Le avventure di Roxanne. cap.9: Chiaro di luna

Scritto da , il 2015-03-06, genere prime esperienze

Giselle non c’era. Roxanne, dopo un attimo di esitazione pensò che la cugina doveva essersene andata da sola e che comunque lei, di quel posto, ne aveva avuto abbastanza. Corse fuori nella notte, nella direzione in cui sapeva esserci la scuderia della Tenuta di caccia in cui aveva assistito all’immondo accoppiamento del Marchese e della servetta. Fu sorpresa di scoprire che Giselle se n’era andata lasciando lì il suo cavallo. Roxanne pensò che tale fatto era strano ed ebbe persino un brivido di paura. Pensò di chiamare a gran voce la cugina, ma ciò avrebbe attirato di nuovo l’attenzione del Marchese, e di chissà chi altro. Smarrita, uscì dalla scuderia tenendo le redini della sua cavalcatura. Una volta fuori, si avvicinò al muso della cavallina e lo carezzò come per tranquillizzarla. In realtà la bestia pareva calmissima, ma quel gesto finì per tranquillizzare un po’ la ragazzina.

La luna spargeva la sua luce tenue tutt’attorno. Si sentiva solo la brezza notturna tra le fronde ed il canto dei grilli. D’un tratto però, Roxanne sentì qualcos’altro. Come un gemito portato dal vento. Roxanne si strinse al muso della cavallina. Oltre la scuderia c’era una staccionata e, al di là, una bassa siepe di lauro permetteva di scorgere, oltre alle sue profumate fronde, un prato, reso argenteo dal riverbero della luna. Roxanne capì da dove provenisse il gemito.

Giselle era completamente nuda. Il suo corpo candido, i suoi seni, le sue spalle, la schiena, le cosce parevano brillare. I suoi capelli biondi volteggiavano attorno a lei come fatati. Stava inginocchiata, o meglio, stava cavalcando il corpo di mogano di Koutou. La luna, che rendeva diafana la pelle della ragazza, rendeva lucente quella del principe africano, ne disegnava i muscoli delle braccia che cingevano la ragazza, il profilo delle mani che saggiavano le forme di Giselle, ne raccoglievano i seni portandoseli alla bocca. Roxanne era piuttosto vicina, non tanto da essere parte della scena ma abbastanza da vedere la mano del negro risalire il collo di Giselle, arrivare alle sue labbra carnose e socchiuse. Vide la bocca aprirsi e prendere un dito dell’uomo, succhiarlo oscenamente. Sentì un altro gemito della ragazza e solo allora comprese che la cugina stava prendendo dentro di sé quell’uomo.





Quando avevano trovato il principe Koutou ad attenderle nel bosco, a Giselle si erano piegate le ginocchia. Sperando che il buio l’aiutasse a nascondere il suo sbigottimento, si era tenuta dietro a Roxanne ma, quando le forti braccia del negro si erano posate sui suoi fianchi per sollevarla senza sforzo sulla sella, il suo intero essere si era sciolto come un pallida candela posta vicino ad un potente fuoco. E poi aveva sentito di nuovo il suo odore.

Sapeva che il principe Koutou scendeva ogni giorno al fiume che scorreva non lontano dalla Tenuta e vi si immergeva. L’aveva saputo dalle chiacchiere di una delle vecchie giardiniere e, di nascosto anche da Roxanne, era scesa anche lei al fiume, attenta a non farsi scoprire. Lui era arrivato come al solito e, indifferente alla sua presenza (di cui peraltro si era subito accorto), si era tolto i complicati abiti che gli aveva dato prima di sbarcare in Francia Buffo Denis (questo il nome che avevano dato in Africa al Marchese d’Erot e che molto l’aveva divertito quando gliene aveva spiegato il senso). Koutou odiava quegli abiti, ma, come gli aveva spiegato Buffo Denis, in Francia la gente era ignorante e credeva che bisognasse portare tutti quei vestiti anche quando faceva caldo per non dispiacere agli dei, e che per loro era una pratica inaccettabile farsi vedere nudi dagli altri a meno che non si fosse “in intimità”. Koutou non capì né cosa significasse “intimità” né perché, ad esempio, fosse vergognoso mostrarsi nudi ai pasti e non lo fosse presentarsi con le armi addosso, cosa che vedeva fare a molti uomini e che lui reputava estremamente offensiva.

