Erotici Racconti

Origini di una ninfomane (Storie Vere pt.4)

Scritto da , il 2016-12-02, genere prime esperienze

[Premessa. Mi scuso già da ora per la lunghezza che avrà questo racconto, ma per ovvi motivi questa storia necessitava di una narrazione più ampia e di certo non potevo dividerla in due parti dal momento che avrei interrotto a metà una storia. Spero che non vi annoi]

Volete la verità? Di quanto mi abbia eccitato l'idea che G. venne dentro di me, in cuor mio sapevo che avevamo fatto una gran cazzata. E se fossi rimasta incinta? Avrei dovuto dirlo a mia madre dal momento che vivevo ancora sotto il suo tetto.
Fortuna volle che fu solo tanta paura. Non ero incinta.
Mia zia all'epoca era ginecologa presso l'ospedale centrale e, grazie a lei, riuscii ad avere un appuntamento attraverso una corsia "preferenziale".
Fatto sta, che dopo i vari accertamenti e analisi, mi prescrisse la pillola. Incominciai a prenderla dopo sei giorni.

Per qualche giorno non ricevetti notizie di G. In quel periodo lavorò molto e, spesso e volentieri, lavorò anche oltre il suo orario.
Decisi di scrivergli un breve messaggio, così da aggiornarlo sulle novità.
"Tra 15 giorni posso ricevere la sorpresa che mi hai promesso. Sono sotto pillola."
Assolta nelle mie fantasticherie, mi misi a guardare fuori dalla finestra quando un trillo del telefono mi interruppe. Era G.
“Era ora. Preparati Ninfa” (nei giorni no-sesso mi chiamava Ninfa, che era comunque un diminutivo di ninfomane, solo più carino).
Non gli risposi.

I giorni passarono lentamente. Anche se ci si vedeva sovente, soprattutto per prendere un caffè in pausa pranzo, non fummo molto attivi sessualmente. Capitò qualche pompino o quale strusciata, ma nulla più. Sono sicura che volesse farmi morire di curiosità fino al giorno prestabilito per quella famosa sorpresa.

