La schiava bianca nell’harem arabo: la collarizzazione

Scritto da , il 2022-08-18, genere dominazione

chi mi vuole contattare pulò scrivere a padronebastardocontatti@gmail.com

Francesca guardò il cortile del castello e capì subito dove avrebbero sistemato le sedie per gli ospiti e dove si sarebbe svolta la cerimonia di collarizzazione. Il suo padrone voleva che il collare si trovasse ai margini del cortile, senza nulla alle spalle se non le montagne e il cielo. Francesca era elettrizzata dall’attesa e si era lasciata andare a una frenesia creativa.

Quella sera lo chef preparò per loro una cena meravigliosa. Il piccolo gruppo di amici trascorse la serata nel cortile, mescolando la cena con quasi tutti i tipi di alcolici immaginabili, mentre le stelle scintillavano nel cielo, in un’atmosfera idilliaca da favola.

Il padrone avvicinò Francesca alle sue labbra, e disse: “Sei pronta a farti incatenare da me e a essere la mia schiava sottomessa per sempre?”.

“Oh sì, sì per sempre, 1000 sì. Non ho mai desiderato nulla come questo. Voglio appartenerti per sempre e voglio un collare per mostrare a tutti che sono tua”.

La mattina dopo, mentre erano sdraiati sul ponte, cominciarono a sentire la gente che si svegliava e si agitava sotto di loro. Francesca e il suo padrone si guardarono negli occhi con la rassegnazione di doversi alzare e affrontare la mattina. Si baciarono ancora una volta, poi il padrone diede un colpetto sul sedere sexy di Francesca, che ridacchiò e corse a fare la doccia.

Dopo la doccia, Francesca passò una quantità spropositata di tempo a sistemarsi i capelli e il trucco, finché non si sentì sicura di essere bellissima per il suo padrone. Mentre era nuda in bagno, cercò di immaginare il collare che le avrebbe circondato il collo. Sarebbe stato massiccio o elegante.

Sentiva un fremito dentro di sé e capiva che quello era un momento molto speciale. Avvolse con cura una vestaglia intorno al suo corpo sottile e succulento e, prima di voltarsi per raggiungere il suo padrone a colazione, si guardò ancora una volta allo specchio. Cercò di immaginare come il collare si sarebbe adattato alla vestaglia o agli altri vestiti. Raggiunse il suo padrone in camera da letto e insieme andarono a fare colazione.

Scesero in cucina e si unirono alla folla inferocita che si batteva per ottenere caffè e cibo per dare energia al giorno successivo. Poco dopo la colazione, il castello cominciò a riempirsi di tutti i fotografi e gli ospiti ansiosi per la cerimonia di collare di Francesca e il suo padrone

Il padrone era in piedi nel cortile, di fronte a due file di sedie circondate da candele e fiori. Guardò in fondo al cortile e vide la donna più bella che avesse mai visto che gli sorrideva in attesa dell’inizio della cerimonia. Da tempo sapeva di essere l’uomo più fortunato del mondo. Tuttavia, guardando quella donna incredibilmente bella pronta a offrire la propria sottomissione a lui, il cuore gli batteva all’impazzata nel petto. Questo incredibile viaggio li aveva portati fino a questo punto, sentendo la gioia e l’onore della sottomissione di Francesca che gli salivano dentro.

La musica partì e francesca camminò regalmente lungo il corridoio verso il suo padrone. Sentiva le farfalle e l’euforia mentre camminava lentamente verso l’uomo a cui presto avrebbe dedicato la sua vita. Era un uomo affascinante, maestoso e le faceva tremare le ginocchia ogni volta che lo guardava. Non avrebbe mai immaginato di farlo, ma ora non riusciva a immaginare di non sottomettersi a lui.

Le mani del suo padrone le accarezzarono la schiena e poi il bel sedere sodo e muscoloso. Poi ritirò a malincuore le mani e disse: “Torna indietro, mia sensualissima schiava”.



Il padrone le tese la mano e Francesca la prese, mentre usciva dal vestito. Il padrone le teneva ancora la mano mentre Francesca si inginocchiava davanti a lui. Sussurrò amorevolmente: “Padrone, sono nuda come quando sono nata e ora sto rinascendo per servire l’uomo che amo. Padrone, non ho mai conosciuto l’amore fino a quando non mi sono concessa a te. Ti prego di accettare il mio amore devoto e la mia sottomissione come impegno a servirti per sempre”.



