Le avventure di Roxanne. cap.12: Le beau Robert

Scritto da , il 2015-06-11, genere sentimentali

Il Marchese d’Erot, ovviamente, non ci mise molto ad accorgersi dei tormenti che Giselle pativa a causa di Roxanne. Allo stesso modo non non ci mise molto a far confessare alla giovinetta il perché di certi cambi di umore e di certe occhiaie, seduti uno a fianco dell’altra su una panchina appartata del parco. Giselle prese a sfogarsi in lacrime, e lui le mise a disposizione un forbito campionario di consolanti parole d’affetto, per nulla impedito in ciò dal fatto di gongolare eccitato e incuriosito dalla prorompente vitalità di mademoiselle Roxanne.
«Le parlerò io, mon petit Giselle» le disse. «Però sii sincera con me: un po’ ti piace quello che ti fa, non è vero?»
Giselle arrossì come una fragolina. Scoppiò a piangere e gli si buttò sulle ginocchia, disperata. Poi si tirò su e, fissandolo con gli occhi azzurri pieni di lacrime, cominciò a spiegare.
«Lei mi chiama “femme perdue” e “putain”… e ha ragione. È cominciato come un gioco e… ho cominciato io!» confessò tra un singhiozzo e l’altro. «Non so cosa mi ha preso, ma l’ho sentita nel suo letto che… giocava con la sua porticina. E anch’io ne avevo voglia e così… mi sono avvicinata. Ma ora… vuole comandare e… pretende di comandare.»
«Ma a te un po’ piace» concluse lui.
Lei gli si ributtò sulle ginocchia, incurante della sua evidente erezione e inconsapevole di quanto volentieri il Marchese le avrebbe cacciato il suo aristocratico cazzo in gola.
«Sì…. Cioè» riprese sollevandosi. «Ma non è come con il mio Prince. Lui è forte, potente, ma anche gentile e rispettoso. Mi guida ma non mi comanda. Lei invece, mi costringe.»
«Ma ti costringe a godere!»
«Beh, sì. Ma io non voglio.»
“Beata gioventù” pensò il Marchese. “Costretta a godere controvoglia!”

Dopo che Giselle se ne fu andata, il Marchese D’Erot rimase in mezzo al profumo delle rose, particolarmente piacevole e intenso in quel punto, e si ritrovò a fantasticare su come attrarre la giovane Roxanne alla Magione per stuprarla di comune accordo con il suo amico Koutou. La prospettiva aveva vari elementi di fascino ed in fondo, in una certa misura, la giovinetta se lo sarebbe meritato. “Ma ahimè” concluse il Marchese, “prendere una donna con la forza è un atto simpatico da immaginare ma tra i più vili e ripugnanti da realizzare. Koutou piuttosto mi spezzerebbe il collo, ed anche io, benché sia attratto dallo stupro da un punto di vista, diciamo così, letterario, credo sarei incapace di arrivare al dunque. Devo pensare a qualcos’altro.”

Il Marchese dedicò una maggiore attenzione a Roxanne e non gli volle molto per notarne il frequente via vai a cavallo della ragazza che, sola soletta, puntualmente finiva per passare dalle parti della casupola del fattore. Non ci mise molto a riconoscere nel bel Robert l’oggetto del desiderio di Roxanne. “Ah, dolce Roxanne,” sospirò il Marchese che seguiva i movimenti di Roxanne da lontano, “te li vai proprio a cercare i cespugli intricati.”
Non lontano dalla dimora del fattore, c’era un laghetto artificiale che aveva incuriosito molto il Marchese in quanto mirabile esempio di ingegneria idraulica finalizzata all’irrigazione dei campi. Un giorno aveva seguito Roxanne fin lì e l’aveva vista osservare il laghetto con ben altri interessi. Robert infatti vi si era recato a fare il bagno, completamente nudo, e la giovinetta lo stava spiando. Il Marchese, che conosceva bene il ragazzo, ridacchiò dando di sprone al suo cavallo, che nitrì allarmando Roxanne. La furbetta volse il capo imbarazzata verso il rumore e, timorosa di essere scoperta, lanciò la sua cavallina al galoppo in direzione opposta.
Il Marchese giunse in riva al laghetto e sorrise al giovine natante, che ricambiò il suo sorriso. Robert era biondo, muscoloso, ed aveva allegri occhi azzurri, non privi di un’incantevole ambiguità che il Marchese aveva subito colto. Si sollevò in piedi nell’acqua bassa emergendone di tutto il torace.
«Buona giornata, Marchese d’Erot» salutò con sussiego non privo di ironia.
«Buona giornata davvero, messer Robert. Com’è l’acqua?»
«Una meraviglia, Marchese d’Erot. Vi inviterei a provarla di persona, se ritenessi questa pozza degna dei Vostri illustri natali.»
«Beh, mio caro Robert, sapete bene che le cose che reputo degne della mia persona hanno molto poco a che fare con i miei illustri natali. Quindi sì,» concluse scendendo da cavallo, «credo approfitterò di questa bella giornata per un bel bagno.»
Mentre il Marchese si spogliava, il figlio del fattore riprese a sguazzare nella limpida e fresca acqua del bacino.
«Quest’acqua è limpida e rinfrancante, non è vero Marchese d’Erot?»
«Come i vostri occhi, Robert» rispose il Marchese che ormai aveva raggiunto in acqua il ragazzo.
Il Marchese ricordava il corpo del giovane eccezionalmente tonico, reso solido dal lavoro ed elastico dalla giovinezza. E ricordava la profondità del suo sguardo, e la morbidezza delle sue labbra. Si abbandonarono in acqua al deliquio dei propri corpi nudi, avvinghiati come serpenti marini. Il Marchese, si impossessò del pene del ragazzo e, senza staccare le proprie labbra dalle sue, lo carezzò finché non ne riconobbe la massima durezza. Solo allora si chinò e, mentre l’altro si abbandonava nell’acqua a peso morto, usò le labbra per dare piacere al giovane, pratica in cui eccelleva fin dai tempi del rigido collegio militare che aveva frequentato suo malgrado finché era riuscito a farsi cacciare. Robert peccava di eccessivo entusiasmo e il Marchese riuscì appena a gustare la potente forma del suo bel paletto prima che esso germogliasse nella sua bocca. Inghiottì tutto e ringraziò, da vero commensale educato, con un discreto ruttino.
«Ed ora, mio giovane amico, abbiate la bontà di porgermi le vostre marmoree terga, cosicché io possa rendere omaggio all’infinita varietà della natura umana.»
Robert, tanto bello quanto stolido, parve non capire.
«Vi voglio fottere.»
«Ah» comprese il giovane.

[se vi garba, fate un salto su https://raccontiviola.wordpress.com/]

Questo racconto di è stato letto 2 8 6 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.