Chissà se qualcuno ci riconosce

Scritto da , il 2015-03-27, genere tradimenti

Può essere che vi sembrerà di averlo già letto. Chiarisco. Lo avevo pubblicato in precedenza con un altro pseudonimo. Ora mi apre corretto evidenziare che sono io autore e legarlo insieme agli altri racconti.

Mi fanno sorridere i mariti che da anni interi cercano di convincere la propria moglie a concedersi ad altri. Anni di titubanze, di voglio e non voglio di faccio e non faccio. Io con Marta ho impiegato meno di cinque secondi. Da quando gliel’ho proposto (lei era in vasca che si masturbava con il suo, ora ex, marito che girava per casa) al suo siiii….cazzi…oh mio dio come vorrei tanti cazzi, da succhiare e da farmi sbattere e da bere tutta la sborra calda!
Per oltre trent’anni mi ero chiesto che fine avesse potuto fare una troia come lei. Sì, perché già da ragazza era una vacca. Il primo uccello succhiato a 11 anni con tanto di bevuta di sborra. Pochi mesi dopo veniva sverginata di figa e dai 11 ai 17 una interminabile collezione di cazzi!!! Uno dietro l’altro. Quando la scopai pure io lei aveva 13 anni e già la sua figa era sfondata come quella di una prostituta. Poi ci perdemmo di vista e ora la ritrovai dopo venticinque anni vogliosa di uccelli e di porcate che con il marito (gelosissimo!) non aveva avuto modo di fare.
Ci sentiamo al telefono e purtroppo ora io abito distante. Le rammento quanto fosse troia e lei ne era consapevole e non lo nasconde. Lei mi chiede di trovarci in una città intermedia e io mi organizzo con un appartamento. Appena scende dal treno mi caccia la lingua in bocca. Non vuole nemmeno bere un caffè , vuole solo andare a casa. Appena entrata si spoglia e mi spoglia. Due minuti dopo mi chiede di trattarla da puttana e di scoparla e di sborrarle in bocca e di metterle tutta la mano in figa. E’ ancora vergine di culo ma non durerà molto!
Dopo la montata fa la romanticona, mi dice che in quella città vive un suo ex (la troia lo sapeva pure prima ma non me l’aveva detto!!) e che lei lo incontrerebbe volentieri ma solo per fare quattro chiacchere. E’ inverno e fa freddo e mi chiede se può invitarlo nel mio appartamento. Sono le dieci di sera e io sono nella cameretta al piano sopra quando arriva il tizio. Sento delle risate e delle esclamazioni di saluto. Durano poco però. Pochi minuti dopo sento i passi che salgono le scale. La troia lo stava portando in camera e subito dopo per oltre tre ore i PUM-PUM-PUM del porco che la pompa e lei che urla e lui che gode sborrandole in bocca e poi ancora in figa e poi ancora in bocca. Tre ore di monta animalesca altro che amore!!! Appena uscito il porco lei ancora nuda mi chiede di riscoparla e mi dice quanto lo aveva enorme e quanto lo sentiva in figa e quanto era buona la sua sborra!!
Dopo una settimana le chiedo se vuole altri cazzi e lei è entusiasta . Fa la ritrosa solo per due secondi ma è evidente che è una finta! Io sono lontano ed è lei a dirmi” procurameli tu, amore! Io non riesco. Anzi non li voglio nemmeno vedere finché non salgo in auto. Poi diglielo tu che mi portino subito a scopare, non voglio caffè o cazzate simili. Voglio solo fare la troia!”
Il primo incontro penso sia delicato, un conto è dirlo un conto è farlo, penso. Faccio io da riferimento telefonico.
“E’ arrivato!” le dico.
“Vado amore” risponde lei.
Il primo è un toro esperto.
Sono le 21 quando avviene quel dialogo. Lei deve scendere, andare nel punto incontro e poi in motel. Calcolo che ci voglia un po’ di tempo
Sono le 21,20 e suona il cell: penso che qualcosa sia andato storto
Invece è già con il cazzo in figa che urla e geme !!!
Quando torna a casa è un fiume in piena di turpiloquio mentre si masturba e mi invita a continuare così. E io avevo già organizzato per il giorno dopo!