Il padrone le tirò la mano e disse: “Alzati e guarda i miei occhi”. Francesca si alzò e guardò negli occhi il suo padrone sapendo che quello era il suo posto. Il padrone guardò questa dea di straordinaria bellezza in piedi davanti a lui e le chiese ancora una volta: “Francesca, amore mio, mi dai liberamente te stessa e la tua sottomissione?”.

Francesca sentì che le lacrime cominciavano a sgorgare dai suoi occhi e gridò: “Sì, oh sì, ti do tutta me stessa, padrone lo voglio più di ogni altra cosa al mondo. Voglio servirti per il resto della mia vita, portandoti solo gioia e felicità. Non lo voglio soltanto, lo imploro. Posso indossare il tuo collare, padrone, per favore?”.

Il padrone si girò di lato e prese una valigetta, aprendola rivelò il più squisito collare d’argento e d’avorio che Francesca avesse mai visto. Era un collare alto due pollici e sapeva che avrebbe coperto magnificamente tutto il suo collo con montanti d’avorio intrecciati con bande e fili d’argento. Era davvero squisito e lei sussultò per la bellezza del collare e guardò il suo padrone, impressionata dalla bellezza del suo dono.



Il padrone sussurrò con voce udibile solo da Francesca: “Era il collare più bello che potessi trovare, ma impallidisce ancora in confronto alla bellezza che lo indosserà”. Il padrone lo prese e glielo mise al collo. Francesca sentiva le lacrime riempirsi ancora una volta gli occhi per la bellezza, l’impegno e il significato di questo momento. L’amore che stava provando in quel momento era incontenibile e la stava invadendo.



“Ti offro questo collare come simbolo del mio amore e come promessa di amarti, onorarti, custodirti e proteggerti sempre. Ci saranno molti collari e ognuno sarà il simbolo del mio amore e della mia devozione per te. Prometto di amarti sempre, essendo un Padrone gentile e onorevole. Da questo momento in poi, tu sarai la mia serva devota e io sarò il tuo padrone gentile e benevolo. L’amore che abbiamo l’uno per l’altra ci ha portato qui e l’amore che condividiamo ha definito i ruoli che ora vivremo”.

Quando raggiunse il padrone Francesca gettò gli occhi verso il basso, guardando il pavimento. Il padrone guardò la donna che amava così tanto e resistette all’impulso di prenderla tra le braccia. Si irrigidì e disse: “Francesca, perché sei venuta qui oggi?”.

Con gli occhi ancora bassi e con voce tremante e appassionata, Francesca disse: “Sono venuta qui per donarmi e impegnarmi con l’unico uomo che abbia mai amato veramente”.



“Ti stai offrendo a me? Mi stai offrendo il dono più grande che hai da dare… la tua sottomissione?”. domandò il padrone.

“Sì, signore, lo voglio”. Francesca rispose.

“Francesca alza gli occhi verso i miei e dimmi ancora una volta cosa vuoi”. Chiese il padrone.



Francesca sollevò gli occhi e il padrone non poté vedere altro che l’amore profondo che vi abitava. Con voce forte e determinata disse: “Sono qui per offrire il mio cuore, la mia mente e il mio corpo all’unico uomo che chiamerò mai padrone. Voglio offrirti la mia sottomissione in tutto e per tutto ed essere la tua sottomessa per il resto del tempo”.

Il padrone si avvicinò, le accarezzò amorevolmente la guancia e le disse: “Girati, amore mio”.

Francesca gli lanciò un altro sguardo amorevole negli occhi e poi voltò le spalle. Il padrone si avvicinò e le slacciò il fermaglio del vestito. Cominciò ad abbassare lentamente la cerniera permettendo al vestito di aprirsi, rivelando la sua pelle setosa e leggermente abbronzata. Quando la cerniera si fermò sul fondo, il padrone allungò la mano tra lo spacco del vestito accarezzando la pelle intorno alla vita. Poi, mentre tirava giù il top, rivelò le sue tette meravigliosamente abbronzate, sormontate dai capezzoli turgidi. Continuò a spingere il vestito sui fianchi fino a quando la gravità non prese il sopravvento e il vestito non si depositò ai suoi piedi.

