Scopata fuori dalla discoteca 3

Scritto da , il 2013-02-28, genere tradimenti

L'ultima volta che ho visto Agnese nella mia villetta, l'ho scopata per bene e le ho promesso una sorpresa che, essendo un uomo di parole..decido di organizzarla. La chiamo e le dico di presentarsi alle 20 del giorno dopo, in un noto locale, con il proprio ragazzo e dove un mio amico aveva prenotato la sala per una festa privata. Le dico di presentarsi con un vestito corto, sandali allacciati alla schiava,perizoma nero, il solito smalto rosso a mani e piedi e senza reggiseno..La troia, inzialmente titubante, non sapendo come dirlo al ragazzo, si presentò comunque come le avevo ordinato e appena arrivata, mi viene incontro e seppur un pò timorosa (essendo in compagnia del ragazzo),la presento a due miei amici, Antonio e Giovanni, con i quali, ci scambiamo favori e cortesie..nel vedere Agnese, i due miei amici, strabuzzano gli occhi e mi chiedono dove avessi conosciuto una fica così e che, darebbero qualsiasi cosa, pur di scoparsela. Io da amico, avendo già programmato il tutto, gli dico di farsi dare la chiave della stanza delle punizioni, così da noi denominata perchè, lì, ogni qualvolta ci vediamo, a turno o insieme, ci scopiamo la prima troietta che capita. Dopo un pò, arriva Antonio che da lontano, mi mostra la chiave, a quel punto, faccio segno ad Agnese di liberarsi dal ragazzo e non appena arriva, all'orecchio le dico di seguire Antonio, che la porterà in un posto nel quale, la raggiungerò di lì a poco.La troia mi dice che non può lasciare il ragazzo così, e quindi le dico che gli parlerò un pò io. Quindi, dice al ragazzo di andare al bagno e si dirige in direzione di Antonio, il quale, con fare da porco, le cinge il fianco e le dice di seguirlo. Dopo un'oretta, vedo tornare Agnese, senza rossetto, e visibilmente distrutta verso il ragazzo, dal bancone, mi gusto la litigata del ragazzo, che si alza di scatto e si dirige verso la porta, con Agnese che le corre dietro, voltandosi verso di me, con fare stizzita. Nello stesso tempo, vedo tornare Antonio, al contrario, visibilmente soddisfatto il quale mi dice che sono un vero amico, mi da una pacca sulla spalla e comincia a raccontarmi, che appena entrati nella stanzetta, Giovanni ha chiuso la porta a chiave ed ciò, ha fatto apparire chiaro il loro intento ad Agnese, che si è vista accerchiare. A quel punto, si è messa ad urlare dicendo che dovevano farla andar via e che li avrebbe denunciati, a queste parole, Antonio, che le stava dietro, con un movimento brusco e repentino, le ha abbassato le spalline del vestito, lasciando uscire i suoi due meravigliosi tettoni, quindi Giovanni, a quella visione, ha cominciato a leccargleli tutti, la troia, ad un iniziale.."no..non voglio, lasciami stare..vi denuncio"..ha cominciato, a stare zitta prima e a mugulare per l'evidente eccitazione, dopo. A quel punto, Antonio si è abbassato, le ha alzato la gonna, scostato il perizoma ed ha cominciato a leccarla da dietro, mentre Giovanni si è sbottonato il pantalone, tirando fuori il suo cazzo in notevole erezione (premetto che Giovanni è denominato il John Holmes bianco, per la stazza del suo arnese, che raggiunge la ragguardevole dimensione di 20 cm. Quindi Giovanni, senza nemmeno dover faticare troppo, ha fatto inginocchiare Agnese e gli ha messo la sua verga in bocca, la troia, lo succhiava con gran voglia, a questo punto, Anntonio, ha cominciato a sbattergli sulla guancia il suo cazzo, volendo giustamente la sua parte. La troia, quindi, ha cominciato un gran pompino, intervallando il cazzo di Giovanni, con quello di Antonio, con quest'ultimo che la apostrofava, dicendole :"sei proprio una gran cagna, sei una troia da monta, si succhiamelo tutto che tra un pò, ti riempio per bene..".Quindi Giovanni si è seduto ed ha fatto salire sul suo cazzo Agnese, con Antonio da dietro che la prendeva nel culo. Ad un certo punto, Agnese è venuta, Antonio si è alzato e le è venuta in viso e sulle tette, mentre Giovanni ha continuato a pomparla per bene, facendola anche alzare e inculandola in maniera feroce. La troia era stravolta, a quel punto anche Giovanni è venuto, sborrandole nel culo..
continua

Questo racconto di è stato letto 7 0 7 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.