Con Nadia a Londra

Scritto da , il 2016-02-16, genere masturbazione

Alla fine degli anni settanta, a 20 anni, trascorsi un periodo a Londra per imparare l’inglese. Un ragazzo che avevo conosciuto e che doveva tornare in Italia mi subaffittò una stanza in una casa che condivideva con altre due ragazze italiane.
Stella era veramente una gran bellezza e ne era consapevole. Mora, gambe favolose strette in jeans attillati che ne facevano risaltare un culetto veramente fantastico. E poi si intravedevano sotto i suoi golfini due tette bellissime, abbondanti e lievemente appuntite. Era allegra e un po’frivola, ma sempre indaffarata. Nadia era completamente diversa. Molto sovrappeso, timida e un po’ insicura. Aveva i capelli a spazzola biondo-verde, la carnagione chiarissima e vestiva influenzata dallo stile punk. Lo sguardo e i modi erano molto miti, quasi rallentati, ma si percepiva anche un certo conflitto interiore.
Un giorno, dopo una serata di bagordi, restai a dormire in camera fino a sera inoltrata. Stella era a casa e verso le 10 la sentii entrare in bagno. Quasi immediatamente rientrò Nadia, appoggiò il giubbotto e la vidi sbirciare verso la mia stanza, che era buia. Io restai in silenzio, capii che pensò che io non fossi in casa. La vidi quindi appoggiarsi cautamente e origliare alla porta del bagno, dal quale si sentiva la doccia, che era proprio davanti alla porta. Poi entrò in camera sua e la sentii togliersi frettolosamente le scarpe e uscirne subito dopo scalza e vestendo la sua abbondante camicia da notte.
Nadia si avvicino alla porta del bagno, si piegò con le ginocchia divaricate e iniziò a sbirciare dal buco della serratura, proprio davanti a camera mia. Sollevò sulle cosce parte della camicia da notte, sotto era completamente nuda, aveva la fica molto pelosa e si intravedeva chiaramente la clitoride emergere dalle grandi labbra. Continuando a guardare dal buco iniziò a toccarsi con molto vigore. Il palmo della sua mano abbracciava completamente il suo pacco umido di peli e carne. Vidi che si infilava un dito molto a fondo, sino a sfiorare la clitoride con il palmo, mentre con un’altra mano si toccava voracemente le tettine da sopra la camicia. Improvvisamente la doccia smise.
Nadia rientrò velocemente e in silenzio in camera sua, accese la luce e la sentii sistemare i vestiti nell’armadio. Poco dopo Stella uscì dal bagno in accappatoio e salutò frettolosamente Nadia, dato che stava andando a una festa, cosa che fece nel giro di pochi minuti.
Appena Stella uscì, Nadia entrò in bagno e sentii partire la doccia. Mi alzai in silenzio e mi avvicinai al buco della serratura del bagno. Vidi furtivamente con Nadia che si masturbava con il getto dell’acqua, tenendo con le mani sul viso un paio di slip di Stella. Iniziai a toccarmi anche io e in poco ebbi un orgasmo mi ritrovai le mani piene di sperma.
Temetti di essere visto, ero in imbarazzo, allora presi il giubbotto e mi diressi verso la porta di casa. Facendo molto rumore feci finta di essere appena rientrato a casa.

Questo racconto di è stato letto 5 7 4 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.