Prima notte 1

Scritto da , il 2022-05-26, genere incesti

Sono Paola governatrice del feudo che era di mio padre,sono diventata governatrice alla morte di mio padre avvenuta in circostante assurde con me presente.
Mio padre accettava sempre la prova della prima notte e così per anni sverginava le ragazze che si sposavano con il consenso dei mariti,infatti dopo averle sverginate ricevevano la dote e se le erano piaciute la cifra aumentava e mi chiedeva sempre se volevo vedere le ragazze che sfondava,io gli dicevo di no ma la curiosità era tanta.
Quando la mia serva avvisò mio padre che ero diventata signorina mi volle subito vicino a lui e ordinò alla serva di svezzarmi con donne e uomini e voleva sapere come mi comportavo,non capivo ma mi piaceva quando mio padre mi accarezzava,specialmente sul seno, e mi baciava in bocca.
In pochi giorni volle vedere il seno e mi infilò la mano sotto la gonna e iniziò a accarezzarmi la figa,già la mia serva lo aveva fatto e mi era piaciuto ma fatto da mio padre mi ha fatto sbrodolare subito.
Visto che non protestavo,anzi collaboravo dandogli le tette in bocca e aprendo le gambe per farmi accarezzare meglio per la prima volta mi prende una mano e la appoggia sul cazzo.
Lo sento già duro e così ricordandomi quello che mi aveva fato vedere e provare la mia serva infilo la mano nei pantaloni e lo impugno.
“brava ti ha insegnato bene vedo adesso cosa fai??? Lo meni o lo prendi in bocca??”
“ma papà mi ha insegnato a menarlo e farlo sborrare,mi ha fatto vedere quando lo pigliava in bocca lei e lo faceva sborrare in bocca e in faccia ma non l’ho mai provato”
“E allora piccola cosa aspetti menalo e succhialo al tuo papà che ti vuole bene e poi vedremo di farti imparare altre cose sempre più belle dai ingoialo”
Lo infilo in bocca e mi piace subito il sapore e il calore e mentre lo succhio suona il campanello e la mia serva entra
“vedo che le hai insegnato bene brava,adesso spogliala voglio vedere come è fatta e voglio assaggiare la sua figa per primo,uhhh guarda come è eccitata,si strizza i capezzoli,sbrigati levale tutto e ti voglio nuda anche te cara da lei voglio la figa ma da te voglio il culo a vedere mia figlia così sono eccitato al massimo”
Sono praticamente assalita da mio padre e da Fatima che mi toccano mi palpano,mi leccano e io contraccambio dove posso
“uhhhh ha la figa in un lago sdraiati cara adesso assaggerai il cazzo nel tuo interno Fatima eccitala dove vuoi mentre io inizio a chiavarla”
A farla breve sento il cazzo che mi riempie e godo a raffica,non ho sentito dolore probabilmente perché ero talmente bagnata che quasi credevo di essermi pisciata addosso
“Piccola mi fai morire stò per riempirti dove vuoi la sborrata???dimmelo”
Non riesco a dirgli niente ma apro la bocca e così sfila il cazzo e inizia a sborrarmi in bocca e in faccia,scaricati i coglioni Fatima si butta su di me e mi pulisce tutta a leccate incluso bocca,faccia e figa.
“brava la mia piccola sei splendida e sai cosa faremo??quando dovrò fare la prima notte verrai anche te a aiutarmi tu la scalderai e io la svergino ti piace l’idea???”
Annuisco pensando che qualche volta se la ragazza non cede avrò il cazzo di mio padre a disposizione,e a dire il vero sogno che invece della figa mi sistemi anche il culo passano pochi giorni e molti servitori vengono a confermarmi la loro disponibilità ovviamente a riempirmi la figa dei loro cazzi.
Ormai sono affamata di uomini e accetto ben volentieri e così quasi tutte le sere ho un uomo a mia disposizione,dopo l’incontro sono piena di sborra da tutte le parti ma lui ha i coglioni svuotati,qualche volta invito anche Fatima e per la prima volta vedo una donna con il cazzo infilato nel culo,la guardo e mi massaggio la figa e quando ha le budella piene di sborra la voglio leccare fino a bermi tutto quello che le esce.
Una sera mentre sto spompinando un bel cazzone entra in camera Fatima
“sbrigati cara,tuo padre ti aspetta,ha una prima notte e ti vuole con se con la ragazza,ti aiuto a farlo venire”
Mentre dice così impugna il cazzo e inizia a menarlo mentre io succhio e ingoio,ovviamente in poco tempo ho la bocca piena di sborra ingoio mi rivesto e usciamo per il mio primo incontro con la vergine.
Entro in camera e trovo solo la ragazza seduta con ancora l’abito da sposa
“scusa ma non doveva esserci un uomo con me???cosa ci fai in questa camera???”
