W la nonna

Scritto da , il 2015-05-20, genere feticismo

Da quando ho 14 anni,ogni volta che vado a casa di mia nonna,aspetto il momento in cui lei scende in garage,per andare in camera sua.
Appena entro,vado subito a guardare la poltrona e il suo comodino.
Sulla poltrona,in genere,trovo calzini e calze.
Poi prendo quello che trovo,e incomincio ad annusare.
L'aroma è intenso,e mentre annuso,penso ai suoi bei piedi.
Poi mi strofino le calze sul mio pene,e poi lecco le calze baciandole.
Dopodichè,prendo le sue ciabatte e mi ci masturbo.
Va tutto ok,se non fosse che un giorno è tornata dal garage,e mi ha scoperto.
E' entrata in camera,e mi ha visto con l'uccello infilato nelle ciabatte.
Subito,io,ho avuto paura.
Poi,però,vi posso giurare che lei si è seduta sul letto e si è sfilata le calze.
Per un momento non ho capito più nulla.
Poi lei mi ha detto che avrei potuto prendere le sue calze e scarpe quando volevo,ma che se c'era lei era meglio.Poi mi mise i piedi sulle labbra,e in men che non si dica,i suoi piedi furono bagnati dalla mia saliva.
Poi con le sue mani,tirò giù la zip,i pantaloni e le mutande,lasciando il mio pene a penzolare in aria.
Non era erettissimo,ma quando mise i piedi sulla cappella,si indurì,facendo impazzire dalla gioia mia nonna.
Mi disse che avevo un bel pene,e che le sarebbe piaciuto avere i piedi inondati di sborra.
Mi disse addirittura che,dopo il pompino e il footjob che mi avrebbe fatto,voleva anche assaggiare la mia lingua.
Così il mio pene fu segato,ingoiato,baciato,leccato,e dopo aver sborrato sui piedi della nonna,le nostre lingue si intrecciarono,e mia nonna si bagnò tutta.
Dopo quel pomeriggio,passo quasi sempre a casa di mia nonna,e con la scusa di salutarla,me la scopo.

Questo racconto di è stato letto 1 2 9 1 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.