Erotici Racconti

Avevo voglio di prenderlo nel culo 4

Scritto da , il 2016-10-20, genere gay

era passato un po di tempo prima di chiamare l'amico africano! Un po di influenza..un po di impegno di lavoro, ma soprattutto era un periodo molto freddo e andare al vecchio capannone a farsi inculare dall'amico immigrato non sarebbe stato facile. Per la verità lui era disponibile , vestito con una giacchettina marrone , una maglia scura , i jeans e scarpe da tennis , ma io no! Aspettiamo qualche giorno , questo Ottobre non può durare così. Bevemmo un bel caffè e ci salutammo. Lui mi aveva anche chiesto di andare a casa sua ma non accettai. Chi sa quanti immigrati ci saranno. Si, si in quel momento non c'era nessuno ma all'improvviso quanti ne arriveranno? Mentre andavo a casa ,mi domandavo il perché non avevo accettato di andare a casa sua? Forse sarebbe stato interessante incontrare nuove persone e.......nuovi cazzi!!! Mentre aprivo la porta stavo ridendo. Passarono tre giorni e il meteo indicava che il freddo stava cambiando il vento si fermò e i gradi tornarono intorno ai 20. Il pomeriggio chiamai l'africano non rispose subito! Il suo cellulare era spento!!! Alle 15 mi arrivò il messaggio dove c'era scritto:- va bene alle 22,30? Risposi subito e gli proposi due possibilità..Ora 21,00 oppure ora 24,00. Lui sapeva che la mia risposta sarebbe stata a causa di una riunione politica.. Quindi rispose subito e accettò alle ore 24,00! Poi arrivò un altro messaggio " stasera ti piacerà particolarmente e dureremo a lungo .Oggi ho avuto due rapporti ahahahah". La riunione era pallosa ed io stavo pensando al cazzo dell'africano. L'incontro politico finì alle 23,30, salutai tutti e me ne andai. La strada è sterrata e e stavo andando piano. Non volevo che la macchina si sporcasse, era stata lavata due giorni fa e mia moglie mi avrebbe domandato in che posto era andato per sporcarlo. Da lontano vidi la bicicletta appoggiata al muro del capannone. Appena arrivai non avevo visto che dietro il muro c'era un altro nero che stava inculando un signore che mugliava come un maiale. Se avessi saputo , probabilmente non mi sarei trovato nella stessa condizione di di quella persona. Forse potremmo conoscerci? Ma ormai la situazione era pronto. L'amico africano era già in tensione e quindi mi abbassai i pantaloni e le mutandine e , per la quarta volta, mi appoggiai al muro in attesa . Passò meno di un minuto , ed io ero già estasiato!! Il suo cazzo entrava e usciva con velocità straordinaria dal mio culo. Anch'io mugliavo e sembravo di essere una vacca. L'amico aveva ragione ,ci vollero 30 minuti prima che il mio culo non inondasse lo sperma del mio bestione. Anch'io avevo goduto !! Fu una serata bellissima . Lo baciai sul cazzo e in bocca. Poi, invece di 50 gli detti 70 euro e ci salutammo per la prossima volta.

Questo racconto di è stato letto 5 2 8 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.