Erotici Racconti

Cornuti si nasce - La mia prima notte di nozze

Scritto da , il 2016-06-04, genere tradimenti

Io ero nel salone dabbasso ed attendevo con un certo nervosismo l'arrivo di Lucia.
Quando l'ho vista apparire in alto sulle scale inizialmente non l'avevo riconosciuta.
Via via che scendeva i gradini però,col suo passo leggero facilitato dal fatto che non indossava più quelle scarpe dal tacco altissimo,la sua figura mi appariva più definita.
Indossava una gonna a tubino color turchese sotto le ginocchia e camicia bianca con sopra un giacchino a metà tra un tailleur ed un gilet.
Certamente indossava un reggiseno che conteneva pudicamente le sue spavalde e rigogliose tette.
Calzava sandali con tacchi bassi e guarniture a fiori.
Non aveva un filo di trucco ed i capelli raccolti a coda di cavallo le davano un aspetto da liceale che nulla aveva a che fare con la mantide mangiauomini che avevo lasciato mezz'ora prima.
Era bellissima nel suo nuovo e inaspettato look acqua e sapone.
Via via che mi si avvicinava confermandomi che fosse davvero lei,il mio cuore batteva sempre più forte.

-Ciao Giò-

Mi aveva detto con una voce calda e suadente completamente diversa dai suoni affannosi e rochi che uscivano dalla sua bocca dal rossetto sbavato mentre era alle prese coi maschi che godevano del suo fremente corpo facendola impazzire e contorcere di piacere.
Avvicinandosi mi aveva messo una mano dietro la nuca e tirando verso di se la mia testa,aveva appoggiato le sue carnose labbra alle mie per posarvi un morbido e casto bacio.

-Giò andiamo via...non mi piace più questo posto...c'è troppa gente.-

Aveva aggiunto subito dopo.
Con la mia auto(lei era venuta accompagnata da certi suoi amici)siamo andati in un locale molto intimo ed elegante dove lei era già conosciuta ed a giudicare dai calorosi saluti delle persone che incrociavamo,anche molto amata.

"Ciao Lucia....chi è questo bel giovanotto"

"Lui è Giò....un mio caro amico"

Rispondeva a tutti ostentando un certo orgoglio nel presentarmi come Giò l'ingegnere -Caro amico-.
Ci siamo seduti in un tavolo molto appartato ed a giudicare dalla sicurezza con la quale mi ci portava tenendomi per mano,sembrava che fosse riservato proprio a lei.
Infatti sul tavolo c'era un cartellino con su scritto -Riservato Lucia e Giò-.
Per tutto il tempo,il mio corpo vibrava scosso da un lieve tremore mentre il mio cuore non accennava a ridurre i suoi battiti.
Seduti uno di fronte all'altro con una bottiglia di spumante nel cestello del ghiaccio abbiamo parlato di cinema e teatro di cui lei era una appassionata conoscitrice ed anche d'altro.
Soprattutto però ci siamo trovati a condividere l'interesse per l'arte.
Lei adorava in perfetta sintonia coi miei gusti Kandinsky,Matisse,Van Gogh per il sapiente uso dei colori puri di cui erano maestri.
Per motivi diversi amava Picasso per il suo eclettismo e per la sua capacità di rivoluzionare il concetto stesso di arte.
Ma Pablo(Così lo chiamava confidenzialmente) le piaceva anche per i suoi eccessi di uomo,di maschio e di marito autoritario e manesco.
Al femminile lei aspirava ad assomigliargli.
Io l'ascoltavo eccitato e a bocca aperta e solo raramente intervenivo coi miei commenti per lo più di assenso nei confronti di ciò che lei diceva.
Mi lasciava perplesso solo la sua idea di voler somigliare al lato peggiore di Pablo giacché mi risultava difficile immaginarla nel ruolo autoritario e manesco.
Poi cambiando repentinamente discorso aveva cominciato a parlare di sesso.

-Sai Giò,io soffro di emicrania sin da adolescente e nessun medico era stato capace di liberarmi da questo fastidioso tormento.