Con questo il padrone si avvicinò alle sue spalle e Francesca sentì il collare stringersi intorno al suo collo e chiudersi con un forte scatto. La bellezza, l’impegno, la sicurezza e soprattutto l’amore travolgente le scossero il corpo. Quando lui chiuse il collare, lei cadde in ginocchio avvolgendo le braccia intorno alle gambe del suo padrone, piangendo e gridando: “Grazie, oh Dio, grazie. Grazie, mio padrone, per avermi fatta tua e per avermi permesso di amarti con tutta me stessa”.

Il padrone le staccò le braccia dalle gambe e si inginocchiò con lei; insieme si abbracciarono baciandosi profondamente, appassionatamente, ma soprattutto amorevolmente. Quando il padrone si staccò dal bacio, il viso di Francesca era rigato di lacrime, ma la gioia e la felicità radiose sul suo volto brillavano luminose, chiare per tutti. Il padrone si alzò in piedi trascinandola con sé e, con un ultimo sguardo d’amore nei suoi occhi, la girò tra le sue braccia per rivolgersi al pubblico.

Con le braccia ancora strette a lei disse: “Signore e signori, vi presento l’amore della mia vita e la mia devota sottomessa…”. Francesca. Stiamo condividendo il potere che Dio ci ha dato. Abbiamo scelto i nostri ruoli nella vita. Come padrone io la guiderò e come sottomessa Francesca mi seguirà, ma l’unico potere che ho è quello che Francesca mi dà. La sua sottomissione è il dono più grande che una donna possa fare. Essere il suo padrone è un obbligo e un dovere che porterò con piacere”.

“Ci vuole forza e coraggio per mettere il proprio cuore e il proprio benessere nelle mani di qualcun altro. Bisogna amare, rispettare e fidarsi di quella persona con la propria anima e Francesca si è arresa a me. Ora mi appartiene. Ora è mia, ma da questa proprietà deriva la responsabilità di amare, onorare, custodire e proteggere la donna il cui amore mi tiene prigioniero. Comprendo la natura fragile dell’amore e della fiducia. Davanti a tutti questi testimoni giuro di non rompere mai i legami di fiducia che creiamo oggi”.

Francesca rabbrividì per il momento e strinse le braccia di lui attorno a sé, rimanendo in piedi, ignara della sua nudità, mentre il padrone la presentava al pubblico. Tutti i presenti erano invidiosi della felicità che traspariva dal suo volto e molti si chiedevano se avrebbero mai potuto essere così felici. La bellezza dell’occasione faceva desiderare a tutti loro di essere tra le braccia di qualcuno.

Il padrone guidò Francesca verso il suo vestito, lei lo indossò e il padrone lo tirò su chiudendo la zip in quell’abito aderente e molto bello. Una volta che Francesca fu di nuovo ben vestita, si contorse tra le sue braccia avvolgendogli il collo e lo baciò dolcemente dicendo. “padrone, ti amo così tanto e non ho mai conosciuto il tipo di felicità che sto provando in questo momento. Grazie per la bellissima cerimonia e per il collare incredibilmente bello, ma soprattutto grazie per avermi resa tua. Niente nella mia vita è mai stato così meraviglioso come appartenere a te, grazie mio padrone”.

Mano nella mano entrarono alla festa e tutti i fotografi presenti iniziarono a fare a gara per fotografare Francesca con il suo nuovo collare. Lei guardò il padrone e gli sorrise amorevolmente mentre andava a sistemarsi il trucco e a farsi fotografare. Francesca era molto richiesta per congratulazioni e foto. Per la maggior parte del tempo il padrone e Francesca fecero l’amore con gli occhi attraverso una stanza affollata. Solo poche volte il padrone fu invitato a partecipare alle foto.

Molti amici del padrone gli hanno fatto compagnia mentre la festa continuava. Per tutti loro la cerimonia era stata bellissima e molto commovente. Nessuno di loro era mai stato a una cerimonia di collare e si chiedevano se fossero tutte belle come questa. Neanche il padrone era mai stato a una cerimonia di collare e raccontò che, grazie ad alcune ricerche su Internet, sia lui che Francesca avevano creato la cerimonia.

