Erotici Racconti

Spiaggia salentina

Scritto da , il 2016-12-30, genere bisex

Era il Settembre del 2015. Una tranquilla spiaggia che si chiama Torre Mozza. Io e mia moglie e pochissime altre persone ci godevamo la carezza del sole del fine stagione. Nella spiaggia ai margini della pineta eravamo proprio rilassati e la misantropia dei bagnanti ci permise di allentare le briglie del pudore e decidemmo di spogliarci per prendere il sole integralmente. Non passava nessuno e se passava qualcuno non ci badavano. A dire il vero avevamo notato che in certe occasioni,in posti un po più nascosti si percepivano strani rumori di passaggi di persone tra i cepugli. Avevamo capito che potevano esserci dei guardoni. Più volte ci era capitato anche in altri posti ma, la cosa non ci toglieva la tranquillità. Anzi, spesso creava uno strano stato di eccitazione comunque contenuta. Io e mia moglie stiamo insieme da anni e mai abbiamo pensato di stimoarci con le trasgressioni di cui siamo perfettamente a conoscenza. Gli scambi di coppia, gli incontri con qualche gigolò non facevano per noi ,anche perchè dotati di tanta fantasia e qualche giocattolo.
Un giorno, sulla tarda mattinata vedemmo arrivare un bell'uomo che si mise steso dietro ad un tronco di albero spiaggiato. Era vicino abbastanza per vederci bene ma sufficiente lontano per non creare fastidi. Pensqai che era megli mi fossi rimesso il costume e lo dissi a mia moglie. Lei suggerì di godersi liberamente questi ultimi giorni di vacanza senza starsi a preoccupare dell'estraneo li vicino.
Pochi minuti dopo l'uomo sui 50 anni si alzò in piedi. Era alto, ben abbronzato, tonico e con estrema calma si sfilò il costume per restare nudo. Sembrò quasi uno spogliarello. Io e mia moglie non perdemmo nemmeno un istante dell'inopinato spettacolino. Entrambi notammo la dotazione del bagnante nudista che esibiva un arnese davvero dalle gagliarde misure. Non era eccitato.Non era eretto ma si vedeva che era gonfio. Sembrava ciirconciso. Mia moglie mi guardò stupita e compiaciuta. Il tipo si sdraiò di nuovo dietro al tronco e dalla nostra posizione riuscivamo a vedere comunque la nudità. Era un bell'uomo davvero. Mi sentii anche un po invidioso. Notai che mia moglie si spostò leggermente per vedere meglio l'adone. Restammo a prendere il sole guardando e sussurrandoci dei commenti sullo sconosciuto. Mia moglie era eccitata, lo capii da tanti atteggiamenti. Poi improvvisamente il tipo si alzò e venne verso di noi chiedendo da dove venivamo. Un bel sorriso affabile e cortese e ci chiese un accendino e il permesso di accomodarsi più vicino per fare due chiacchiere. Prego,feci io. Mia moglie si ricompose e lui disse: "Non voglio creare disagi, se la imbarazzo me ne vado. Continua pure a prendere il sole nuda, io me ne vado, se vuoi."
Risposi io per lei,certo di farla felice e di toglierla dall'imbarazzo. "Resta pure,accomodati"
Notai che il suo "arnese" era davvero grande. Mia moglie si volto coprendosi con le gambeil pube e iniziammo a parlare del posto e delle sue bellezze. Si chiamava Mario ed era del posto o di un paese poco lontano e che da decenni veniva a prendere il sole in queste spiagge. Raccontai a Mario che la tranquillità assoluta di quei posti veniva turbata soltanto da qualche guardone che ogni tanto si nascondeva dietro i cespugli. Lui mi tranquillizzò dicendo che lo sapeva e che, anzi, anche lui,ogni tanto si divertiva a guardare qualche coppietta. "Potete stare tranquilli. I guardoni sono tutta gente tranquilla che appena si sente indesiderata scappa"
Ma aggiunse che erano tantissime le coppie o i bagnanti in generale che si concedono a queste situazioni. Rimanemmo molto stupiti.
Lui approfondi con le sue esperienze. Si creò di nuovo un aria rilassata e ci divertivamo anche con dei dettagli comici di incontri ai quali aveva partecipato.
Conosco bene mia moglie e il suo linguaggio del corpo mi disse chiaramente che si era eccitata. E anche io lo ero ma non ne davo evidenza. Mentre mia moglie apriva ,forse senza nemmeno accorgesene, le gambe mostrando furtivamente il suo pube completamente depilato e un sospetto di umore che le bagnava le grandi labbra.
Mario era un maestro dell'eros. Si perceviva dagli sguardi, dai sorrisi, dal tono della voce e anche dalle posizioni che assumeva. Veddevamo il suo pisello adagiato su di una sua coscia ed era davvero grande e sopratutto era oggetto di continui sguardi di mia moglie. Una folata di vento depositò sul fianco della mia signora (42n)dei fili di erba e lui immediatamente con delicatezza se ne prese cura con dolcezza.Vidi mia moglie rabbrividire.Lui non ci badò e continuò a pulire accarezzandola. Nortai subito che il suo pisello non era più adagiato sulla sua coscia ma, iniziava asollevarsi.
