Erotici Racconti

Notte fiorentina (prima parte di una notte indimenticabile)

Scritto da , il 2017-01-10, genere scambio di coppia

Sapevamo che a Firenze esisteva un bel locale dedicato agli incontri trasgressivi. Eravamo intenzionati ad andarci e da tempo ci promettevamo una serata di follia.
Sentivamo entrambi la necessità di questi giochi. Come molte coppie eravamo attrezzati con dei giocattoli e con la possibilità di vedere dei film a tema. Spesso nelle fantasie della mia lei ricorreva un gioco che la poneva nel ruolo di vittima sacrificale del sesso. Spesso al centro di morbose attenzioni da parte di persone molto più adulte di lei. Si calava nel ruolo della giovane ragazzina smarrita di fronte alle attenzioni del classico "zio" che approfitta dell'innocenza di una nipote.
Contrariamente a volte si poneva come l'esperta signora che circuiva dei giovanissimi ragazzi. Entrambi i giochi la facevano eccitare davvero tanto.
Il suo desiderio era quello di entrare in un club e concedersi ad un gioco del genere.
Decidemmo di andare in questo locale fiorentino. L'ambiente ci sembrò subito molto accogliente. L'unica pecca era che vi si trovavano poche persone. La serata era calmissima e non ci sentivamo nella situazione di procedere in alcun gioco. Ci accomodammo al bar. Io,la mia signora e un paio di cocktail per scioglierci. C'erano altre quattro o cinque maschi sulla quarantina , una coppia carina dove lei poteva avere la metà degli anni del compagno. Io rimasi fulminato dalla barista. Una ragazza bellissima. Dall'accento si capiva fosse venuta dall'Est.
Restammo a commentare il locale ma temevamo che avessimo fatto un giro a vuoto. Un locale con pochissime persone e che non si scaldava per nulla. Dopo un po qualche persona in più era arrivata ma era ancora abbastanza deserto.
Decidemmo di fare un giretto per vedere gli altri spazi del club. C'era la stanza sadomaso con una sedia e delle corde. Al centro della sedia un fallo di legno svettava pronto per essere utilizzato. Non ci piacque. Vedemmo altri privè con specchi, con buchi alle pareti,con grandi letti ma fummo colpiti da un corridoio che portava ad una zona seminascosta. Procedemmo incuriositi e vedemmo che questo corridoio girava dietro al bar. Era abbastanza stretto e vidi un altro altro corridoio completamente buio. Ci entrai e vidi che si trattava del mitico Gloryhole. Dei buchi permettevano ad altri che si trovavano nell'altro corridoio di infilare il proprio sesso nella stanza delle meraviglie. Chiamai la mia signora e le spiegai come funzionava. Facevo il conduttore ma in vero anche lei sapeva già bene di cosa si trattava.
C'erano dei divanetti che si illuminavano grazie alla luce soffusa che proveniva dai buchi sulla parete. Ci sentimmo protetti e decidemmo di accomodarci e di aspettare ancora un po di tempo prima di andarcene. Speravamo che la serata iniziasse a dare dei segnali di vitalità eli, eravamo da soli e stavamo bene perchè inosservati.
Ad un certo punto decisi di cominciare ad accarezzare mia moglie. L'idea di fare del sesso diverso ci aveva tenuti eccitati tutto il giorno ma le aspettative erano state deluse dalla pochissima gente che era nel locale.
Sentii che mia moglie era bagnata già al primo tocco. Era senza slip e completamente depilata. Sentivo la sua voglia avvolgermi le dita che sprofondavano tra le sue cosce. Ci fermammo perchè vedemmo che qualcuno si era affacciato in quel privè. Ci guardo attentamente e sorrise. Sparì nel buio dopo pochi istanti. Io e mia moglie riprendemmo le nostre effusioni ma presto venimmo sorpresi dallo spuntare di un menbro da uno dei buchi sulla parete. Non era duro ma prometteva un certo vigore. Mia moglie mi guardò come a cercare un consenso e le dissi di prenderlo subito. Si sposto a sedere più vicino al buco e iniziò a sfiorarlo con la punta delle dita. Non lo afferrò,anzi, appena lo sfiorava. Con delicatezza. Poi si mise le dita in bocca e bagno il glande che iniziava a reagire. Non sapevamo chi ci fosse dietro a quella parete. Forse un ciccione,un vecchio....chissà. Forse era proprio quello il motivo della nostra eccitazione. Di fatto anche io inizia a tirarlo fuori e a smanettarmi mentre mi gustavo le delicate carezze di mia moglie a quel bel pisello che iniziava a sollevarsi.