“No, dai” mi disse” devo andare fino a Monza e io cosa dico durante il viaggio?”
“Niente , perché avrai la bocca piena!” le dico.
“Cioè?”
“Tu salirai dietro dove ci sarà uno con il cazzo fuori e tu ti getterai sul cazzo. Nel frattempo un altro guiderà fino a casa”
“Ohhh” fu la sua reazione “ Due cazzi insieme…siiiii”
“No” le dissi
“Come no!” disse lei quasi delusa “ Non saranno due?”
“No. Saranno quattro! Due aspetteranno a casa !”
Un interminabile silenzio e poi un siiiiii interminabile. Il tempo di realizzare e mi dice che ha solo una richiesta. Anzi due: una di avvisarli che non lo prende in culo, la seconda che appena entra in casa vuole essere messa in ginocchio con i cazzi intorno senza preamboli.
La vacca riesce a stupire anche questi porci. Si fa montare dapprima in sala e poi in camera.
Quando la chiamo sono in pausa. La voce di lei è squillante e felice. Come se fosse ad una gita e non a fare la troia. Poi un'altra voce autoritaria che si sente e dice: “ Dai che ricomincia la monta!!!” E la zoccola con la massima serenità mi dice: “ Amore ora devo andare “ e mi passa l’organizzatore della monta! Nel frattempo intuisco che lei sta spompinando i rimanenti tre.
Devo chiarire che avevo chiesto all’organizzatore di farmi pervenire solo qualche foto con il viso di lei sborrato.
“Non ce l’abbiamo fatta. Credimi!” disse un basito toro da monta “ mai visto una cosa simile! E’ lei che ha scopato noi. Ci ha cavalcato uno alla volta e al momento della sborrata non ci ha mollato i cazzi! Ha bevuto tutto! Ma ora vediamo di provvedere” .E così fecero. E arrivarono le sospirate foto !
“Stupendo!! Fantastico” fu il comento di lei appena a casa” mamma mia che troia che sono! Che vacca! Con quattro cazzi in una volta sola! Stupendo!! Quanto ho goduto!”
“Ne vuoi un altro domani?”
“Oh siii…un altro…ne voglio un altro anche domani!”
Anche questo mai visto e mai sentito prima d’ora. Sale in auto e via di corsa. Un superstallone che se la monta per oltre quattro ore a casa sua facendola godere. Pone le sue condizioni, mi avrebbe mandato un sms quando avrebbe iniziato a montarla e poi avrebbero spento il cell per riaccenderlo una volta finito. Quel cell non fu raggiungibile per oltre tre ore! Arrivarono inaspettate anche tre foto. Due con lei che succhia il cazzo, nella terza non compare alcun cazzo ma si vede chiaramente che sta ingoiando la sborra!!!
Ora lei ne vuole uno dietro l’altro. Quando le dico che ho organizzato cazzi per lei si eccita, si apparta dal lavoro e si masturba alla sola idea. Quando rientra dalla monta mi dettaglia in ogni aspetto, dalle posizioni alle sborrate al sapore della sborra.
Intanto l’elenco dei cazzi aumenta: oramai sono oltre venti!!!
Ma è ancora vergine di culo!
Io la vedo poco e in un incontro glielo cerco. Lei me lo concede ma al momento di romperglielo mi impietosisco dalle sue urla di dolore.
Che sbaglio!!
Doveva uscire con tre. Mai incontrati prima. Non colsi a fondo quanto erano porci e dominati. Appena capirono che c’era la possibilità di romperle il culo non se lo fecero sfuggire . Contro ogni accordo furono loro a chiamarmi mentre la scopavano di figa e mi sentii per la prima volta definire cornuto. E lei lo confermava al telefono con un “siii..cornuto…cornuto…cornuto” . Anche se la troia a giochi finiti dirà di non ricordarlo. I maiali alle mie rimostranze chiudevano la comunicazione e non rispondevano alle mie chiamate. In compenso mi chiamarono mentre le rompevano il culo. “Senti come la stiamo sfondando cornuto, senti come la sfondiamo !!” Lei urlava dal dolore, ma durò poco. Dapprima finirono i gemiti e capii che mentre veniva inculata ne stava succhiano un altro. Ne ebbi la certezza quando sentii il porco dire “ bevi troia bevi!!!” . E lei come sempre beveva. Dopo poco stava urlando che era fantastico essere piena di cazzi: fu la sua prima doppia penetrazione. Anche lì una loro chiamata: “senti come gode ora la troia…senti come gode!” Ed era vero!
