Erotici Racconti

Cornuti si nasce - In servizio permanente effettivo di mia moglie e dei suoi amanti

Scritto da , il 2016-10-01, genere tradimenti

Quando sono entrato in camera da letto con in mano il vassoio delle fumanti tazzine di caffé,lo sconosciuto,completamente nudo,era coricato sul fianco ed era abbracciato a mia moglie che lo baciava,gli accarezzava il petto e gli leccava le labbra.

Il suo membro luccicante di umori freschi era mollemente appoggiato sulla gamba di Lucia che a sua volta,con le cosce completamente spalancate offriva alla mia vista il suo sesso perfettamente depilato,completamente aperto e dalle cui labbra,un rivolo bianco e viscoso,scivolava verso il lenzuolo già ricoperto da vistose macchie.

Al rumore della mia entrata i due amanti,per nulla scossi dalla mia presenza,si sono sciolti dal loro languido abbraccio che li legava e si sono tirati su rimanendo l'uno accanto all'altra con la schiena appoggiata ai numerosi e gonfi cuscini.

-Ciao-

Mi aveva subito salutato mia moglie.

-Buon giorno!-

Gli aveva fatto eco l'uomo accanto a lei aggiungendo:

-Tu devi essere Giò!?-

-Il cornuto!-

Aveva sottolineato mia moglie con un ghigno di scherno.

Prima di prendere la sua tazzina dal vassoio,mia moglie aveva allargato le braccia ed invitandomi a sé,mi aveva accarezzato i capelli sfiorando con le sue carnose labbra la mia guancia ed avvicinandosi poi al mio orecchio mi aveva bisbigliato qualcosa.

Mentre i due sorseggiavano il caffé,come mi era stato richiesto da mia moglie,mi ero disteso sul letto ed avevo cominciato a leccare il sesso del maschio.

L'asta molle,calda e umida scivolava tra le mie dita come una saponetta lasciandomi tuttavia intuire colla sua residua consistenza,quanto duro e vigoroso doveva essere stato in piena erezione.

Ovviamente mia moglie,non aveva ancora avuto la possibilità di decantarne le qualità giacché si erano conosciuti la sera prima e quella era la prima notte che passavano insieme nel mio letto coniugale.

Mentre lo succhiavo,mi tornavano in mente i numerosi amanti che mia moglie mi aveva fatto "assaggiare" e devo confessare che quello mi sembrava migliore di tutti gli altri per via della piacevole consistenza al tatto e tra le labbra e poi per il particolare sapore che mi ricordava certi Whisky torbati aromatici e dall'intenso afrore.

Dopo averlo ben ripulito leccandogli anche i penduli testicoli così come mi aveva chiesto Lucia,l'ho lasciato che stava già riprendendo vita pulsando e gonfiandosi tra le mie labbra e le mie dita.

Mentre mi portavo tra le gambe di mia moglie,lei,indicandomi un cuscino se lo era fatto mettere dietro la schiena per tenere il bacino alzato e favorire così il contatto delle mie labbra con la sua dischiusa e grondante fica.

Devo confessare che lo sperma succhiato direttamente dal sesso di mia moglie,forse per via del cocktail coi suoi abbondanti umori,aveva un sapore anche migliore.

Lucia gemeva e si contorceva mentre la ripulivo risucchiandola in profondità ed al tempo stesso le mordevo e succhiavo la clitoride gonfia e scappellata e per due volte,sollevandosi e scuotendosi in preda ad incontrollabili orgasmi,mi spingeva la testa a se ansimando ed insultandomi con rochi incitamenti a farla godere di più.

Quando lasciandola spossata e tremante per il piacere che le avevo dato mi sono alzato rimanendo in piedi accanto al letto,lei guardandomi i pantaloni e notando la patta gonfia,guardandomi negli occhi,abbozzando un sorriso malizioso mi aveva detto:

-Amore...penso che anche tu dopo tanto tempo e dopo il servizio che ci hai fatto,hai diritto ad un po di soddisfazione.

Tira fuori l'uccellino che ti sta scoppiando sotto le mutande e fatti una sega.

Mi raccomando però,non sporcare per terra.

Prendi il vassoio con la mia tazzina e vienici dentro così potrai gustarti il tuo sperma all'aroma di caffé e delle mie labbra.-

Mentre io mi masturbavo,mia moglie aveva afferrato la grossa verga del suo amante già turgida e ricoperta di gonfie vene e la brandiva minacciosa segandola al ritmo della mia mano.

Mentre io con la schiena curva sul mio pisello continuavo a masturbarmi,mia moglie si era portata di schiena sul maschio e guardandomi con occhi carichi di libidine,vi si era impalata lasciandosi cadere con uno schianto sui gonfi e pieni coglioni.

A quello spettacolo ho sborrato subito e dopo aver bevuto dalla tazzina le mie stille di sperma,sono uscito dalla stanza inseguito dagli insulti di mia moglie che già ansimama e si contorceva squassato dai potenti colpi di maglio che le infieriva da sotto il suo stallone.

Questo racconto di è stato letto 6 2 2 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.