Il padrone si mise al bar a guardare tutti i fotografi che mettevano Francesca in posa per le tradizionali foto di matrimonio e anche per alcune foto erotiche. Francesca diede un’occhiata e vide il padrone seduto al bar e lui capì che si era immediatamente dimenticata di tutti i fotografi. Si fece largo tra la folla per poter abbracciare il padrone. Si strinse al suo petto, sentendo il battito del suo cuore e annusando il profumo che le diceva che era amata.

Mentre il padrone la stringeva accarezzandole il viso, i capelli e le spalle nude, sentiva le telecamere scattare in sottofondo. La baciò dolcemente davanti alle telecamere, mentre Francesca si aggrappava a lui con l’improvviso bisogno di sentirlo accanto a sé. Lo prese per mano e lo tirò verso i fotografi e disse loro. “Questo è un giorno speciale per entrambi e se volete altre foto, saranno di noi due e non solo mie”.

Ancora una volta il padrone la vide toccare e accarezzare il collare mentre parlava Anche il padrone si sentì accarezzare il collare e quando lei lo sentì, lasciò cadere la testa all’indietro presentando il collo legato al collare alle sue attenzioni. Quando Francesca sentì che lui accarezzava lei e il collare, avvertì una tremenda ondata di calore amorevole che la attraversava e capì che era arrivato il momento di lasciare la festa per un po’. Alzò lo sguardo sul padrone e vide che anche lui provava la stessa cosa, così si scusarono dicendo che Francesca andava a cambiarsi.

Quando entrarono nella suite padronale e chiusero la porta, Francesca si inginocchiò e implorò. “padrone, per favore, posso avere il tuo cazzo, ho bisogno di sentirti e di assaggiarti. Poi voglio versare un po’ del tuo seme sul vestito, così ricorderò per sempre questo giorno”.

Il padrone guardò quel bel viso innamorato e capì che non avrebbe mai potuto negarle nulla. “Sì, amore mio, ma dopo che avrai versato il mio seme sul vestito, voglio che tu te lo tolga e che io ti devasti, finché non mi stanco. Poi farò l’amore con te finché non urlerai il nome dell’uomo che ami”.

Francesca rabbrividì sapendo che ancora una volta l’avrebbe portata in posti che gli altri avevano solo sognato. Si affrettò a tirargli fuori il cazzo già duro dai pantaloni e lo baciò amorevolmente dappertutto prima di iniziare a ingoiarlo in gola. Le piaceva il sapore del suo cazzo e del precum sulla punta mentre le scivolava in gola. Con il suo cazzo sepolto in gola, sentì il profumo inebriante delle sue palle. Francesca gemeva deliziosamente mentre faceva scivolare il suo cazzo dentro e fuori dalla gola, assaporando la sua asta dura in bocca e il sapore del suo sperma sulla lingua.

Francesca sapeva che, mentre gemeva, le vibrazioni lo stavano facendo impazzire e lo avrebbero fatto sborrare rapidamente. Le piaceva avere il suo cazzo in gola e si deliziava del suo sapore, ma la sua figa avida chiedeva attenzione.

Sentì che lui le afferrava la testa e gemeva facendola fremere. Ogni volta che gli dava più piacere di quanto lui potesse sopportare, si sentiva incredibilmente sexy e potente. Sentirlo gemere e sentirlo perdere il controllo le faceva venire la pelle d’oca. Lei era il suo contenitore, da usare come voleva e in momenti come questo sapeva che lui la possedeva.

Gemeva e deglutiva cercando di estrarre lo sperma da lui. Voleva fargli assaggiare tutta la squisita estasi che lui le dava. In quel momento era il suo turno di amare e adorare l’uomo che chiamava padrone. Le sue mani gli afferrarono il culo cercando di spingere di più il suo cazzo nella sua bocca. Voleva che lui sapesse quanto lo amava e che lo facesse sborrare così forte da fargli cedere le ginocchia. Lei apparteneva a lui, ma anche lui apparteneva a lei.

