La cena

Scritto da , il 2016-04-20, genere scambio di coppia

Avevamo conosciuto Sandra e Marco per caso, in vacanza, mentre eravamo a spasso tra le bancarelle del mercato.
Laura e Sandra avevano adocchiato la stessa cosa ed era scattato un sorriso, poi da chiacchiera in chiacchiera ci eravamo presentati tutti e quattro.
Erano due tipi allegri e simpatici sui 40 anni, lui con un fisico da sportivo, non palestrato ma si vedeva che aveva fatto dello sport, occhi chiari e un bel viso, accattivante, lei dimostrava sicuramente meno della sua età ed aveva un fisico prorompente.
La mia Laura era come sempre bellissima, ci scambiammo i cellulari di getto come se ci fossimo conosciuti da tempo e ci ripromettemmo di sentirci di tanto in tanto.
Ci scambiammo qualche telefonata durante il restante periodo della vacanza, prendemmo un gelato insieme una sera e poi ci salutammo per far ritorno alle nostre case, loro erano di Milano.
Durante i nostri brevi incontri, avevo avvertito la netta sensazione che molte cose venivano dette solo con gli sguardi, senza che ci fosse il bisogno di dire qualcosa di esplicito.
Si avvertiva dal modo in cui Marco salutava Laura oppure dal modo in cui la guardava e lo stesso accadeva con me e Sandra; c'era qualcosa che andava oltre le parole di rito, era una sensazione che, ero certo, avvertiva anche Laura, era comunque una sensazione molto piacevole, direi eccitante.
Una sera, tornati alle nostre case ormai da tempo, ricevemmo una e-mail di saluti da parte loro e con la quale ci avvisavano che sarebbero stati nella nostra città per due giorni per il fine settimana e che avrebbe fatto loro piacere salutarci.
Ci guardammo negli occhi e di getto, senza pensarci su molto, decidemmo di invitarli a cena la sera del loro arrivo.
Ci risposero quasi subito accettando con entusiasmo.
Da quel momento una sorta di silenziosa eccitazione ci invase ma non ne parlammo mai apertamente, erano i nostri occhi che parlavano tramite le nostre sensazioni.
La sera arrivò e si presentarono alla porta con un gran mazzo di fiori per Laura, Marco era vestito sobriamente, sportivo ma elegante e raffinato e Sandra indossava un delizioso completo, gonna, camicia e giacca.
Laura aveva messo per l'occasione una gonna che adoro perché le esalta il fisico già bello di suo e una camicia con pochi bottoni, era splendida...
Ci accomodammo in soggiorno e parlammo del più e del meno comodamente seduti sull'ampio divano mentre sorseggiavamo gli aperitivi in attesa di sederci per cena.
Sandra tolse la giacca e restò in camicia e gonna e devo dire che era molto provocante con quello spacco laterale che lasciava intravvedere nei suoi movimenti le sue gambe fasciate da calze sicuramente autoreggenti, Laura colse qualche mio sguardo e mi sorrise.
Ci accomodammo a tavola seduti uno di fronte al rispettivo ospite e cominciammo a gustare la cena, il vino bianco era freddo al punto giusto e i bicchieri si svuotavano velocemente.
La discussione era leggera, si parlava di coppie e gelosie, di barzellette più o meno piccanti, insomma una serata piacevole.
Ad un certo punto sentii sfiorare la mia caviglia in maniera impercettibile, era un movimento lento, realizzai subito che era il piede di Sandra che mi cercava, non so se riuscii a celarlo, guardai Laura e intuii che anche Marco stava facendo altrettanto con lei, lo intuii dai suoi occhi che erano concentrati su qualcosa che non esisteva.
Così come era iniziato finì improvvisamente e riprendemmo a chiacchierare ma era indubbio che il gesto aveva provocato una forte emozione, Laura si alzò per prendere qualcosa in cucina e preparare il caffè e Marco si offrì di portare i piatti sporchi mentre Sandra andò ad accomodarsi sul divano, misi un cd di Ray Charles e la musica si diffuse per la casa, c'era un'atmosfera che era diventata ovattata e piena di palpabile eccitazione, dalla cucina giungevano le parole di Laura e Marco e alcune risate, mi avvicinai e Laura mi disse che Marco le aveva regalato un bel po' di complimenti...
Io sorrisi e nello stesso istante alle mie spalle arrivò Sandra che ruppe gli indugi, mi baciò leggermente tra la nuca e l'orecchio facendomi sentire la sua lingua, restai immobile e sconvolto dalle sensazioni che sopraggiungevano mentre guardavo Laura che ebbe una vampata di calore, vidi le sue guance arrossarsi e i suoi occhi che seguivano i movimenti di Sandra, era eccitata anche lei, Sandra si staccò da me e si avvicinò a Laura e le accarezzò la camicia sussurrandole qualcosa all'orecchio, la sua mano scivolò sul seno mentre Marco le si poneva alle spalle cingendola per i fianchi.
