In Belgio

Scritto da , il 2016-10-13, genere gay

Anche questa storia si svolse ai tempi del liceo, quando stavo in Belgio.

Marcel, un mio compagno di classe, era un ragazzo magrolino e pieno di brufoli fino al terzo anno. Poi cominciò a frequentare una palestra e migliorò notevolmente il suo fisico, nonché il suo atteggiamento verso gli altri, difatti da timido che era divenne più spavaldo.

Un giorno alzò la sua maglietta e mise in mostra i suoi addominali. Non erano proprio scolpiti ma gradevoli ugualmente. Anche il suo sedere si era gonfiato e credo che avesse cambiato il guardaroba perché la taglia non era più la stessa degli anni precedenti. I jeans stretti che usava abitualmente ne esaltavano il pacco. Insomma era un tipo interessante e ai miei occhi non era sfuggito.

Ogni tanto mi sparavo qualche sega pensando a Marcel e a come sarebbe stato bello scopare con lui.

A quel tempo pensava solo ad uscire, vedersi con gli amici e si dedicava poco allo studio.
Una delle solite mattine, in classe, il prof di filosofia lo interrogò, malgrado mancassero gli ultimi dieci minuti alla fine della lezione. Furono minuti interminabili, perché Marcel non rispondeva adeguatamente alle domande del prof.
Era una sofferenza per tutti noi compagni di classe vedere quella figuraccia che sarebbe finita con un voto mediocre. Guardavo ansiosamente l’orologio, ma il tempo non passava!
Le domande del prof erano incalzanti. Voleva capire quanto ne sapesse e spaziava su tanti argomenti. Ma Marcel farfugliava qualcosa o non ricordava bene. Ad un tratto il prof chiese a tutti:

“Cosa avete dopo?”

Qualcuno rispose: “Ginnastica! Dobbiamo scendere in palestra!”

Il prof. riprese: “devo finire di interrogare il vostro compagno, mi occorre un testimone... chi rimane qui?”

Feci cenno che sarei rimasto io in aula a fare da testimone all’interrogazione, mentre tutti gli altri sarebbero usciti per raggiungere la palestra al pian terreno dell’istituto.

Ad un tratto, suona la campanella e tutti si precipitano fuori dall’aula. Dopo il normale trambusto, il prof prosegue con le domande a Marcel. Il clima era sempre teso, lui cercava il mio sguardo per avere qualche suggerimento, ma non potevo espormi troppo in quella situazione.
Alla fine il prof se ne esce con una pessima battuta: “Marcel sei proprio nella merda!”
Alla fine contrattarono un misero 5.
Il prof andò via in fretta, mentre Marcel perse tempo a sistemare i libri e mi raggiunse in corridoio per poi andare insieme giù in palestra. Ad un certo punto, mi disse che si fermava in bagno e mi affidava un attimo lo zainetto.

Lui entrò nei bagni, io aspettai un attimo fuori, ma poi feci capolino dalla porta e capii che c’era solo lui a pisciare in un bagno di quelli che si chiudevano con la chiavetta dall’interno.
Il sangue mi ribolliva…era una di quelle occasioni che capitano una volta nella vita! Tremavo e nello stesso tempo ero determinato a farmi avanti con lui. Avevo raggiunto la porta del bagno e sentivo il piscio di Marcel deciso ed abbondante che rumoreggiava mentre cadeva nell’acqua del cesso. Lui non sapeva che ero là appena dietro la porta. Sento lo sciacquone e poi tirare su la cerniera dei suoi pantaloni. Ero tutto un fremito… non mi importava nulla delle conseguenze del gesto che stavo per fare. Ero deciso ad affrontare tutto.