Lo sentì gonfiarsi dentro la sua bocca e con ciò capì che avrebbe sborrato da un momento all’altro. Quando il primo colpo di sperma del suo padrone le arrivò in fondo alla gola, lo assaggiò appena mentre lo ingoiava. Le piaceva il suo sapore sulla lingua e ne voleva ancora, quasi dimenticando che voleva macchiarsi il vestito. Estrasse l’uccello dalla bocca giusto in tempo per far cadere una buona dose di sborra sul vestito. Poi, avidamente, si infilò di nuovo il cazzo in bocca sentendolo pulsare nella sua bocca e assaporandone il gusto.

Francesca continuò a dedicarsi avidamente al suo cazzo finché il padrone non la tirò su per le spalle. Quando guardò il padrone attraverso i suoi occhi lucidi di lussuria, vide il fuoco nei suoi occhi e capì che quella sarebbe stata una di quelle notti che devastano i suoi sensi. Il padrone la girò rapidamente e la gettò sul letto, slacciandole rapidamente il vestito e togliendoglielo. Quando sentì che il vestito le lasciava i piedi cercò di girarsi, ma il padrone la tenne con la faccia sul letto e cominciò ad accarezzarle amorevolmente il sedere.

Francesca si contorceva sul letto desiderando che lui la prendesse, la devastasse; stasera voleva che lui la dominasse. Mentre continuava a contorcersi, improvvisamente la mano di lui si abbatté con forza sul suo sedere e lei sobbalzò per la sorpresa. Dapprima squittì per la sorpresa, poi per l’attesa di qualcosa di più. Il padrone accarezzò dolcemente il suo delizioso e sodo sedere, mentre Francesca cominciava a gemere leggermente, muovendo i fianchi avanti e indietro. Poi sollevò il culo in un silenzioso appello per averne ancora. Il padrone si adeguò con un altro rapido colpo sulla guancia opposta, mentre Francesca sobbalzava e gemeva sollevando il culo per averne ancora.

Il padrone le passò le mani sulla schiena nuda e si sdraiò accanto a lei sussurrandole all’orecchio. “Sei proprio una piccola schiava avida oggi, vero?”.

Francesca girò la testa per guardarlo e disse. “Sì, Padrone, sono così bagnata che aspetto che tu mi prenda da quando mi hai messo il collare. Voglio che tu mi prenda, che mi usi come giocattolo e che mi devasti, così quando uscirò da questa stanza voglio galleggiare su una nuvola beata. Voglio mostrare a tutti il mio corpo usato con il mio culo arrossato”.

Lei si mise a gattonare e a drappeggiare il suo corpo nudo su quello di lui, posando la testa sul suo petto e sussurrando. “Non ho mai conosciuto l’amore e la felicità in questo modo, sento che il mio cuore sta per esplodere nel mio petto. padrone, ti amo così tanto e adesso ho bisogno che tu mi mostri chi è il mio Padrone, voglio che tu mi usi come solo tu sai fare”.

Il padrone la tirò su in modo da poterle baciare le labbra e dopo che le loro labbra si furono toccate il padrone le afferrò le tette e con crudeltà le tormentò i capezzoli. Francesca inarcò la schiena cercando di ottenere di più del suo amorevole dominio. Il suo duro gioco con i capezzoli le stava inviando lampi di passione direttamente alla figa. L’intero corpo di Francesca iniziò a contorcersi mentre sentiva sensazioni dal suo culo rosso, ai capezzoli torturati e alle pieghe piangenti e bisognose. Il padrone le afferrò i capelli e le tirò la testa verso le sue labbra, dove la sua lingua cercò di dominare la sua bocca.

All’improvviso, come era iniziato, finì e il padrone la spinse di lato e le sollevò il culo in aria. Ancora una volta, accarezzò lentamente e riscaldò le sue guance tese e satinate. Poi, con due rapidi colpi, le fece diventare il culo di una bella tonalità di rosa. Mentre accarezzava il suo culo incredibilmente sexy, si ripromise di non trascurare mai questo pezzo di splendida anatomia. Aprì il cassetto del comodino e tirò fuori del lubrificante, un butt plug e un vibratore.

