Scusa, ma noi non ci conosciamo?

Scritto da , il 2016-05-26, genere tradimenti

Salve, sono Dino, un uomo di 52 anni e, praticando molto sport, ancora in perfetta forma. Non sono un assiduo lettore e non ho mai raccontato una storia. Questa, però, la voglio raccontare. premetto che vivo in Sicilia e sono un grande tifoso juventino. Ebbene da quando la Juve ha lo stadio di proprietà vado, nell'arco di una stagione, 4-5 volte a Torino per assistere alle partite più importanti. Che meraviglia! Lì mi sento a casa mia. E che atmosfera! Ci sono stato pure per l'ultima partita di campionato con la Sampdoria che, pur non trattandosi di partita di cartello ed avendo già la Juve vinto lo scudetto con qualche giornata di anticipo, volevo gustarmi, per la prima volta, la festa scudetto. Quando vado a Torino a volte mi fermo qualche giorno in più. Anche quest'ultima volta: sono arrivato sabato mattina, essendo la partita la sera, e sono ripartito martedì mattina. Sono cliente di un B&B sito proprio al centro per avere la possibilità di ritrovarmi, avendo voglia di stare fuori e girare, nel cuore della città. Quindi lunedì mattina esco e, come mia abitudine, mi reco in piazza San Carlo, 5 minuti di strada dal B&B, per fare colazione al solito bar dove sono sempre andato. Prendo il solito buonissimo cornetto e mentre aspetto il caffè noto un viso che conosco. Non so dove e non so come. sono perplesso e cerco di ricordare finché noto la stessa perplessità in lei. Ci guardiamo più volte con espressione interrogativa finché, dopo aver preso il caffè, mi avvicino e le chiedo: "Scusa, ma noi non ci conosciamo?" Sorride. "E' proprio quello che sto cercando di ricordare. Mi pare". A questo punto riconosco pure la voce. Saranno 30 anni che non ci vediamo ma la voce è quella. "Tu sei Angela" dico. Mi guarda ancora per qualche secondo e poi dice: "Aspetta...Non dire niente. Fammi ricordare, vediamo se ricordo bene. Tu, tu sei Dino per caso?" "No per caso". Angela è una mia compaesana. Nel nostro paesino in riva al mare, almeno di vista, ci conosciamo tutti, Ma con lei ci siamo frequentati per alcuni anni in quanto eravamo nella stessa comitiva. Fra l'altro era compagna di scuola di una mia cugina e, per quasi un anno, la ragazza del fratello di quest'ultima, che pure mio cugino è. Fino a quando la sua famiglia si trasferì a Torino avendo suo padre smesso la propria attività pe andare a lavorare alla Fiat. Ritornarono al paese nelle due estate successive durante il periodo di ferie del padre e ci frequentammo poco, anche perché, nel frattempo, mio cugino si era fidanzato ufficialmente con un'altra ragazza, mia cugina aveva il suo ragazzo ed io la mia ragazza. poi il padre vendette la casa del paese e non avendo altri parenti no tornarono più. Angela era una bella ragazza e devo dire che anche adesso non dimostra i suoi 51 anni. Non è alta, ma i suoi 160 cm comprendono, in un modo del tutto proporzionato, un bel paio di tette e, per quello che posso notare attraverso un maglioncino avano, un paio di jeans alquanto attillati e un giubbotto leggero per la pioggia, un ventre piatto, le forme ben tornite delle cosce e un culo pronunciato nel modo giusto, tondo e sodo. Così in apparenza sembra la stessa di 30 fa. In viso era bella e lo è ancora. Certo, più di qualche ruga in più sotto gli occhi, qualcuna ai lati della bocca ma per il resto, occhi e sguardo, nasino e labbra, come una volta. Anche il colore dei capelli è lo stesso, solo che da ragazza erano lunghi e sciolti sulle spalle, ora a caschetto. Naturalmente mi chiede come mai mi trovassi a Torino. Le spiego tutto dicendole pure che vengo spesso. "Allora sei contento per il quinto scudetto della Juve? Anche mio figlio è tifoso ma lavora in Svizzera e non è potuto venire" dice, e poi continua dicendo che il lunedì è il suo giorno di libertà nel senso che suo marito ogni lunedì lavora fuori tutto il giorno mentre lei ce l'ha libero e lo passa fuori dedicandosi anche allo shopping. Senza accorgercene ci mettiamo a camminare senza nessuna meta e mi fa tante domande sui vecchi amici e sul