Erotici Racconti

Un piccolo regalo a un collega

Scritto da , il 2017-01-09, genere etero

Ormai il treno è diventata la mia seconda casa. Ci lavoro, mangio, dormo e...altro. L'ultimo viaggio dell'anno è verso Torino, un Eurostar quasi vuoto, soprattutto nella classe business, i salottini. Io e il mio collega Gianni lavoriamo in tandem sui rispettivi PC. Gianni è apertamente attratto da me, ma in tanti anni di lavoro non gli ho mai concesso nulla. E' molto carino, gentile, affascinante...mi sento quasi in colpa di essermi scopata il nostro capo, qualche altro collega, ma non lui. Decido di fargli il regalo di Natale.Mi guardo in giro,il vagone è quasi vuoto,qualche passeggero in fondo distratto da altre cose.Il controllore è già passato, la prossima fermata è tra mezz'ora.Gianni è sempre addosso a me, gli occhi puntati sulla mia scollatura e sulle mie gambe scoperte. Mi eccita questa attenzione continua.Faccio scivolare la mano sotto il tavolinetto,sulla sua possente coscia. Lui si sorprende ma rimane impassibile,mi sorride,la mia mano scorre lentamente sul pacco, già bello gonfio. Lo stringo piano piano tra le dita,lui arrossisce,lo accarezzo meglio e lo sento muoversi,deve avere un bel arnese il mio collega!Lui sussurra con tono fermo ma gentile "Mary...ti aiuto" si slaccia la zip e tira fuori un bel membro,che svetta già eretto.Lo impugno saldamente, è bello grosso, caldo,duro.Lo masturbo lentamente,guardando Gianni in viso godersi questo momento meraviglioso ed eccitante per lui.Il suo cazzo si gonfia, la sua punta esce fuori ed è turgida, rossa, ho voglia di lui...alzo il tavolinetto e senza parlare mi inchino sopra quel bel cazzo e lo ingoio tutto...è buonissimo, maschio, già umido, al mio pompino Gianni mugugna di piacere, ad ogni leccata di cappella geme...cerco di tirare fuori i suoi possenti testicoli dalla lampo, li accarezzo dolcemente, masturbandolo in continuazione.Gianni non resiste a lungo, le mie leccate lo fanno fremere e mugolare come un vitellino...dopo pochi minuti mi sussurra il mio nome, mi avverte dell'imminente eiaculazione, da vero signore...rimango incollata a quella buonissima cappella, aspettando l'inevitabile!I suoi schizzi mi invadono la bocca,mi allagano la gola,sento quel vischioso nettare scendermi nello stomaco e riscaldarmi l'anima...è così buono! Non stacco le labbra per timore di sporcargli il vestito,quindi bevo tutto quello che Gianni mi regala,avidamente,e ripulisco la cappella da brava bambina quale sono in queste faccende. Terminato, mi alzo paonazza in viso, i capelli arruffati dalle sue mani,un rivolo di sperma mi riga il mento ma Gianni, come un gentiluomo, mi dà la sua pochette per pulirmi. Arrossisco da tante gentilezza...chissà se con sua moglie è altrettanto affabile! Senza dire nulla, si rimette il cazzo nei pantaloni e riprendiamo a lavorare. A Torino prendiamo parte alla nostra riunione aziendale, poi andiamo in albergo. Nella stanza attigua, lo sento parlare con la mogliettina, ma poco dopo mi bussa. Imbarazzata ma ancora eccitata dall'episodio in viaggio, gli apro in accappatoio, ho ancora il suo aspro sapore in bocca, senza quasi parlare ci baciamo appassionati finendo sul letto, lo spoglio vorace lo bacio ovunque e lui fa lo stesso con me, e poi gli rifaccio subito un'altro pompino, eccitandolo al limite, quindi gli infilo un preservativo e mi faccio scopare da vera troia quale sono, in realtà. Gianni mi prende alla pecorina sul letto, mi gira e mi scopa a gambe sollevate sulle sue spalle, è un toro in corsa, mi sfonda da dio regalandomi orgasmi a non finire...e penso a quella troietta e cornuta della acida mogliettina! Lo sento e lo vedo godere come un selvaggio animale, dopo tanti anni di astinenza finalmente mi scopa ed io sono felice e orgogliosa di questo regalo...Sento il suo cazzo penetrarmi nelle viscere, mi vibra dentro, mi morde i capezzoli affamato e mi penetra con il dito il culo, amplificando il mio orgasmo...che mi sono persa in questi anni! Gli prendo il pisello in bocca a tratti, per farlo durare di più, e poi mi riprende a scoparmi sino a quando si tira fuori dalla mia fica devastata, si sfila il preservativo e si masturba sul mio viso, aiutato anche dalla mia manina e dalla mia lingua...è un fiume in piena, mi devasta di sperma il trucco ancora presente sulla faccia...cerco di leccare qualcosa dal suo cazzo, impazzisco di piacere e lo guardo godere soddisfatto. Ci lasciamo andare sul letto abbracciati, sudati e sporchi di umori, ma felici. Sappiamo che saranno solo scopate di sesso, ma non è piacevole anche solo così! Buon Natale, Gianni...

Questo racconto di è stato letto 6 1 7 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.