Sverginata da tre sconosciuti!
Contro ogni patto preliminare si fece pure fotografare e le foto parlavano chiaramente!!!
Intanto i cazzi aumentavano a decine. Lo sfondamento definitivo del culo avvenne in una gang in cui volle partecipare nonostante avesse le sue cose. Era uno spogliatoio di una squadra di rugby. I porci erano in otto tra cui uno che aveva un uccello che Rocco Siffredi se lo sogna! Lei stessa si propone di mettersi alla pecorina, così lo prendo senza sapere chi è, mi dice. Se la inculano tutti a turno. Lei urla che l’avranno sentita a chilometri. Finchè per ultimo la inculò il supercazzone!! Lei mi chiese di avvicinarmi e mi stringeva a se dicendomi che le stava massacrando il culo !! Memorabile la sua espressione mentre veniva impalata! Immortalata con mie foto!
Da allora iniziarono per lei le gang. Qualche tempo prima mi aveva detto che non sarebbe mai stata per due volte con lo stesso toro. Infatti conobbe Steve! Un superdotato che la faceva già godere da sola figurarsi in gruppo. La troia lo incontrò in motel da sola, poi a casa sua con me e altri suoi quattro amici fidati, poi ancora a casa sua ma con altri amici ancora diversi, poi lei da sola a casa sua che passa una notte intera da lui, poi lui da solo nel nostro letto( ora mi ero trasferito da lei) e poi altre volte ancora.
Aumentano anche i video con lei piena di cazzi. In uno era talmente attorniata che divenne subito pubblicabile in quanto la vacca scompariva in mezzo ai porci: uno davanti, uno dietro, uno in bocca ma che si alternava ad altri due intorno a lei. Si sentivano i suoi mugugni con il cazzo o i cazzi (anche due) in bocca e le sue urla quando il piacere era troppo forte per resistere. E ancora i porci che dicono quanto sia piena, quanto sia vacca, quanto sia puttana!
Ora sa cosa vuol dire essere piena e impazzisce alla sola idea. Ma non disdegna gli incontri singoli. Una ninfomane in piena regola! Una domenica mattina facciamo sesso animale. “Oggi sono infoiata” mi confida la troia. “Tranquilla che oggi dovresti incontrarne due” le rammento” uno pomeriggio e uno stasera”. “Figurati” obietta giustamente lei” in genere la danno sempre buca, da due va a finire con nessuno”.
Invece il pomeriggio arriva il porco. Deciso, quasi uno stupratore. Lei lo accoglie bendata, come spesso vuole fare. La monta dura quasi tutto pomeriggio. Io le vengo in bocca lasciandola nelle mani del porco che se la scopa, se la incula davanti allo specchio e in tutti i modi possibili. Non so cosa mi prenda e azzardo un last sul sito dicendo quello che sta succedendo. Da lì a pochi minuti si propone un altro toro. Sono le 17 quando il primo se ne va soddisfatto del servizio. Marta con lui ha avuto almeno sette otto orgasmi. Le chiedo se ne vorrebbe un altro, lei sorride e mi dice di darle il tempo di una rapida doccia. Alle 17,30 è ancora all’opera con un altro maschio mai incontrato prima . E’ lei a gustarselo cavalcandolo fino all’ora di cena. Nel frattempo è arrivata la conferma: il porco della sera ha confermato, ci sarà. Decidiamo (per motivi di sicurezza) che sia lei ad andare in motel da sola. Alle 21quando la chiamo sta già montando. Lo stesso dicasi per le successive chiamate fino alle 23,30. Torna che è entusiasta: ha trovato un instancabile e multiorgasmico nuovo toro. “Tre sborrate in bocca. Il tempo di pulirlo e l’aveva ancora duro. Incredibile!” mi dice. Ora sono io ad essere eccitato e le salto addosso facendo ancora sesso. Per lei quel giorno oltre venti orgasmi !!!
E’ fantasiosa pure lei!