Quella scena non mi turbò, sapevo che era una nostra fantasia ricorrente e che non avevamo mai avuto il coraggio di mettere in pratica e mi rendevo conto che stava per accadere, Sandra baciò Laura lentamente sfiorandole le labbra e stringendo i capezzoli ormai durissimi che si intravedevano dalla camicia semi aperta.
Marco le baciava la nuca mentre le mani l'accarezzavano.
Finimmo sul divano, seduti in maniera alternata, Sandra mi baciava il collo e sbottonava la camicia e Marco baciava il collo e le labbra di Laura, scivolò sul suo seno messo ormai allo scoperto e cominciò a leccarle lentamente i capezzoli, imboccandoli e rilasciandoli dopo averli stretti con delicatezza, si sentivano i nostri respiri, vidi la sua mano scivolare sotto la gonna di Laura e lei che si distese allungandosi sul divano, Sandra si staccò da me e scivolò tra le gambe di Laura cominciando a baciarle con la lingua che guizzava, le aprì completamente mettendo a nudo la sua fonte di piacere e lentamente con le dita di Marco l'accarezzava mentre la sua lingua la sfiorava.
Ci spogliammo lentamente senza mai staccare le labbra o le mani dai nostri corpi, Laura si sedette al centro del divano e ci invitò a metterci ai suoi fianchi in ginocchio, le sue mani strinsero i nostri sessi durissimi e cominciò a baciarli e a leccarli alternandoli, la sua lingua mi dava sensazioni uniche, imboccava il mio fino alla radice, lo rilasciava e giocava con quello di Marco, mentre Sandra era intenta a leccarla tra le gambe ormai intrise di umori.
Laura aveva dei sussulti, Sandra si alzò e insieme a Laura si dedicò con la sua bocca a darci piacere e mentre lo succhiava Laura lo spingeva.
Sandra si sdraiò sul divano e volle Laura su di lei carponi in maniera tale che potessero leccarsi a vicenda, la sua lingua lambiva le grandi labbra di Sandra e poi si spingeva dentro e lo stesso accadeva a lei, l'eccitazione era tantissima.
Marco si pose davanti a Laura e mentre lei leccava Sandra, lui la prese, Laura ebbe un gemito, vedere il sesso di Marco entrare lentamente dentro Sandra, poteva fermarlo, leccarlo e giocare con entrambi.
Questo la portò ad uno stato di eccitazione unica, io feci lo stesso e, quando lo spinsi dentro, Laura ebbe un gemito di piacere, Sandra la leccava velocemente sul clitoride, mi prendeva in bocca e poi mi rilasciava, ci muovemmo lentamente, volevamo farlo durare tanto.
Marco si scostò e si sedette sul divano mentre noi continuammo ancora un poco, poi chiese a Laura di sedersi su di lui a cavalcioni, la vidi salire a piedi nudi sul divano chinarsi leggermente prenderlo alla radice e spingerselo dentro lentamente tra le grandi labbra mentre lui le succhiava i capezzoli, la faceva andare su e giù lentamente e ogni volta era un gemito sempre più forte e roco.
Sandra si mise dietro Laura e cominciò a leccarla sotto tra le grandi labbra e sul buchino, le spingeva dentro le dita, era una scena da impazzire dal desiderio, mi misi dietro Sandra e la presi di getto e questo la fece venire senza alcun preavviso.
Godette ma non smise di leccare Laura che era in procinto di venire, si levò, mi prese tra le mani, spinse in giù la schiena di Laura per farla inarcare e mi guidò la punta caldissima sul buchino di Laura che si fermò ed aspettò il momento trattenendo il respiro, spinsi e scivolai dentro di lei, ero senza autonomia, sentivo che stavo per godere, diedi dei colpi profondi, Laura era presa contemporaneamente, respirava sempre più forte, Marco inarcò il bacino e spinse con forza, cominciò a tremare dal piacere.
Io sentivo che stava per godere anche Laura, spingemmo con decisione e forza, urlammo, un attimo prima di godere Marco si tolse e Sandra ebbe nella sua bocca quella che lei chiamava il suo nettare.
Io e Laura restammo avvinghiati e tremanti per l'esplosione di piacere che ci aveva colti...
Restammo così, accasciati per un po’, fin quando non tornò Sandra dalla cucina.
- Un caffè? - Ci disse... Aveva portato 4 tazzine fumanti di caffè.
La cena finì con la promessa di farne un'altra a Milano da loro e quando andarono via ci addormentammo sereni l'uno tra le braccia dell'altro

Questo racconto di è stato letto 1 1 8 6 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.