Poi un giorno è successo qualcosa di incredibile e non avevo ancora compiuto 18 anni.
In casa eravamo soli io e mio cugino di 25 anni giacché i miei ed i suoi genitori erano usciti per affari di famiglia.
Io ero a letto in preda ad una dolorosissima crisi.
Mio cugino era accanto a me e cercava in qualche modo di essermi d'aiuto.
D'un tratto come colto da un raptus,mi aveva scoperta e sollevandomi la camicia da notte mi era salito addosso ed insensibile alle mie proteste ed al fatto che stessi male e per di più ero ancora vergine,mi aveva allargato le gambe e dopo avermi bagnata con la mano inumidita con la sua stessa saliva,mi aveva penetrata con una violenta e dolorosa spinta pelvica.
Il dolore lancinante e fitto come una stilettata mi aveva strappato un grido che deve averlo spaventato se nello stesso momento si era fermato dentro di me ed aveva cominciato a baciarmi il viso chiedendomi scusa:

-Perdonami Lucia...perdonami...non so cosa mi sia preso..scusa...scusa...-

I suoi baci,le sue scuse accompagnate da lacrime sincere di pentimento mi aveva rilassata e nello stesso tempo il fatto di sentirmelo dentro cominciava a darmi un certo piacere.

-Non piangere Matteo..non piangere...sei perdonato ma ora.....visto che mi sei dentro e mi hai sverginata...completa l'opera...tu sei più grande di me e sei più esperto...dai...dai...fai capire anche a me cosa si prova a fare l'amore.-

Dopo le mie parole,aveva cominciato a muoversi piano dentro di me procurandomi sensazioni meravigliose.
Poi era uscito e con dei fazzolettini di carta mi aveva ripulita dalle tracce di sangue che uscivano dalla mia rosellina ormai dischiusa.
Poi,dopo essersi ripulito anche lui,mi si era inginocchiato tra le cosce ed aveva cominciato a leccarmi.
Il primo orgasmo era giunto improvviso e violento e mentre lui continuava a leccarmi,io mi agitavo e dal mio sesso sgorgavano umori di cui sino ad allora ignoravo l'esistenza stessa.
Come d'incanto,dopo il primo orgasmo il mio mal di testa era sparito.
Finalmente libera dall'opprimente emicrania,gli ho preso la testa e tirandolo verso di me gli ho detto:

-Matteo...vienimi sopra ti voglio ancora dentro...tu mi hai fatta godere e voglio che goda anche tu e poi lo sai Matteo...non ho più mal di testa!-

Quel giorno mio cugino mi aveva procurato altri 3 orgasmi mentre lui mi era venuto dentro per 2 volte.
Quando i miei sono rientrati mi hanno trovata in piedi,allegra ed in perfetta forma senza più alcun segno di sofferenza.
La mia gioia era esplosiva ed incontenibile e credevo di avere finalmente trovato la medicina per il mio malessere.
Qualche tempo dopo avrei scoperto che tutta quella emissione di fluidi mentre godo si chiama squirting e so poche donne ne hanno il privilegio.
I successivi,numerosi "incontri" con mio cugino mi avevano definitivamente convinta che l'unica medicina davvero efficace per me era il CAZZO!-
Nel momento stesso in cui Lucia sottolineava con decisione la parola CAZZO,io mi sono sciolto per la terza volta nelle mutande in quello stesso giorno.
Lei se ne è accorta e mentre io ero rosso in viso per la vergogna,mi si è avvicinata e lisciandomi le labbra con la lingua mi ha sussurrato:

-Giò...sei un vero porcello...credo proprio che andremo d'accordo io e te!-

Quella sera aveva voluto che restassi a dormire da lei.
Con mio grande imbarazzo mi aveva spogliato lei stessa e quando aveva visto in che condizioni erano le mie mutande,mi ha accompagnato a fare la doccia mentre lei si occupava di lavarmele.
Quando sono uscito dal bagno con indosso solo un telo di spugna lei era già in pigiama pronta per andare a letto.
Su un divanetti vi era poggiati in bell'ordine un perizoma rosa ed una camicia da notte in seta con dei fiocchettini rosa come le mutandine.

-Vieni qui Giò-

Mi aveva detto togliendomi l'asciugamani e invitandomi a sedermi nudo su una sedia di velluto.

-Lo so Giò che il tuo amichetto ti ha fatto soffrire per tutto il giorno stretto sotto le mutande e i pantaloni.

Adesso ci perso io a dargli un po' di tregua.
Detto questo,aveva steso a terra l'asciugamani,mi si era inginocchiata davanti e dopo avermi dato una bacio sulla cappella aveva cominciato ad accarezzarmi sino a farmelo diventare duro.
Poi aveva preso a segarmi e contemporaneamente mi leccava il petto e mi mordicchiava i capezzoli.
Quando si è resa conto che stavo per venire,ha preso la mia mano ed accompagnandolo sul mio membro mi ha detto:

-Continua tu Giò che voglio guardarti negli occhi mentre vieni.-

Era la prima volta quella che mi sborravo in mano e per terra davanti a lei.

