Infermiera 3

Scritto da , il 2022-10-07, genere orge

Non credo a quello che mi dice ma obbedisco e mi levo tutto,nel mentre si cala i pantaloni e mi fa dondolare il suo cazzo floscio davanti.
Lo piglio,lo scappello e inizio a leccare mentre gli massaggio i coglioni
“ottimo ti hanno insegnato bene adesso il culo,siiii bravissima quasi mi fai venire ma oggi non posso,ho una visita e devo avere il cazzo a disposizione,faremo la conoscenza intima più avanti Anna!!!!!!!vieni in ufficio”
La ragazza entra e subito inizia a slacciarsi il camice
“no cara oggi niente adesso porti la nuova infermiera in magazzino,le dai un camice,la tessera,l’armadietto insomma falle entrare in ruolo che piglia subito servizio,portala ai dimissionabili”
Lui esce e io mi rivesto e seguo l’infermiera che mi porta dove ci sono gli armadietti
“dai spogliati e mettiti il camice,ma certo cara sotto il camice dobbiamo essere nude a disposizione dei pazienti e dei dottori,mamma mia che voglia di leccarti tutta”
Quasi si butta addosso e inizia a leccarmi da tutte le parti,tette culo e figa sono sue,mi caccia due dita nel culo e io ricambio infilandole quasi la mano nella figa.
“cazzo sono eccitata al massimo e ho lo stimolo per pisciare dove si trova il cesso??”
“fammi godere non andare al cesso piscia cara pisciami in bocca e sulle tette,fammela bere”
“ma scusa inondo il pavimento uhhhh nooooo tieni bevila tuttaaaaa”
Mi scarico addosso a Anna che beve e si impasta le tette della mia piscia e vado avanti fino a svuotarmi.
Per terra c’è un lago
“guarda cosa abbiamo combinato e adesso ci tocca a pulire rivestiamoci e puliamo”
Laviamo il pavimento e puliamo tutto e poi vestite Anna mi accompagna dai pazienti; la prima camera è occupata da una signora che si sta vestendo per uscire,ha solo le mutandine e le tette al vento.
“ciao Anna e questa chi è una tua amica??dai vieni mettimi il reggiseno,non ci riesco”
Anna si avvicina a inizia a metterle il reggiseno
“ma scusa hai un odore bellissimo addosso,non mi dire che ti sei lavata di piscia!!!di chi!!!del dottore??? Noooo non mi dire della tua amica,ma allora aspettate”
Invece di mettersi il reggi tette si toglie le mutandine,spalanca le gambe e si apre la figa
“dovevo proprio andare in bagno ma ci siete voi e allora abbassatevi le facce davanti alla mia figa che vi lavo”
Ci arriva addosso quasi un getto da idrante tanta ne scarica e ci inzuppa tutte e mi lavo e ingoio.
“ahhhh che bello adesso vieni qui ti voglio leccare e sentire il tuo sapore,peccato che debba andare via vi avrei volute tutte e due per curarmi,adesso chiamo Alina che pulisce e vi faccio portare due camici asciutti
Alinaaaaa dove sei sbrigati e porta tutto per pulire”
Entra una ragazza piccolina e scura di pelle
“dimmi padrona cosa devo pulire”
“guarda che disastro,le ho lavate tutte e due e devi cambiare il letto e pulire il pavimento e ovviamente levati tutto,lo sai che mi piace vederti nuda in giro per la stanza”
“certo padrona ma oggi vai via e io cosa faccio senza di te???”
“tranquilla troietta ho parlato con il primario e ti porto a casa mia per la riabilitazione e i massaggi alle tette e al culo sei contenta???”
La ragazza felice si butta sulla signora e le lecca la figa per pulirla e comincia a pulire
“che brava pensate che si fa e mi fa fare tutto,la picchio e lei gode,le faccio bere litri di piscia e lei ne vuole ancora,l’ho sverginata davanti e dietro con il cazzone finto e lei mi ha sbrodolato tutto e con amore mi lava a slinguate figa,culo e tette e,se voglio tutto il corpo,non potevo perderla”
“certo e è anche una bella ragazza con tutte le curve a posto e quelle due tettine sono perfette”
“adesso andate che dobbiamo vestirci,salutare il primario con la speranza che non voglia inculare Alina e goderci la nostra casa”
Usciamo dalla stanza e Anna mi spiega che ha otto stanze da controllare a da domani toccheranno a me,mentre camminiamo passa una infermiera con i capelli in disordine e una goccia di sborra inequivocabile in fronte
“e questa cosa ha fatto?”
“non lo so ma forse il paziente ha voluto un pompino o una sega oppure un dottore era in calore,ricordati che dovrai fare anche tu tutto quello che ti chiedono,se vogliono il culo devi essere pronta e per tutto quello che vorranno devi sempre esser disponibile hai capito???!!!!”
