La mia prima volta in gruppo

Scritto da , il 2016-11-16, genere orge

[TRAMA: Una ragazzina alle prime esperienze viene iniziata al sesso “duro” da tre ragazzi più grandi, che se la rigirano in tutti i modi sul retro di un camper.]

*****

Quando vado in discoteca mi piace farmi guardare dai ragazzi. So bene come sbavano nel veder dimenarsi una 18enne bionda e ben fatta, vestita solo con una minigonna e una maglietta che arriva poco sopra all'ombelico.
Mi piace stuzzicarli un po', fargliela annusare per poi tirarmi indietro...Una slimonata la concedo volentieri, ma per andare oltre devo sentirmi gasata al punto giusto.


Quella sera, tra le strusciate sulla pista da ballo e qualche drink di troppo, ero parecchio su di giri...Così non feci troppe storie a slinguare un po' con Alex, un ragazzo che mi aveva adocchiato.
Era belloccio, anche se era già sui 30 anni. Ciò mi metteva un po' in soggezione; non sapevo se sarei stata capace di compiacere un ragazzo maturo. Finora infatti avevo avuto esperienze di sesso solo con ragazzi della mia eta, e poca roba: qualche sega, qualche pompino impacciato, persino un paio di scopate in fica piuttosto deludenti, giusto per dire che non ero più vergine.

Comunque, per me era ora di rientrare a casa. Alex si offrì di darmi un passaggio. Accettai, pensando che magari ci scappava anche una avventuretta.

Uscimmo nel parcheggio della discoteca. Credevo che avesse un'auto e invece...sorpresa: era un CAMPER. Ottimo; pensai che almeno saremmo stati comodi.
Ma appena salita, rimasi un po' delusa: sul camper c'erano anche due suoi amici.
- «Questi sono Luca e Marco», disse Alex presentandomeli.
- «Piacere, Liliana!», replicai io freddamente, pensando che a quel punto i miei propositi di farmi una pomiciata in santa pace con Alex se ne erano andati in malora.


Mentre Alex guidava, mi accomodai su un divanetto nel retro con gli altri due. Pure loro non erano niente male, anche se avevano la stessa età di Alex.
Tra una chiacchiera e l'altra, Marco mi mise una mano su una coscia e cominciò ad accarezzarmela.
Ero un po' imbarazzata. Cosa dovevo fare? Se fossimo stati da soli avrei potuto magari ricambiare le sue avances, ma così...

Avendo notato la mia indecisione, Luca diede man forte al suo amico passandomi una mano sul ventre scoperto.
- «Ma che fate? No, dai, siete in due...», dissi con un sorriso un po' forzato.
- «Vuoi dire che due non ti bastano? In tal caso c'è anche Alex!»
- «No, intendevo dire che io non...»
Non mi lasciarono finire la frase: Marco mi tappò la bocca con un bacio mentre Luca mi mise le mani sulle tette, stuzzicandomi i capezzoli da sopra la stoffa della maglietta.
A quel punto mi sentii avvolgere da una vampata di calore, e istintivamente risposi al bacio di Marco offrendogli la lingua.
Ero un po' nervosa, non ero mai stata con due ragazzi...ma che diavolo, perché non provare almeno per un po'? Potrebbe essere divertente.

Notai che Alex ci stava osservando dallo specchietto retrovisore, con un sorriso compiaciuto.

Mentre mi slinguava, Marco guidò la mia mano sul suo pacco. Sentii una sberla di cazzo, già durissimo.
Intanto Luca mi infilò una mano tra le gambe. D'istinto allargai le cosce per permettergli di palparmi meglio.
Iniziai ad ansimare sussultando per quei tocchi sapienti. Stavo proprio partendo.

Vedendomi cotta al punto giusto, Alex sostò il camper in una piazzola e si portò anche lui nel retro.
- «Ehi, lasciatene un po' anche per me!»
- «E no, dai, in tre siete troppi...», obiettai timidamente.
- «E che problema c'è: non hai forse 3 buchi?»
- «Di uno di quei buchi non se ne parla proprio!», puntualizzai credendo di scoraggiarli.
- «Quindi significa che ti va bene darci gli altri due. Okay, ce li faremo bastare!»

Qualunque cosa dicessi, la rigiravano per portarmi dove volevano loro. Era snervante...però essere l'oggetto del desiderio di tre maschi molto più grandi mi eccitava da bestia.
- «E prova; se poi non ti piace basta dirlo, no?»
- «Okay...Ma solo per un po', eh? Quando dico di smettere, si smette!», dissi sforzandomi di assumere un tono deciso.
- «Sì, sì, senz'altro», risposero con un mezzo sogghigno...Comunque confidavo che avrebbero rispettato il patto, quindi non mi opposi quando cominciarono a palpeggiarmi tutti e tre inseme.
Uno mi ficcò la lingua in bocca, l'altro mi massaggiava le tette, e il terzo mi mise le mani nelle mutandine...E a quel punto sfido chiunque a voler dire "Basta così"!
Sentivo il sangue andarmi alla testa, mentre la libidine cresceva inarrestabile. Quei tre ci sapevano fare; altro che i ragazzini inesperti con cui ero stata finora!

