Erotici Racconti

Cornuti si nasce -7- La moglie racconta la 2° notte della luna di miele col giovane amante nel loro letto

Scritto da , il 2016-06-05, genere tradimenti

-Giò è Franco...vai tu ad aprire per favore..-

Quando avevamo sentito bussare alla porta mio marito aveva da poco terminato di farmi il clistere ed ero già distesa sul letto nuda,in posizione supina e con le cosce lievemente divaricate.
Anche mio marito era nudo quando gli aveva aperto la porta.

-Buona sera signora-

Aveva esordito il giovane il quale,pur avendomi chiavata e fatta godere al mattino non conosceva ancora il mio nome.

-Lucia...chiamami Lucia....Franco!-

Gli avevo subito risposto per metterlo a suo agio in quella situazione alquanto imbarazzante per lui.

-Franco se vuoi li c'è da bere altrimenti mio marito ti aiuta a spogliarti...-

Un suo larghissimo sorriso di diniego mi aveva fatto capire che non voleva bere niente e che forse desiderava mangiare dell'altro.

-Amore....dai una mano al nostro ospite a spogliarsi...vedi che è proprio fuori luogo così vestito mentre io e te siamo completamente nudi.-

Avevo detto a mio marito.
Mentre Franco si sbottonava la camicia,mio marito aveva preso ad armeggiare con la cerniera del suo jeans e dopo non poche difficoltà per come erano attillati a causa del voluminoso contenuto,era riuscito finalmente a calarglieli.
Poi,dopo averlo fatto sedere su di una sedia,gli aveva slacciato e tolto le scarpe e finalmente gli aveva sfilato i pantaloni e le mutande.
Il ragazzo era davvero uno spettacolo nella sua giovanile aitanza.
Il suo sesso era ancora molle e pendeva dalla sedia come fosse un grosso palloncino pieno d'acqua appoggiato su piccole noci di cocco dal pelo folto e rossastro.
Il suo petto scavato come un bassorilievo mi appariva vigoroso benché non fosse palestrato.

Mi piaceva il fatto che tutto ciò che aveva da mostrare fosse naturale.

-Franco vieni,mettiti di fianco a me mentre mio marito mi prepara.-

Mio marito,senza che glielo chiedessi esplicitamente,si era intrufolato con la testa tra le mie gambe e dopo avermi messo un cuscino dietro la schiena,aveva cominciato a leccarmi.
Mentre mio marito mi succhiava la clitoride e mi leccava la fica spingendosi con la lingua oltre il perineo sino a sfiorarmi il buco del culo,il mio giovane amante mi aveva infilato la lingua in bocca mentre con una mano mi accarezzava il seno.
La situazione in cui ero immersa era vissuto da me come un sogno che si stava realizzando.
Avevo da poco compiuto i miei 20 anni quando avevo deciso che avrei sposato un aspirante cornuto e che con lui avrei passato la luna di miele esattamente nel modo in cui la stavo vivendo in quel momento.
La situazione mi ingrifava a tal punto che mentre mio marito mi leccava la fica e con un dito mi esplorava il buco del culo,il ragazzo mi succhiava i capezzoli ed io con le mie dita che gli scompigliavano i lunghi capelli,sono venuta esplodendo in un orgasmo devastante e squirtando una incredibile quantità di umori direttamente nella bocca di mio marito.
Era le prima volta che mio marito mi faceva squirtare con la bocca ed io avevo accompaganto quel momento contorcendomi come un rettile ferito e gridando il mio piacere in modo lancinante come un latrato ed osceno come un grugnito.
A quella mia inattesa reazione il mio giovane amante aveva reagito comportandosi anche lui in modo concitato e sconnesso.
La sua bocca percorreva nervosamente ogni mio lembo di pelle leccandomi,succhiandomi e umettandomi con copiosi rilasci di saliva.
Io reagivo afferrandogli la lingua tra le mie labbra succhiandogliela e mordendola come volessi staccarla e ingoiarla.
Incapace di resistere a quel prolungato godimente avevo allontanato la testa di mio marito e rimando ansimante nella mia postura,lo aveva pregato di occuparsi di Franco:

-Amore...mi hai fatta impazzire con la tua lingua ed anche questo qui pareva davvero che volesse mangiarmi con quella bocca famelica e strapparmi la pelle con le sue mani a ventosa.
Vi prego datemi un po' di tregua.
E tu amore per favore mentre mi riprendo occupati con la bocca dell'uccello di questo giovane arrapato e preparalo per la mia passerina vogliosa.-

Francamente non so neanch'io come mi sia venuto in mente di chiedere a mio marito di succhiare il cazzo del mio amante e prepararlo per me.
Non l'avevo mai fatto prima di quel momento ed anche se a volte mi ero fatta leccare per lubrificarmi prima di essere penetrata dal mio amante,mai gli avevo chiesto di toccarlo e men che mai con la bocca.