Il giorno tanto atteso arrivò.
Durante la mattina mi scrisse indicandomi l’ora in cui sarei dovuta andare al solito parco.
Ci andai.
Arrivò in auto, ma non mi sorprese dal momento che se faceva freddo non potevamo andare nei campi. Pensai così che avremmo fatto sesso in auto.
Riprese la marcia e imboccò la strada verso il vecchio mulino, lo stesso posto in cui scopammo nel giorno di pioggia.
Arrivammo, spense la macchina parcheggiata nel cortile interno e scese. Scesi anch'io. Aprì il bagagliaio e prese due cuscini e una coperta.
Faceva freddo, ormai era metà novembre. Come poteva pensare che mi sarei messa nuda con queste temperature?
Quella volta, a differenza dell’altra, entrò nell’edificio. Non avevo mai varcato la soglia di quel mulino. Il puzzo di umido e vecchio mi infastidì inizialmente, poi ci presi l’abitudine o non lo percepii più.
Restammo al pian terreno, di certo mi sarei opposta qualora mi avesse portato al piano di sopra: le scale di legno erano marce e non volevo sicuramente rischiare di cadere da chissà che altezza.
Entrammo in una stanza alla destra del portone di accesso. Era piccola e poco luminosa, ma restava comunque fredda.
In mezzo alla stanza vidi una tenda, come quelle da campeggio, con affianco un barile, come quelli per il petrolio, con della legna all’interno.
G. si allontanò da me, depositò la coperta all’interno della tenda. Dalla tasca tirò fuori una scatola di cartone e dei fiammiferi e si sedette sui talloni per accendere il fuoco.
Una volta che la fiamma prese bene, mi avvicinai al barile per scaldarmi.
-Dunque? Era questa la sorpresa? Il fuoco, la tenda.. Mi stai cadendo sulle romanticherie adesso?
-Parli troppo alla svelta, sai?
-Illuminami.
Nell’esatto momento in cui parlai, sentii delle ruote sulla ghiaia del cortile.
Mi spaventai. Cavolo, ci avevano scoperto e ora sarebbe entrato il padrone dell’immobile a far casino.
G. invece era tranquillo, continuò a guardare il fuoco come se non avesse sentito nulla.
Il portone d’entrata cigolò e dei passi calmi si avvicinarono a noi.
Fu in quel momento che iniziai a capire.
-Ehi ragazzi, scusate il ritardo. Mia nonna non mi mollava più.
-Tranquillo, tanto siamo appena arrivati anche noi. Ah, lei è la ragazza di cui ti parlavo, K. K., lui è A.
-Oh, ciao A.
Era un bel ragazzo, alto più o meno come G., biondo scuro e con un fisico asciutto.
Si avvicinò a me, mise una mano sul mio punto vita e mi baciò.
Inizialmente restai un po’ di sorpresa, era forse un nuovo modo per salutare la gente?
Ma la situazione mi intrigò molto e iniziai a ricambiare il bacio.
Una seconda mano iniziò ad accarezzarmi il culo. Una carezza e uno schiaffo. Era G.
A. mi tastava una tetta, G., invece, mi massaggiava la figa da fuori i jeans.
Avevo sempre immaginato una cosa a tre e pensavo che mi sarei potuta sentire a disagio. Invece no, fui tranquilla.
Non sapevo dove mettere le mani: due ragazzi non sono facili da gestire, almeno non per una che non l’aveva mai fatto.
A. si staccò da me, G., ancora dietro di me, si avvicino con le labbra al mio orecchio.
-La sorpresa le è gradita, signorina?
Fissai la tenda. Sarei stata capace di gestire sta cosa? Non lo sapevo. L’unico modo per avere una risposta era farlo.
Mi girai con fare esperto e presi i due per l’orlo dei pantaloni. Camminai all’indietro, trascinandoli con me, guardandoli negli occhi con il mio sguardo malizioso. Ogni tanto mi mordicchiavo il labbro inferiore, così da trasmettere impazienza e voglia di loro, voglia dei loro cazzi.
Entrammo nella tenda. Probabilmente uno dei due doveva essere stato qui il giorno prima a montarla per fissarla in qualche modo. Infatti, non essendoci terra ma cemento, erano stati usati dei tiranti alle estremità.
La tenda era abbastanza spaziosa, sia G che A riuscivano a starci in piedi.
Notai con piacere che per terra c’erano già varie coperte e piumini, così da creare uno strato soffice, per quanto possibile.
In me scattò qualcosa.
Presi l’iniziativa e, mentre i due mi guardavano, mi spogliai.
Sotto i jeans non avevo le mutandine.
Avevo freddo.
Ma ero lì, nuda davanti a loro. La pelle d’oca ricopriva ogni centimetro della mia pelle, ma la mia figa, invece, era più bollente che mai.
Si avvicinarono a me, mi toccarono, mi assaggiavano con la loro lingua e mi esploravano con le dita.
Iniziai a spogliare A, mentre G stava facendo da solo.
In un attimo ci trovammo tutti e tre nudi, primitivi.
L’istinto primordiale e la voglia predominavano la nostra carne. Le palpitazioni si facevano più presenti.
Mi inginocchiai davanti a loro, brandendo tra le mani i due cazzi. Mi guardavano seri, desiderosi di provare sensazioni e piaceri.
Iniziai a segarli guardandoli negli occhi, poi ne presi in bocca uno, poi l’altro. Tutti e due gradivano il lavoro e mi incitavano a far di più prendendomi la testa per farmi arrivare il cazzo alla laringe.
G. era molto eccitato. Glielo leggevo negli occhi. Mi prese la faccia con la mano, mi allargo la bocca e ci sputò dentro. Ripresi a succhiargli la cappella.
A. mi guardava incuriosito e, mentre gli massaggiavo le palle, lui mi toccava il seno.
Sessualmente erano molto diversi loro due, avevano due approcci differenti.
Mi rialzai, mentre con le mani continuavo a procurare piacere ad entrambe.
A. si staccò e si mise dietro di me.
Iniziò ad accarezzarmi la schiena ripercorrendo la colonna vertebrale. Arrivato all’altezza delle scapole, fece pressione e me l’abbassò. Ero a novanta a gambe larghe.