“Mi piacerebbe sceglierlo valutando solo il cazzo. “ mi disse un giorno.
La rivedo, seduta davanti al pc, la mano sinistra sul mouse e la destra in mezzo alle gambe , lei che ansima e gira pagina su pagine intere di cazzi in primo piano.
Ed ha dei buoni gusti! Sceglie il re degli stalloni del sito con un arnese da paura.
Passerà due mesi da allora e se lo troverà nel mio letto, bendata ed ansimante.
Indimenticabile il suo oooooohhh la momento in cui lei stessa abbassò gli slip del porco per poi farsi montare in modo animalesco con un centinaio di siii…siiii…in pochi minuti.
Nel frattempo da una coppia un po’ sfigata diventiamo l’attrazione del sito e la vacca ha modo di scegliere tra i vari tori che si propongono.
Ma soprattutto non dimentica la sua passione : i pompini con ingoio! In una bella villa conosce i cazzi che spuntano dai buchi. I suoi occhi ridono dalla gioia!!
Passa da un cazzo all’altro ad una velocità da paura e quando esce dallo sgabuzzino la aspetta una folla di porci. Lei in mezzo a tanti mentre si reca sul bordo di un letto. Tutti intorno maschi con i pantaloni abbassati e tanti tanti tanti cazzi fuori. Inizia con uno ,poi due in bocca, le sue mani che cercano altri cazzi. Le prime sborrate in bocca, è lei stessa che quando avverte che uno sta per venire si getta con impeto per bere tutti. Li stende tutti. Almeno una trentina di ingoi perché qualcuno rifece la coda più volte!!!
Oramai i cazzi sono centinaia ma il suo massimo essere puttana e ninfomane lo dimostra in ogni circostanza.
Ora viviamo insieme. Oramai sono decine i maschi che conoscono il nostro letto.
“Quando mi fai provare una donna” disse la troia “ si ma non solo lei! Non rinuncio alla mia dose di cazzo!!!”
Detto fatto. E con molte.
Un classico : lei che lesbica ferocemente in mezzo al nostro letto e i porci intorno con il cazzo fuori pronti ad intervenire.
Nel frattempo alterna casa nostra alle sue uscite da sole in motel con i tori. Sempre diversi.
Poi alza il tiro e disse: “Falli scegliere a me!”
E li scelse giovani e carini. Cominciò ad attenderli in sala mentre io andavo a recuperarli sotto casa. Nessuna remora a limonare con la lingua fuori se erano di loro gradimento. Li voleva sopra di se, li baciava, leccava loro il petto, succhiava i capezzoli, li afferrava per le natiche spingendoli, stringeva con le mani le lenzuola quando godeva, si faceva inculare davanti allo specchio, urlava talmente che mi obbligava ad alzare il volume alla tv. E così a decine. Oramai i cazzi diversi superano i centocinquanta! Senza contare le ripetute.
“Con un nero non lo farò mai!!!” promise a se stessa la troia.
Se lo trovò in mezzo ad altri tre sempre a casa nostra. Lei bendata che appena lo assaggiò non lo mollava. Finì con il negrone sopra di lei che la pompava e le sborrava in figa.
“Certo che mi piacerebbe fare la vera puttana, per qualche sera. Cioè essere pagata!” mi disse sorprendendomi .
Detto fatto. Fu un gioco da ragazzi trovare per lei qualche toro (piacente ovviamente!) che fosse disponibile a pagarla. E il gioco durò parecchio!!!
Ma che limite ha una troia simile? Mi chiesi. Mettiamola alla prova. Mi risposi. Forse per lei è troppo semplice trovarsi attorniata da cazzi ma essendo preparata a tempo di quello che l’aspetta. Proviamo ad entrare in casa insieme ad altri due maiali, possibilmente nuovi, mai visti ne sentiti prima d’ora e vediamo come reagisce. Detto fatto. Lei ai fornelli e io che entro ai due porci. Lei non se ne accorge finché si gira. Pochi secondi dopo ancora vestita da buona massaia è in ginocchio che li gusta i due uccelli in bocca. Pochi minuti dopo ha già dato il culo e la figa ad entrambi. Finirà con una interminabile doppia penetrazione da urlo. Completamente nuda (non ha fatto in tempo ad indossare quella che lei chiama la “lingerie delle porcate”) con ancora i capelli raccolti a crocchio e maiali ancora increduli che la insultano pompandola con furia.