Incredibilmente mio marito si era abbassato sul bacino del mio giovane maschio ed aveva cominciato a leccargli i coglioni risalendo con la lingua lungo l'asta sino ad imboccargli la cappella.
Io lo guardavo con occhi stupiti.
Mio marito non aveva mai manifestato tendenze bisex e vedere con quanta passione e perizie si occupava di quel cazzo grosso e pulsante aumentava in maniera parossistica la mia libidine.
Un altro pensiero aveva attraversato la mia mente.
Un pensiero dolce che mi riempiva di piacere e di orgoglio:"Mio marito mi ama davvero!"
Per dargli un segno tangibile della mia riconoscenza mi sono chinata col volto verso il suo viso e sfilandogli il cazzo di bocca l'ho baciato e gli ho mormorato:

-Ti amo amore!-

Il giovane ansimava e fremeva ed io dopo aver baciato mio marito mi sono rivolta a lui dicendogli:

-Vieni franco...vieni...prenditi la mia fica io e mio marito te la vogliamo regalare in questa notte fantastica e se sarai bravo a darci tanta sborra abbiamo un regalo per te che sicuramente ti piacerà.-

In un nanosecondo era già sopra di me e senza neanche bisogno di guidarlo con la mano,con un solo colpo di reni me l'ero ritrovato dentro sino alla bocca dell'utero mentre le sue palle schioccavano rumorosamente sul mio perineo madido della saliva di mio marito e degli spruzzi dei miei umori.
L'atmosfera era accaldata al punto che mio marito aveva già sborrato sulle lenzuola mentre mi leccava,io ero precipitata in un nuovo orgasmo ed il ragazzo già carico per quello che era già successo è venuto subito dopo di me riempiendomi coi suoi copiosi e potenti fiotti di sborra.
Il letto pareva un campo di guerra.
Mio marito giaceva supino e boccheggiante in posizione traversa rispetto al letto.
Il giovane era mollemente accasciato sul mio corpo ed ancora dentro di me,aveva le gambe su quelle di mio marito.
Io che non volevo ancora che si sfilasse,avevo le gambe serrate dietro la sua schiena e lo stringevo a me per sentire ancora il contatto della sua verga con le pareti interne della mia allagata vagina.
Eravamo tutti sudati ed ansimanti come se avessimo appena terminato una maratona.
Dopo un po' per riprendere fiato e liberarmi dall'insopportabile calore di quel corpo pesantemente abbandonato sul mio,mi ero liberata di quel peso e mentre il giovane giaceva supino accanto a me,languidamente gli accarezzavo il cazzo umido e molle mentre lui mi accarezzava tra le cosce.

-Amore...fa un caldo pazzesco...ci puoi dare qualcosa di fresco da bere?-

Mio marito ha aperto tre birre e senza i bicchieri ce le ha date affinché senza troppa fatica e senza alzarci potessimo bere a canna.
Dopo essersi ristorato con la birra la verga del giovane aveva cominciato a risvegliarsi.
Anch'io avevo riacquistato la mia forma e più vogliosa che mai,mi ero portata con la bocca sul suo inguine ed avevo cominciato a spompinarlo mentre mio marito si occupava di leccarmi ancora la fica.

Siamo andati avanti così sino all'alba e quando il ragazzo è andato via completamente spompato,mi aveva sborrato ancora una volta nella fica,due sborrate nel culo ed una in bocca mentre si stava preparando per uscire.

Io e mio marito abbiamo dormito abbracciati sino al pomeriggio successivo ed io per ringraziarlo per il suo prezioso contributo gli avevo consentito di stringermi senza neanche che ne io ne lui avessimo fatto la doccia ne il bidet.
Al mio risveglio al mattino avevo la coscia bagnata.
Il porco aveva sborrato ancora mentre era stretto a me prima del mio risveglio.

Questo racconto di è stato letto 4 7 1 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.