Lubrificò un dito e iniziò a lavorarlo nel culo, poi passò al butt plug e iniziò a lavorarlo dentro il buco del culo di Francesca. Francesca sentì il plug che entrava. Il plug era bloccato dentro di lei e si rese conto che questo plug aveva due bulbi. Il padrone le diede due rapidi sculaccioni sulla parte posteriore del culo e spinse il plug più a fondo dentro di lei. Francesca sussultò per la doppia sensazione della sculacciata e del plug che entrava dentro di lei. Con la figa già grondante, sapeva che avrebbe avuto difficoltà a controllare il suo orgasmo

Il padrone tirò Francesca in grembo e mentre lo faceva, Francesca sentì qualcosa che premeva sul suo clitoride. Un rapido colpo sul culo le provocò un forte spasmo dal sedere arrossato attraverso lo sfintere chiuso fino al clitoride infiammato, ora premuto contro qualcosa che l’avrebbe fatta impazzire. Il padrone le sussurrò. “Puoi godere solo quando ti do il permesso, ma una volta dato il permesso puoi venire quanto vuoi e quante volte vuoi per il resto della serata. Hai capito amore mio?”.

Francesca sussurrò con tono sommesso. “Oh sì, mio padrone, mi farai impazzire, vero?”.

Il padrone sorrise subdolamente e sussurrò amorevolmente: “Questa notte è l’inizio della nostra luna di miele e della tua nuova vita come mia sottomessa. Quindi sì, piccola mia, all’inizio ti farò impazzire e poi continuerò a farti godere finché non mi implorerai di smettere. Voglio che tu ricordi questa notte per tutta la vita”.

Francesca sentì dei brividi lungo la schiena e tremò per le sue parole, ma sapeva che tutto quello che le avrebbe fatto era perché la amava profondamente. “Ti amo padrone e sono così beatamente felice di averti. Ora, ti prego padrone, fammi impazzire e torturami con il tuo amore e la tua passione. Lasciami flaccida e usata, ma soffocata dal tuo amore”.

Il padrone accese il vibratore e lo tenne premuto contro il suo clitoride e quasi contemporaneamente abbassò con forza la mano sul suo sedere sodo. Per evitare di godere, sollevò il sedere dal vibratore, ma il padrone le diede un colpo sul sedere, spingendo il butt plug più a fondo e il suo clitoride di nuovo sul vibratore. Francescasi sentiva sballottata tra la sensazione di deliziosa pienezza del butt plug, il dolore eccitante della sculacciata e le vibrazioni selvagge sul clitoride.

Francesca ansimava tra gemiti, mugolii e suppliche per poter godere ed era proprio sul punto di raggiungere l’orgasmo. Il padrone vide che non riusciva a controllare l’orgasmo, così le diede un leggero schiaffo sul viso che bastò a farle riprendere il controllo. Tra i suoi gemiti e le sue grida disse. “Grazie padrone”.

Francesca era ancora al limite e il vibratore sul clitoride era il peggiore; le sue pulsazioni sul clitoride la spingevano sempre più in là. Tutto nella sua mente e nel suo corpo era sopraffatto dalle sensazioni che il padrone stava riversando in lei. Poi, nella nebbia di tutto il resto, sentì il primo il butt plug che stava per essere estratto per poi essere spinto di nuovo dentro. Era abbastanza e sentì il controllo sfuggirle di mano mentre urlava.

“Padrone sto godendo non riesco a fermarmi”.

“Vieni, cucciolo mio, vieni a lungo e con forza”. Rispose il padrone.

La mente, il cuore e il corpo di Francesca esplosero in una goduta della forza di una bomba atomica e tutti i suoi muscoli si strinsero in un’estasi incredibile, mentre si raggomitolava in una palla fetale tremante. Il padrone non si fermò, continuò a tenere il vibratore sul clitoride e lo portò a un’impostazione più alta. Francesca era ancora al culmine di un nuovo orgasmo quando il vibratore costrinse il suo clitoride sensibilizzato a esplodere di nuovo mandandola ancora più in alto, nella stratosfera. Questa volta il suo corpo ebbe una convulsione opposta, inarcando la schiena con i crampi al ventre per l’esultanza.