Mi sfilarono gli slip e mi sollevarono la maglietta al di sopra delle tette, poi due di loro cominciarono a leccarmi i capezzoli mentre il terzo mi ravanava la figa ormai fradicia.
Che libidine essere toccata così! Ansimavo come un mantice; ormai la testa stava per partirmi.
Non mi accorsi neanche che Marco aveva preso in mano una handycam per filmare la scena.
- «No, a-aspetta...Non mi va di ve...di venire ripresa...Dai...», balbettai confusamente.
- «Buona, buona, tanto poi cancelliamo tutto!». Eh sì, allora cosa filmava a fare?

La situazione mi stava sfuggendo di mano...Credevo di potermi tirare indietro quando volevo, ma l'eccitazione sovrastava tutte le mie paure. Qualcosa dentro di me VOLEVA sperimentare quella nuova, esaltante situazione.

Alex mi fece sdraiare di schiena su un tavolino, mi allargò bene le gambe e si mise a leccami la figa, mentre Luca mi stuzzicava i capezzoli. Che brividi!
Continuando a filmare, Marco mi infilò in bocca un dito, facendoselo ciucciare come se fosse un cazzo.
Quella combinazione in trio mi portò al massimo dell'eccitazione. Certo che scopare in gruppo era tutt'altra cosa che farsi una sveltina con un ragazzino impacciato. Qui invece non avevo neanche un attimo di tregua; era una goduria a ciclo continuo.
E anche l'imbarazzo che mi procurava la presenza di quella telecamera così indiscreta, a suo modo mi faceva sentire porca.

Alex iniziò a leccarmi anche il buchetto posteriore. Mai provato...ma finché ci metteva solo la lingua, mi andava benissimo. Anzi, non pensavo che lo stimolarmi quella zona mi avrebbe procurato tanto piacere. Tant'è che in breve tempo fui travolta da un orgasmo improvviso che mi fece fremere tutta.
Nessun ragazzo mi aveva mai portato all'orgasmo solo leccandomi...e questi tre avevano appena cominciato!

- «Hai visto che non è poi così male, dolcezza?», disse Alex, «E adesso tocca a te...Facci vedere come te la cavi con quella bella boccuccia!»
Mi sollevò dal tavolino e mi fece mettere in ginocchio. Tutti e tre tirarono fuori gli uccelli e me li sbatterono davanti al naso. Spettacolo! Da quale dovevo cominciare? Nel dubbio, ne presi due in mano e cominciai a segarli.
Ero un po' impacciata, dovevo ancora imparare a sincronizzare il doppio movimento. Vedendomi dubbiosa, Alex prese l'iniziativa e mi cacciò l'uccello in gola. Iniziai a succhiarlo muovendo avanti e indietro la testa, dato che non potevo usare le mani.

Impaziente, Marco cercò di ficcarmelo in bocca anche lui. Due cazzi insieme! Con un po' di fatica riuscii a farli entrare...ma a quel punto mi resi conto che non potevo farli scorrere. Rimasi lì ferma con la bocca piena di cazzi senza sapere bene cosa dovevo fare.

- «Questa sciacquetta non è un granché a fare pompini», disse Marco con tono deluso.
Mi sentii toccata nell'orgoglio; nessuno si è mai lamentato dei miei pompini...quando ho potuto farli uno alla volta!
Allora decisi di lasciar stare la doppia ingoiata, e iniziai con foga a praticare un pompino alla volta, alternandomi velocemente da un cazzo all'altro.

- «Però!...Impara in fretta, la porcellina!», disse Alex, «Vediamo se di figa è brava come di bocca!»
Mi fece alzare e mi condusse verso il divanetto.
- «Hai qualche preferenza, signorinella?»
Non feci neanche in tempo a dire una parola, che Luca prese l'iniziativa:
- «Macché preferenza, guarda come muore dalla voglia...Le va bene tutto, basta che la scopiamo!»
Ciò detto mi trascinò sul divano mettendomi a cavallo del suo cazzo. Mi penetrò senza tanti complimenti. Per fortuna che avevo già la fica fradicia come una spugna.
Inziai a cavalcarlo lentamente, mentre Marco si portò dietro al divano per mettermi il cazzo in bocca mentre mi riprendeva con la handycam.

