Cronologia

Ultimi racconti erotici pubblicati

Le più recenti storie per adulti inserite, pagina 1166, dal 972 al 947.

Al cinema in tre
genere: trio
Il cinema… quale altro luogo consente una così ampia varietà di fantasie. Innanzi tutto, un’avventura al cinema (rigorosamente a luci rosse) non è così impossibile come altre. Poi lo schermo proietta immagini che già di suo riescono ad eccitare e, male che vada, ti puoi sempre consolare con una bella sega nella semioscurità. Infine,...
scritto il 2010-03-30 | da Gigi Libero
Caldo
genere: masturbazione
Mi rigiravo sul mio letto indecisa sul da farsi. Il telecomando del condizionatore era sulla scrivania, troppo lontano per prenderlo rimanendo sdraiata. Raccolsi tutte le mie energie e mi alzai. Misi la temperatura al minimo e indirizzai il getto esattamente su di me. Finalmente un po' di sollievo. Qualcuno stava suonando alla porta di casa....
scritto il 2010-03-30 | da Gigi Libero
Sesso con il raffeddore
genere: etero
Chissà di quale nazionalità era, l’influenza che aveva asserragliato casa Bertani, quel sabato sera. <br /> Elisa Bertani si era avvolta in una vestagElisa azzurra in pile e sedeva placida davanti alla tv, in attesa che cominciasse il gioco a premi sul primo canale, rannicchiando le gambe coperte da un paio di calzettoni di lana di suo...
scritto il 2010-03-30 | da Anonimo
Sesso tra donne
genere: saffico
Camminavamo, mano nella mano, sull'acciottolato di pietre e sassi che conduce al laghetto del Parco Ducale. <br /> Annodato sulle spalle tenevi un pullover di cachemire, a coste, di colore rosa. <br /> Le maniche ti ciondolavano nel solco dei seni ed io stavo lì, a rimirarti, stupita dalla tua bellezza. <br /> Le ombre della sera facevano...
scritto il 2010-03-30 | da Anonima
Stupro
genere: orge
Lea stava imprecando sul bordo del'isolata strada di campagna… erano le due e trentacinque di giovedì tredici agosto e stava impegnando tutte le proprie forze nel tentativo di cambiare la ruota della sua Yaris, quando s'avvicinò una vecchia 164 rossa con a bordo quattro ragazzi. Brutti ceffi, arie da galera, tipi poco raccomandabili. "hei,...
scritto il 2010-03-30 | da Abraxas
La scandalosa Cinzia
genere: etero
Come ogni mattina lo accompagnava a scuola, posteggiava la macchina in un anfratto del giardino, dell’istituto tecnico: “Enrico Fermi”, lo masturbava e per evitare di imbrattarlo, si lasciava sborrare in bocca. Ingoiato lo sperma del figlioletto amato con le labbra ancora appiccicate, lo baciava sulla guancia e prima che lui uscisse...
scritto il 2010-03-30 | da cinziarossorame
Lo Straniero
genere: etero
Mi ero trasferita da poco in paese. Non conoscevo quasi nessuno. Quando al mattino giravo per le stradine di campagna mi sentivo sola. La gente parlava e rideva in compagnia, come se si conoscesse da sempre. Io ero la straniera, a cui nessuno rivolgeva la parola. Un giorno assolato mi imbattei in un uomo. Alto, magro e pallido. La sua testa era...
scritto il 2010-03-29 | da AlessiaF
Guidami
genere: poesie
Profuma la Tua pelle<br /> quando le passioni bruciano<br /> si fondono i desideri<br /> nel calore delle carni.<br /> <br /> Prendimi e guidami<br /> al culmine del piacere<br /> fin al nucleo del cuore<br /> all'essenza di questo esistere
scritto il 2010-03-29 | da Mario
Al semaforo
genere: masturbazione
Amore sono tornata, vi sono mancata ...... ieri al rientro dalla spesa quotidiana, ferma al semaforo mi si avvicina il solito lavavetri. Proprio solito non direi infatti questo era puttosto giovane, ovviamente coloured e piuttosto ben fatto. Si avvicina al vetro, faccio cenno di no ma quello non se ne va anzi mi fissa. Fissa il mio viso e...
