Erotici Racconti

In Treno 1

Scritto da , il 2016-02-16, genere prime esperienze

Io ero ragazzino, lei avrà avuto un anno più di me e io la vedevo “grande”. Lei era di Napoli e con i genitori era in vacanza al mare vicino a casa nostra. Dai suoi atteggiamenti annoiati e pensierosi, si percepiva che viveva quelle vacanze come una privazione, un allontanamento forzoso dal suo mondo di amichette, flirt, prime sigarette di nascosto. Quando con i genitori all’ora di pranzo tornava da mare, la vedevo sempre con la sua maglietta extra-large bianca inumidita dal costume ancora bagnato indossato sotto, con il sale sulle ginocchia e le dita dei piedi abbronzati strette nella fascia degli zoccoli e mi provocava turbamenti.
Un giorno molto caldo ci incontrammo, come al solito dopo pranzo mentre i suoi riposavano. In genere con noi c’era sempre qualche amico o il suo fratellino, ma quella volta no. Il fratello dormiva con i genitori, non c’era nessuno e lei sedeva sulle scale dietro casa, mentre con il solito sguardo annoiato si intrecciava nervosamente una ciocca di capelli. Io dissi: “Ciao Monica, che fai?”.
Lei rispose alzando lo sguardo verso di me e sbuffando un po’ con la testa disse: “uff… manca ancora una settimana, vorrei essere a Napoli con i miei amici”.
- “Perché, al mare non ti diverti?” Dissi io
- “Ma lo sai che i miei amici, ragazzi grandi, mi portano già col motoscafo? Un giorno volevano arrivare anche a Ischia”, si vantò.
- “E i tuoi ti ci mandano?” chiesi.
- Uff… e mica gli dico tutto ai miei. Ribatté lei spavalda.
Mentre mi parlava, mi ero seduto due o tre gradini sotto di lei e dato che aveva le gambe un po’ rannicchiate che le accorciavano la solita maglietta da mare, mi accorsi che sotto non indossava il costume ma un paio di slip piuttosto sottili dai quali si intravedeva il pelo. Io arrossii e lei capì subito. Sorrise richiudendo lievemente le gambe ma non parve imbarazzata, anzi nel suo sorriso avevo colto qualcosa che mi faceva pensare che le avesse fatto piacere sentirsi il osservata e l’avermi turbato.
Pensavo fosse più una fantasia che un sospetto ma invece lei, continuando disinvolta a parlare, dischiuse lievemente le gambe. Io ero arrossito e per quanto mi sforzassi, non riuscivo a dire cose sensate e a non far cadere lo sguardo su quel meraviglioso pacchetto che si intravedeva in fondo alle sue cosce.
Lei sembrava sempre più divertita da questo gioco della topa col gattino. A un certo punto con un movimento appoggiò i piedi un gradino più in basso, accavallando poi le gambe con la caviglia appoggiata sul ginocchio, lasciando il piede e lo zoccolo penzolanti a pochi centimetri dalla mia faccia, muovendoli ritmicamente, continuando ad arricciarsi la ciocca di capelli.
Io iniziavo a essere eccitatissimo, sentivo la mia erezione esplodere sotto al costume.
A un certo punto le cadde lo zoccolo, io lo presi e la guardai, come a chiederle il permesso di poterglielo rinfilare. Lei acconsenti con lo sguardo e mentre lo infilavo nel piede, cercando di far durare quell’attimo quanto più possibile, mi disse:
- “Non ho dei bei piedi, sono troppo carnosi.”
- “Non è vero, invece sono molto belli”, esponendomi.
- “Ti piacciono?”, chiese con finta ingenuità.
- “Si. Sono delicati, sembrano disegnati”, risposi.
Lei si ammutolì con una espressione di sorpresa, forse finta. Goffamente, ma ero andato oltre. Poi cambiò ancora espressione e questa volta era divertita, di sfida alla mia sfrontataggine semi-involontaria. Senza dire una parola fece cadere ancora lo zoccolo, mi guardò con un sorriso un po’ furbo e poi mi appoggio le dita dei piedi sul mento, iniziando a strofinarle, risalendo piano piano alle guance, premendomi sulle labbra con la pianta del piede. Mi disse: “baciali”
Io persi ogni freno inibitorio e iniziai a baciare, succhiare e leccare avidamente le dita di quei meravigliosi piedini che sapevano di sale. Mentre le adoravo i piedi, lei apri le gambe e iniziò ad accarezzarsi gli interni delle cosce.
D’improvviso si alzò in piedi e guardò intorno, per accertarsi che non vi fosse nessuno. Io pensai “ecco, è già finita…”, ma lei invece mi prese per mano e disse “vieni con me”. Scendemmo le scale ed entrammo in un magazzino di attrezzi sotto casa sua, chiuse la porta e si appoggiò a un vecchio mobile.
Mi fece abbassare sulle ginocchia, iniziando a toccarsi da sopra gli slip. Poi mi prese la testa e me la portò tra le sue cosce. Io leccavo avido ogni millimetro e piano piano raggiunsi il centro degli slip, mentre lei ansimava sempre più forte. Iniziai a baciarla da sopra quelle mutandine umidissime. Sentivo per la prima volta l’odore pungente della fica ed era inebriante. Lei a un certo punto con le dita scostò su un lato le mutandine, mostrandomi la sua passerina, toccandosi e guardandomi con l’espressione eccitata. Io continuavo a leccare e a bere tutti i suoi umori, mi tirai giù il costume e iniziai a masturbarmi. Le vennero giù due goccioline di pipì e quell’odore e quel sapore mi eccitarono ancora di più. Lei iniziò a penetrarsi con due dita ed ebbe un orgasmo lunghissimo. Io venni nella mia mano, continuando a leccarle la fica. Lei allora mi prese dall’avambraccio, mi fece alzare e poi guardandomi negli occhi iniziò a leccare lo sperma dalle dita della mano e poi mi baciò mi leccò a lungo le labbra.
Mi disse di non parlarne con nessuno e di aspettare qualche minuto, lei sarebbe uscita per prima. Restato da solo mi masturbai ancora succhiandomi la mano che sapeva di lei.

Questo racconto di è stato letto 1 0 1 7 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.