Non appena Marcel aprì la porta del bagno, penetrai dentro e spingendolo all’interno chiusi la porta dietro di me con il chiavistello. Lui mi guardò negli occhi con espressione seria ed incazzata, poi sbottò: “Ma che cazzo fai?”
Io stavo zitto, non avrei avuto il coraggio di parlare, tremavo e non reggevo il suo sguardo. Sicuramente ero rosso in viso e un caldo mi opprimeva fino alle meningi che sentivo pulsare. Allungai la mia mano destra verso il suo pacco, accarezzandolo e palpeggiandolo come potevo. Lui spalancò gli occhi allibito. Tentò di allontanare il mio braccio, si girò per evitare il mio palpeggiamento. Ma io insistetti e palpeggiai anche il suo bel culetto. Si rigirò, cercò di allontanarmi ancora una volta, ma lo spazio era ristretto e io ero troppo insistente. Lo presi per i fianchi e lo avvicinai a me. Ci guardammo negli occhi. Avvicinai la mia bocca, ormai calda, al suo collo e lo leccai avidamente fino all’orecchio sinistro. Lui cercò di girarsi dall’altro lato per evitare altri baci.
A quel punto, invece di divincolarsi, decise di stare al mio gioco pensando di approfittare della situazione e di me. Spinse la sua mano destra con vigore sulla mia testa, facendomi capire che mi dovevo abbassare per inginocchiarmi davanti a lui. In un attimo fui ai suoi piedi e con la faccia davanti al suo pacco, che intanto si era ingrossato. Con entrambe le sue mani avvicinò la mia faccia fino a farla strofinare sul suo pacco. A quel punto io intervenni con grande fremito a slacciare la sua cintura dei pantaloni e a tirare giù la cerniera. Lui tirò giù subito i calzoni e i boxer in un solo colpo presentandomi la sua bella verga turgida e con una bella cappella rossa.

Non esitai ad accoglierlo in bocca! Succhiavo, leccavo…ogni centimetro di quel cazzo non doveva sfuggirmi. Lui iniziò ad ansimare per il piacere inaspettato. Poi mi obbligò a star fermo e iniziò a scoparmi fino in gola. Respiravo a fatica e la saliva mi invadeva la bocca. Sputavo su quel cazzo turgido per poi stantuffarmelo in bocca. Il ritmo era sempre più incessante. Lui penetrava il suo cazzo fino ad otturare la mia gola finché non arrivò il classico soffocone.

Dovetti allontanarmi un po’ per riprendere il respiro, ma lui tornò subito alla carica con un altro affondo in gola. Le mie mani palpeggiavano in modo pesante le sue cosce formose e il suo bel culo a palloncino. A tratti schiaffeggiavo il suo culo e il rumore rimbombava in quel bagno vuoto… Lui rispondeva prendendomi la testa con entrambe le mani e avvicinandola a sé per farmi arrivare a prendere tutto il suo cazzo in bocca. Poi lo stantuffava dentro facendomi sentire ancora una volta la punta del suo cazzo nel mio esofago. Era violento nel suo fare, ma molto eccitante.

A quel punto iniziò a gemere e mi aspettavo la sua sborrata da un momento all’altro. Decise di scoparmi in bocca in modo violento fino a quando non sentii i fiotti caldi di sborra percolare lentamente in gola e così dovetti ingoiare tutto. Non avevo scelta, visto che mi teneva fermo e avvinto a sé. Mi staccai a fatica da quel cazzo. Lui aveva l’espressione di chi aveva appena goduto come un matto. Gli occhi chiusi e le sopracciglia aggottate come se avesse appena compiuto una gran fatica. Era sudaticcio e dopo uno sguardo fugace mi allontanò da sé, si alzò i pantaloni e andò via col suo zainetto verso la palestra, senza dire nulla.

Rimasi ancora un po’ in quel cesso per riprendermi dallo shock. Sputavo il residuo della sborra di Marcel che avevo ancora in bocca. Di fatto aveva goduto solo lui, io non mi ero neppure segato e comunque mi stava bene così. Ero soddisfatto di quello che avevo fatto e l’idea che Marcel avesse goduto per merito mio mi faceva felice.
Ma quella mattina non era ancora terminata…

Mi ricomposi, presi lo zaino e mi avvicinai ai lavandini appena fuori dal cesso in questione. Sciacquavo la bocca per eliminare il sapore della sborra e del cazzo di Marcel. Mi buttavo l’acqua sul viso per rinfrescarmi e riprendermi dai bollori che mi avevano assalito. Avevo l’acqua negli occhi in quel momento sentii una mano che mi palpeggiò il culo!

Alzai di scatto la testa dal lavandino e vidi riflesso sullo specchio di fronte un ragazzo che conoscevo solo di vista. Mentre sputavo l’acqua dalla bocca e la mia vista era ancora appannata per la troppa acqua che avevo fatto andare negli occhi, lui mi disse:
“Ero qui da un bel po' e ho capito cosa hai fatto al tuo amichetto...adesso tocca a me!”

La sua mano destra continuava a toccarmi pesantemente il culo e con l’altra mi spinse ancora una volta verso quel famigerato bagno. Ero ancora bagnato dalla mia abluzione quando mi ritrovai dentro quel cesso senza capire molto di quello che stava accadendo.

