Papi porcello e figlia vogliosa

Scritto da , il 2016-11-21, genere incesti

"quanto sei bona tesoro e vederti godere mentre ti scopo è uno spettacolo... eppure hai appena diciotto anni ma sei così esperta !!! non immaginavo proprio di avere una troietta in casa, così calda ed eccitante e tanto vogliosa di cazzo... ahh ahh ahh godooo !!!"

"Siii papi riempimi tutta... arrivami pure dentro !!! quando sento il tuo sperma invadermi l'utero mi sento completamente tua !! ma dopo sai bene che voglio pulirti con la mia lingua perchè sei un porcellone e ti piace osservarmi mentre lo prendo in bocca !!"

finalmente avevo realizzato un sogno incestuoso covato da tempo.. quello di andare a letto con mia figlia !!! Elena adesso è da poco diciottenne ed era già abbastanza arrapante dall'età di quindici anni. Le sue grandi e belle tette erano il mio sogno erotico, volevo scoparle e magari toccare la sua lingua con la mia cappella, per non parlare dei suoi piedini piccoli e affusolati che diventano estremamente eccitanti quando indossa scarpe aperte con tacco altissimo e lei questo lo ha capito benissimo perchè ogni volta che sta per uscire la sera viene da me per ascoltare il mio parere sul suo abbigliamento ed io mi soffermo sempre a farle mille complimenti alle sue estremità.

"papi vieni quì sul lettino che voglio coccolarti un pò... adesso ho voglia di sentirmi la tua lingua nella mia bocca !!!"

in questo momento mi trovo con lei nella sua stanzetta, la mamma è scesa per alcune commissioni e ci stiamo scambiando piaceri di sesso senza curarci del suo possibile ritorno.
Adora quando con molta perversione ci baciamo ma poi le piace prendermi il cazzo in mano e con una lenta sega farmi ritornare duro per poter essere scopata di nuovo.

Da quel giorno del suo diciottesimo compleanno a questa nostra prima volta completa a casa è trascorsa appena una settimana. Ho ancora nella mente quella scena che mi si presentò avanti ai miei occhi quando sorpresi Elena e suo zio intrufolarsi di nascosto in un ripostiglio, aprii leggermente la porta e intravidi lei che inginocchiata leccava con devozione il suo cazzo.
Tutto questo accadde nel locale dove si stava svolgendo la festa, mancava un bel pò alla mezzanotte ed io per anticiparmi stavo andando a prendere le bomboniere nel cofano dell'auto.
Quella sera mia figlia era vestita con una minigonna cortissima e le tette a stento erano contenute nel suo reggiseno a balconcino ma il mio feticismo mi rendeva schiavo per quelle scarpette che aveva indossato per l'occasione, quel tacco altissimo lo avrei leccato finendo poi a baciarle i piedini e magari venirci sopra dopo essermi segato.
Come ho detto prima lei mi eccitava già da un paio di anni e quella scena che avevo appena visto mi aveva procurato una grossa erezione, forse avrei potuto sbatterle la verità in faccia e magari realizzare il mio sogno di poterla scopare...
Nel momento del brindisi dietro la torta ero accanto a lei per unire i calici, ancora bello duro. Elena si accorse di tutto quando con l'altra mano, quella che teneva bassa, l'avvicinò a contatto con il mio cazzo, forse lo aveva fatto apposta ed io risposi subito facendo scivolare la mia sul suo fondoschiena. Magari avevo esagerato ma ero troppo eccitato per poter prendere delle giuste decisioni.
Al ritorno a casa un pò per premio ma anche per godermi le sue gambe scoperte, chiesi a mia moglie di accomodarsi dietro e di lasciare il posto avanti alla mia principessa che aveva compiuto diciotto anni.
Ero strano... il pensiero delle sue labbra carnose sulla cappella del cazzo dello zio erano perenni nella mia mente, adesso avrei desiderarto schiacciarla contro lo schienale e metterle la lingua in bocca...


Con una scusa pogiai la mia mano sulla sua coscia nuda e non la tolsi prima di dover cambiare nuovamente la marcia.
Arrivati a casa lasciai mia moglie al portone e mi feci accompagnare da Elena in garage a posare l'auto.

"Papino cosa hai ??? sei rosso di viso ed hai la mano fredda... forse ti ho fatto qualcosa ???"

Quella domanda fatta lì, magari innocentemente, la sfruttai in mio favore rispondendo a tono.

"Tesoro stò in questo stato perchè... sei cresciuta e stasera sembri proprio una donna per come sei vestita !!!"

"ma io sono piccola e brava... proprio come mi ha detto lo zio alla festa !!"

Lo aveva nominato... lui è il fratello di mia moglie, proprio quello che si era goduto un pompino da mia figlia nel ripostiglio. Adesso avevo un'erezione paurosa ed Elena ci stava mettendo lo zampino o magari il piedino che mi sarei scopato ben volentieri, proprio come avevo fatto ieri sera dove accanto a lei sul divano mentre guardavo la tv e appena mi resi conto che si era addormentata con le mani ne presi uno e lo portai alla mia bocca per baciarlo e dargli una leccatina.
Mia moglie era a letto, al massimo sarebbe potuto rientrare mio figlio ma lo avrei sentito mentre apriva la porta, così sicuro di me scoprii il mio cazzo e con il suo piedino cercavo di segarmi. Lei continuava a dormire tranquilla o magari così credevo io...

"Papi sbrighiamoci a posare l'auto che questi tacchi altissimi mi stanno facendo male ai piedi... magari dopo approfitto di un tuo massaggino o di un bacino oppure avresti voglia di leccarli... ieri è stato bello mentre lo facevi e devi anche sapere che questa cosa mi ha fatto bagnare proprio come lo sono adesso !!!"

