L'iniziazione di Pauline -4-

Scritto da , il 2021-11-08, genere fisting

- Allora le lesbiche in azione! disse Pauline con una piccola risata. Mi fai vedere come ci si sente la mano tra le natiche?

- Vuoi davvero, chiede Hélène?

- Lo sai che la prima volta è quasi come una deflorazione, ho aggiunto?

- Fa sanguinare?

- No, generalmente no, ma ti sentirai invasa, lacerata.

- Eh, si, per favore, invadimi il buchetto.

- Va bene, vieni in camera mia, ho quello che serve per i preliminari.

- Posso venire anch'io? - chiede Hélène –

- Dipende, risponde Pauline, l'hai già fatto? sì o no?

- Certo che l'ho fatto!

- Una o più volte?

- Più volte
- Quindi sei una figlia di puttana ribatte Pauline, scoppiando a ridere

Ridiamo entrambi quando vediamo la faccia che sta facendo, Pauline quando la prende per mano.

- Ma sì vieni anche tu, ho bisogno della tua esperienza per la mia iniziazione e poi, le donne sono tutte un po' lesbiche, no?

- Ma io non lo sono...

- Sì, lo sappiamo, rispondiamo insieme, non lo sei, ma guarda comunque.

- Troie, siete le mie adorate puttane, vi faccio vedere di cosa sono capace - risponde lei schiaffeggiandoci le natiche.

- Lo sapete vero? disse Pauline - vi spacco il culetto.

- Houlala, Pauline ridacchia, fuggendo in camera mia.

Una lesbica mi vuole inculare, aiutami Sole, vieni a divertirti anche tu.

Appena entrate nella mia stanza i vestiti volano, e ci ritroviamo a spogliarci saltando sul mio letto.

Mi butto su Pauline, le nostre bocche si uniscono subito, e ci baciamo come matte carezzandoci su tutto il corpo.

Poi Hélène urla - togliamoci i reggiseni, liberiamo i nostri seni!!

Il seno di Pauline più grande del mio, e lo strofina contro il mio seno.

I nostri capezzoli sono duri, sensibilissimi.

Hélène si toglie le mutandine mentre annusa l’odore dei nostri sessi, poi si spoglia completamente.

Vedo per la prima volta il suo monticello rosso sulla sua pelle bianca.

Questa visione mi fa bagnare ancora di più.

Ho sentito spesso parlare del profumo intimo delle rosse, si dice che sia corposo, muschiato, ammaliante, voglio saperlo!

Le dico di unirsi a noi, voglio sentire il sapore della sua figa.

Si rannicchia contro la mia schiena, premendo il suo nido di peli ricci contro le mie natiche.

Si strofina contro il solco che divide le mie natiche.

CONTINUA ...

Questo racconto di è stato letto 2 6 1 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.