scritto il 2010-03-29 | da Lola
Gang bang coi cani
genere: zoofilia
A luglio dello scorso anno Umberto prese due settimane di ferie. Il sabato partimmo per il mare e lì rimanemmo per una decina di giorni. Bagni di mare, bagni di sole, passeggiate, caffè concerto, qualche ballo e una bella chiavata tutti i giorni: insomma una bella vacanza, fuori dal solito tran-tran, rigenerante (soprattutto per Umberto, che...
scritto il 2010-03-29 | da Debora
Desideri malsani
genere: incesti
Continuavamo ad incontrarci io ed il mio papà in maniera furtiva. Ogni volta inscenando situazioni veramente fuori da ogni credibilità ma entrambi eravamo sempre più convinti e vogliosi a ritrovarci tra le braccia dell'altro.<br /> Quella sera però qualcosa andò in maniera diversa...<br /> Come spesso capitava la mamma andava a coricarsi...
scritto il 2010-03-29 | da Paolina
Non lo dimenticherò mai
genere: gay
Finalmente ci siamo incontrati era un pò che ci scrivevamo via e-mail ma poi è arrivato il momento.Sono andato a prenderlo alla stazione,ero curiosissimo e ansioso.Dopo aver fatto sfollare la gente che scendeva dal treno lo vidi,era lì che aspettava,i nostri sguardi si incrociarono e sorridemmo era un bell'uomo,normale come aspetto,carino e...
scritto il 2010-03-29 | da Totore1960
Professoressa
genere: masturbazione
L'ultimo anno di liceo, ricordo che arrivò in classe con noi un ragazzo di colore, figlio di un chirurgo senegalese che lavorava nell'ospedale della mia città; era simpatico e molto socievole, però pochi avevano voluto fare amicizia con lui. Io però ero stato uno dei pochi ad accompagnarlo nella conoscenza della città e della scuola che per...
scritto il 2010-03-27 | da Anonimo
La terza cassa
genere: etero
Questo racconto è stato scritto per i miei amici, 
in ricordo di una serata all'insegna dell'allegria...<br /> <br /> 

Marco non aveva molto da fare quel pomeriggio. 
Non è vero: in realtà aveva da studiare e anche parecchio, ma si era fissato su una cosa e quando si fissava lui non c'era più nulla da fare, poteva anche essere un...
scritto il 2010-03-27 | da Anonimo
La mia prima volta
genere: zoofilia
Vi racconto cosa mi è successo l'estate scorsa.<br /> Vivo insieme a mio marito , mia figlia ed al nostro pastore tedesco tom in una casa di campagna.Ero sola in casa indendo a stirare. faceva molto caldo ed<br /> ero in vestaglia con solo le mutandine.<br /> Memtre stiravo mi cadde un tovagliolo che andò a finire sotto l'asse da stiro mi<br...
scritto il 2010-03-27 | da Carla
Il senegalese e mia madre
genere: masturbazione
Vorrei raccontare una strana avventura capatata alcuni mesi fa al mare. Sono andato al mare con mia madre una donna di 45 anni separata da quasi 10 e mia sorella. Premetto che era una pessima giornata con un forte vento e che quindi c'erano pochissime persone in spiaggia. Verso le 10 del mattino è arrivato un senegalese che vendeva borse e...
scritto il 2010-03-26 | da Ninetto
Zapping
genere: etero
Bonolis non fa in tempo a bere il caffè che hai già cambiato canale. Non ti piace la pubblicità.<br /> Ed è un peccato, perché invece a me piace molto. <br /> Inutile ritornare sul discorso che siamo diversi, è trito e ritrito. E rischierei di chiedermi ancora una volta come ci siamo ritrovati insieme, io e te. <br /> In fondo, si dice che...
