindi non c'entrano niente. Non sto mai per le mie perché non smetto mai di fissarti e lo sai quante cazzo di volte succhio le tue labbra e comunque sia,potevi uscire. " lui la teneva ancora in braccio e lei disse "Certo,con il ragazzo che mi ha chiesto di uscire magari." Lui ha detto "Come scusa ?" Lei li lasciò un altro bacio sul collo e disse "Lo so che hai sentito." Lui disse "Dannazione,tu non uscirai proprio da qui." Lei disse "Almeno ti tengo occupato,o lo fanno già le altre? " Lui la guardò direttamente in quelle pupille grigie e disse "Nessuno si prende il mio tempo,sta zitta." lei disse "Non starò zitta,è così. " lui le strinse il sedere e la baciò all'improvviso. Lei mise le dita nei suoi capelli,fino a spettinarli. E lui nel frattempo la stringeva e le ficcava la lingua in bocca,lui si staccò e disse "Ti serve un po' di pratica con quella bellissima lingua che hai." Lei si morse le labbra e disse "Farò pratica con i tuoi amici." Lui la spinse sul letto,la fece girare e le tirò uno schiaffo sulle natiche. Lei corrugò la fronte e disse "Oh." Lui disse "Farai i conti con la mia lingua,non con quella di altri." Lui le accarezzo una natica e poi la fece girare,lei lo guardò e disse "Baciami." Lui la osservò,era così minuta sotto ai suoi occhi. Aveva quei capelli che non stavano mai al posto giusto e aveva quei capezzoli rigidi sotto ai suoi occhi. Aveva quei fianchi sotto al suo sguardo,aveva tutto dannazione. Lei mise una mano sul suo petto e disse "Baciami come solo tu sai fare. " lei si alzò leggermente,e lui le consumò le labbra. Le aveva morso il labbro fino a farci uscire sangue e lei ci passava la lingua sopra,sotto al suo sguardo attento a mangiarla,lui amava sentire i suoi gemiti. Lei era così esposta,aveva gli occhi dilatati dalla voglia,aveva i capezzoli duri e aveva il top alzato leggermente. Aveva quelle lunghe gambe leggermente aperte e lui ad un tratto le toccò il labbro inferiore con il pollice. Le tolse il sangue e poi le mise il dito in bocca. Lei chiuse gli occhi e succhiò il suo dito,lei si godeva le imprecazioni del suo ragazzo. Accarezzava il pollice con la lingua e lui le tolse il top,ovviamente non portava il reggiseno. Le guardò il seno e si morse le labbra,aveva quelle tette piccole ma terribilmente piene che lui amava palpare. Accarezzò con il pollice bagnato un capezzolo e lei strinse con le mani le lenzuola. Nel frattempo la guardava anche,aveva un opera d'arte sotto. Lui si abbassò e le prese in bocca il capezzolo rigido,lo succhio talmente forte che lei urlò il suo nome. Lui tirava e tirava,le strinse il fianco e tolse il capezzolo dalla sua bocca. Le disse "Ho una fame assurda. " lei si mise un dito nella bocca e disse "Vuoi assagiarmi,papino? " lui non le resisteva,lei sapeva perfettamente fotterli il cervello. La baciò per tantissimi minuti e le tolse i pantaloni. Le guardò le lunghe gambe e accarezzó le cosce,le infilò direttamente due dita nel clitoride senza avvisare e lei urlò. Il petto le andava in su e in giù,e i suoi fianchi spingevano in avanti per avere dentro quelle dita. Lui le infilò in profondità,fino alla fine. Finché lei non si bagno e finché lui non le lecco quelle piccole labbra. Le labbra del suo clitoride erano piccoline. Lui leccò,leccò e leccò finché non sentì il suo orgasmo in bocca,finché non sentì per la gola un succo che ti fa andare fuori di testa. Lui ne lascio un po' sul clitoride addolorato e disse "Apri la bocca. " lei si leccò le labbra e in pochi secondi aveva già quelle labbra socchiuse. Lui le fece assaggiare con un dito il suo orgasmo,e lei succhiò chiudendo gli occhi. Lui le tirò uno schiaffo sul clitoride e lei urlò alzando i fianchi,le disse "Sei così buona. " lei divarico per bene le gambe e disse "Per favore. " lui spinse i fianchi contro i suoi e disse "Spiegati. " lei spinse i fianchi e lei ansimando disse "Riempimi con la tua calda sperma. " lui accarezzò con la punta quelle labbra mentre lei stava implorando. Lui lo infilò in lei e lei urlò il suo nome,lui si portava la testa indietro dicendo "Urla il mio nome." Lui spinse in lei in continuazione e lei toccava con le manine il suo petto e l'addome,lui la baciò. Ma la baciò fino a farle perdere il fiato,era esausta a causa delle spinte e lui spinse così forte da attraversarle lo stomaco con tantissima sperma. Le lasciò sperma sulle piccole labbra e dopo le fece assaggiare. Ma il suo cazzo ancora pulsava per la sua figa bagnata,lei continuava a leccarsi le labbra e lui le fece succhiare il proprio cazzo,non ce la faceva più era al punto del esaurimento e voleva quella dannata bocca intorno a se. Lei diede un bacio sulla punta del pene,e dopo poggiò la lingua. Lui le strinse i capelli con le mani e disse "Lecca,bambolina." E lei non se lo fece ripetere,leccò la punta e scese a leccare su tutta la lunghezza. Lei aveva una voglia matta di lecca-lecca e pensò esattamente a quello quando iniziò a succhiare. Aveva una gola profonda,riusciva a farlo godere in una maniera assurda. Lui si riversò nella sua bocca e lei passò la punta sulle proprie labbra,lui disse "Ingoia cri." Lei ingoiò e per ultima cosa disse "Sei straordinariamente buono."

Questo racconto di è stato letto 2 4 2 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.