Ho liberato la troia che era in me.

Scritto da , il 2021-10-31, genere trans

Mi presento brevemente: sono uomo di 51 anni,sposato,direi felicemente,ma con desideri bisex mai rivelati. Mi spiego. etero da sempre,una vita sessuale intensa ed appagante,ma chiuso dentro di me,posso dire da sempre, il desiderio di fare sesso con altro maschio. Il tutto sempre represso: appagavo il mio "segreto" ,dapprima comperando qualche rivista porno,poi,in tempi recenti,Internet ha spalancato orizzonti senza confini. Mi eccitava entrare nei vari siti porno e perdere la mia fantasia guardando uomini che facevano sesso con uomini. Quattro anni fa, una sera ,sono entrato in una chat erotica gayed inaspettatamente, fui contattato da un trans. Iniziammo a scambiarci battute e voglie ,che via,via diventavano sempre piu' spinte. Ero molto eccitato da quella nuova,inattesa situazione. Ero entrato ben sapendo ,ma scettico circa un eventuale risultato . Dopo un bel po' di tempo a scambiarci battute ,il mio nuovo amico/a, mi propose lo scambio di numero del cellulare perchiamarci in video chiamata.Non ebbi i ncertezze,lo inviai,ma pregandola di non chiamare in quanto a casa non ero solo.... Ci accordammo per l'indomani.Ero eccitatissimo.Ci salutammo. Andai a letto e... non potei non fare sesso con mia moglie,che rimase sorpresa ed appagata da quel rapporto intenso e lunghissimo. Infatti non raggiungevo mai l'orgasmo e ero durissimo...L'indomani,mi preparai solo con acappatoio, e attesi la chiamata.Arrivo' puntualissima.. scambio di battute ed apertura della video chiamata. Rimasi di sasso vedendo la creatura che mi era comparsa sullo schermo del cellulare: era in piedi contro una parete,gambe lunghissime,fascite da utoreggenti rosa,perizoma e reggiseno in tinta delle calze.Non riuscivo a parlare,una sorpresa!!Mi scosse la Sua voce che mi chiedeva se era di mio gradimento. Con un filo di voce iniziai a farle complimenti,mentre si scherniva e mi diceva che ero troppo gentile.Non staccavo gli occhi da quel corpo e...quando abbasso' il perizoma...libero' un cazzo non ancora rigido,ma almeno il doppio del mio eretto. Inizio' a segarsi piano e quel suo scettro si gonfio'imperioso. La cappella era rossa e gonfiae iniziava a trafilare il liquido trasparente che subito lei lisciava attorno al glande. Ero steavolto dall'eccitazione. D'un tratto mi disse "vieni a casa mia?"Risposi non so dove abiti".Di rimando lei mi rispose "due condomini dopo il tuo".Avevo la bocca secca e la testa che mi scoppiava dal desiderio. Risposi chiedendole se stava scherzando. Per tutta risposta mi invio' un sms con indirizzo,dicendomi suona tre volte.Si chiuse la videochiamata. Senza pensarci,indossai una tuta e mi avviai a piedi all'indirizzo.Suonai...il piortone si apri e salii le scale.Era subito al primo piano,mi attendeva con la porta appena socchiusa. Entrai,la porta mi si chiuse alle spalle e sentii la sua presenza dietro di me,mi girai e... era stupenda! solo con perizoma il seno piccolino, ma eccitante, mi si avvicino e la sua lingua mi entro' fino in gola .Un bacio sensuale ,libidinoso,porco. Non so quanto duro' ma sentivo il suo cazzo contro il mio e lei che mi guidava, senza mollare la mia bocca, verso la camera da letto. Il suo cazzo era fuori dal perizoma dritto,scapellato e imperioso. Mi spinse sul letto ed inizio' a spogliarmi, la aiutai eccitato da impazzire.ero con le gambe giu' di traverso al letto,mi sali sul petto e ,prendendomi la testa mi infilo' il cazzo in gola.Mi sentivo soffocare,ma lo leccavo con avidita'. non mi ladcuava la testa e sentivo quel cazzo pulsare. Poi,fu un attimo, emise un gemito lunghissimo ed inizio' a scoparmi la gola con foga .Il suo getto di piacere mi entro' in gola,non riuscivo a muovere la lingua,sentivo il suo sperma fuoriuscire impetuoso, e le sue mani che mi stringevano la testa. Ero soffocato da quel cazzo stupendo che mi stava annegando di sperma.Continuava a muoversi dentro la mia bocca sempre imperioso. Lei gemeva e cercava la fine del suo piacere,incurante che stavo soffocando.Quando si stacco da me emisi un rantolo di respiro, sentivo il dolce di tutto lo sperma ingoiato ero stravolto da un piacere mai pensato.La presi per i fianchi e attirai ancora verso la mia gola quel capolavoro che ,ancora, era imperioso. lo leccai,lo,ciucciai, ora con calma e avidita'. La feci stendere e iniziai a leccarla ovunque. I suoi gemiti ed il suo cazzo mi dimostravano il suo gradimento.Ero ipnotizzato dal vigore del suo cazzo: non si era mai afflosciato ,anzi. Mi prego' di alzarmi, si alzo' a sua volta, in piedi mi bacio' e disse "che buon sapore hai in bocca" accennando un sorriso complice.Si sfilo' il perizoma, mi fece mettere in ginocchio sul letto e... la sua lingua inizio' a rigirarsi sul mio buco...iniziando a segarmi piano. Le leccate si facevano sempre piu intense e la sua mano mi striringeva ora le palle ora il cazzo.Mi sentivo prossimo a venire e la pregai di fermarsi. per tutta risposta mi giro' supino e il mio cazzo spari nella sua bocca, venni quasi subito con lei che non mi mollava un attimo.Bevvce tutto il mio piacere. Mi sentivo tutto un brivido,ma non ebbi tempo di rilassarmi. mi giro' pancia sotto,mi allargo' le gambe e sentii la cappella puntarmi il buco. Ebbi un attimo di paura,feci per liberarmi,ma sentii quel cazzo enorme farsi largo. Emisi un urlo che lei mi soffoco' tenendomi la testa contro il materasso.Sentivo il dolore farsi strada sempre piu' intenso e quel cazzo che entrava fregandosene del mio dolore. Inizio' a muoversi, dapprima piano, poi piu' profondamente,poi fu il terremoto dentro di me. inizio' a sbattermi senza sosta e con intensita' inaudita. mi chiamava "troia","frocione", "marito finocchio". I suoi colpi non rallentavano, ero stremato,poi iniziai a provare un piacere indefinibile,iniziai a inarcare la schiena per farmi impalare meglio, la oregavo di sbattermi. Avevo perso la testa da piacere.Mi cambio' posizione varie volte come se fossi un pupazzo. Mi scopava senza sosta. Io godevoin maniera sconosciuta fino ad allora. Lo sperma mi usciva piano a cazzo moscio.Il tempo non aveva piu' senso, il dolore era scomparso ed io ero in balia del suopiacere.Ci salutammo ,erano le sette di sera,dalle quindici ,erano trascorse tre ore di sesso stupendo.Mi rivestii,ci baciammo con accordo di rivederci. Camminando verso casa iniziai ad avcertire un po' di dolore rettale,ma ero felice. Arrivai a casa.mia moglie non ancora.Feci una doccia veloce. Ero eccitato nella mente. pensavo continuamente a quanto provato....Attesi due giorni poi la ricontattai.... Ci vediamo due volte la settimana. Un crescendo sessuale ed erotico stupendo.

Questo racconto di è stato letto 5 0 3 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.