Con una mano mi prese il fianco, con l’altra, invece, iniziò a giocare con la mia figa.
Premeva e stuzzicava il mio clitoride per poi insinuarsi con le dita dentro la vagina. Ogni tanto prelevava un po’ del mio liquido e lo trasportava verso il culo. Lubrificato per bene, iniziò ad inserire il suo dito.
I miei spasmi confermavano le mie sensazioni di piacere.
Davanti a me, G. mi schiaffeggiava con il suo cazzo, mettendolo e sfilandolo dalla mia bocca.
Sulla mia lingua sentii il gusto amarognolo e salato di una gocciolina di sperma. Stavolta G. era davvero eccitato. Evidentemente la vista di me scopata anche da un’altra persona, lo eccitò.
A. non perse tempo. Mi prese, con entrambe le mani, i fianchi e mi penetrò. Dapprima con calma, poi aumentò sempre di più il ritmo e la pressione dei colpi.
Scopava bene.
Davanti a me, G. stava facendo la stessa cosa, solo con la bocca. Me la stava scopando.
In quel momento mi sentii come una bambola nelle loro mani.
Andò avanti così per qualche minuto, poi i ragazzi fecero cambio.
G. si stese sullo strato coperte.
Ormai non sentivo nemmeno il freddo. L’eccitazione prevalse su ogni altra sensazione. La mia pelle percepiva solo il piacere.
Mi sedetti su G. e loo scopai con la mia figa. Saltellavo sul suo cazzo come un amazzone mentre succhiavo il cazzo di A.
Ebbi il primo orgasmo.
Mi staccai da G., camminai con la figa sopra di lui finché non fu all’altezza della sua faccia. Mi abbassai e gli feci leccare i liquidi del mio orgasmo. Nel frattempo, mi sditalinava il culo per allargarlo bene.
Tornai indietro, mi misi tra le sue gambe a carponi. Iniziai a succhiargli la cappella. Dietro di me, A. stava giocherellando con il mio culo. Ci sputò sopra. Prese in mano il suo cazzo e lo picchiettò sul buco. Lo infilò lentamente, per farmi sentire il culo aprirsi al passaggio del suo membro. Il suo cazzo era grosso, sentivo il buco aprirsi e ristringerlo ogni volta che lui lo sfilava e infilava. Percepivo, come a rallentatore, ogni movimento e ogni dettaglio. Non aveva di certo il cazzo grosso come quello di G., ma tanto bastava per sentirlo bene.
Diede l’ultima spinta ed entrò tutto. Iniziò a scoparmi il culo con molta foga, come un animale.
G. intanto mi teneva per i capelli, accompagnando la mia testa nei movimenti. Me la spingeva tutta infondo, fino a farmi toccare la sua pancia con il naso. Quando sentiva il fondo della mia gola, mi liberava e io finalmente potevo respirare.
Quella situazione mi stava davvero facendo sentire una porca. Non ero mai soddisfatta e, dopo quella volta, avrei desiderato sempre di più.
Dietro di me A. era come un treno. Ogni tanto sfilava il cazzo dal culo per metterlo nella figa. Ma, evidentemente, anche lui preferiva scopare il mio culo.
Lo sentivo accelerare. Avevo capito che ormai era al limite.
Con l’ultimo colpo, buttò il cazzo tutto in fondo e mi venne dentro. Sentii il fluido caldo riempirmi l’intestino. Restò dentro per qualche secondo, poi lo tirò fuori e lo picchietto sulla goccia di sperma che era fuoriuscita.
Mi girai per guardare A. e ci scambiammo un sorriso soddisfatto. Aveva i capelli bagnati di sudore.
Tornai a G.
Mi stancai di succhiargli il cazzo, la mia mascella chiedeva pietà.
Mi distesi a pancia in su sulle coperte bianche.
Lui si arrampicò su di me, mi prese le gambe e me le spalancò al massimo dell’apertura. A lui piaceva vedermi in quella posizione. Era come a dire “Prendimi e scopami”. Effettivamente, era così.
Restò a fissarmi la figa dilatata e lo sperma che colava dal mio culo.
Prese il cazzo e lo infilò nella mia vagina.
Era eccitatissimo. Mi stava scopando con molta foga, era molto violento nei colpi.
Con un pollice, iniziò a massaggiarmi il clitoride.
Dopo qualche scossa di piacere, arrivò il secondo orgasmo, il ventre subì una scarica di brividi, una scossa forte invase il mio cuore.
Vedendomi così, G. si lasciò andare e mi venne dentro.
Il suo orgasmo mi pervase l’utero. Percepii il suo cazzo bollente pulsare mentre schizzava dentro di me.
Sfinita, iniziai a massaggiarmi la figa dopo che G tolse il suo membro. Sentivo il liquido denso uscire da dentro di me, io lo prendevo con il dito e me lo spalmavo sul clitoride, mentre me lo accarezzavo.
Mi misi carponi e iniziai ad avanzare verso i ragazzi come una gatta in cerca di coccole. Mi ritrovai davanti a loro, seduta sui miei talloni. Infine, ripulii i due cazzi con la mia bocca, leccando via ogni traccia di piacere e di orgasmo.

Il freddo ci obbligò a rivestirci subito, ma restammo dentro la tenda tutti e tre insieme.
Era la prima volta che io e G. restavamo a parlare dopo il sesso.
Ero seduta tra le gambe di A. mentre lui aveva una mano sotto il mio maglione, a toccarmi una tetta.
Ogni tanto mi trovavo la lingua di uno dei due in bocca.
Venivo sballottata tra i due ragazzi come un birillo in bilico. Ma sta cosa mi piacque.
La malizia e i giochini continuavano.
Quel pomeriggio fu perfetto: scoprii altre voglie e altre parti della mia sessualità che mi piacevano, capii quanto amassi essere scopata da due ragazzi nello stesso momento.
Capii quanto mi piacesse far sesso e iniziai ad interrogarmi su cosa sarei disposta a fare per questa cosa.

Rimase uno dei pomeriggi più belli!




Questo racconto di è stato letto 4 0 8 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.