Alchè la mia donna si avvicinò con la bocca e iniziò a sfiorare quel cazzo con le labbra. Appena lo sfiorava. Sarà stato il calore,la sensazione o la percezione che qualcosa di sensazionale stava per succedere ma improvvisamente da quel buco emergeva un cazzo potente grosso e lungo che mi lasciò immobilizzato. Era davvero grande. Mia moglie inizio a dare dei leggeri colpetti di lingua sulla verga nodosa. Appena percettibili e incantata guardava la maestosità di quella virilità.
Faceva scivolare le sue dita sul glande e con la bocca ansimava e sfiorava il bastone.
Io in estasi mi godevo lo spettacolo facendo attenzione a non esagerare nella sega e finire troppo presto. Sentii uno schioccare di dita alle mie spalle. Di scatto mi girai e vidi una mano uscire da un altro buco.
Una bella mano femminile,magra,curata mi guidò a scrutare bene dentro a quel buco,ma non vidi nulla se non il buio.
Decisi di intrufolare la mano in quell'ignoto. Pochi istanti dopo percepii al primo tatto che si trattava di un culo. Di un bel culetto. Magro e tonico. Duro e con un minuscolo perizoma delicato nel tessuto.
Inizia ad accarezzarlo. Mi piaceva moltissimo. La mia immaginazione raffigurò per intero la donna aldilà della parete. Me la immaginai nella sua eccitante sinuosità mentre si contorceva alla mie carezze. Cercai di raggiungere il suo pube ma si allontanò leggermente. Mi piacque. Voleva gestire il momento e glielo lascia fare. Intanto la mia dolce compagna si era fatta più audace e lappava la verga nello sconosciuto. Con la lingua completamente di fuori scorreva dalle palle fino alla cappella bagnandolo di saliva.
Nel contempo si toccava il clitoride
Mi concentrai di nuovo sulla mia tipa e avrei voluto dirle di entrare. Ero troppo curioso ma lasciai che il nostro gioco continuasse. Ripresi a cercare quel culetto oltre il buco e nel frattempo continuavo ad accarezzarmi delicatamente. Sentivo il suo corpo liscio vibrare. Si fece più vicino al divisorio che ci separava e potei toccarle il pancino piatto,salii per sfiorarle le tette. Lei se lasciò accarezzare e sentii i suoi capezzoli duri. Mi sentivo esplodere. Era sicuramente una bella donna.
Aveva delle belle cosce e le mie mani scivolavano sulla sua pelle vellutata e mi avvicinai ai suoi inguini. Volevo sentire i suoi umori sulle mie dita. Si girò di nuovo e spinse il sederino verso il buco. Le spostai il filo del perizoma e le potevo vedere bene il buchetto depilato. Inizia subito ad accarezzarlo quando inevitabilmente la mia mano toccò qualcosa di sospetto e capii immediatamente che quelli erano i suoi testicoli. Rimasi immobile e cercai mia moglie che continuava a sbavare quel cazzone sempre più grande.
Era troppo impegnata e non feci in tempo a pensare ad altro che dal buco della mia donna si affaccio un cazzo già duro. Mia moglie si fermò e si mise a ridere nel vedere la mia faccia stupita. Un trans! Esclamò sotto voce.
Avevo quel calibro a portata di mano e io ero paralizzato. Mia moglie mi disse di fare quello che per anni avevamo fantasticato davanti ai nostri filmini porno con i trans.
Col cuore in gola inizia a toccarlo. Iniziai a segarlo. Era duro che faceva impressione. Era tutto al di quà della parete. Potevo vedere anche le palle. Un bel cazzo dritto. Non gigantesco ma davvero armonioso nella forma e sopratutto invitante nel suo vigore. Lo segai con vera passione. Durò davvero pochi istanti perchè un getto colò tra le mie dita. Sentii il suo calore avvolgermi la mano. Fui felice e mia moglie si rallegrò con me per averlo fatto schizzare subito. Mi disse che sapevo fare delle ottime seghe.
Ora stava a lei. Decise di voler accellerare il suo momento e inizio a toccarsi più profondamente e finalmente fece sparire quella cappella già bagnata tra le sue labbra. Mia moglie è davvero una maestra e fu uno spettacolo indescrivibile vederla infoiata a succhiare quell'enorme cazzo. Vedevo le sue guace deformarsi per accogliere la gigantesca cappella. La leccava,la titillava e capi che era arrivato il suo momento. Fece in tempo a sfilarselo dalla bocca che un fiotto bianco spicco il vole e si deposità sul rosso del divanetto. Altri schizzi la bagnarono sulle mani e sul vestito. Non smetteva di schizzare. Ne ebbe cura fino all'ultima goccia. Lo strizzo con energica delicatezza al fine di far uscire l'ultima stilla bianca dalla cappella. A quel punto non resistette e la raccolse con la lingua.
Ci ricomponemmo e decidemmo di andare al bar a farsi il secondo drink e a vedere se era arrivato qualcuno. Sapevamo che la nostra serata era appena iniziata.

Questo racconto di è stato letto 3 8 8 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.