-E' stato bello vederti godere Giò ma adesso vai a fare il bidet che e molto tardi e ho voglia di andare a letto tra le tue braccia.-

Quando sono rientrato in camera lei:

-Giò purtroppo non ho biancheria da uomo e dovrai indossare questi capi miei per questa notte.-

Così dicendo mi si è inginocchiata davanti e mi ha infilato il suo tanga rosa.
Poi con la stessa cura mi ha aiutato ad infilarmi la sua camicia da notte.-

-Vieni specchiati Giò.....stai benissimo vestito così...non trovi anche tu?-

-Si!-

Ho risposto laconico.
Mentre eravamo a letto abbracciati lei mi parlava:

-Sai Giò io dormo nuda solo quando sono coi miei giocattoli di carne.
Quelli non impegnativi che faccio godere e mi fanno godere per una notte...magari due ma poi via!
Basta!
Quelli per me sono solo oggetti di piacere e cura per la mia emicrania senza alcun legame affettivo.
Con te credo che potrà essere diverso.
Tu mi sei piaciuto a prima vista e spero proprio che possa svilupparsi qualcosa di diverso tra noi che una scopata e via.
Se tu lo vorrai Giò io sarò tua la prima notte di nozze e se invece non vorrai sposarmi,sarà anche per te come con gli altri!
Una scopata...forse due e poi basta...via...ciao!-

Le sue parole come una nenia mi hanno accompaganto verso un sonno leggero cullato delle sue parole e dalla consapevolezza che stavo stringendomi al corpo caldo di una donna meravigliosa.
Il giorno del nostro matrimonio è stato e sarà per sempre un giorno memorabile.
Lei era bellissima nel suo abito bianco che la faceva apparire agli occhi di tutti come una dea ancora vergine.
Gli invitati erano tantissimi.
C'erano tutti i suoi parenti compreso il cugino che l'aveva sverginata,c'erano i suoi amici e le sue amiche e tutti sbavavano di fronte alla sua statuaria bellezza.
I miei che già stravedevano per lei,la osservavano con occhi lucidi ed ammirati.
Durante il pranzo c'era stato un via vai di persone che venivano a complimentarsi con gli sposi e lei neanche per un istante si era allontanata da me.
La sera finalmente in albergo abbiamo fatto l'amore.
E' stata una notte fantastica in cui lei mi ha dato tutto di se facendomi godere come mai avrei immaginato.
L'unica cosa che davvero non mi era piaciuto molto era il fatto che mi facesse sempre indossare il preservativo sia quando me lo prendeva in bocca che quando mi implorava di metterglielo dentro e farla godere.
Lei godeva molto ma purtroppo non era riuscita a farmi vedere come squirtava...."Sono troppo emozionata" diceva.


Al mattino al mio risveglio lei non era al mio fianco e non era neanche in bagno.
Il suo telefonino era sul comodino e l'abito da sposa che aveva con cura appoggiato sul divano non c'era.
Verso mezzogiorno,mentre cominciavo a preoccuparmi per lei,l'ho vista apparire sulla porta seguita da un giovane e aitante cameriere che mi portava la colazione.
Lei aveva indosso l'abito da sposa che in alcuni punti mi sembrava chiazzato da macchie umide.

-Lui è Franco.
Stamattina mentre ero sul terrazzo con le mani sulle tempie per via di una crisi di emicrania mi si è avvicinata chiedendomi se avessi bisogno di aiuto...un bicchier d'acqua....
Si gli ho risposto...ho proprio bisogno di aiuto e gli ho messo una mano tra le gambe per saggiare se quella era la medicina giusta per me.
Era proprio quello che ci voleva amore.
Il mal di testa mi è passato subito e Franco è talmente gentile e disponibile che stasera si è offerto di darmi un'altra dose di medicina quando stacca dal lavoro.-

Mentre mi parlava il cameriere aveva appoggiato il vassoio sul tavolo e prima che uscisse Lucia lo ha chiamato a se e abbassandogli la cerniera dei pantaloni gli ha estratto cazzo che benché molle mi appariva poderoso e grosso almeno 4 volte di più del mio in erezione.
Mia moglie soppesandolo sotto i miei occhi ha aggiunto mentre si chinava a stringergli i coglioni e baciargli il glande scappellato:

-Vedi amore,ho preso questa medicina ed il mal di testa mi è passato subito.-

In quel preciso momento avevo capito che la mia sposa non aveva mai goduto quella notte con me ed era quello il motivo per il quale non aveva squirtato.
Avevo anche capito che mi amava davvero e che quando si agitava,si contorceva e ansimava incitandomi a chiavarla più forte,lo faceva solo per far godere me.


segue








Questo racconto di è stato letto 5 2 4 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.