Il principe Koutou si era dunque spogliato rivelando il suo corpo di guerriero. Giselle aveva sentito il suo ventre farsi liquido, poi di fuoco, poi sciogliersi e bruciare. L’aveva visto scendere in acqua e, pentendosi di questo pensiero blasfemo, aveva pensato che era un dio della terra, un meraviglioso fauno senza le zampe di capro né le corna con cui lo dipingevano, un dio della terra che si univa al fiume. L’aveva visto nuotare con la grazia e la calma di un airone che vola nel vento. Poi lui era tornato verso la riva ed era uscito dal fiume con i rivoletti d’acqua che gli scendevano dal corpo negro, le goccioline che si soffermavano sui ricciuti peli del poderoso petto. In piedi sull’erba, completamente nudo, si era piegato sulle lunghe game diritte più volte, fino quasi a toccarsi le ginocchia con il volto. Poi, allargando un po’ i piedi, si era voltato di lato con il busto, prima a destra, poi a sinistra, e aveva ripetuto il movimento più volte. Giselle aveva così visto il suo membro. Non le parve grandissimo, ma avrebbe dato una mano per poterlo toccare e, pensò vergognandosene fino alla punta dei capelli (e, suo malgrado, alla punta dei capezzoli), avrebbe voluto portarselo alla bocca, sentirlo ingrossare come un volta aveva visto succedere a Pegaso, lo stallone bruno della loro scuderia. Ma non era successo nulla.

Una volta lei e Roxanne avevano incontrato il Marchese d’Erot e il principe Koutou in uno dei corridoi. Giselle aveva tenuto lo sguardo basso e Koutou non l’aveva degnata d’uno sguardo. Eppure per un attimo lui le era passato accanto e lei aveva sentito il suo odore. Tutti gli altri usavano le essenze profumate come un velo steso sugli odori dei propri corpi che conoscevano una vera pulizia di rado, soprattutto gli uomini. Il principe Koutou invece non usava profumi ma, forse proprio a causa dei bagni al fiume o, come pensò Giselle, a causa della sua specie, aveva un odore tutto suo che sul momento la respinse e la deluse. Eppure nei giorni successivi quell’odore l’aveva ossessionata. Entrava nelle stanze dove lui era stato e cercava quell’odore. Lo seguiva da lontano come una cagnolina timida e una volta, nel salone della Magione, si era spinta fino a recarsi alla finestra passando accanto al divanetto su cui sedeva Koutou. Passò proprio accanto alla sua testa ricciuta e inspirò profondamente. Appena ne riconobbe l’odore quasi si sentì mancare. Per una attimo dimenticò il pretesto ed esitò, poi si riebbe e si affrettò alla finestra, lasciando che l’aria limpida le liberasse le narici e la mente di quell’odore. Poco dopo, nella sua cameretta, il fresco ricordo di quell’odore l’aveva accompagnata ad uno dei più forti apici del suo piacere.

Quell’odore le aveva di nuovo riempito le narici quando lui l’aveva sollevata, nonostante lei avesse trattenuto il fiato, come a proteggersi da una troppo intensa emozione. Eppure quell’odore l’aveva pervasa e, per tutto il tragitto fino alla Tenuta, quell’odore l’aveva avvolta e stordita. Poi erano arrivati alla Tenuta e di nuovo, lui l’aveva aiutata a scendere da cavallo. Una volta posata a terra, le ginocchia le cedettero. Lui la sorresse e lei si affidò alla sua presa. La sua mano si posò sul suo avambraccio toccando, nel punto in cui la camicia lo permetteva, la sua pelle negra. Per lei fu come la fiammata della polvere da sparo.

Roxanne, attenta solo a ciò che l’aspettava dentro la Tenuta, non aveva badato ai tremori della cugina. Quando il principe Koutou si era allontanato con i cavalli, Roxanne si era avviata e lei le era andata dietro con un certo sforzo. Una volta dentro, di fronte al Marchese d’Erot, ai panneggi, ai mobili lavorati, aveva sentito solo un gran odore di chiuso e di stantio. Quando si erano avviati di sopra lei aveva detto “io aspetto qui” ed invece, non appena non furono più in vista, era uscita, in cerca di aria pura.

Lui era lì. Completamente nudo. Il chiaro di luna rischiarava la notte del suo corpo e, da una zona d’ombra tra l’ombelico e le cosce, spuntava il suo rostro, stavolta duro e, le parve, enorme.

Giselle si smarrì, incapace di fare altro che sentire il proprio corpo reagire all’aria calda della notte estiva che le carezzava il corpo ardente e le portava l’odore di lui, mentre i capezzoli le si indurivano, la pelle diventava sottile e sensibile come un prezioso foglio di carta di riso, ed il suo ventre diventava un lago caldo, un vulcano ribollente.

Lui le tese la mano, lei si avvicinò e posò le sue candide dita affusolate, sul palmo forte di lui. Di nuovo fu come vedere polvere da sparo incendiarsi.

