Liz (cap. II°)

Scritto da , il 2015-02-14, genere trans

Cap.II°
La porta era socchiusa, entrai silenziosamente chiudendola alle mie spalle. Nella penombra vidi che Liz fumava, coricata a pancia sotto sul letto. Indossava solamente degli slippini rossi che si perdevano nel solco del suo sedere così sodo e ben modellato. Era molto eccitante, e ne sentivo gli effetti dentro ai pantaloni. Ero molto imbarazzato, anche perché le mie esperienze di sesso a pagamento non erano molte. – Che fai? – mi disse, sorridendo – Spogliati e coricati qui, accanto a me – Così feci, imbarazzatissimo dal gonfiore che spingeva i miei slip. – Vedo che ti stà passando l’imbarazzo! – esclamò in una risata – Schiacciò la sigaretta nel posacenere e si girò, scoprendo un seno fantastico. Due meloni scuri sodi belli, perfetti ornati da da eccitanti bottoncini neri. Non avevo mai visto un capezzolo così grande e scuro. Il mio sguardo scivolò sul quel bellissimo corpo fino a notare il gonfiore degli slip all’inguine… Liz notò il mio imbarazzo e mentre mi infilava una mano negli slip mi disse – Non preoccuparti, vedi è come il tuo…- e così facendo fece scivolare fuori dagli slip il suo uccello nero. Intanto la sua mano si era impossessata del mio e stringendolo lo stava lentamente masturbando…Ero confuso ed eccitatissimo, fino a fermarle la mano, perché sentivo che non avrei resistito oltre. Liz sorrise, con una luce strana negli occhi, e prendendomi la mano la spostò sul suo inguine – Non ti và di toccarlo?- Ricordo che la prima sensazione fu di calore. Era la prima volta in vita mia che toccavo un cazzo che non fosse il mio, ma mi accorsi di non provare molto imbarazzo. Lo presi in mano, era piacevole da toccare, liscio e morbido, ed iniziai a mia volta, lentamente a masturbarlo. Sentii che stava crescendo, ed indurendosi stava assumendo una dimensione decisamente superiore al mio…Era scappellato, e la punta era rosso fuoco. Chiusi gli occhi e mi misi a lavorare con impegno. Ormai lo sentivo duro nella mano e mi accorsi che mi piaceva molto questa sensazione. Pensando alle parole di Giorgio: -… te ne potrei far conoscere qualcuna che ti farebbe venir voglia subito, di prenderglielo in bocca e succhiarglielo!.......Era forse proprio questo il desiderio che sentivo nascere in me, anche se una sorta di pudore atavico tentava di scacciare questo pensiero. Ero in balia di questi pensieri, quando udii Liz dirmi in un soffio: - Non ti và di baciarlo? – Queste parole sortirono l’ effetto scontato, era proprio ciò che desideravo. Al di là di ogni freno inibitore, era ciò che in fondo desideravo, volevo fare questa esperienza. Scivolai sulle lenzuola, fino a trovarmi con il viso all’altezza del suo inguine. Ora il suo menbro era davanti ai miei occhi, duro e dritto, maestoso simbolo sessuale. Guardai Liz che sorridendomi, lo inclinò davanti a me invitandomi: - Apri la bocca, succhialo….- Mi abbassai verso quella cappella rossa, e la baciai in punta. Prima un bacio, poi un altro , prima una leccatina, poi un’altra, poi ancora, proprio come fosse un cono gelato. Poi, come doveva succedere, aprii la bocca e la chiusi intorno a quella cappellona. Al contrario di ciò che avevo sempre pensato non fu una sensazione sgradevole, tutt’altro. Tutta la pelle di Liz era profumata, ed il gusto che sentivo , ora in bocca era gradevole, di pulito. Era la prima volta, ma non c’era molto da imparare. Dopo centinaia di pompini che avevo goduto con le mie amanti, mi veniva spontaneo agire su quel bel cazzo. Iniziai a succhiarlo muovendo la testa con un movimento verticale, sentivo che si stava ancora più indurendo,segno che apprezzava ciò che le stavo facendo. Questo mi stuzzicò ancora di più e ci misi il maggiore impegno possibile. Lo succhiavo in punta, lo leccavo dalla base fino a su, carezzandole i testicoli. Poi presi a leccarglieli e li presi in bocca succhiandoli. Ciò che facevo era molto eccitante anche per me, ed il mio cazzo era teso allo spasimo, quando sentii la sua mano afferrarlo, ed iniziare a masturbarlo. Poi mi sollevò la testa e mi staccò, :- Aspetta – mi disse e si posizionò con la testa verso il mio inguine. Una scarica elettrica, percorse il mio corpo, quando la sua lingua lo accarezzò lentamente, e quando vidi scomparirne la cappella nella sua bocca,sentii violenti brividi di piacere scorrermi lungo la schiena. Ripresi a leccare il suo che svettava davanti ai miei occhi. Eravamo impegnati in un libidinoso 69. A momenti, tale era l’intensità del piacere che provavo, da farmi interrompere il mio lavoro di bocca. Considerata la sua esperienza non le ci volle molto per portarmi al punto di non ritorno, e