nostro paese. Facciamo chilometri fermandoci solo qualche volta per entrare, lei, in qualche negozio. Il tempo vola ed è già ora di pranzo. Senza nemmeno farci caso siamo nelle vicinanze del ristorante, a sua volta vicinissimo al B&B, dove solitamente mangio io. Dice che lei quando è fuori mangia qualcosa di leggero e che poi fa il pasto completo la sera insieme a suo marito. Insisto, fa un'eccezione. E' proprio durante il pranzo che mi vengono strane idee. Ma non per caso: mentre le racconto di come è cambiato il nostro paese, con lai che spesso mi chiede se ci fosse, per esempio, ancora quel bar o se la spiaggia fosse come sempre e così via, mi guarda estasiata e con un certo risolino. Niente di male, ci mancherebbe, ma questa sua espressione di attenzione e di complicità mi da alla testa. Se poi a questo aggiungiamo due bei bicchierotti di vino, capirete che tanto sereno non sono. Anche lei beve un bel bicchierotto sorseggiandolo più volte. Inoltre, il pranzo completo e abbondante ha su di lei un effetto di stanchezza e sonnolenza. Dice che quasi quasi ritorna a casa ma che la macchina è distante. Le dico che il mio B&B è proprio dietro l'angolo e che volendo potrebbe riposarsi un po. Non so cosa pensa ma dice di no. Nello stesso tempo si lamenta che le fanno male i piedi. Insisto e dice di si anche perché la rassicuro che per accedere nella mia camera non passiamo nemmeno dalla, chiamiamola, reception. Non è una camera di hotel a 4 stelle ma è pulita ed ha il bagno in camera. La invito a stendersi sul lettino e si toglie il giubbotto. "Ma quanto abbiamo camminato? Non me li sento più i piedi" dice distendendosi supina con i piedi fuori lateralmente per evitare che sporcasse con le scarpe. Mi sfilo il giubbotto e il pullover; le tolgo le scarpe e sposto i piedi sul lettino. Dice che non è il caso e che l'importante è essere distesa. Mi pongo con le gambe sul letto dalla parte dei suoi piedi, prendo fra le mani quello destro e sorpresa sorridendo chiede: "Cosa fai?" "Te li metto a posto" rispondo massaggiandoglielo da sopra il gambaletto. Ride un po dicendo che si solletica. Non appena si rilassa, gradendo, socchiude gli occhi e mantiene un sorrisino continuo sulle labbra. Le sfilo il gambaletto e la massaggio sulla carne viva. Ancora più sorpresa ma ancora più gradito e dopo 30 secondi più gradito ancora: sento il suo respiro e vedo la narici che si dilatano. "Ti piace? Ti rilassi così? Va bene?" "Mmmmm". Noto in lei una certa eccitazione. Mi turbo anch'io. Le lascio il piede destro e prendo quello sinistro; le sfilo il gambaletto e glielo massaggio come il destro. Ha gli occhi chiusi e il suo respiro è più veloce; le sue narici si dilatano più velocemente e si mordicchia le labbra. Mi viene di fare una pazzia che potrebbe compromettere tutto: mentre le massaggio il piede sinistro con la mano destra, con l'altra le prendo il piede destro e l'appoggio sulla mia patta. Capisce dal tatto che è sul mio jeans e sa perfettamente che toccando il mio cazzo duro. Infatti arrossisce. Tolgo la mano da sotto e il piede invece di cadere giù resta sospeso sulla mia patta. Il suo respiro è ancora più intenso. Muove il piede come a massaggiarlo e le dita si muovono come se lo volessero prendere. "Tutto bene? Come ti senti ora?" "Meglio, grazie. Se non fosse che mi sento troppo piena.....Non sono abituata a mangiare tanto". Mi sposto al suo fianco. Di fianco, proprio sull'orlo del materasso. Ricordo che si tratta di un lettino. Riesco a stare in equilibrio perché sto col braccio appoggiato sul cuscino al di sopra la sua testa. Le tiro su leggermente il maglioncino e le sbottono gli jeans. Ha come un sobbalzo come per dirmi che sto andando troppo oltre. Socchiude gli occhi ma anticipo ogni sua mossa dicendo che ha il segno sulla pancia. "Mi sento lo stomaco gonfio" dice richiudendo gli occhi. Passo il dito sul segno a si ritrae la pancia. Insisto e le dico che sono stretti. Gradisce il mio dito che l'accarezza. La sua pancia fa su e giù; le sue tette pure; il suo respiro è affannoso e le sue narici si aprono e si chiudono più