Erotici Racconti

Origini di una ninfomane (Storie Vere pt.3)

Scritto da , il 2016-11-30, genere prime esperienze

A differenza di T., G. mi aveva realmente colpita nel profondo.
Pensavo che la mia prima esperienza fosse stata qualcosa di fantastico, ma l'inesperienza mi aveva ingannata.
G. era riuscito a farmi toccare certe corde interiori che non pensavo esistessero ed è per quello che, nonostante la mia mancanza di propensione verso legami solidi, rimasi con lui.
Le nostre scopate erano un rituale immancabile, almeno due volte a settimana veniva nel mio paese solo per scopare come sapevamo ben fare.
Sì, eravamo innamorati.
Ma no, non era amore inteso come sentimento, era amore carnale e basta.
Ci demmo appuntamento, come al solito, nel parco dietro casa mia.
Quel giorno pioveva. Che disdetta!
Lo aspettavo sotto al mio sgangherato ombrello blu. L'ombrello era talmente vecchio che entrava acqua da tutte le parti.
Ma lui arrivò in auto, si avvicinò al parcheggio e suonò il clacson.
Appena mi volsi e lo vidi, un brivido di eccitazione pervase il mio ventre. Mi stavo già preparando.
Il mio cavaliere è venuto a prendermi per una scopata indimenticabile.
Lanciai l'ombrello. Ero felice di vederlo, ero felice perchè mi pregustavo ciò che sarebbe successo da lì a poco.
Corsi in macchina, con i vestiti zuppi di acqua e i capelli bagnati incollati al viso.
Ero già eccitata.
Mi tolsi felpa, la sistemai sul sedile dietro.
G. notò che da sotto la mia maglia leggera spuntavano i capezzoli turgidi sensibili al fresco della pioggia.
Come un grasso a dieta da settimane, ci si avventò sopra e iniziò a mordicchiarli. Il mio corpo reagì al richiamo del sesso e, oltre alla pelle d'oca, la mia figa iniziava a bagnarsi a dovere.
G. -"Ciao ninfomane"
Era quello il mio soprannome, per lui ero una ninfomane. Lo ero? All'epoca non lo sapevo, forse ero solo alla fase iniziale di tutto ciò. Eppure mi piaceva quando mi chiamava così.
Non eravamo di grandi parole in quei giorni dedicati al sesso, ritrovarci a parlare per scegliere dove appartarci, in quel giorno di pioggia, fu strano.
Optammo per il vecchio mulino dietro al fiume. Abbandonato almeno da sessant'anni.
G. entrò con l'auto nel sentiero che ci avrebbe portato al cortile interno del vecchio mulino, dove poi avremmo scopato come se non lo facessimo da anni.
Spenta l'auto e tirato il freno a mano, notai con piacere che G si era messo i pantaloni da tuta e che sotto premeva il suo cazzo già eccitato.
Per la prima volta dopo tante settimane, ci baciammo. Fu quasi una novità, ma venne spontaneo a tutti e due.
La sua lingua, prepotente e curiosa, volteggiava insieme alla mia in una danza erotica. I nostri respiri affannati e profondi, invece, avevano già appannato la maggior parte dei finestrini.
Intanto, le nostre mani si esploravano a vicenda. Le sue mani esperte erano già sul mio clitoride, in alternanza a qualche piccola penetrazione con le dita. Ma lui lo sapeva che a me due o tre dita non bastavano.
Senza chiedere, gli abbassai i pantaloni e tirai fuori il suo cazzo. Era talmente caldo che per un'istante mi sembrò di vedere uscire il fumo del calore dal suo cazzo.
Tirò indietro il sedile, mi prese per i capelli e mi spinse la testa sul membro. Mi spinse talmente giù che pensavo di soffocarmi. Mi stava eccitando un sacco.
Il modo in cui lui mi usava per il suo piacere mi provocava degli spasmi di piacere in tutto il corpo.
Continuai a succhiargli il cazzo per dei minuti infiniti. Mi piaceva farlo e G. ha sempre detto che avevo un talento naturale.
Le mie labbra carnose avvolgevano la cappella in un abbraccio perverso. La lingua accarezzava violentemente tutta l'asta. In quella sera di inizio ottobre mi sentivo davvero indemoniata.
Ero impaziente. Stavo solo aspettando il momento in cui mi avrebbe presa e mi avrebbe fatta sua.