“ohhh stai tranquilla che arriva chi ti sistema io sono qui per rilassarti e scaldarti così ti piacerà molto vieni qui vicino,allora dimmi cosa hai fatto con il tuo fidanzato prima di sposarti????ti ha toccato le tette??oppure lo hai preso in mano??non aver paura dimmi tutto anch’io sono donna e capisco allora forza!!!!!”
Mentre parlavo inizio a accarezzarla e lentamente le slaccio i bottoni dell’abito
“a dire il vero sono rimasta vergine ma il mio fidanzato come prova d’amore ha voluto vedermi le tette e accarezzarmi sotto le mutandine,mi piaceva talmente tanto che gli ho messo una mano sopra i pantaloni”
“certo cara è normale ma se le tocco io cosa mi dici??”
“credo che mi piaccia,anch’io le accarezzavo da sola e molto spesso mi accarezzavo sotto le mutandine”
Mentre andavo sempre più nell’intimo la ragazza si scioglie e così riesco a levarle il corpetto e ho in mano due tettine piccole ma dure con due capezzoli che sembrano spilli tanto sono dritti,baciargliele è un attimo e mentre le lecco si dimena e mi accarezza per avere le mie in vista,ovviamente mi tolgo il corsetto e le do le mie da palpare e leccare
“Non ho mai provato con una donna ma mi piace uhhhh ma cosa fai???? Mi sfili la gonna noooo rimango in mutande!!!! Cosa dirà l’uomo che deve arrivare,che sono una poco di buono????”
“certamente ti vedrà e sarà eccitato e se le levi sarà ancora più bello,anzi aspetta te le sfilo io e nel mentre mi levo tutto anch’io ecco vedi non devi aver paura adesso vedrai che arriva”
Siamo nude e la ragazza è eccitata e collabora alle mie carezze apre le gambe e quasi mi supplica di accarezzarle la figa cosa che faccio,e mentre siamo così attaccate entra mio padre”ohhhh che visione stupenda e chi è quella vergine???non lo capisco visto che siete due bellezze.
Ovviamente è una finta e così tra baci e carezze sulle tette la ragazza assaggia per la prima volta un bel cazzo nella figa che riceve con un sussulto ma poi grida che è bello e vuole godere.
“ahhhhh che bello non ho mai goduto così da domani mio marito dovrà chiavarmi almeno una volta al giorno e se non ci riuscirà dovrò trovare altri che mi faranno godere allora grazie ,grazie tanto per te e per quel cazzo bellissimo”
Questa era la mia prima notte e dopo questa esperienza quasi ogni settimana dovevo far godere una ragazza per poi vedere mio padre che la sverginava.
Ormai avevo una certa pratica e capivo subito che tipo di ragazze incontravo.
Molte erano come quella della prima notte,timorose ma sapevano benissimo cosa era il cazzo che quasi tutte menavano con le loro tettine in mano al fidanzato,poche avevano visto sborrare mentre menavano e quasi nessuna lo aveva preso in bocca.
Altre erano veramente vergini niente cazzi e niente tette ma solo baci e palpate vestite,ma la sera mi confidavano che si sbattevano la figa sognando cosa avrebbero fatto da sposate,l’ignoranza era totale e immaginavano mani che si infilavano,lingue che le leccavano tutte e con quei sogni si sditatavano fino a venirsi in mano.
Ma una sera accade l’irreparabile,arrivo come al solito prima di mio padre,entro e vedo una gran bella donna che si stà spogliando
“ma scusa non dovevo vedere un uomo!!!???e invece arriva una lesbica va bene dai spogliati devo scaldarmi per bene ahhhh figa pelata come la mia e che tette sei stupenda”
La ragazza quasi mi salta addosso e inizia a leccarmi da tutte le parti,mi mette dita nella figa e nel culo e visto cosa fa anch’io mi eccito e così collaboro facendole di tutto.
Mentre siamo così avvinghiate entra mio padre che si è eccitato a vederci entra già nudo e con il cazzo in tiro.
“ahhhh ecco arrivato il cazzo desiderato uhhh che bel tarello vieni caro fattelo succhiare e poi mi svergini vuoi godere???calma bello e non credere di sverginarmi la figa,quella è aperta che sembra una galleria ma voglio che mi apri il culo siiiii tu leccalo per lubrificarlo e poi ti presento il mio buco vergine siiiii dai cosa aspetti”
Era chiaro che quella ragazza era più porca di noi ma mio padre è eccitato al massimo e così impugna il cazzo e lo spinge nel culo
“siiii dai spaccami voglio sentirlo dentro fino ai coglioni ahhhh tu mordimi le tette,mangiami la figa voglio godereee ahhhhh dai sborra riempimi il culo”
“adesso ti squarto ti apro in due ti inondo di sborra ahhhhh mi sento male figliaaaaa vieni ahhhh che dolore”
E mentre con un ultimo sussulto riesce a riempire la ragazza si accascia e con terrore vediamo che mi guarda mi sorride e chiude gli occhi.





Questo racconto di è stato letto 1 0 3 8 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.