scritto il 2010-03-26 | da Anonimo
Onda
genere: poesie
L'onda mi sorprende<br /> quando sei tu a guardarmi<br /> ed entri in me<br /> in punta di piedi.<br /> <br /> E l'allegro brusìo<br /> si diffonde intorno<br /> quando vorrei sentire <br /> solo la tua voce.<br /> <br /> Vorrei tu andassi e venissi<br /> come l'acqua di questo mare<br /> che, impetuoso, cresce<br /> fino a sommergermi.
scritto il 2010-03-26 | da Enchantra
Orpelli
genere: poesie
Suppellettili<br /> sono i miei capelli,<br /> che devi spostare<br /> per trovare la pelle<br /> dov'è più bianca<br /> perché mai vi arriva il sole.<br /> Un fiore rosso<br /> è sbocciato<br /> tra grovigli di passione,<br /> petalo vellutato.<br /> Liscia la pelle<br /> tra incanti e faville.<br /> Orpelli inutili le vesti,<br /> mentre...
scritto il 2010-03-26 | da Lisa
Figa maltrattata
genere: sadomaso
Quella tra venerdì 12 e sabato 13 marzo forse non può essere inserita tra le "notti indimenticabili" ma a mio modo di vedere, visto che il ricordo è fresco, vale la pena di essere raccontata. Allora, come capita tutti i venerdì che preludono a un week-end passato a casa dai miei Padroni, attorno alle 18 e 30 mi sono trovata a parcheggiare la...
scritto il 2010-03-25 | da Schiavetta
Noi quattro in una stanza
genere: orge
Io ed Elisa avevamo raggiunto sin dall’inizio una forte intesa sessuale e, quasi ogni giorno, passavamo ore a fare sesso. <br /> Spesso abbiamo avuto rapporti in posti all’aperto (parco cittadino, villette disabitate, teatro civico in costruzione, spiaggia) ed ovviamente più volte siamo stati beccati in flagrante, però presto abbiamo...
scritto il 2010-03-25 | da Anonimo
Gocce di sudore
genere: etero
La porta ha una semplice cornice, una scritta rossa su fondo nero, "frammenti immobili di me", si apre silenziosa su una stanza ampia, quadrata, completamente nera, totalmente vuota, tranne una sottile colonnina bianca al centro, sovrastata da un bacile in bronzo; un'intensa, accecante luce, diffusa da un grande lucernario sul soffitto illumina...
scritto il 2010-03-25 | da Caliban
Gemiti d'ombra
genere: poesie
Annega i suoi incubi di ammonio <br /> nelle tue acque colorate di gelso<br /> (densi umori di seta e uva)<br /> famelica gatta che strisci<br /> fatale in pose proibite<br /> <br /> e respira amplessi immeritati <br /> da labbra di giada agonizzanti <br /> (acre odore di gigli e ninfei)<br /> tra gemiti d'ombra di baci,<br /> curve di morte i...
scritto il 2010-03-25 | da Simone
Andiamo al cinema
genere: tradimenti
Cari amici vorrei raccontare una (per noi) incredibile storia: Amiamo il cinema! ed è per questo che approfittiamo dei nostri venerdì per vedere un buon film. E' stato proprio uno di questi ultimi venerdì che siamo venuti a Roma dai castelli, e siamo andati in una sala del centro, per vedere l'ultimo di Carlo Verdone (lo so, non è il...
scritto il 2010-03-25 | da Anonimo
Pulizie e collaudo di natale
genere: tradimenti
Iniziò per caso in ufficio. <br /> Mancavano due giorni a Natale e di pomeriggio ero al lavoro, faccio la settimana corta con 5 rientri pomeridiani. <br /> Quel giorno eravamo in tre in ufficio, io, un mio collega e Daniela, la ragazza delle pulizie. <br /> Improvvisamente squilla il telefono: "Tony, sono Sandro. Ti volevo avvisare che sto...
scritto il 2010-03-24 | da Anonimo
cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.