“certo e sai cosa ti dico,ho la figa che gocciola dalla voglia di aiutare tutti i pazienti e i dottori,andiamo a vedere un’altra stanza e fammi fare quello che chiedono”
“non c’è nessuno!!!!!!!!!infermieraaaaaa”
La fermo e vado io a vedere cosa vuole
“ahhhh meno male ma tu chi sei???una nuova??? Non mi interessa sbrigati che devo pisciare”
Vado a cercare il pappagallo che non trovo,mi giro e lo vedo con giù il pigiama e il cazzo in mano già pronto,ho capito e allora mi avvicino e lo infilo in bocca aspettando la pisciata
“brava vedo che hai capito ma fammi vedere le tette la tua collega le aveva minuscole e non mi divertiva leccarle,uhhhhh cazzoooooo che due monumenti bevi mentre le palpo,oggi ti faccio bere ma poi vorrò sborrarti in mezzo ai due globi,bevi e lavati le tettone siiiiii”
Mi inonda di piscia e ne bevo un bel pò e poi vuole la lingua in bocca e non contento vuole che gli pulisco il cazzo.
Esco con il camice inzuppato e Anna appena mi vede si fa una risata e mi accompagna a cambiarmi.
“adesso hai capito?????siamo infermiere ma maiale pronte a fare tutto,vieni in mensa a fare colazione e da domani ti arrangi con le tue otto stanze e preparati a tutto perché ne vedrai delle belle”
Facciamo colazione e ci lasciano in pace e ritorno a casa con il pensiero a cosa mi succederà domani,in ogni caso mi farò una depilazione profonda alla figa e un paio di clisteri per pulirmi a fondo il culo.
La mattina arrivo alla clinica e vado subito a mettermi il camice,mi sto levando tutto e sono in mutandine quando entra un infermiere
“cazzooooo sei quella nuova!!!Anna mi aveva detto che tocco eri ma non immaginavo che eri così bona!!!! Adesso devo andare ma in pausa ti vengo a trovare devo assaggiarti”
Via le mutandine e mi metto il camice a vedo che anche lui si spoglia e sotto ha un cazzo da competizione
“che mattarello hai sotto!!!!!!fammelo menare un po’ e poi andiamo a lavorare”
Lo piglio in mano due colpi e diventa ancora più grosso,lo scappello e gli do una leccata
“basta cara altrimenti ti faccio fare indigestione ci vediamo in mensa,voglio riempire le tette di sborra”
Mi preparo alle visite che credo mi faranno sbrodolare anche dal culo e passo davanti a Anna
“ciao bella oggi sei fortunata due sono stati dimessi e così hai solo sei camere vai senza paura e preparati”
Entro nella prima stanza è una donna
“buongiorno è tutto a posto??”
“non tanto questa notte mi sono pisciata addosso e dovresti cambiarmi il pannolone lo puoi fare??”
“certo sono qui per farla stare bene”
Le levo le lenzuola e le tiro su la camicia da notte e le stacco il pannolone che è intriso di piscia,vedo che è arrossata e allora prima di rimetterlo vado in bagno e con l’acqua tiepida inizio a lavarle la figa mettendole un dito dentro.
“sei arrossata dopo averti rinfrescato ti metto una pomata,ma cosa faiiiii!!!tenti di leccarti le tette!!!!!”
“con quel massaggio mi hai eccitata e voglio godere e così voglio succhiarmi una tetta”
Subito mi chino e inizio a leccarle il capezzolo e le infilo due dita nella figa, inizia a gemere e mi mette le mani sotto il camice,trova la figa libera e umida e subito mi sditalina,ci diamo piacere tutte e due e infine con la paziente scaricata e rivestita con un bacio in bocca esco per andare in un’altra stanza.
entro e il paziente è con i pantaloni abbassati,che si sta menando il cazzo e mi fa segno di avvicinarmi
“vieni e finisci te la sega,ti ho sentita con la donna nella stanza accanto,hai goduto con una figa adesso godi con il cazzo e fammi vedere le tette,mi hanno detto che sono belle grosse e morbide e voglio lavartele con la sborra”
Eccitata dalla prima visita piglio in mano il cazzo e mi slaccio il camice
“dai leccala fammi uscire il latte voglio vederti sborrare”
In poco tempo ho la figa che cola l’uomo inizia a mugolare segno della prossima sborrata cosi stacco la tetta e metto il cazzo in mezzo e immediatamente vengo ricoperta di schizzi di sborra calda.
Una pulita alla cappella e un massaggio alle tette e sono pronta per l’altra visita.

Questo racconto di è stato letto 3 2 2 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.