Dopo questa sorpresa è chiaro che è guardinga. Allora decido di metterla ulteriormente alla prova ma in altro modo. Se può aspettarsi qualsiasi cosa quando sono presente in casa abbasserà le difese quando non ci sono. O meglio quando sono a lavoro. Ed è così che avviene. Una sua vecchia conoscenza, un bull già incontrato in precedenza (per motivi di sicurezza) con cui si era trovata bene ma che ci eravamo persi di vista. Io che gestisco due telefonate in contemporanea e lei che è al telefono con me quando suonano la porta. Io le intimo di stare al telefono e quando apre…si trova il bull sull’uscio.
Lei è in tenuta domestica con una banalissima tuta addosso. Pochi secondi e ancora sull’uscio della porta la sento ansimare quando il bull (l’ho scelto anche intraprendente) senza quasi ripresentarsi le mette le mani in figa. Dopo un minuto è in ginocchio all’ingresso con il cazzo in bocca e dopo pochi minuti sta montando senza di me nel nostro letto.
La casistica delle soprese pare finita invece me ne invento una ultima.
E’ mattino presto di un giorno feriale. Io simulo di uscire per andare a lavoro, in realtà rientro pochi istanti dopo con un porco mai incontrato in precedenza. Uno deciso da rasentare la violenza. Quando sente riaprire la porta la sento esclamare un hai dimenticato qualcosa amore? Ci presentiamo entrambi in camera. Lei indossa un casto pigiama con degli orsacchiotti amorosi ! Il tempo di entrare in camera con il bull, uscire per dirigermi in sala a recuperare la telecamera, rientrare in camera e…lei sta già succhiando avidamente il cazzo del porco che le scoperà e se la inculerà rabbiosamente venendole per ben tre volte in bocca !!!
E lei? Ti pare che non abbia iniziative? Che subisca passivamente i miei giochetti?
Nella vita non trasgressiva ci sentiamo spessissimo durante la giornata. Talvolta anche sei sette volte prima che io rientri a casa. Talvolta la chiamo io, talvolta è lei a farlo. Le prime parole possono essere ciao amore, oppure ciao ciccio o ciccia, oppure ehilaa.
Quella volta no! Il primo suono che ho sentito appena risposi fu un UUUUUUHHH inconfondibile! Stava scopando! E non era programmato! Allora ricordai! Qualche tempo prima mi promise che lo avrebbe fatto, senza preavviso e nel nostro letto. Con uno con cui l’aveva fatto in precedenza e con il quale le era piaciuto tantissimo! Scopò pe r oltre due ore facendosi sentire la telefono mentre io era a lavoro! E, appena il bull se ne andò, mantenne fede alla promessa che mi fece: non mi disse che fosse il porco! Almeno finché non rientrai in casa dove sul pc mi aspettava un video con parte della monta ! Alla prima inquadratura lo riconobbi ! Beh…i video meriterebbero tutti un discorso a parte! Quello che posso dire fu che lei stessa lo sorprendeva e lo eccitava con le parole nei pochi momenti che riuscivano a fiatare durante la monta. Non ricordo più il sapore della tua sborra oppure ma come sei bravo a inculare oppure hai visto che vacca da monta che sono e molto altro….
Un caso? Si è sforzata a farlo?
Due mesi dopo ricevo un sms allarmato del genere “ho combinato un casino chiamami quando riesci”. Era già accaduto che ci fossero problemi e mi contattasse con urgenza. La chiamai allarmato e mi parve di capire che stesse piangendo. E’ tipico di lei avvilirsi anche per cose di poco conto e di sfogarsi con il pianto.
“Che cosa è successo amore? “ le chiesi. Nessuna risposta se non dei gemiti!! Stava scopando altro che avvilirsi. Mi aveva teso una “trappola” e funzionò benissimo.
Con un altro porco ancora una volta già testato in precedenza e ancora nel nostro letto!!
Dimmi tu se non è una vera vacca da monta!!!

Mail per contatti: speekbehind@libero.it




Questo racconto di è stato letto 5 3 4 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.