velocemente. Tiro lentamente giù la zip dicendole che così lo stomaco è più libero. Vedo le mutandine nere. Il cazzo duro, chiuso negli slip, mi da fastidio ma non voglio rovinare tutto. Vado giù col dito, tocco l'orlo delle mutandine, lo sollevo leggermente ma non vado dentro. Proseguo a scendere sopra le mutandine infilando la mano negli jeans spingendoli verso giù. E' presa; non dice niente e si rilassa; geme e ne approfitto per iniziare un leggero massaggio sulla fica da sopra le mutandine. Sono umide. Si morde le labbra e sospira forte. Spingo ancora giù gli jeans di qualche cm e le mie quattro dita sono completamente sulla fica avendo lei, nel frattempo, divaricato leggermente le cosce. muove piano il bacino e ne approfitto infilando la mano dentro le mutandine. "Mmmmmmm" sussurra alzando il bacino quando, fra la folta peluria nera, raggiungo il suo clitoride. E' un lago di umori. glielo cincillo per qualche secondo e poi le faccio scivolare il dito medio dentro. "Siii" sussurra aprendo gli occhi, ripiegando le ginocchia su, spingendosi con i piedi e muovendo il bacino al ritmo del mio dito. Si lecca le labbra; mi chino e partecipo; le nostre lingue si leccano a vicenda finché spalanca la bocca e accoglie la mia. La succhia avidamente. "Mmmmm, mmmmm" geme quando le stringo il clitoride fra l'indice e il pollice e glielo strofino velocemente. Si agita e lei stessa spinge giù gli jeans fino a scoprirsi completamente il bacino. Si stacca dalla mia bocca: "Siiiii. Continua che vengooooo" dice buttandomi il braccio sinistro al collo cercando ancora la mia lingua. Scendo dal letto vado ai piedi e tiro gli jeans fino a sfilarlieli completamente. Resta in mutandine. Ha delle cosce stupende. Dice che deve andare in bagno; si alza e la osservo mentre cammina. Si chiude. Io mi spoglio completamente e mi distendo supino sul letto col cazzo dritto come l'asta di una bandiera. Ritorna sorridendo. "Ti sei spogliato?" dice sedendosi sul bordo del letto. Osserva il cazzo e lo impugna. Due colpetti, mi guarda maliziosamente e poi si china leccandolo tutto. Che lingua! Non posso fare a meno di gemere di piacere. Lo imbocca e la guardo mentre mi spompina. Le dico che brava, se lo sfila, mi guarda ancora come prima, sale su e mi ritrovo la sua fica e il suo culo sulla faccia. Sento di nuovo il cazzo dentro la sua bocca e prendo a leccarle la fica. presto gemiamo insieme dimenandoci e lei subito raggiunge un'altro orgasmo. Mentre gode le lecco pure il culo e continua a godere. Si gira e mi cavalca; mi guarda con una faccia da troia mentre se lo strofina sulla pancia; va su con le ginocchia se lo ficca dentro, si abbassa e ce l'ha tutto dentro. "Ahaaaa! Siii! Che bellooo!" dice sfilandosi il maglioncino e mentre continua a fissarmi con la faccia da troia si sgancia il reggiseno e viene giù a strofinarlo sul mio petto. Ci slinguiamo oscenamente muovendo il bacino e continuando a strofinare le tette sul mio petto. Sento i capezzoli turgidi ed tutto molto eccitante. Le allargo le chiappe e gioco col suo ano. Non fa una grinza e le ficco un dito dentro. Gode due volte e poi si distende lei supina. Sono fra le sue cosce e la scopo quasi selvaggiamente muovendoci insieme. Gode e urla di piacere dicendomi di continuarla a sfondare. Arrivo pure io. Le sfilo il cazzo dalla fica e mi dice che lo vuole in bocca; le scarico un fiume di sborra in bocca e ne beve tanta. Restiamo un po abbracciati e poi riprende a spompinarmi. Sono ancora pronto. Mi cavalca dandomi le spalle; se lo ficca nel culo e mentre si masturba violentemente. Gode dimenandosi forte e gridando non so cosa. Quando sto per venire glielo metto fra le tette e le sborro sul collo. Una scopata fantastica per entrambe, anche perché fuori programma e con una vecchia conoscenza. Ci scambiamo il numero di cellulare e le dico che la prossima volta che vengo a Torino la chiamo. "Va bene, va bene" dice guardandomi maliziosamente. Poi mi dice: "Scommetto che verrai più spesso ora" "Sicuramente"---

Questo racconto di è stato letto 7 3 7 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.