Mi alzò la testa staccandomi dal mio lecca lecca.
Con solo la maglia addosso, scese dall'auto. Non capivo cosa stesse facendo finché non aprì la mia portiera.
Le gocce di pioggia gli cadevano addosso bagnandolo tutto. Era così eccitante.
Scesi dall'auto, mi levai i jeans già in parte abbassati.
Mi prese in braccio e mi penetrò.
Con il suo cazzo dentro la figa, mi portò sotto la tettoia, coperti dalla pioggia e continuò a sbattermelo dentro per qualche minuto.
Si staccò da me e mi disse di stendermi per terra, sul letto di erba e foglie ingiallite dall'autunno.
Era la prima volta che lo facevamo in quella posizione dal momento che il nostro abituale posto era ricoperto di sassi e terra.
Si inchinò verso la mia figa e iniziò a leccarmela come fosse un gelato.
Sapeva quel che faceva e ormai aveva scoperto il modo più idoneo per farmi avere l'orgasmo.
Mi succhiava il clitoride e, nel mentre, mi sditalinava il culo.
Ero impaziente, lo volevo dentro di me. Qualsiasi buco avesse voluto scopare, io ero a sua disposizione.
Si arrampicò sul mio corpo, con una mano poggiava sul suolo e con l'altra mi teneva una gamba aperta.
La mia figa lo richiamava come una calamita: era lì, completamente divaricata.
Ci sputò sopra, anche se non ce n'era bisogno. Ma sapeva che il gesto mi eccitava.
Infilò il suo cazzo dando esattamente quattro colpi profondi. Riuscivo a sentire il suo bacino premere violentemente contro la mia carne. La mia figa, vittima delle sue penetrazioni prepotenti, straboccava eccitazione.
Dopo quei quattro colpi, prese il cazzo in mano e iniziò a penetrarmi l'ano. A lui piaceva più lì.
Sentivo il culo pieno del suo membro, sentivo le pareti allargarsi ad ogni sua intrusione.
Sfogò tutta la sua violenza sul mio culo e io intanto mi torturavo il clitoride.
Ed eccolo lì, il primo orgasmo provocato da quella scopata. Sentii il mio corpo contorcersi dal piacere, nel ventre percepivo spasmi ritmici. Le mie tempie sembravano comprimersi.
Una delle sensazioni più belle.
G. tolse il cazzo dal mio culo e me lo mise ancora nella figa.
Sapevo cosa voleva fare.
Diede ancora un paio di colpi finché non lo sentii vibrare dentro di me.
Iniziò a venire dentro la mia vagina e a metà coito tirò fuori il cazzo e finì di avere l'orgasmo schizzando il fluido lattiginoso sulle labbra esterne della mia figa.
Inizialmente mi bloccai.
Era venuto dentro di me e io non prendevo la pillola.
Ma poi l'idea di aver accolto nel mio utero il suo sperma, mi eccitò.
Mi misi a sedere davanti a lui. Con delicatezza e malizia, gli leccai la cappella sporca di fluido mentre ci fissavamo negli occhi.
Dopo esserci ripuliti al meglio da foglie umide ed eccitazioni varie, risalimmo in macchina.
Dopo le nostre scopate non parliamo mai. Preferiamo cullarci con i ricordi di quello che si è appena fatto.
Arrivati al parcheggio del parco dietro casa mia, spense il motore.
Si volse verso di me e allungò un braccio per prendere la felpa sui sedili posteriori.
Mi guardò.
-Sai, mi è piaciuto venirti dentro.
-Anche a me è piaciuto.
-Come periodo come sei messa. Rischi qualcosa?
-No tranquillo. Non è un tuo problema.

Ci fu un attimo di silenzio.

Si voltò a guardare fuori dal parabrezza e disse.
-Mi piacerebbe se iniziassi a prendere la pillola.
-Potrei vedere di fare le analisi.
-Se riuscissi ad iniziarla, la prossima volta ti potrei proporre qualcosa che ti piacerà.

Ero curiosa, la mia figa aveva già ricominciato a vibrare. Ma sapevo che non mi avrebbe detto nulla più di quello.
Uscì dall'auto.
Nell'esatto momento in cui chiusi la portiera, mi guardò e fece il suo solito sorrisino malizioso.
Già sapevo che aveva in mente qualcosa di estremamente eccitante.




Questo racconto di è stato letto 6 2 9 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.