Il principe Koutou la portò al limitare del prato dietro la scuderia. Lì si chinò e, con attento rispetto, le tose le ciabattine da camera con cui era sgattaiolata fuori di casa poco prima (o forse erano ore o giorni, lei non lo sapeva più). Giselle posò i piedini nudi sulla soffice erba e quel contatto la fece sorridere. Lei alzò gli occhi chiari e incontrò i suoi, nerissimi. Anche lui, finalmente, le sorrise e lei, nonostante la luna, i grilli, la notte tra gli alberi e in cielo, vide sorgere il sole. Lui le posò le dita sulle spalle e, con un gesto lento e delicato, le fece scivolare a terra il maglioncino, e poi, senza che mai i loro occhi si lasciassero un attimo, anche la vestaglia da notte le scivolò di dosso con un fruscio, lasciandola nuda. Fu allora, guardando il principe Koutou negli occhi, che comprese un fatto che la sconvolse. Anche lui la desiderava. Desiderava prenderla, infilarle il suo rostro dentro di lei, il suo rostro che ora quasi le sfiorava il ventre. A questo desiderio di lui, lei era impreparata. Si sentiva piccola, pallida ed esile come una fiammella, mentre lui era un fuoco capace di ardere una foresta. Eppure lei vide il suo sguardo indugiarle sul corpo e nei suoi occhi, che per tanto aveva considerato imperscrutabili, ora riconobbe il desiderio di carne. Prima ancora di perdere la verginità, fu quello sguardo a renderla donna.

Lui la prese per mano e la portò lentamente in mezzo al prato, senza smettere un solo passo di ammirarla. Lei si sentiva bene. Adorava l’erba sotto i piedi, la brezza sul corpo nudo, i rumori del bosco vicino e, sopra ogni cosa, la presenza di quel maschio accanto a lei.

Quasi con un passo di danza si fermarono e si misero uno di fronte all’altra, tenendosi per mano. L’uomo alto, possente, scuro, la donna minuta, dalle forme sinuose, con i lunghi capelli biondi sciolti sulle spalle, il corpo quasi diafano al cospetto della luna. Si strinsero l’un l’altro. Giselle sentì le mani dell’uomo sulle spalle, sulla schiena, e sentì il suo piacere posarsi ritto e duro sul suo ventre candido, quasi all’altezza dei seni tanto era alto. Affondò il viso sul suo petto, aprì la bocca e le narici per accogliere la sua pelle ed il suo odore. Poi alzò le mani, le posò sui suoi lombi. Era liscio come una statua di marmo, e come una statua duro ma senza spigoli.

Fu lui a sciogliersi dall’abbraccio. Le si inginocchiò davanti e stavolta fu lui a perdersi con il viso tra i suoi seni, a godersi la sua soda morbidezza. Le sue mani le scesero lungo la schiena fino a riempirsi delle sue curve più desiderabili. Giselle, rapita dalla maestria con cui la stava esplorando, posò una mano sui suoi riccioli neri e ne accompagnò le labbra carnose al candore del suo seno, al roseo turgore del suo capezzolo. Quando lui la baciò lì, si sentì di nuovo la testa leggera e le ginocchia cedere, ma era tutta tra le sue braccia e nulla poteva accaderle. Sentì la bocca del suo uomo scendere dai seni all’ombelico e da lì scendere ancora. Quando la sentì posarsi sul favo del suo miele, quasi gridò. Ma non lo fece ed il gemito strozzato che le sfuggì dalle belle labbra avrebbe potuto eccitare un cervo, o un cinghiale, nella foresta poco lontana.

Sentì la lingua di lui aprire i suoi petali, infilarsi, suggere il suo miele. Le grandi mani dell’uomo scesero fino alle sue caviglie, le strinsero tra le dita come fossero un fuscello, poi risalirono, dietro le ginocchia, sulle cosce, fino alle forme perfette del suo sedere ed ogni centimetro che percorrevano parevano lasciare una terra in fiamme. Man mano che lui continuava a baciarla a quel modo, i suoi gemiti presero ad uscire sempre più liberi, puri, alti, osceni, fino all’ultimo, il più intenso, che la costrinse ad accasciarsi mentre le braccia di lui la adagiavano al suolo.
Lui le si distese al fianco. Con una mano percorreva ancora il suo corpo, dalle ginocchia al favo, fino ai seni. Si sorrisero finché lei sussurrò «Prendimi Prince Koutou, prendimi ora.»

Le loro bocche si unirono e per Giselle l’odore di lui, dell’erba e della terra sotto i loro corpi, della luna, degli alberi e degli insetti, del piacere suo e dell’uomo divennero i colori di uno stesso vorticoso caleidoscopio. Lui la sollevò mettendola su di sé e da sotto trovò la via per entrare in lei.
Ma non la percorse.

Lei sentì il suo piacere bussare saldo e incorruttibile alle porte del suo tempio inviolato e fece per abbassarsi di colpo. Ma il guerriero si ritrasse, le sorrise, poi si ripresentò come prima. Stavolta lei si limitò ad una calda pressione e lui iniziò un movimento delicato ma sicuro. Lei sbocciò come un fiore e fu proprio l’ultimo e inevitabile schiocco di petali a far risuonare nella notte il gemito che attrasse l’attenzione di Roxanne.

[date un'occhiata a https://raccontiviola.wordpress.com/]

Questo racconto di è stato letto 3 5 3 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.