gemendo spruzzai una quantità di sperma. Lei non smise mai , e questo mi provocò un piacere ancora più intenso. Mi aveva svuotato, ero esausto. Mi staccai dal suo membro, e mi distesi. Vidi che si stava pulendo e sorridendo.Indicava l’inguine disse: - Ne avevi proprio voglia, eh? Ne hai fatta una quantità enorme! – Vidi infatti che i peli del mio pube erano completamente impiastricciati. Con una strana luce nello sguardo, Liz, mi spinse leggermente la testa, verso il suo cazzo: - Ora però tocca a me. - Ripresi a lavorare su quel bellissimo membro (mai avrei pensato di poter definire così, un cazzo). Probabilmente mi stavo lentamente perfezionando, perché ad un tratto la sentii irrigidirsi, ed ebbi la sensazione che il paletto che stavo stringendo, se possibile era diventato più duro. Feci appena in tempo a staccarmi per vedere uno spruzzo che partì alto, seguito da un altro, e poi ancora da un altro….Liz sollevò il sedere, e prese a gemere…Continuai a masturbare quel cazzo, per agevolare l’eiaculazione. Non avevo mai visto una tale quantità di sperma. Ce n’era ovunque, ne aveva alla base del membro, sulla pancia e qualche spruzzo era giunto fino al seno. Si abbandonò sul cuscino e mi accarezzò i capelli, ancora leggermente ansimante mi disse: - Perché ti sei staccato?E’ stato bello, ma lo sarebbe stato di più se non ti fossi staccato – Ma cosa avrei dovuto fare?- pensai, - Ma cosa voleva? Venirmi in bocca? Scherziamo? Già non avrei mai creduto di giungere a prendere un cazzo in bocca, ma da lì a bermi anche lo sperma, ce ne correva! – questi i miei pensieri, quando la sentii dirmi: - Non è cattivo sai? Prova ad assaggiarlo – e così dicendo sentii un suo dito puntare sulle mie labbra..Non saprò mai perché ( o forse si?), ma io aprii la bocca e succhiai quelle gocce biancastre sul suo dito…Non era buono, ma non era neppure un sapore così sgradevole, un misto di acido e salato…Liz mi guardò :- Vedi che non è poi così cattivo? Ora vieni su, vieni più vicino..– Mi girai e mi coricai al suo fianco… - Mi sei piaciuto, sei bravo a succhiare, ed a te è piaciuto? Credo di si , perché sentivo che ti davi da fare, credo che abbiamo scoperto una tua dote nascosta, che forse neppure tu sapevi di avere, eh? – E scoppiò in una fragorosa risata… - Il boss che si è scoperto puttana, eh? Scommetto che ne avevi una voglia pazza!L’ho capito subito, sai? Da come mi guardavi, e poi da come facevii! Ti piacciono le donne, è vero, ma ti piacciono anche i cazzi!! Ah…Ah…Ah….Poi con un tono decisamente più duro e seccato:- Ora pulisci dove mi hai sporcata! Forza!- e così dicendo , mi afferrò per i capelli e mi spinse la testa verso il suo inguine…Sentivo però che mi eccitava l’essere trattato così, e le obbedii..iniziai a leccare quelle gocce, alla base del suo cazzo. Era quasi completamente depilata, tranne un piccolo ciuffetto di peli, ed il mio risultò un compito abbastanza agevole. La pelle era morbidissima e profumata, ed a parte il sapore non proprio squisito, era un incarico piacevole. Liz, intanto si era accesa una sigaretta. – Puliscilo bene, perché l’hai lasciato sporcare! - e così dicendo, afferrato il suo membro alla base , mi colpì sul viso come uno schiaffo. Obbedii e lo ripresi in bocca, leccandolo, succhiandolo ed anche ripulendolo da ogni traccia del suo seme. - Bene, forza , vedi che ne è colato anche sotto, e così facendo sollevò, allargando entrambe le gambe. Il suo buchetto ora era lì, proprio davanti a me….Vedi che ci sono delle gocce, lecca, sbrigati! Non dirmi che non hai mai visto un buco del culo, eh? –Certo – pensai, che ne ho visti, ma non ne avevo mai leccati! – sentivo però, che nonostante il mio imbarazzo, stava nascendo in me una voglia esagerata ed anche forse assurda di obbedirle e di compiacerla. Mi abbassai, e vincendo una sorta di ribrezzo iniziale (ma che durò solo un attimo) come un cane presi a leccarlo tutto intorno ed anche sopra… – Sono certa che andremo d’accordo, io e te, devo ancora insegnarti molte cose, ma sei sulla buona strada, e sono sicura che ti saprò addestrare per bene, ah…ah…ah..Poi sono certa che sei portato, ne sono sicura, eh? – e così dicendo mi colpì, con uno schiaffetto, il cazzo che intanto mentre eseguivo quegli incarichi si era nuovamente sollevato ed ora stava testimoniando, mio malgrado, che in effetti quei compiti non erano stati proprio sgradevoli. Liz riprese: - Bravo, avevo proprio la necessità di qualcuno che fosse un pò a mia disposizione. Mentre la stavo leccando, queste parole mi suonarono sinistre…
continua






















Questo racconto di è stato letto 6 2 3 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.