Segreti in famiglia

Scritto da , il 2024-01-31, genere tradimenti

-Ciao Dario.. sei in casa?-

Aveva chiesto la moglie rientrando

-Siii.. tesoro sono qui!.

-Qui dove?-

Aveva risposto la moglie.

-Sono qui, in camera con Marco!-

-Cazzo..cazzo.. sei proprio un maiale!
Ti avevo detto che non voglio che tu faccia le tue porcherie in camera se non ci sono anch'io!

Adesso sono qui con Carlo, sono tutta bagnata, ho una voglia pazzesca e mi dici tu dove vado a scopare in santa pace?!-

Il marito alle prese col suo amante e con un orgasmo montante, non era stato in grado di rispondere e soffocava in gola un devastante grugnito mentre si sborrava in mano e l'amico gli riempiva il retto di sperma.

-Sei proprio un porco frocio, cornuto e pervertito!
Ora vado a scopare sul letto di tua madre e se lei rientra e mi sorprende sono affari tuoi!

Le spiegherai tu cosa ci faceva tua moglie nel suo letto insieme a un altro maschio!-

A quella minaccia il marito non era stato in grado di rispondere giacché in quel momento aveva il cazzo dell'amico nel culo e la sua lingua che gli ravanava il cavo orale sino in gola.

Poi, mentre anche l'amico esplodeva sborrandogli nel culo, il sordo rumore di una porta, gli comunicava che la moglie si era chiusa in camera con l'amante.

L'uomo avrebbe voluto alzarsi e correre dalla moglie per dissuaderla da quella pericolosa idea ma era stato fermato dal padre che sino a quel momento aveva assistito passivamente alla monta del figlio e che a quel punto, indifferente al fatto che la moglie potesse scoprire la tresca ed arrapato come una bestia, gli aveva afferrato la testa ed infilandogli il cazzo tra le labbra, aveva cominciato a chiavarselo strappandogli conati di vomito prima di sborrargli in gola.

Alla fine di quella performances il padre e l'altro maschio si erano ricomposti mentre lui, dopo aver sistemano alla buona il letto, era corso dalla moglie per farla spostare.

Fortunatamente l'aveva trovata ancora in ginocchio che stava succhiando il cazzo del suo amante e dunque, il letto era ancora perfettamente in ordine.

Col culo ancora gocciolante e la bocca impastata di sperma, aveva baciato la moglie con la lingua e scusandosi per quel contrattempo, aveva accompagnato lei ed il suo amante, ciondolante con le braghe calate, nella loro camera nuziale dalla quale il suocero e l'altro giovanotto erano già usciti.

In quella famiglia non c'era solo il marito "pervertito frocio e cornuto" come l'aveva definito la moglie ma tutti i componenti avevano un non so ché di "Anormale" secondo i canoni morali correnti.

Solo la suocera fervente cattolica praticante era fuori da quella tresca e ne era completamente all'oscuro.

La sua vita tutta casa e chiesa, la teneva impegnata con le opere di misericordia tutti i giorni dalle 14 alle 19 ed era proprio in quell'arco di tempo che l'abitazione si trasformava in una specie di casa di tolleranza nella quale ogni genere di trasgressione era possibile.

Quando la suocera era rientrata, tutto era in perfetto ordine.

Il marito e la nuora si erano dedicati alla preparazione della cena per tutta la famiglia e per i loro tre amici 'appena arrivati' e che erano stati invitati a festeggiare l'imminente compleanno della nuora.

La suocera dopo aver salutato gli ospiti, si era chiusa in camera per cambiarsi e mettersi in ordine prima di sedersi a tavola.

Quella sera aveva un po' tardato il suo rientro e dunque, non aveva avuto il tempo di fare il bidet e quando in bagno si era sfilata le mutande, una scia di sperma le era colata tra le cosce e sul pavimento in ceramica.

Il perizoma (Della nuora giacché lei usava mutandoni vecchio stile) completamente bagnato lo aveva infilato subito nella lavatrice sotto il mucchio di panni da lavare e da brava angelo del focolare, aveva subito avviato il programma senza neanche rendersi conto degli asciugamani e mutande bagnati di umori e sporchi di sperma anch'essi, messi a lavare.

segue

Questo racconto di è stato letto 6 4 6 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.