Per me era tutto nuovo; cavalcavo cercando di sincronizzare i movimenti del bacino con quelli della succhiata. Scoprii che non era affatto facile, dovevo prenderci un po' la mano. Al che, Marco mi afferrò la testa e mi impose il ritmo giusto: su il bacino, dentro l'uccello in bocca; giù il bacino, fuori l'uccello...Su, dentro, giù, fuori...Ora sì che si ragionava.

- «Impara alla svelta, la puttanella», disse Marco.
- «Allora è tempo per una nuova lezione», gli fece eco Alex da dietro di me.
Sentii che mi premeva un dito contro l'ano. Al che, mi voltai preoccupata verso di lui.
- «No, lì no, non mi va così...»
- «Chiudi il becco e lascia fare ai grandi, oca!», disse Marco ricacciandomi in gola l'uccello e tenendomi la testa ben salda sulla sua nerchia, in modo che Alex potesse proseguire ad aprirmi il culo in santa pace.

Mi infilò dentro un dito e subito dopo un altro, rigirandoli per allargare meglio l'apertura. Io avrei voluto protestare, ma non potevo fare altro che mugolare.
- «Mh!...MMMHH!!...»
- «Senti come se la gode, la troietta», disse Marco,
- «E adesso arriva il meglio!», replicò Alex.
Appoggiò il suo uccello al mio ano, e premette per fare entrare la cappella. Io sussultai nel sentirmi aprire di colpo lo sfintere, poi sentii quel palo scivolare dentro di me per tutta la sua lunghezza, fino alle palle.

Avere un cazzo nel culo era una cosa stranissima, per me che non avevo mai provato nemmeno con un dito. Era più la sorpresa per quella novità che il dolore.
Non riuscivo a crederci: per la prima volta avevo un rapporto anale! E non solo: mentre accadeva ciò, avevo pure gli altri miei buchi tappati da altri due grossi cazzi! E il tutto veniva ripreso da una telecamera! WOW!! Troppo in una volta sola.

Poi Alex iniziò a far scorrere l'uccello avanti e indietro, prima piano e poi sempre più velocemente. E a quel punto...MAGIA! Il dolore era praticamente scomparso, sostituito da un piacere del tutto nuovo.
E finalmente capii anche perché a tante donne piace farselo mettere nel culo. Il segreto sta nel rilassare i muscoli anali, lasciare scorrere dentro di sé il cazzo senza che incontri resistenze. Allora non c'è dolore e resta solo il piacere. E me lo stavo godendo tutto.

Sentivo quei due pali di carne che si facevano strada nelle mie viscere, sfregandosi l'uno contro l'altro. Quell'attrito mi stimolava dei punti sensibili ancora inesplorati. Bellissimo!

Mugolavo dalla goduria. Ogni buco mandava alla mia testa una varietà di piaceri che si sommavano uno con l'altro.
Non ci misi molto a raggiungere un nuovo orgasmo...ma stavolta fu di un'intensità pazzesca, inaspettata. Mai avrei pensato che fosse possibile provare un piacere così acuto, così totale. Avrei voluto urlare a squarciagola, ma il cazzo che mi ritrovavo piantato in bocca trasformò le mie grida in muggiti soffocati.

- «Mh...mh...mh?...M-M-M-MMMMMMMMMMHHHHHH!! MMNNHHH!!!»

Oh dio!! Ero stata sparata in paradiso in un lampo! Mi sono sentita vibrare tutta, le contrazioni della mia fica erano così forti che mi facevano tremare come la coda di un crotalo!...PAAAZZESCO!!!

- «Ti è piaciuto, vero, troietta?», disse Marco stappandomi il cazzo di bocca. Io annaspai ancora in preda agli ultimi sussulti di orgasmo.
- «Ahnfh!...Oh dio...Aahh!...C-che botta...»
Subito dopo Marco si spostò dietro di me, per filmare in primo piano la doppia penetrazione in corso.
- «Dai, Alex, fammi vedere che lavoro hai fatto al culo di questa zoccolina!»
Detto fatto: Alex mi sfilò il cazzo dal culo in modo che Marco potesse inquadrare bene il mio ano palpitante. Poi Alex mi ripenetrò, diede un affondo e si sfilò di nuovo.
Andò avanti così per un paio di minuti, finché il mio buco non tendeva più a richiudersi, restando bene allargato per la gioia del "regista".
- «WHOOAAAHH!! E pensare che lì era vergine...Adesso ci potrebbe passare in mezzo un treno!»

Poi Alex riprese a stantuffarmi gli intestini, mentre Marco puntava la telecamera sul mio viso estasiato.
Quel trattamento simultaneo di figa & culo era troppo bello. Sentii che un nuovo orgasmo mi stava montando dentro. E questa volta potevo urlare tutto il mio piacere.