Il padrone la sollevò dal suo grembo e si tuffò tra le sue gambe mentre le risucchiava in bocca le labbra della figa. Cominciò a succhiarle delicatamente le labbra della figa mentre teneva il vibratore sul clitoride. La sua mano iniziò a tirare il butt plug dentro e fuori scopandole il culo con il doppio plug. Francessca aveva difficoltà a respirare, mentre il suo corpo cominciava ad avere convulsioni incontrollate, con le braccia e le gambe che si agitavano selvaggiamente mentre le ondate di orgasmo la travolgevano.

Nel momento in cui il padrone avvertì il minimo rilassamento dell’orgasmo, estrasse completamente il plug dal suo culo, si inginocchiò dietro di lei e cominciò a infilarle il cazzo nel culo. Quando fu completamente dentro di lei, portò al massimo il vibratore sul suo clitoride e ancora una volta il suo corpo si contorse in modo esplosivo mentre un’altra ondata di sperma la travolgeva. Il padrone poteva sentirla mormorare con il poco fiato che aveva. “padrone Oh Dio, mio padrone, oh ancora, ancora, Oh Dio padrone”.

Guardare la donna che amava devastata da un orgasmo dopo l’altro è uno dei luoghi più incredibilmente belli che il padrone abbia mai visto. Sentiva il cuore battere all’impazzata per l’amore che provava per lei. Mentre il suo corpo si contorceva in spasmi orgasmici, il suo volto era una maschera di beatitudine quasi euforica, con gli occhi vitrei e senza vista e la bocca che si muoveva senza suono. La bellezza di ciò che stava vedendo era davvero troppo quando sentì che stava sparando il suo seme nel suo colon. Si tirò fuori rapidamente e le catturò il clitoride in bocca mentre continuava la sua incessante devastazione orgasmica della donna che amava.

La sua bocca continuava a mordicchiare il clitoride eccessivamente sensibilizzato, quando Francesca urlò mentre un altro orgasmo la squarciava. “Dio Ma padrone, No, Oh Ancora, No Ancora, troppo sensibile, Oh Dio padrone, Ti prego”.

Il padrone cedette, tirò Francesca tra le braccia e cominciò ad accarezzare dolcemente e amorevolmente il suo corpo in eruzione. La strinse a sé mentre la baciava e la accarezzava dolcemente finché non vide che i suoi occhi cominciavano a concentrarsi di nuovo. Poi le baciò le labbra tremanti continuando a stringerla dolcemente e amorevolmente mentre lei tornava lentamente a lui.

Il padrone continuò a coccolare e ad accarezzare dolcemente la donna che amava tanto, mentre il tremito di Francesca cominciava a diminuire. Le carezze e i tocchi amorevoli del padrone erano il perfetto contrappunto amorevole alle sue selvagge crisi orgasmiche. Francesca si accoccolò strettamente nel suo abbraccio mentre il bagliore postumo le riscaldava il cuore. Quando lo guardò negli occhi, il bellissimo sguardo d’amore che lui le rivolgeva le fece battere il cuore con gioia e piacere.

Mentre allungava il collo per baciarlo, il collare da sposa le limitava i movimenti, ma quella restrizione le restituiva la bellezza di appartenere al suo padrone. Gli afferrò le mani e le strinse intorno a sé, desiderando che lui la schiacciasse contro il suo corpo, sentendo le strette restrizioni e sapendo che il suo posto era tra le sue braccia. Si girò tra le sue braccia, in modo che i suoi capezzoli duri si conficcassero nel suo petto e gli sussurrò amorevolmente all’orecchio.

“Oh, padrone, ti amo così tanto. Sapere che ti appartengo mi fa tremare tutta, niente nella mia vita è mai stato così straziantemente perfetto come avere il tuo collare intorno al collo. Voglio che tu sappia che cercherò di essere il miglior sottomesso che tu abbia mai sentito, e sono molto orgoglioso di mostrare a tutti il mio collare e far sapere loro che ti appartengo. Grazie per la bellezza della cerimonia, del collare, del modo in cui mi hai preso e hai fatto l’amore con me. Ma soprattutto grazie per il tuo amore incrollabile e per avermi aiutato a trovare il mio posto.

http://www.padronebastardo.org

Questo racconto di è stato letto 2 5 0 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.