Il mio cuore ricominciò a battere a mille. Stavolta era quel ragazzo semi sconosciuto che prendeva l’iniziativa. Ero un po’ spaesato ma dal momento che era carino non mi dispiaceva l’idea di fare ancora sesso. Era un bel moretto con gli occhi piccoli e neri, magrolino… non era uno stallone, ma un tipo normale con un po’ di forfora tra i capelli e delle belle labbra rosse e carnose.

Iniziò subito a baciarmi appassionatamente infilandomi la lingua in bocca e accarezzandone la mia con volteggi lenti e sensuali. Chiudeva gli occhi mentre mi baciava e il suo atteggiamento era dolce e pacato. Stetti al suo gioco…. che non mi dispiaceva!

Le sue mani mi palpeggiavano sempre il culetto in maniera decisa e ad un certo punto mi slacciarono i pantaloni facendomeli scivolare a terra. Iniziò ad abbassarsi lentamente e continuando a baciarmi il petto, lo sterno, i capezzoli raggiunse l’ombelico dove si soffermò di più, sempre molto dolcemente. Poi iniziò a sfregare il suo viso, ormai rosso, sul mio pacco. Lo annusava, lo mordicchiava… poi con un colpo deciso fece saltare l’elastico dei miei boxer al mio cazzo che ormai era in completa erezione. Me lo leccò tutto con gli occhietti chiusi, poi lo succhiò prima delicatamente e poi con vigore. Io gli accarezzavo il viso e la nuca, mentre lui mi spompava in modo dolce. Mandavo indietro la testa e chiudevo gli occhi quando i suoi affondi erano più vigorosi. Mi stava facendo godere in maniera delicata e con un impeto crescente.

Le sue mani mi palpavano le palle e le cosce fino a cercare il mio sfintere. Pensavo che volesse continuare in quel modo invece con mia sorpresa si alzò in piedi e mi baciò in bocca con vigore. Poi mi fece girare, ero a novanta gradi con le ginocchia per terra e a quel punto lui si abbassò per cercare meglio il mio buchino da dietro. Cominciò a farmi un ditalino, poi iniziò a leccarmi la rosa dello sfintere cercando di lasciare più saliva possibile facendomi trasalire dal piacere.
Con i due pollici cercava di allargare il buco, ci sputava dentro e poi con due dita cercava di farsi spazio dentro di me… godevo come non mai prima di quel tempo. Si slacciò i pantaloni e tirò fuori il suo cazzo. Era normale, bello e duro. Si radeva i peli intorno e profumava di pulito.
Cominciò subito i tentativi di incularmi, mi fece un po’ male, si ritirò, gli sputò più volte, si chinò ad allargare lo sfintere, poi riprovò col cazzo che si manteneva in erezione masturbandoselo con veloci colpi di mano…finché non riuscì a penetrarmi.

Una volta dentro di me, il ragazzetto dolce e delicato si trasformò in una furia senza posa! I suoi colpi erano talmente pesanti che mi sentivo perforare fino all’intestino. Avevo dolore ma non potevo gridare… avevo piacere ma non potevo mugolare… intanto era giunta l’ora della ricreazione e i bagni si erano riempiti di ragazzi. Noi stavamo godendo e non potevamo esternare il nostro piacere senza che nessuno se ne accorgesse. Lui sembrava non essere turbato dalla folla di ragazzi che entrava ed usciva dagli altri cessi attigui al nostro, continuava imperterrito ad occhi chiusi a scoparmi duro e senza sconti, sempre più forte, come un treno!

Mi veniva quasi di svenire per l’impeto che dava ai suoi colpi. Ad un certo momento, decise di venirsene, ma non nel mio culetto oramai rotto… mi girò con impeto verso di sé e mi avvicinò la faccia al suo cazzo. La sua intenzione era di venirmi proprio in faccia… difatti ben sette fiotti di sborra calda e appiccicosa inondò il mio volto insinuandosi ovunque, tra i capelli, dentro le narici e anche in bocca… aveva un sapore strano, tra l’acidulo e il salato… Ero stremato e col culetto sanguinante… Lui, dopo che cacciò fuori l’ultima goccia di sperma e fece un bel respiro profondo, si tirò su i calzoni e aspettò che il flusso dei ragazzi terminasse per poi uscire. Ma prima mi chiese come mi chiamassi. Risposi….”Michel”. E sparì dalla mia vista.

Questo racconto di è stato letto 4 5 3 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.