Mia moglie per uscire da quella situazione che la caricava di ansia si sposto ma favorì la situazione. Si era leggermente allontanata ma al contempo permetteva al nostro nuovo conoscente di accarezzarla più comodamente.Alchè mia moglie cominciò a controllare che non ci fosse nessuno in giro che potesse vedere quella scena. MArio aspettava solo quel momento e la rassicurò: " Stai serena,non ci può vedere nessuno almeno fino a domani. Rilassati e fai ciò che davvero desideri in questo momento"
Poi si volse verso di me e mi disse di fare altrettanto e mi appoggiò la sua grande mano su di una coscia. Mi trasmise fiducia e mi avvicinai a mia moglie e le accarezzai un seno. A quel punto anche Mario si fece più audace e le prese l'altro seno. Poi prese una mano a mia moglie e la condusse sul suo pisello, con delicatezza, senza forzare. Mia moglie si fece guidare. Si sentiva il suo respiro affannato mentre MArio era tranquillissimo. La vidi stringere quel mebro gonfio. Vidi le sue dita sulla cappella nera e i suoi primi movimenti che iniziarono a dare rigidità al cazzo di Mario. Anche il mio ebbe un sussulto e iniziò a svettare tra loro.Ci rassicurava continuamente con voce suadente e infine la sua mano avvolse il mio pisello. Restai di ghiaccio. Pensai di tutto e anche con un po di delusione. L'idea che corteggiasse mia moglie e che se la prendesse iniziava davvero ad eccitarmi. Non avevo preso in minima considerazione fosse attratto da me. Mi rassicurò con poche parole e soprattutto quando vidi che con l'altra mano prese per la nuca mia moglie e la condusse delicatamente tra le sue gambe.
Mia moglie non reagì e seguì il volere di Mario e spalancò la bocca per prendere tutto quel cazzo in bocca. MArio si sdraio completamente e voltò il viso verso di me mentre lia moglie era impegnata a succhiare con maestria( la fellatio è il pezzo forte di mia moglie)Mi disse di avvicinarmi un po e acconsentii e inizia a masturbare la donna al centro delle nostre attenzioni. Stavamo godendo come dei folli.
MArio con gli acchi chiusi si godeva il lavoretto della mia signora e si lasciò andare scivolando con il viso sulle mie gambe, allungò una mano e afferrò il cazzo durissimo e lo masturbò. Mi stava facendo una sega e a me piaceva. Anche mia moglie guardava eccitata. Poi si sbilanciò in avanti e lo fece sparire tra le fauci regalandomi un clamoroso pompino. Mai. Non mi era mai passato per il cervello di provare una cosa del genere perchè mai avrei creduto che mi potesse piacere. Invece,nonostante abituato da nni di abilità di mia moglie, mi dovetti ricredere e lo lascia fare tutto ciò che credeva. Ad un certo punto si staccò dal mio cazzo e disse. "Se vi fiderete farò di questo incontro un ricordo di indimenticabile bellezza" e mi suggerì di prendere mia moglie da dietro. Lui si inginocchio davanti al suo viso e continuò a farsi succhiare. Io ubbidii volentieri.
Mia moglie era in estasi. Anche lei non aveva mai previsto che potesse mai succederle di stare così bene.
Dopo qualche minuto Mario si sollevò e vidi il suo cazzone nero davanti a me. Vicinissimo. Mi prese per la testa e disse "Provalo"
No.Risposi io. Non mi piace.Deciso e secco. Lui mi guardò e poi guardò mia moglie e sorrise. "Dice che non gli piace e probabilmente non lo ha mai assaggiato. Sbaglia"
Mia moglie mi guardò e sorrise e mentre si godeva la mia verga dentro di se: "Provaci. Ormai abbiamo rotto il ghiaccio"
A quel punto, pieno di riserve lasciai che mi conducesse verso quel cazzo che mi sfiorava. Aprii le labbra e ne sentii subito il sapore. Mi piacque subito e comincia a leccare timidamente poi presi la cappella in bocca e succhiai per un po.
Lui mi disse che ero stato bravo ma che mia moglie era molto più capace. MI fece spostare da mia moglie che era ancora a pecorina. Le andò alle spalle e la prese con una sola spinta. Sembrava la volesse sfondare. Spingeva con veemenza. Volevo vedere tutto e mi misi con la testa tra le gambe di mia moglie e guardavo lo stantuffo ch le spariva dentro. Ogni tanto leccavo il suo clitoride,glielo succhiavo con energia e ogni tanto facevo scivolare la lingua sulla verga di Mario. Che aveva capito che il giochino mi era piaciuto. Ogni tanto lo faceva uscire e me lo faceva scivolare sulle labbra e sulla lingua.
Mia moglie continuava a succhiarmelo. Resistetti ancora pochi minuti e scoppiai in un vigoroso orgasmo in bocca alla mia bella. Lei si mise quasi ad urlare raggiungendo l'ennesimo orgasmo.
Alchè Mario si alzò in piedi e si sfilò il preservativo e cominciò a menarselo. Io e mia moglie appagati sugli asciugamani guardavamo quello spettacolo contro luce quando numerosi schizzi caddero sui nostri corpi.
Fu un pomeriggio indimenticabile.

Questo racconto di è stato letto 5 8 7 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.