- «OH! OH! OOH!...O mamma...O-O-O-OOOOOOWWWHAAAAAHHHH!!!!»

Che razza di mazzata!! Se possibile, questo orgasmo fu ancora più intenso di quello di prima! Fu una vera scossa di terremoto che mi sconquassò tutti gli organi. Non so quanto è durato, so solo che alla fine mi abbandonai esanime sul corpo del ragazzo sotto di me.
Ero stravolta da quelle esperienze del tutto nuove. Volevo fermarmi a riprendere fiato, ma i tre maiali non erano dello stesso parere.

- «E ora un nuovo giochino, troietta...Sei contenta?»
Come se aspettassero di avere una mia risposta!
Alex e Marco mi sollevarono di peso, mi girarono di schiena, e mi calarono sul cazzo di Luca. Questa volta l'uccello puntò direttamente al mio culo.
L'asta mi impalò fino alla radice, ma ormai non mi faceva più male. Anzi, per me fu una sorpresa scoprire che si può godere anche solo di culo...Eccome se si può!

Alex salì in piedi sul divano e mi porse il cazzo da ciucciare. E per completare il cerchio, Marco mi farcì la passera col suo uccello. E VAI! Nuova tripla, ma stavolta in una posizione del tutto diversa.

Mi pompavano ogni buco in modo selvaggio, senza tregua. Godevo come una pazza, ormai la testa mi era partita del tutto.
Non ci misi molto a raggiungere un nuovo devastante orgasmo. Appena iniziai a venire, Marco si sfilò dalla mia fica, per filmare le contrazioni della mia passera nel momento dell'orgasmo.
- «Questa scrofetta sta sbrodolando come una vacca in calore», disse mentre mi teneva ben allargate le labbra vaginali con pollice e indice.
Poi mi ficcò due dita dentro, le rigirò per bene e me le portò alla bocca. E io mi gustai il sapore dei miei stessi umori. Li trovavo eccitanti. Mi sentivo porca fino all'anima.

Poi Luca mi si sfilò dal culo e mi fece mettere in ginocchio.
- «E ora tocca a te farci godere...Dai, biondina, muoviti!»
Così ripresi a spompinare il trio di cazzi. Ora sapevo come farlo bene.
In breve tempo mi sborrarono in faccia tutti e tre, a turno, uno dopo l'altro.
Alla fine avevo il viso tutto ricoperto di sborra gocciolante. Una sensazione fantastica, mai provata. I pochi pompini che avevo fatto in precedenza, si limitavano a qualche schizzetto che evitavo un po' schifata; niente in confronto al sentirsi la faccia tutta ricoperta di sperma!
Me ne rimasi lì a gustarmi quella sensazione inebriante, mentre Marco mi filmava in primo piano commentando il mio aspetto da troia scafata. Che poi era in effetti come mi sentivo. Ed ero felice di sentirmi tale! Da oggi, non avrei più avuto paura di prestare i miei buchi a nuove esperienze.

*****

Mi offrirono di rimanere a dormire lì sul camper. Accettai.
Spossata com'ero, piombai in un sonno profondo appena mi stesi sul divanetto.

L'indomani venni risvegliata da una piacevole sensazione al basso ventre. Aprendo gli occhi scoprii che una mano mi stava vellicando la fica, chissà da quanto tempo.
Sul divanetto, intorno a me, i tre porci stavano guardando su un monitor il filmato fatto ieri, commentando la mia prestazione.
- «La nostra pornostar si è svegliata, finalmente?»
- «Ah, ma allora non lo avete cancellato!», li rimproverai io con tono scherzoso.
- «Ma vuoi scherzare? Questo è un filmato da oscar del porno! Guarda che faccino da troia che avevi!»

Rivedermi in video mi eccitava. È come se stessi rivivendo la stessa scopata, ma attraverso il corpo di un'altra donna.
Allargai le gambe per godermi meglio il ditalino che accompagnava la visione del film...E a quel punto tutti e tre insieme si fiondarono su di me a cazzo teso.

- «Oh cielo, si ricomincia già subito? Datemi almeno il tempo di riprendere un po' il fiato...Tre ragazzi insieme sono troppi, per me!», dissi con voce tutta timidina...

...ma in realtà stavo già pensando: se tanto mi dà tanto...quanto godrei allora a scopare con QUATTRO ragazzi?
Mi sa che presto mi sarei tolta il gusto di scoprirlo...

(FINE)

________________________________________________
[By: Seinove - © Questo racconto è protetto da copyright. Sono vietati il plagio, la copia e la riproduzione non autorizzata dall'Autore.]

Questo racconto di è stato letto 1 0 8 7 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.