Nadia a Londra 2

Scritto da , il 2016-02-16, genere prime esperienze

Con Nadia continuavamo a uscire, ma tra noi non c’era nulla. Una sera rientrando a casa, dalla camera di Stella sentimmo dei rumori inequivocabili. Stella non ci aveva sentiti, lei stava con qualcuno e ansimava dicendo “dai, mettimelo tutto nel culo, spingi, ecco così… bravo…”. Nadia rise imbarazzata mettendosi le mani sulle labbra, io le proposi di uscire e di aspettare che avessero finito.
Così salimmo le scale della palazzina, fino alla porta che dava sul tetto condominiale. La porta era chiusa, ma c’era una specie di anticamera con un baule. Faceva caldo, ci levammo i giubbotti. Io mi sedetti e lei rimase in piedi, con uno sguardo un poco imbarazzato. Io per sdrammatizzare dissi: “se le piace è giusto che lo faccia”. Nadia mi disse che avrebbe avuto paura a farlo per il dolore. “Non fa male se lo sai fare” le dissi. “Perché, tu l’hai fatto?” replicò. Io risposi di si. Ridendo mi disse che ero un porco. Io risposi che era solo una questione culturale.
Percepii che comunque il discorso l’aveva solleticata e nel suo sguardo all’imbarazzo si era aggiunto un velo di eccitazione. Sembrava l’atteggiamento di chi voleva che iniziasse l’altro. Io mi feci forza e le sussurrai timidamente “Se vuoi un giorno proviamo, magari potrebbe essere bello”. Lei rimase in silenzio e poi si sfiorò il pacco con una mano guardandomi seria e annuendo. Io appoggiai la mia testa al suo pube, mentre lei era ancora in piedi e io seduto. Poi le slacciai e abbassai un poco jeans e le mutandine e iniziai a baciarle e leccarle il monte di Venere. Lei era eccitatissima, sentii il suo profumo acre e dolce allo stesso tempo. Le abbassai i jeans fino alle caviglie, si vedevano i gambaletti e mi eccitavano. Lei si girò e si piegò aprendo un po’ le gambe, fino a fare emergere da dietro la patatina.
Iniziai a leccare e a infilare la mia lingua tra le grandi labbra bagnatissime e l’ano, portando con la lingua i suoi umori vaginali e la mia saliva sul suo sfintere, cominciando poi a entrare nel suo buco con la lingua. Lei sussurrò un po’frastornata “ma cosa fai?”, ma era completamente sciolta ed eccitatissima. Dissi “vuoi?”, entrando con un dito e poi con due e poi con tre. “Vuoi?” ripetetti più forte e lei disse di si.
Mi massaggiai il cazzo con i suoi umori e poi appoggiai la cappella sul suo buco, iniziando a entrare con piccoli movimenti. Lei si masturbava e godeva cercando di non farsi sentire. Era entrata quasi tutta la cappella e lei emise un gridolino misto di dolore e piacere e mi disse di spingerlo tutto dentro. Io iniziai a pompare con vigore, sentivo il suo sfintere lungo il mio cazzo e vedevo la sua espressione di sorpresa e di goduria mentre continuava a masturbarsi vigorosamente. Poi mi disse: “vienimi dentro ti prego, vienimi dentro”. Io sborrai nel suo buco con tutta la forza che avevo. Lei venne e si contrasse tremando e ansimando a lungo.
Restammo in silenzio per qualche secondo, lei fintamente imbarazzata mi disse “sei un porco, mi sta colando tutto”. Si asciugò con un fazzolettino e poi scendemmo a casa.

Questo racconto di è stato letto 5 7 7 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.