Cazzo... allora la mia principessa non stava dormendo, ma soprattutto mi aveva confessato spudoratamente che il mio operato le era piaciuto. Adesso voglio proprio vedere cosa mi risponde quando le dirò anche io sono a conoscenza del suo incontro segreto con lo zio alla festa...

"Elena e tu cosa ne pensi se magari ti chiedessi di sbottonarmi il pantalone e di assaggiare con la tua lingua il mio cazzo duro per te adesso... proprio come hai fatto poche ore fà al tuo zietto !!!"

"Penso che sei un gran monello perchè ti ho visto mentre ci guardavi e non hai fatto nessuna scenata anzi nel momento del brindisi eri bello duro e credimi se ti dico che avrei bevuto il tuo sperma volentieri al posto dello spumante !!"

"Tesoro ma come potevo... è stato così arrapante vederti inginocchiata a leccare quella cappella lucida e quando lo hai sbattuto sulla lingua... sembravi proprio una porcellina vogliosa di godere !!"

"no papi... non è solo di godere ma anche voglia di cazzo !!! adesso ho sete che ne pensi di dissetarmi un pochettino ???"

In silenzio stavo assecondando i suoi movimenti... la cinta l'avevo tolta io mentre il pantalone lo aveva subito sbottonato lei. Adesso si trovava avanti lo slip che a stento conteneva la mia erezione ma in un attimo sentii subito la sua lingua leccarmi completamente l'asta e quando percepii il caldo della sua bocca sulla cappella mi liberai in un orgasmo mostruoso e fiumi di sperma riempirono la sua gola...

"mmm... quanto sei buono papino, dolcissimo come piace a me !!! immagino però che adesso dobbiamo salire a casa prima che mamma venga a cercarci altrimenti... "

"altrimenti cosa ??? piccola mia.. "

"mi sarei sollevata la minigonna e magari ti avrei chiesto di scoparmi quì nella tua auto"

"ed io non avrei rifiutato di certo amore mio... ho proprio una gran voglia di fotterti adesso !! avvicinati e dammi la tua lingua che voglio baciarti !!"

Un bacio così perverso me lo stava facendo ritornare duro, la mia principessa sapeva bene cosa volevo da lei e adesso dovevo trovare solo l'occasione giusta per portarla a letto.
Mentre mettevo la mia auto nel box Elena era già scesa e mi attendeva mentre facevo manovra ma i miei occhi erano fermi su di lei e sulle sue curve mozzafiato.
Quelle scarpe con il tacco altissimo mettevano in risalto il suo culetto sporgente e la mia voglia cresceva sempre di più, oramai in me qualcosa era cambiato e da questa sera non l'avrei chiamata più principessa ma questo nomigniolo si transformerà in porcellina...
Nell'ascensore ne approfittai per poter stare ancora a stretto contatto con lei, abbracciandola da dietro facevo aderire il mio cazzo duro al suo fondoschiena mentre con le labbra cercavo il suo collo e leccandola arrivavo a sussurrarle porcate all'orecchio.

"Tesoro il tuo profumo mi stà facendo impazzire e sicuramente la tua passerina avrà voglia di essere riempita scommetto... sei proprio una bella troietta !!!"

"siii papi che lo sono... ma a scoparmi non preoccuparti che ci ha pensato bene lo zio alla festa, dopo che sei andato via mi ha fatto appoggiare al tavolo ed ha penetrato entrambi i miei buchi..."

Entrati in casa lei cercò immediatamente la via del bagno mentre io vidi mia moglie che stanca era già a letto a dormire. Come un adolescente alle prime armi mi recai verso la porta dietro la quale si stava spogliando ed eccitato mi cali per riuscire a spiarla dal buco della serratura. Mi sarebbe bastato scorgere un pò della sua patatina o magari osservare le sue grandi tette per poter venire senza nemmeno toccarmi.
La sua sistematina l'aveva già fatta ma si era accorta della mia presenza così venne verso di me...

"Papi sei propio un pazzo ma cosa fai... mi stavi spiando ??? guarda che io da oggi sarò la tua porcellina e voglio assolutamente che tu mi scopi, ma stasera non possiamo visto che la mamma è in casa e a momenti ritorna Marco !!"

"Hai ragione Tesoro ma guarda come stò un'altra volta... aiutami tu !!!"

"ok ma andiamo nella mia stanzetta che pensandoci bene ci sarebbe un qualcosa che lo zio non ha fatto stasera... scoparmi le tette !!!"

Mi stava camminando avanti e con le mani si sbottonò la mini facendola scivolare a terra, della mutandina neanche l'ombra e il suo bellissimo culo mi si presentò avanti.
Sculettando arrivo fino al suo lettino e dopo essersi seduta sulla punta con la mano sul mio pacco gonfio mi attirò a se... Scoprì il suo seno e lo avvolse attorno alla mia asta dura.

"Elena che belle tette che hai, dure e sode come piacciono a me, ho voglia di..."

"ssscchhh papi basta con tutte queste voglie... pensa solo a scoparle e quando stai per venire non spostarti che voglio dormire con il tuo sperma sul mio petto stanotte..."

"Tesoro sei proprio una gran puttanella... stò già per godere... ahhh godooo godooo !!"

Un grosso schizzo andò a finire sotto il suo mento mentre gli altri si depositarono sulla sua pelle nuda e lei con la mano spalmò tutta la cremina...

Quella notte si concluse così, con me che scappavo in bagno a pulirmi e lei che poco dopo trovai con il pigiama già indossato che stanca dormiva nel suo lettino.

Questo racconto di è stato letto 1 0 0 8 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.